Home Ugento Gemini
Notizie da Gemini, frazione di Ugento

Gallipoli – Oltre 300 partecipanti per la quinta edizione del “Caroli Hotels Basketball Cup”, organizzata dalla catena alberghiera Caroli e dalla società sportiva “La Scuola di Basket Lecce”, che coinvolgerà il Salento dal 2 al 7 gennaio con gare che si terranno dal 3 al 6 gennaio a Casarano, Alezio, Parabita, Galatina, Nardò (foto), Gemini di Ugento e Lecce. Due i tornei: il maschile, intitolato “Memorial Antonio Corlianò” (ex presidente della “New Basket Brindisi”), ed il femminile “Memorial Roberto Maruccia” (grande amico della Caroli Hotels Basketball Cup ed ex militare del Battaglione San Marco, scomparso recentemente a causa di una grave malattia).

Saranno presenti in gara 16 formazioni under 14: otto maschili (Cus Auxilium Torino, Kioko Caserta, Petrarca Padova, Aurora Brindisi, Casale Monferrato, Scandone Avellino, Rimini Crabs, Zanella Cefalù) e otto femminili (Reyer Venezia, Sorriso Azzurro Cercola, De Florio Taranto, Porto San Giorgio, Vitus Eirene Ragusa, Bolzano Sisters, Athena Roma, Bozzano Brindisi). Le partite della manifestazione giovanile si disputeranno nei palloni tensostatici di Alezio (via Tuglie) e “Pietrabianca” di Casarano (via Olanda), al Palazzetto dello Sport “F.Panico” di Galatina (via Chieti), all’impianto polifunzionale di Gemini (frazione di Ugento in via Monteverde), al Pala “Andrea Pasca” di Nardò (via Giannone) e al PalaVentura di Lecce (piazza Palio). “Il torneo rappresenta anche un’ottima vetrina per i giovani arbitri – affermano gli organizzatori – oltre che essere veicolo di promozione e valorizzazione del territorio salentino”. La presentazione dell’evento si terrà all’Ecoresort Le Sirenè di Gallipoli martedì 2 gennaio alle ore 18. Dopo la fase a gironi, si entrerà nel vivo il 5 gennaio con le semifinali maschili e femminili a partire dalle ore 9,30. Le finali di entrambi i tornei si giocheranno sabato 6 gennaio al PalaVentura di Lecce a partire dalle 15,30. A seguire la cerimonia di premiazione.

 

Gallipoli – Con la seconda parte delle feste di fine anno, quella che ruota intorno al Capodanno ed alla Befana, torna a scaldare gli appassionati la quinta “Caroli Hotels Basketball Cup”, organizzata dal gruppo alberghiero (main sponsor del torneo) e dalla società sportiva “La Scuola di Basket Lecce”. Tutti a guardare i campioni di domani dal 2 al 7 gennaio 2018, anche se le gare vere e proprio interesseranno i giorni dal 3 al 6. Sono stato organizzati due tornei: quello maschile intitolato “Memorial Antonio Corlianò” (ex presidente della New Basket Brindisi e uomo di basket competente, genuino, tra i principali promotori della pallacanestro in Puglia); quello femminile del “Memorial Roberto Maruccia” (grande amico del torneo ed ex militare del Battaglione San Marco scomparso recentemente a causa di una grave malattia).

Presenti 16 formazioni Under 14: otto maschili (Cus Auxilium Torino, Kioko Caserta, Petrarca Padova, Aurora Brindisi, Casale Monferrato, Scandone Avellino, Rimini Crabs, Zanella Cefalù) e otto femminili (Reyer Venezia, Sorriso Azzurro Cercola, De Florio Taranto, Porto San Giorgio, Vitus Eirene Ragusa, Bolzano Sisters, Athena Roma, Bozzano Brindisi). Le partite si disputeranno nei palloni tensostatici di Alezio (via Tuglie) e “Pietrabianca” di Casarano (via Olanda), al Palazzetto dello Sport “F.Panico” di Galatina (via Chieti), all’impianto polifunzionale di Gemini (frazione di Ugento in via Monteverde), al Pala “Andrea Pasca” di Nardò (via Giannone, foto) e al PalaVentura di Lecce (piazza Palio). IN città arriveranno in oltre trecento persone tra giocatori e staff, genitori e accompagnatori. Il torneo rappresenta inoltre una vetrina per i giovani arbitri.

Dopo la fase a gironi, la quinta edizione della “Caroli Hotels Basketball Cup” entrerà nel vivo il 5 gennaio con le semifinali maschili e femminili a partire dalle 9,30. Le finali di entrambi i tornei si giocheranno sabato 6 gennaio al PalaVentura di Lecce a partire dalle 15,30. I partners dell’evento sono: Sixtus Italia, Mondo, Ringo, Acqua Orsini, Centrauto Group, De Tullio, Hero, Aeroporti di Puglia, La Molisana, Cliocom, Jam Camp Basketball. Di tutto rispetto l’Albo d’oro: 1° edizione Sabonis Basketball School (Lituania); 2° edizione Olimpia Milano; 3° edizione Mens Sana Academy; 4° edizione Aurora Brindisi.

 

Ugento – Emergenza rifiuti a Burgesi, dopo ore di trattative c’è l’accordo: i rifiuti destinati a Cavallino verranno solo lavorati a Ugento per poi essere trasferiti nell’impianto di Statte, nel tarantino, ma ciò soltanto sino al prossimo 9 gennaio. Tale scadenza viene considerata “improrogabile” dai Sindaci di Ugento, Acquarica del Capo e Presicce che questa mattina hanno bloccato fisicamente l’ingresso dell’impianto di biostabilizzazione di Burgesi ai camion giunti dai 31 comuni che fanno riferiemento alla discarica di Cavallino. Il presidio è stato sciolto in seguito alla nota giunta alle ore 13,35 da parte dell’Agenzia regionale per i rifiuti, quando il sindaco Ferraro ha comunicato ai presenti che le istanze delle tre comunità erano state accolte e che i rifiuti avrebbero stazionato per pochi giorni nell’impianto di Ugento. L’emergenza era scattata in mattinata sin dalle 7 quando i sindaci dei Comuni di Ugento, Acquarica del Capo e Presicce, rispettivamente Massimo Lecci, Francesco Ferraro e Salvatore Monsellato, insieme a numerosi cittadini e associazioni, hanno bloccato l’ingresso dell’impianto di biostabilizzazione di Ugento ai camion che invece di conferire nella discarica di Cavallino erano stati dirottati a Burgesi dall’Agenzia regionale dei rifiuti. Sul posto carabinieri, polizia e vigili urbani. La protesta era montata già nella serata di venerdì 21 dicembre quando dal commissario dell’Agenzia regionale per i rifiuti, Gianfranco Grandaliano, è giunta la decisione di far arrivare negli impianti di Ugento e Poggiardo i rifiuti provenienti dai 31 comuni salentini che fanno riferimento alla discarica di Cavallino a causa dalla mancata presentazione, da parte della società “Ambiente & Sviluppo Scarl”, che gestisce tale impianto, di adeguate garanzie finanziarie per le attività di trattamento dei rifiuti volta a coprire gli oneri di gestione. A causa di tali intoppi burocratici i rifiuti sarebbero dovuti essere conferiti ad Ugento con aggravio di costi. Tutto questo a ridosso delle festività natalizie, con la conseguenza che un intero servizio sarebbe stato trasferito a Poggiardo e Ugento con orari poco compatibili con il sistema di smaltimento dei comuni del nord Salento. Nella mattinata numerosi autocompattatori provenienti da Lecce, e altri comuni del nord Salento sono rimasti fuori dall’impianto e non hanno potuto conferire in discarica a causa del presidio.

Le reazioni dei Sindaci – «Il provvedimento non è condivisibile –  ha subito affermato il sindaco di Ugento , Massimo Lecci- non si possono chiudere degli impianti per mancanza di garanzie finanziare, ed è necessario che gli enti preposti trovino la soluzione». Il sindaco di Acquarica del Capo, Francesco Ferraro, ha poi aggiunto:«Il territorio di Acquarica, Presicce e Ugento ha dato tanto in tal senso. L’impianto di biostabilizzazione, inoltre, è stato programmato per gestire i rifiuti di un certo numero di utenze e non si può stravolgere questo bacino per emergenze continue e carenze di programmazione». Dello stesso tenore il primo cittadino di Presicce, Salvatore Monsellato: «I cittadini sono stanchi. La protesta, infatti, ha unito le nostre tre comunità che confidano nel buon senso e nella soluzione del problema».

Oronzo Ricchiuto , presidente della Pro Loco Beach di Gemini, in rappresentanza di alcune associazioni presenti, ha sottolineato che il territorio dei tre comuni in questione “non può sopperire alle continue emergenze”, ribadendo anche il problema della bonifica della discarica e del dirottamento del milione di euro destinato a Burgesi, per il quale si aspettano ancora le risposte da mesi. «Confidiamo nel buon senso e nella collaborazione, in caso contrario ci vedremo costretti ad adottare iniziative più incisive», ha affermato Ricchiuto.

Malgrado la tregua raggiunta, i protagonisti della mattinata di protesta si sono già dati appuntamento al 10 gennaio, “per verificare che le garanzie ricevute oggi vengano confermate”.

Ugento – “I cittadini appartenenti alle Associazioni presenti sul territorio del Comune di Ugento esprimono solidarietà e vicinanza al Sindaco, avv. Massimo Lecci (foto), per il grave atto intimidatorio subìto, condannando ogni forma di violenza fisica e psicologica. Un atto vile che deve essere respinto con forza e che richiede un intervento radicale e tempestivo da parte delle istituzioni e della comunità” questa la parte iniziale del manifesto comune elaborato e sottoscritto da 16 associazioni di volontariato, sociali, culturali e sportive. Il messaggio, forte e chiaro, sarà oggi sui muri e sulle plance del paese e delle marine con le firme di Granelli di sabbia, Io conto, Pro loco Ugento, Pro loco beach Gemini, Associazione culturale, Fidas donatori di sangue, Terraferma, Attivamente, Uxentum team, Associazione Combattenti e reduci, Officina della mente, Missionari della Pace, Associazione nazionale Carabinieri, Comitato Torre San Giovanni – Ugento, Associazione Atletica Capo di Leuca.
“Nostro intendimento è qui prendere, nel modo più netto possibile, le distanze dal gesto, condannando il suo autore e affermando che Ugento è una città civile, che promuove la cultura della legalità attraverso numerose iniziative socio- culturali atte a favorire la diffusione e lo sviluppo dei valori dell’onestà, della solidarietà e della giustizia”, prosegue il messaggio.
“Al Sindaco rinnoviamo pertanto stima e fiducia per il lavoro sinora svolto – è la conclusione – e auspichiamo che nel più breve tempo possibile sia fatta chiarezza su questo esecrabile episodio che ha gettato un’ombra sul nostro Comune, da sempre sulla trincea nella lotta all’illegalità, distinguendosi per civiltà ed equilibrio”.

 

 

Ugento – Sdegno dal mondo politico e istituzionale – l’on. Rocco Palese, tra gli altri, ha chiesto la convocazione urgente del Comitato provinciale per la sicurezza in Prefettura – e reazione corale della società civile che questa sera è riunito presso la sede della Protezione civile per decidere il da farsi. Gruppi e associazioni, alla presenza del vicesindaco Salvatore Chiga, vogliono respingere corlamente questo attacco diretto all’Istituzione locale e alla convivenza civile. Quei sei colpi sparati all’auto comunale che usa di solito il Sindaco Massimo Lecci () non possono certo passare sotto silenzio.

Il grave fatto si è verificato intorno alle 18,30 di lunedì scorso in via Acquarica (foto). Lecci era al lavoro come al solito nei locali del Parco naturale di Ugento, dove assai spesso il primo cittadino si ferma al lavoro anche fino a tardi. L’altro ieri però né lui né i suoi collaboratori hanno dato peso a qui colpi, pur improvvisi: il periodo è quello tipico dei botti per cui nessuno ci ha badato più di tanto. Lo Stesso Lecci poco dopo ha preso l’auto, una Fiat Sedici, per recarsi altrove senza scorgere niente di particolare. Al ritorno negli uffici, poco distanti dal cimitero e dai vigili del fuoco e affiancati ad una casa famiglia, girando dal lato opposto a quello di guida ha visto i fori. Poco dopo i carabinieri di Casarano e di Ugento hanno rinvenuto anche i bossoli di un’arma semiautomatica.

L’allarme è scattato così ed anche la preoccupazione ha cominciato a salire. L’abitudine del primo cittadino è nota in paese. del resto ed il luogo dell’attentato è poco fuori l’abitato. Con una via di fuga precisa, che porta alla frazione di Gemini. Forse da quella direzione venivano le due auto, il cui passaggio è stato catturato da due telecamere poste nelle vicinanze. Da una delle due sarebbero partiti i colpi che hanno perforato la fiancata destra del mezzo. Un avvertimento è l’ipotesi più ricorrente, ma non si esclude neanche quella di un mitomane.

Il Sindaco nella giornata di ieri ha avuto un colloquio col prefetto Claudio Palomba ed ai suoi più stretti collaboratori avrebbe espresso la ferma intenzione di non lasciarsi minimamente intimidire da simili atti. Ma è evidente che l’azione delittuosa comporterà, anche ai fini delle indagini, analisi e approfondimenti che coinvolgeranno ovviamente anche il Comune. Ugento e le sue marine, tra i luoghi di maggior richiamo turistico, stimolano intenzioni non tutte trasparenti e positive. Come accade altrove, del resto. In attesa degli sviluppi, gli ugentini sono andati indietro con amari ricordi risalenti agli anni scorsi in cui attacchi simili non sono purtroppo mancati: nel 2013 un colpo di fucile contro l’agenzia di noleggio auto di proprietà di un assessore; un anno dopo due colpi di pistola contro l’auto di un altro assessore e quasi contemporaneamente contro il veicolo di un imprenditore locale che gestisce i beni museali della città, Nello stesso anno, il 2014, in piena estate fu presa di mira la macchina di un consigliere comunale (oggi assessore).

UGENTO. Preannunciato negli scorsi giorni, “Bentornato Orwell”, il nuovo singolo dei Camden, è accompagnato ora dal video diretto da Piernicola Mele. Un “ritorno” anche per la band nata nel 2009 con l’intento di rendere omaggio alla musica inglese dagli anni 60 ai nostri giorni in chiave acustica. Nuovo progetto ancora più impegnato e impegnativo dei precedenti due album e nuova formazione: accanto a Massimo Munitello al basso (Ugento) e Ester Ambra Giannelli alla voce e alla chitarra (Racale) si inserisce Vincenzo Zizzi  alla batteria (Gemini di Ugento), il quale prende il posto di Gabriele Turso alla batteria (Racale). Il nuovo brano, pubblicato a due anni di distanza da “Album Giallo”, è stato registrato, editato e mixato da Marco Ancona e masterizzato da Francesco “pizzetto” Guadalupi e rappresenta una sorta di inno dedicato al visionario Orwell e anticipa il terzo capitolo della carriera discografica della band, anch’esso interamente autoprodotto, come i precedenti.

 

 

 

 

 

 

UGENTO. Arriva dal Tribunale amministrativo regionale il via libera ai parcheggi a pagamento per le marine di Ugento. L’affidamento biennale del servizio, per un valore di 180mila euro, è legittimo alla luce della sentenza con la quale  i giudici amministrativi hanno accolto la linea difensiva del Comune rappresentato dall’avvocato Luigi Quinto. Il Tar di Lecce ha, dunque, respinto il ricorso della società “AM Parking” di Napoli, esclusa dalla procedura indetta dalla Stazione unica appaltante Nardò – Ugento, sotto la direzione dell’Ing. Nicola D’Alessandro.

È stato giudicato, dunque, corretto l’operato della commissione che ha valutato come “non conforme” la domanda di partecipazione dell’impresa campana per essere stata formulata senza la preventiva autorizzazione dell’Amministratore giudiziario e del Giudice delegato. Ciò perché l’impresa era stata sottoposta, nel 2014, a sequestro preventivo dal Gip del Tribunale di Napoli che limitava i poteri del legale rappresentante ai soli atti di ordinaria amministrazione. La partecipazione ad una gara configura, invece, un atto di amministrazione straordinaria, “in quanto ha implicazioni sia in termini di assunzione di responsabilità, sia in termini di impiego di risorse aziendali”. La sentenza da, quindi, il via libera alle strisce blu anche se con la stagione estiva già in fase avanzata. Nei giorni scorsi, intanto, il sindacato Cna Balneatori è intervenuto per chiedere maggiore tutela perle pinete ed il litorale ugentino plaudendo all’appello del sindaco Massimo Lecci che ha chiesto al prefetto di far sgomberare da camper e roulotte abusivi la pineta libera alle Fontanelle.

La marcia per BurgesiUGENTO. Parere negativo da parte della Provincia di Lecce sul progetto   presentato dalla società “Ugentocava grandi lavori”di Acquarica del Capo circa la realizzazione di un impianto di trattamento di rifiuti speciali in località “Casino Arto”, a pochi chilometri dalla discarica di Burgesi. Nei mesi  scorsi erano state le associazioni e i comitati di Ugento, Gemini, Acquarica, Presicce e Taurisano ad inviare le proprie osservazioni circa la fattibilità di tale impianto, chiedendo attenzione agli enti deputati a controllare e verificarne l’attuabilità sul territorio. Il 28 maggio scorso, inoltre, i cittadini, preoccupati  per la delicata vicenda dei presunti 600 fusti  tossici interrati nella discarica Burgesi,  hanno marciato chiedendo la bonifica ed esprimendo il proprio dissenso attraverso la richiesta di un impegno dei Comuni interessati a non far nascere altri impianto sul territorio. A tale richiesta  i Sindaci hanno espresso la volontà di aderire attraverso una delibera congiunta. Dall’analisi del progetto riguardante  il  nuovo  impianto  di rifiuti speciali in località Casino Arto, anche Arpa  Puglia e  il dipartimento di prevenzione della ASL hanno  riscontrato diverse  criticità. In particolare è stato evidenziato che la zona  in questione è in prossimità a zona sottoposta ad un vincolo paesaggistico territoriale  e dista solo un chilometro dal parco naturale di Ugento e  cinquecento metri dalle prime abitazioni di Gemini. Un altro elemento negativo è l’estrema vicinanza con gli altri impianti siti in località Burgesi. Il Comune di Ugento, infine, ha chiesto  di estendere la convocazione della Conferenza dei servizi  alla sezione attività estrattive  della Regione, in quanto la località “Casino Arto” è situata in un’area di territorio caratterizzata dalla presenza di cave.

 

Luce Daniele geminiGEMINI DI UGENTO. Ha compiuto oggi 102 anni Luce Daniele, che ha vissuto tutta la sua vita a Gemini, frazione di Ugento. Sposatasi il 14 novembre del ’37 con Vincenzo Coppola, ha visto ben presto partire il marito per la seconda guerra mondiale. È stata il punto di riferimento dei tre figli – Salvatore, Francesco e Antonietta – di dieci nipoti e 15 pronipoti, accudendo la famiglia ben presto da sola e grazie all’aiuto della sorella maggiore. La nonnina di Gemini è stata festeggiata anche dall’Amministrazione comunale di Ugento, della quale fa parte anche uno dei suoi nipoti, Gianfranco Coppola.

Ugento 1.inddUGENTO. Saranno quasi in 700 a correre in ricordo del “Vescovo degli ultimi”. Domenica, 17 aprile, si svolgerà la quarta edizione di “Corri con don Tonino Bello”, gara di corsa su strada organizzata dall’associazione “Atletica Capo di Leuca”, dalla parrocchia “Sacro Cuore di Gesù” (prima comunità in cui don Tonino ha prestato servizio da sacerdote) e dall’associazione “Un’ala di riserva”.
Il percorso, lungo 10 chilometri, si snoderà tra Ugento e Gemini. La partenza è prevista alle 9.30 dal piazzale della chiesa del Sacro Cuore, in via Rossini. Si percorreranno via Capitano Ugo Giannuzzi, piazza Porta San Nicola e via Firenze. Da una strada secondaria, poi, si raggiungerà l’abitato di Gemini. Si farà ritorno a Ugento dalla vecchia strada che collega il paese alla frazione, si passerà da via Roma e dal castello per arrivare nuovamente vicino alla chiesa, dove si svolgerà la premiazione dei primi classificati. Ai vincitori sarà consegnato un manufatto realizzato da un artigiano locale.
“Corri con don Tonino Bello” è la prima delle 12 gare del “Salento Tour 2016” ed è stata fortemente voluta dal parroco del Sacro Cuore, don Antonio Turi, in ricordo di don Tonino e del suo amore per lo sport.

GEMINI-Piazza-Regina-ElenaGraziano Greco Vicesindaco UgentoUGENTO. L’Università del Salento termina lo studio sul centro storico di Gemini, commissionato dal Comune per un importo di 25mila euro. L’analisi ha consentito di individuare nuovi spunti per una riqualificazione “ragionata” della frazione, con particolare riferimento al piano del colore degli immobili, all’arredo urbano, alla tipologia e alla modalità di installazione dei basoli nelle piazze e nelle strade. Sarà l’architetto Antonio Lecci, incaricato dal Comune nei giorni scorsi, a realizzare lo studio di fattibilità. Successivamente si passerà alla redazione del progetto finale, che troverà posto nel Piano triennale delle opere pubbliche. Gli interventi interesseranno piazza Regina Elena, piazza Monumento ai Caduti, via Fontana, largo Croce, via Rocco Ciurlia, via Santissimo Rosario e l’area più antica del paese. «Gemini – commenta il vicesindaco Graziano Greco (foto)- ha tutte le potenzialità per essere inserito nel circuito degli alberghi diffusi attraverso un partenariato pubblico-privato, vista la distanza di soli cinque chilometri dal mare. Ciò consentirebbe uno sviluppo economico non di poco conto. Riteniamo che la riqualificazione del centro di Gemini possa rappresentare un significativo e definitivo salto di qualità».

Torre MozzaUGENTO. Iniziano i lavori per la realizzazione della rete fognaria e per il potenziamento di quella idrica nelle marine di Ugento. La prima fase del progetto prevede il rafforzamento della conduttura idrica tra Lido Marini, Torre Mozza (nella foto) e Torre San Giovanni e la creazione di una riserva idrica. Le prossime fasi riguarderanno la realizzazione delle due reti a Torre Mozza, località Fontanelle e Torre San Giovanni, il potenziamento e l’adeguamento del depuratore di Ugento e la realizzazione di un sistema di “sub-urbane” nelle marine di Alliste e Ugento. Incluso nel progetto il collegamento della rete fognaria di Alliste e di Felline al depuratore di Ugento.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Presepe vivente a GeminiUGENTO. Il “Presepe vivente geminiano” spegne le sue prime dieci candeline. Allestita nel centro abitato di Gemini, anche quest’anno la rappresentazione della nascita di Cristo si svilupperà lungo le strade e all’interno delle antiche strutture della “chiesa incompiuta” e dell’Arcipretura, risalenti rispettivamente al 1800 e al 1600. L’organizzazione è a cura dell’ associazione culturale “Gemini”, che potrà contare sulla collaborazione costante e preziosa di tutti i soci e di circa 120 figuranti.

L’ingresso sarà, come gli altri anni, su via Pietro Micca, nei pressi dell’ufficio postale. La prima ambientazione del percorso sarà quella dell’Annunciazione. Si pas- serà poi alla scena del censimento, fino a giungere alla “chiesa incompiuta”, dove ci saranno il re Erode e gli scribi. A seguire, attraversando l’accampamento dei soldati romani si arriverà al mercato e, poco dopo, all’Arcipretura. Qui saranno allestite le capanne dedicate agli antichi mestieri, la zona riservata agli animali, la stanza dei Re Magi e, infine, la Natività. Durante il percorso sarà possibile assaporare pittule, pucce e purciddhuzzi. Le aperture saranno il 25 e il 26 dicembre e il 1°, il 3 e il 6 gennaio dalle 17.30 alle 21.

Altre iniziative sono inoltre in programma per animare il Natale di Ugento, Gemini e Torre San Giovanni. Il 22 a Gemini “Aspettando il Natale”, a cura della Pro loco Beach, mentre il 23, sempre nella frazione, si è esibita la Band di Babbo Natale, a sostegno dell’associazione dei genitori del reparto di oncoematologia pediatrica di Lecce “Per un sorriso in più”. Dal 23 al 27 dicembre e il 6 gennaio, poi, a Ugento il Comune presenterà la settima edizione di “Natale nel centro storico”, in collaborazione con la Pro loco Ugento e Marine e l’associazione di promozione sociale “Mauro Carratta”. Anche qui, il 23 dicembre, la Band di Babbo Natale ha sfilato per le strade del paese. A Torre San Giovanni il 27 ci sarà “Natale musiche e parole”, nella chiesa della Madonna dell’Aiuto, a cura di “Granelli di sabbia” e “Teménos Recinti Teatrali”. Organizzato dalle due associazioni anche lo spettacolo teatrale “La poltrona”, il 3 gennaio sempre a Torre San Giovanni. A Gemini, poi, nella chiesa di San Francesco il 28 dicembre ci sarà un concerto natalizio organizzato dalla Pro loco Beach, mentre il 4 gennaio il coro polifonico “Alma Gaudia” si esibirà nel concerto “In Excelsis”.

Gemini, il presepe vivente dello scorso anno

Gemini, il presepe vivente dello scorso anno

UGENTO. Natale tra teatro, musica e tradizioni a Ugento, Gemini e Torre San Giovanni. Il 22 a Gemini ci sarà l’appuntamento con “Aspettando il Natale”, a cura della Pro loco Beach in piazza Regina Elena. Sempre a Gemini, il 23 la Band di Babbo Natale si esibirà a sostegno dell’associazione dei genitori del reparto di oncoematologia pediatrica di Lecce “Per un sorriso in più”. Dal 23 al 27 dicembre e il 6 gennaio a Ugento si svolgerà la settima edizione di “Natale nel centro storico”, in collaborazione con la Pro loco Ugento e Marine e l’associazione «Mauro Carratta”. Anche qui, il 23 dicembre, la Band di Babbo Natale sfilerà per le strade del paese. Spegnerà dieci candeline il tradizionale “Presepe vivente geminiano”, organizzato dall’associazione culturale “Gemini” in collaborazione con la parrocchia, aperto il 25 e il 26 dicembre e il 1°, il 3 e il 6 gennaio.

Il 27 dicembre la chiesa della Madonna dell’Aiuto di Torre San Giovanni ospiterà “Natale musiche e parole” a cura delle associazioni “Granelli di sabbia” e “Teménos Recinti Teatrali”, che organizzeranno lo spettacolo teatrale “La poltrona”, il 3 gennaio sempre a Torre San Giovanni. Nella chiesa di San Francesco, il 28 dicembre ci sarà un concerto natalizio organizzato dalla Pro loco Beach e il 4 gennaio il coro polifonico “Alma Gaudia” si esibirà nel concerto “In Excelsis”.

«Si tratta – afferma il vicesindaco Graziano Greco – di una programmazione condivisa e redatta in collaborazione con le Pro loco e le associazioni del territorio, tesa a sottolineare l’importanza delle tradizioni del nostro Paese, che non possono essere in alcun modo scalfite da ideologie in netto contrasto con la nostra storia».

piazza-san-vincenzo 2UGENTO. Si entra nel vivo dell’estate con gli appuntamenti organizzati dalle associazioni di Ugento, Gemini e marine e dall’assessorato comunale allo spettacolo. Il 16 luglio nel centro storico la Pro loco ha presentato lo spettacolo “I colori della notte”. Fino a domenica nella zona dei lidi è in programma il torneo internazionale di beach tennis. Venerdì 17, alle 19.30, in piazza San Vincenzo sarà presentato il libro “Xylella report” della giornalista Maria Luisa Mastrogiovanni, a cura del comitato “Io conto”. Sempre venerdì, alle 21.30, sul lungomare di Torre San Giovanni, Pasquale Scalone presenta il suo libro “Verso le cose perse”, edito da Manni. Dialoga con l’autore Angelo Donno. Questo è il primo appuntamento della rassegna letteraria “Estate d’autore” organizzata dalla libreria “Antica Roma di Taviano che ha donato  “Il muretto letterario”, cinquanta libri,  che saranno esposti sul muretto che fiancheggia Corso Annibale a disposizione dei lettori.

Sabato 18 in piazza San Vincenzo, raduno motociclistico organizzato dalla Pro loco, mentre a Torre San Giovanni nella piazza del porto c’è il saggio di danza “Nel paese delle meraviglie”. Domenica 19, alle 11, la Lega navale presenta la terza edizione del “Trofeo Zeus”.
La nuova settimana inizia con lo spettacolo “Guitar e piano”: l’appuntamento è lunedì 20 alle 21 nella chiesa incompiuta di Gemini, a cura dell’associazione culturale “Gemini”. Stessa location martedì sera per il concerto di musica classica con il maestro Sergio Schiattone. Martedì 21, nella pineta comunale, alle 21 c’è lo spettacolo del Teatro pubblico pugliese, a cura dell’Ente Parco. Mercoledì 22 a Torre Mozza è invece in programma la commedia “Ci l’hai dire, tinnila crossa”, con l’associazione teatrale “Alitzai”. Giovedì 23 a Torre San Giovanni, incontro culturale con il giudice Maria Francesca Mariano. Dialoga con l’autrice il presidente della Corte d’Assise Roberto Tanisi. Sempre giovedì 23, a Torre Mozza, spettacolo musicale con Alex Dj. Nel fine settimana numerosi gli appuntamenti che si possono trovare sul sito del Comune di Ugento.

GEMINI-Piazza-Regina-ElenaGraziano Greco Vicesindaco UgentoUGENTO. Un calendario ancora in corso di stesura, ma che si preannuncia già ricco di appuntamenti, quello dell’estate di Ugento, Gemini, Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini. Mercoledì scorso si è svolto un incontro tra l’assessore allo Spettacolo Graziano Greco (riquadro) e le associazioni per mettere a punto l’elenco delle iniziative: «Stiamo lavorando – afferma l’assessore – per stilare un calendario che possa soddisfare le esigenze di tutti i cittadini e i turisti, con iniziative culturali, gastronomiche, folkloristiche e sportive».
Alcuni appuntamenti sono già stati fissati. A giugno, il 21 c’è la festa di San Luigi a Gemini e, nella pineta comunale, uno spettacolo teatrale. Il 27, nella chiesa incompiuta di Gemini, è in programma “Canto alla luna”, serata di poesia organizzata dall’associazione culturale Gemini insieme al “Consorzio autori del Mediterraneo”.

Numerosi anche gli eventi in programma a luglio, agosto e settembre, organizzati dalle tre Pro loco del paese (quella di Ugento, quella di Gemini-Torre San Giovanni e quella di Lido Marini) e dalle altre associazioni operanti sul territorio. Non mancheranno le sagre, gli appuntamenti musicali, culturali e teatrali, le esposizioni. «Avremo il calendario completo entro pochi giorni – afferma Graziano Greco – e siamo certi che gli appuntamenti, organizzati dalle associazioni e dal Comune in stretta sinergia, sapranno accontentare tutti».

by -
0 1021

GEMINI. Sarà una giornata da ricordare quella organizzata per i 100 anni di nonna Luce a Gemini, frazione di Ugento. “La più bella della mia vita”, così l’ha definita, secondo la nota di Giovanni D’agata dello Sportello dei diritti, la festeggiata, che è riuscita a radunare attorno a sé i suoi dieci nipoti e quindici pronipoti, alcuni giunti nel Salento da ogni angolo d’Italia e i suoi concittadini. Per la signora Luce Daniele, nata a cavallo della Grande Guerra, in programma per questa sera una festa, alle 19, presso la chiesa Regina della Pace a Gemini, nei pressi del mercato coperto. Un importante traguardo che sarà festeggiato anche dall’amministrazione comunale di Ugento, della quale fa parte anche Gianfranco Coppola, uno dei suoi nipoti, con la consegna di una targa commemorativa e un omaggio floreale.

GEMINI. All’inaugurazione del #buonepraticheday, la mattina dello scorso 16 aprile, nei pressi di Gemini di Ugento, non mancava nessuno: esponenti politici, agricoltori, forze dell’ordine, volontari e il vescovo della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, monsignor Vito Angiuli. Tutti in prima linea, pronti a rimboccarsi le maniche. E tutti dalla parte del Commissario Giuseppe Silletti, che è anche il capo del Corpo forestale dello Stato in Puglia.
Giunto di buon’ora all’evento per dare man forte ai promotori e per rispondere alle domande pressanti dei giornalisti e ai dubbi degli  scettici, il Commissario non ha nascosto il proprio malcontento e l’irritazione verso i “problemi di comunicazione” che hanno costellato tutto l’affaire-Xylella e che ancora ci sono, se si pensa che i quesiti posti riguardano per lo più la natura del batterio, sulla quale la confusione sembra invincibile.

Nel mondo esistono quattro sub-specie di Xylella fastidiosa dette “fastidiosa”, “sandyi, “multiplex” e “pauca”. Quella identificata nel territorio leccese è la sub-specie “pauca” ceppo Codiro. E, tra le “sputacchine”, solo una specie precisa è pericolosa per la diffusione del patogeno. «Queste cose le abbiamo dette mille volte ma ancora non sono chiare a tutti, non sono passate», ripete piuttosto contrariato Silletti. E si infervora, perché ora più che mai dopo mesi di informazioni contraddittorie e di ritardi d’azione, occorrerebbe essere compatti nella lotta al patogeno e porre fine alle polemiche. Ma il Commissario non le manda a dire. Si scaglia soprattutto contro gli “ambientalisti”, con i quali si confronta di continuo, dice. «L’altro giorno si stavano gettando nel fuoco per evitare l’eradicazione di un albero infetto – racconta – ma sapete quante eradicazioni ci sono state sul nostro territorio quest’anno? Ben 17 800! C’è qualcuno che ha mai protestato per questo?».

La gente lo circonda e le domande si accavallano. Riguardano nello specifico proprio le opere di eradicazione, effettuate nei giorni precedenti a Oria e a Veglie. «Stiamo agendo in modo chirurgico e non a caso. Abbiamo abbattuto solo gli alberi infetti, sette a Oria e 25-26 a Veglie. Ora, dopo un tempo stabilito, andremo a ricontrollarli quei campi, per vedere se altre piante sono state contagiate». Sì, perché la Xylella potrebbe aver colpito in modo asintomatico anche ulivi che si presentano in apparenza sani: «Stiamo seguendo la scienza ufficiale e la legge. Agiamo per il meglio», tranquillizza. E ammonisce chi chiede numeri e stime: «Procediamo focolaio per focolaio, solo quando le indagini saranno concluse potremo comunicare dati certi». Anche per ciò che riguarda le buone pratiche da adottare in ogni campo, non si lascia andare a previsioni: «Abbiamo appena iniziato, ci vorrà del tempo per vedere gli effetti».
Intanto, però, occorre procedere e anche alla svelta. «Il 23 aprile a Bruxelles devo dire che stiamo agendo in modo concreto – avverte  Silletti – l’Europa ci finanzia solo se ci diamo da fare». Le parole del Commissario trovano persone che annuiscono. L’ex europarlamentare Enzo Lavarra, consigliere del ministro Martina, stringe la mano all’autorità, agli amministratori locali di Ugento, ringraziando per l’impegno e per il piano in atto. C’è solo una voce fuori dal coro. Quella di una ragazza, giovane imprenditrice locale, terrorizzata dalla notizia data per certa di una irrorazione a tappeto del territorio con pesticidi e l’eradicazione anche dove non necessaria. Il Commissario ripete: «Agiamo con coscienza, non deve allarmarsi».  E a mettere in guardia dalle notizie fasulle che generano paure immotivate e che  danneggiano gli ulivi e l’immagine di una terra è anche Enzo Manni, della cooperativa agricola Acli di Racale: «Dobbiamo smetterla di diffondere informazioni sbagliate. Finiremo per essere etichettati come territorio avvelenato».
A sedare le contestazioni e i  timori, infine, ci pensa l’olio, profumato e ottimo come sempre. Offerto a Silletti e a tutti quanti dagli olivicoltori, su una fetta di pane croccante, per dimostrare ancora una volta che la Xylella non può e non deve intaccare l’oro di Puglia.

La piazza di Gemini

La piazza di Gemini

UGENTO. La Pro loco Beach GeminiTorre San GiovanniTorre Mozza, nell’ambito di un progetto finanziato dalla Provincia di Lecce organizza “Divertiamoci rispettando l’ambiente”, una serie di iniziative che, da marzo a maggio, coinvolgeranno grandi e piccoli sul tema della raccolta differenziata dei rifiuti. Il primo appuntamento è l’1 marzo presso la sede della Pro loco a Gemini in via XXV Aprile con lo spettacolo gratuito di burattini a cura dell’associazione “Teste di Legno” di Galatina. Si proseguirà poi con un’iniziativa di sensibilizzazione porta a porta nel territorio di Gemini e con tre giornate ecologiche (il 22 marzo a Torre San Giovanni, il 29 a Torre Mozza e il 12 Aprile a Lido Marini), dove i volontari e gli operatori della ditta partner specializzata Gialplast ripuliranno spiagge e spazi comuni. Si termina il 17 maggio con un incontro finale durante il quale verrà premiato il vincitore del concorso fotografico a tema “Differenziamo…click”. Per info e per scaricare il modulo di partecipazione al concorso: www.prolocobeachgemini.it.
L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Ugento, del Comune di Acquarica e della Provincia di Lecce, la partnership dell’Istituto “Bottazzi”  e del Comprensivo di Ugento, della sezione di Salve di Legambiente, del Consorzio Pro loco del Capo di Leuca e del Centro di Educazione ambientale Posidonia di Ugento.

carnevale 2014Oronzo RicchiutoUGENTO. Con il Carnevale ritornano le iniziative della Pro loco beach GeminiTorre San GiovanniTorre Mozza, (presidente Oronzo Ricchiuto) pronti a far partire (insieme all’associazione “Mare Verde”, con la collaborazione della Protezione civile di Ugento e con il patrocinio del Comune e dell’assessorato alle Politiche giovanili) la sesta edizione del Carnevale Geminiano. Torna anche per il 2015 la gara di maschere e gruppi dove ognuno è pronto a dare il meglio di sé. Una sola differenza rispetto agli scorsi anni è la mancanza della gara riservata ai carri, per concentrare l’ attenzione sulle maschere singole (che quest’anno comprendono le categorie, junior e baby) e sui gruppi.

Le sfilate saranno due, lunedì 16 febbraio dalle 14,40 a Torre San Giovanni e martedì 17 dalle 17 a Gemini, quando saranno premiati i vincitori della gara. Sempre martedì, dopo la sfilata la festa non si ferma perché in piazza “Regina Elena” ci sarà il dj Roby Tex e tutto il team di “Balla Italia”. In entrambe le giornate ci sarà la possibilità di iscrivere le maschere anche all’ultimo minuto; nella giornata del 16, tuttavia la Pro loco consiglia di iscriversi alla gara per tempo, rivolgendosi alla sede entro il 12 febbraio. Le quote sono di 10 euro per maschera singola e 50 euro per gruppo (formato almeno da 5 persone), inoltre sempre presso la sede della Pro loco è possibile noleggiare una vasta scelta di costumi.

Come consuetudine nelle iniziative della Pro loco, non si dimenticano i meno fortunati: analogamente a quanto realizzato nelle passate occasioni, una parte del ricavato del Carnevale, il 30, verrà destinato a un progetto di solidarietà. Quest’anno è stata scelta la onlus “Cuori e mani aperte verso chi soffre”, che si occupa in prima persona della Bimbulanza, ovvero un’ambulanza funzionale e perfettamente attrezzata per le emergenze pediatriche ma concepita e realizzata a misura di bambino.

Presepe vivente a Taurisano nel 2013

Presepe vivente a Taurisano nel 2013

I presepi di Taurisano e di Gemini sono inseriti in due degli itinerari preparati dall’associazione intercomunale “Le città dei presepi” che dal capoluogo mette gratuitamente a disposizione dei bus con guida per visitare gli allestimenti più belli del Salento. Dal 26 dicembre al 6 gennaio, da Lecce con partenza da via Calasso, nei pressi del parcheggio dell’ex Carlo Pranzo, partiranno i 7 percorsi.

Per gli appassionati ci sarà l’imbarazzo della scelta: dal presepe francescano di Soleto, a quello vivente nel borgo di Specchia; dal presepe di Sanarica, allestito nella dolina di Sant’Angelo fino ai presepi in miniatura di Martignano; da quello che per la prima volta verrà inscenato nelle vie di Noha, dopo anni di allestimento in una masseria, a quelli viventi di Cerfignano in un ambiente ipogeo e di Santa Cesarea Terme in una grotta sulfurea; dal presepe vivente dei giovani allestito nella ex manifattura dei tabacchi di Taurisano a quello di Palazzo Pasanisi di Torrepaduli. E molti altri ancora, tra cui quello di Caprarica di Lecce sistemato nel parco archeologico.

Ecco tutti gli itinerari:

Via Presepi numero 1, venerdì 26 dicembre: Lecce (16.15) – Castro – Maglie – Lecce (21)

Via Presepi numero 2, sabato 27 dicembre: Lecce (16.45) – Strudà – Caprarica – Corigliano d’Otranto – Lecce (21.45)

Via Presepi numero 3, domenica 28 dicembre: Lecce (16) – San Donato di Lecce – Martignano – Corsano – Lecce (22.15)

Via Presepi numero 4, giovedì 1 gennaio 2015: Lecce (16.45) – Vignacastrisi – Cerfignano/Santa Cesarea Terme – Lecce (21.15)

Via Presepi numero 5, domenica 4 gennaio: Lecce (15.30) – Soleto – Torrepaduli – Taurisano – Lecce (21.45)

Via Presepi numero 6, domenica 4 gennaio: Lecce (16) – Noha – Galatina – Sanarica – Lecce (21.30)

Via Presepi numero 7, martedì 6 gennaio: Lecce (16,30)- Gemini – Specchia – Lecce (22,15)

La prenotazione, presso l’info-point del castello Carlo V, è obbligatoria e si può fare fino a 15 minuti prima della partenza (telefono 0832.246517).

Oronzo RicchiutoUGENTO. Ancora una volta, dove non arrivano gli enti preposti, può arrivare la voglia di fare e lo spirito d’iniziativa delle singole persone. La Pro loco Beach Gemini – Torre San Giovanni – Torre Mozza, dopo aver passato un’estate “on the road” tra turisti e manifestazioni di promozione del territorio, ha approfittato delle ultime giornate di bel tempo per riqualificare un angolo di Gemini che aveva bisogno di cure. In largo Croce, nei pressi di piazza Regina Elena, a pochi metri dall’ingresso del paese, è stata sistemata una piccola area verde. Con il solo ausilio dei volontari della Pro Loco, radunatisi in tanti e spontaneamente, guidati dal presidente Oronzo Ricchiuto (foto), sono state sistemate le aiuole, piantati nuovi arbusti e fiori, e sostituita una statua di Padre Pio. Al posto della precedente, più piccola, ne è stata posizionata un’altra, più grande e colorata, donata da una famiglia del luogo.

UGENTO. Non ce l’ha fatta l’airone cenerino trovato ferito sotto un ulivo nel parco di Ugento. I volontari della Protezione civile Ugento Gemini-Marine lo avevano rinvenuto in campagna su segnalazione dei vigili di Ugento lunedì mattina. Trasportato al centro specializzato di Calimera, l’uccello, specie protetta, che era stato ferito al becco da pallini di piombo, è però morto oggi. Subito è scoppiata la polemica contro cacciatori poco rispettosi anche nei confronti delle specie protette.

Madonna dell'Aiuto processione 1UGENTO. La parrocchia Madonna dell’Aiuto, avvalendosi della collaborazione della Pro loco Beach Gemini Torre San Giovanni,  prepara uno dei più importanti appuntamenti della stagione estiva ugentina: la festa della Madonna dell’Aiuto. Purtroppo, quest’anno, all’entusiasmo che unisce locali e turisti nella celebrazione della santa Patrona, si accompagna l’enorme disagio dovuto ai lavori in atto su corso Annibale. Una festa che ha rischiato di non poter essere celebrata, ma l’eventualità è stata superata grazie all’impegno congiunto della parrocchia, della Pro loco Beach Gemini Torre San Giovanni e di alcuni componenti del comitato della festa.

Non sarà invece possibile, a causa dei lavori, allestire le luminarie e organizzare lo spettacolo pirotecnico come negli anni scorsi. Nonostante, però,  il momento di crisi e le difficoltà logistiche, l’impegno degli addetti ai lavori ha permesso che la tradizione della festa non si perdesse. Il programma prevede: sabato 9 agosto la processione della statua della Madonna, accompagnata dal Gran concerto bandistico Città di Scorrano e, contestualmente, l’apertura della tradizionale Fiera mercato nella zona del porto. Domenica 10 le celebrazioni entreranno nel vivo, con la messa sul palco ,allestito nella piazza del porto, celebrata dal vescovo mons. Vito Angiuli. Poi largo alla musica: sullo stesso palco, esattamente come era già successo lo scorso anno, si esibiranno i Calanti.

L’impegno per rispettare la tradizione e i riti che nascono dalla devozione alla Madonna dell’Aiuto viene sottolineato dal parroco, don Enzo Zecca: «Abbiamo rischiato di non poter realizzare la festa per mancanza di persone che la organizzassero:  poi si è fatta avanti la Pro loco e insieme all’associazione “Madonna dell’Aiuto” si sta lavorando per preparare tutto a dovere. A loro e a quanti vorranno collaborare va un particolare ringraziamento e incoraggiamento per la buona riuscita della nostra festa». La devozione alla Madonna dell’Aiuto è molto sentita ed è legata al mondo dei pescatori. La processione a mare è molto attesa e seguita.

GEMINI (Ugento). Poche ore fa, a Gemini, un ultraleggero si è schiantato al suolo provocando due vittime. Si tratta di Giovanni Congedi 55enne, ex ufficiale dell’Esercito, e del figlio Alessandro di 28 anni.  La tragedia è avvenuta poco prima delle 20. I due, a bordo del velivolo, stavano sorvolando l’area intorno a Salve quando, probabilmente a causa di un problema al motore, l’ultraleggero ha cominciato a perdere quota e subito dopo lo schianto è stato avvolto dalle fiamme. I soccorsi sono stati tempestivi, sul posto sono giunti  i vigili del fuoco del distaccamento locale e di quello di Gallipoli, i carabinieri della compagnia di Casarano e i sanitari del 118, ma per le due vittime non c’è stato scampo, padre e figlio sono morti carbonizzati. 

 

Voce al Direttore

by -
C’era una volta un orco, ovviamente mostruoso come vuole l’antica tradizione romana. Compariva invariabilmente – sarà stato un maleficio – non appena qualcuno accennava...