Obiettivo raggiunto, niente ecotassa a Melissano

roberto falconieri sindaco melissanoMELISSANO. Niente ecotassa per i cittadini di Melissano. La conferma arriva dal sindaco Roberto Falconieri (foto), che ufficializza la notizia arrivata in Comune ieri, 30 gennaio, direttamente dal dirigente di Servizio dott. Giovanni Campobasso.

“All’esito delle verifiche effettuate – scrive Campobasso – sulla scorta delle certificazioni trasmesse, il Comune di Melissano ha raggiunto nel mese di novembre 2014 l’obiettivo di cui al comma 1, art. 36, L.R. 37/2014, applicando per l’anno 2014 la tariffa di euro 7,50 per tonnellata di rifiuti e non 25,82 come applicata nella D.D. n. 18 del 15/01/2015”. La percentuale d’incremento da raggiungere, al mese di novembre, era del 6% in più rispetto al periodo settembre 2012 – agosto 2013, in cui Melissano ha fatto registrare il 24,63%. Obiettivo, quindi, centrato, giacché a novembre 2014 la percentuale di differenziata ha toccato il 33,04%, con un incremento dell’8,41%.

“Si rimane male – scrive Falconieri – nel vedersi ingiustamente inseriti nell’elenco dei cittadini non virtuosi, consapevoli di avere speso tutte le energie possibili per raggiungere un traguardo nell’interesse dell’Ente che si amministra e di conseguenza di tutta la comunità di Melissano”. E conclude: “La rettifica è utile anche per mettere a tacere i perditempo e chiacchieroni della nuova era tecnologica (Facebook) che tanto si sono dati da fare per manifestare, per l’ennesima volta, tutta la loro nullità politica e la pregiudiziale immotivata ostilità nei confronti del sottoscritto”.

Sempre nell’ottica di ridurre il conferimento di rifiuti in discarica e di incentivare la differenziata, da alcune settimane è stato inaugurato l’ecocentro di contrada Cerri, località Vore (zona industriale), aperto nei giorni feriali dalle 8.30 alle 12.30, in cui si potranno depositare rifiuti ingombranti, pericolosi, sfalci d’erba, scarti di potatura, di frutta, ortaggi e verdure. Il Comune è riuscito ad intercettare un ulteriore finanziamento di 160mila euro che va ad aggiungersi ai centomila euro già incamerati, sempre tramite Regione, utili per avviare la struttura, integrati da seimila euro provenienti dalle casse comunali.

L’obiettivo è sia di produrre meno rifiuti, alleggerendo, quindi, le bollette dei cittadini, ma anche – aspetto non meno importante – di contribuire a limitare l’assurdo malcostume di gettare rifiuti di ogni genere nelle campagne e nelle strade vicinali.

Commenta la notizia!