Sarà un’estate diversa

di -
0 509

Gli attuali incroci semaforizzati in località Pilella e Capilungo. Al loro posto sorgeranno due rotatorie che renderanno il traffi co più scoprrevole e sicuro soprattutto d’estate

Alliste. Gli interventi di “traffic calming” (rallentamento del traffico) raddoppiano. Dopo la messa in sicurezza delle strade nel centro urbano, ora tocca anche ai sette chilometri di costa. Grazie ad un finanziamento regionale di 400mila euro, infatti, lungo la litoranea e la provinciale 88 saranno realizzate alcune rotatorie, isole rialzate e percorsi riservati ai pedoni.

La bella notizia è arrivata nel mese di agosto, ma è del 16 dicembre scorso la determinazione dirigenziale che affidava gli incarichi agli ingegneri Marino De Sangro e Antonio Maurizio Bortone. I due tecnici hanno redatto un progetto definitivo per l’importo complessivo di 800mila euro e un 1° stralcio esecutivo del valore, invece, di 250mila euro. La Giunta comunale ha poi approvato il tutto.

L’intervento in questione rappresenta “il pezzo mancante” di quell’altro progetto pure finanziato dalla Regione, ma inserito nell’ambito della programmazione della “Città policentrica”, per la rigenerazione ambientale e la riqualificazione paesaggistica del tratto costiero in corrispondenza di località Pilella (questi i punti chiave: arretramento della litoranea, espansione della naturalità esistente, realizzazione di isole pedonali).

«Il nuovo progetto – ha spiegato il vicesindaco Antonio Venneri – si propone anche di “preparare” gradualmente il traffico che viene da Gallipoli al volto nuovo di Pilella». Niente di meglio, allora, che puntare sulla costruzione di due rotatorie al posto di quegli incroci regolati oggi da semaforo, presso le località Capilungo e Pilella. Questo, almeno, è quanto previsto dal 1° stralcio del progetto che rientra nel programma di attuazione 2003 del piano nazionale della sicurezza stradale.

Come verranno impiegati, invece, gli altri 550mila euro? Tra località Pilella e Posto Rosso, spunteranno due isole rialzate con pavimentazione autobloccante, per indurre i veicoli a diminuire la loro velocità di percorrenza. Ma c’è dell’altro, anzi un’altra rotatoria che si sostituirà all’impianto semaforico di Posto Rosso. Sempre in questa località, poi, sorgerà una pista ciclopedonale larga 3 metri e lunga 700 metri, non incastrata nella scogliera, ma parallela alla litoranea.

Roberta Rahinò

Commenta la notizia!