Occhi vigili sul centro antico

by -
0 534

Gallipoli. Più controllo e occhi elettronici puntati sulla città vecchia per arginare abusi, reati e oltraggi al patrimonio artistico e architettonico gallipolino. Se ne torna a parlare, dopo le recenti scritte sui muri della città e delle chiese. E il Comune accelera, dopo che il progetto voluto dall’allora commissario straordinario Mario Ciclosi (e inserito nel “Pon Sicurezza per lo Sviluppo -Obiettivo Convergenza 2007-2013”, promosso dal Ministero dell’Interno, dipartimento di pubblica sicurezza per il tramite delle prefetture territoriali) è stato recentemente finanziato per un importo di 217mila e 500 euro.

E  così  può partire il nuovo progetto di videosorveglianza, o meglio di “città video sicura” legato al comune di Gallipoli, per monitorare e tutelare il centro storico. Il tutto su input degli uffici comunali e dell’ex commissario di governo, che nella sua prima delibera licenziata all’atto del suo insediamento ha dato via libera ad un nuovo progetto legato alla tutela del territorio ed alla prevenzione e contrasto di atti contrari alla legge. Nel dettaglio l’Amministrazione comunale potrà disporre del finanziamento pari a circa 220mila euro per la realizzazione del progetto di videosorveglianza relativo solo al centro storico della città bella, che dunque verrà monitorato nei suoi punti più importanti e maggiormente frequentati. Per far questo in sede di stesura del progetto esecutivo bisognerà tenere conto anche delle particolari prescrizioni previste dalla Soprintendenza ai beni architettonici che in più occasioni ha segnalato i luoghi dove non è possibile installare e deturpare le costruzioni storiche posizionando le telecamere. Come ad esempio sulle mura urbiche. Accorgimenti sui quali presterà la sua attenzione il professionista incaricato dal Comune di redigere il progetto esecutivo di videosorveglianza, l’ingegnere Antonio Perrone.

Commenta la notizia!