Nuovi tagli alle spese. Ce n’è proprio per tutti

Casarano. La scure del Governo Monti si abbatte anche sulle spese dei Comuni “invitati” a tirare la cinghia riducendo al massimo le spese. La “spendig review” avviata con due recenti decreti prevede tagli aggiuntivi per ogni singolo Ente. I sindaci soggetti al Patto di stabilità per i Comuni  con più di 5mila abitanti dovranno ridurre il debito già entro il 31 marzo 2013 decurtando la spesa per utenze, cancelleria, manutenzioni, assicurazioni e costi vari. Per i comuni più piccoli, con meno di 5mila abitanti, il taglio sarà operato direttamente sui finanziamenti statali trattenendo, se sarà il caso, le quote comunali dell’Imu.

Tra i Comuni interessati troviamo Gallipoli al quale è stato imposto un taglio da 261.708 euro, la stessa Casarano che, coinvolta in tagli ben più sostanziosi e con il Patto di stabilità sforato già nel 2011, è stata chiamata dal Governo a garantire un risparmio, giusto per cominciare, di 95.802 euro. Ci sono anche Taurisano (foto in alto) con 79.946 euro, Racale con 75.863, Tuglie con 53.783, Sannicola 45.562, Alezio 26.634, Alliste 32.603, Melissano 31.609, Parabita 25.996,  Taviano 42.642, Ugento (foto sopra) 95.812, Galatone 93.253 e Matino 36.634.

SIMILAR ARTICLES

Commenta la notizia!