Home Notizie Sannicola
Ultime notizie dal Comune di Sannicola

Sannicola – Commovente testimonianza delle famiglie De Filippo, Nicosia e Picciolo (tutte di Sannicola) nel corso della trasmissione “A sua immagine” andata recentemente in onda su Rai1 e condotta da Lorena Bianchetti. Le tre famiglie sono accomunate dalla terribile esperienza della perdita di un figlio e il tema della trasmissione è stato proprio quello della forza che si può trovare nella condivisione di un tale terribile dolore con chi ha subito il medesimo lutto. I tre giovani, Stefano De Filippo, Gabriele Nicosia e Alex Picciolo sono stati strappati prematuramente al mondo e questo ha gettato nello sconforto le famiglie che in trasmissione hanno raccontato come sono riuscite a elaborare in un certo qual modo il lutto grazie all’intervento del parroco che li ha invitati ad incontrarsi e a parlarne e a non rinchiudersi nel dolore. I De Filippo erano presenti in trasmissione e sono stati intervistati direttamente mentre i Nicosia e i Picciolo sono stati intervistati in collegamento. Presenti in trasmissione anche altre famiglie con la medesima esperienza.

 

Gallipoli – La sala scommesse è priva delle necessarie autorizzazioni ed il Comune la fa chiudere. L’ordinanza di “cessazione attività”, firmata quest’oggi dal dirigente responsabile del settore “Sviluppo economico”, prende atto dell’intervento dei carabinieri della Compagnia di Gallipoli che lo scorso 28 aprile hanno visitato l’agenzia di via Galatone dov’erano presenti quattro computer collegati a siti internet da cui era consentito scommettere o giocare senza, tuttavia, che il titolare avesse alcun titolo concessorio o autorizzativo rilasciato da parte delle competenti autorità. Il verbale di contestazione in questione è stato poi trasmesso in Comune lo scorso 3 maggio da parte dei carabinieri per i provvedimenti amministrativi di competenza, ovvero per l’ordinanza di chiusura appena pubblicata sul sito istituzionale dell’Ente. L’ordinanza in questione (la numero 84 del 22 maggio) è stata notificata al 43enne P.O., nato a Zurigo e residente a Gallipoli, quale amministratore unico della società che gestisce la sala scommesse.

Simili controlli sono stati eseguiti negli ultimi mesi dai carabinieri in molti altri centri, tra i quali anche a Nardò, Casarano, Sannicola e Galatone,  e le varie irregolarità sono state inoltrate alle rispettive sedi Municipali per l’adozione dei necessari provvedimenti. Oltre all’assenza delle autorizzazioni, l’altra irregolarità comune è quella della vicinanza delle agenzie da edifici scolastici, luoghi di culto e di aggregazione, così come previsto dall’articolo 7 della legge regionale n. 43 del 2013 che prevede un’area di “rispetto” di 500 metri. Oltre alle sanzioni è pure partita la segnalazione ai comuni di competenza ed alla Questura di Lecce rispettivamente per la sospensione dell’attività ed il ritiro della licenza.

Sannicola – Una giornata davvero speciale quella che i bambini delle classi seconde e terze della scuola Primaria di Sannicola hanno trascorso, nei giorni scorsi, presso la Cooperativa olearia sannicolese. Nell’ambito della “Giornata del trekking”, gli studenti sono stati accompagnati a piedi dai nonni vigile Antonio Pastore e Claudio Mercuri, sotto l’occhio attento della polizia municipale e degli insegnanti, percorrendo il lungo tragitto che dalle scuole, attraverso piazza della Repubblica e via Don Tonino Bello, li ha portati sino alla cooperativa. “La salute vien camminando” è stato lo slogan della giornata volta a promuovere il corretto stile di vita. A metà mattinata pausa merenda con pane, olio e pomodoro e nella seconda parte della giornata il Gruppo Trekking Alezio ha organizzato dei giochi di gruppo.

 

Sannicola – Al via le selezioni per la seconda edizione del concorso Miss Store Auto organizzato dall’omonima concessionaria di Sannicola. Le iscrizioni sono riservate a ragazze tra i 18 e i 25 anni e si possono effettuare attraverso la pagina facebook storauto srl o tramite whatsapp al numero 328 3054385. Lo scorso anno è risultata vincitrice Debora Pellico, 21 anni di Parabita. Sul podio anche Antonietta Bianco di Gallipoli e Chiara Picciolo di Parabita. Alla finale del concorso, organizzato dai coniugi Ada Negro e Andrea Puce, erano giunte Lorenza Pellegrino di Galatina, Elena Imperiale  di Tuglie, Denise Abbate, Flo De Filippo, Marilena Greco, Mery Cacciatore, Antonietta Bianco e Grazia Barone, tutte di Gallipoli, Tamara Magnolo di Matino,  Antonella Gaetani ed Eleonora Bove di Parabita, Clelia Scalese di Cutrofiano, Emma Abbate di Taviano e Alessandra Martignano di Alezio.

Sannicola – Nessuna sorpresa a Sannicola dove trova conferma la sfida elettorale del 10 giugno tra l’uscente Cosimo Piccione e Paolo Farachi per conquistare la poltrona più alta a Palazzo di Città. Il primo, sindaco uscente, come nel 2013 è alla guida della lista civica “Sannicola Cambia” mentre il secondo è espressione di “Futuro Comune”, lista civica di centrosinistra. I nomi delle due liste sono quelli già ufficializzati da tempo. “Sannicola Cambia” punta a riconfermare Piccione sostenuto dal vicesindaco Graziano Scorrano, dalla presidente del consiglio comunale Ilenia Petrachi, dall’assessore Giuseppe Monteduro e dalla consigliera Mery Cataldi insieme ai nuovi Mariangela Marra, Serena Schirosi, Marta Aloisi, Maria Pia Gioffreda, Maria Rita Mercuri, Patrizio Romano, Amedeo Manco e Anselmo De Filippo. Gli sfidanti schierano invece tre consiglieri d’opposizione nell’ultima legislatura, ovvero Luigi Colella, Danilo Scorrano e Valerio Nocera, e poi Daniela Talà, Luana Moscatello, Giovanni Mosca, Elisabetta Fiorito, Marilena De Stasio, Giusi De Filippo, Stafano Bidetti, Piera Tarantino, Alessandro De Matteis. Cinque anni fa i cittadini alle urne furono poco più del 66%: in quell’occasione Piccione riuscì a domare la lista di centrosinistra, guidata da Danilo Scorrano, vincendo con quasi il 57%.

Gallipoli – Il Comune di Lecce è pronto ad accogliere nel suo patrimonio artistico il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, artista, pittore e scultore italiano, animatore e protagonista della corrente dell’arte povera. La direzione del Castello di Gallipoli, a cui l’opera è stata donata dal Maestro, e l’Amministrazione comunale leccese da qualche  tempo dialogano  sulla possibilità di trasferire l’installazione nel capoluogo, a seguito anche dei ripetuti solleciti finora vani inviati all’Amministrazione gallipolina pure dallo stesso Pistoletto. “E’ un’idea nata quasi per caso – commenta l’assessore leccese alla cultura Antonella Agnoli – chiacchierando con l’architetto Raffaela Zizzari (di Sannicola, ndr) di vari progetti e di questa vicenda.  Avere nella nostra città l’opera straordinaria di uno degli artisti più apprezzati del nostro Paese sarebbe un dono piovuto dal cielo”.

Un dono un po’ ingombrante, considerate le dimensioni, ma che racchiude in sé una simbologia forte che apre scenari interessanti anche dal punto di vista della partecipazione attiva della cittadinanza. “Pensiamo di non allocare quest’opera nel centro storico – continua l’assessore del capoluogo – e insieme al sindaco e all’architetto Zizzari stiamo valutando una collocazione più periferica che valorizzi l’installazione e il luogo ghe la ospiterà. Mi piace pensare che possa diventare un elemento di socializzazione, vestire una piazza e qualificarla”. L’idea è quella di studiare tre – quattro  soluzioni anche consultando l’artista e poi attivare un percorso partecipativo con gli abitanti di quelle zone per far comprendere il valore e la potenzialità di quest’opera d’arte che porterebbe  i turisti in una zona che diversamente non avrebbe motivo di essere frequentata e fare in modo dunque che i cittadini leccesi possano sentirla un pezzo della propria città e non un’imposizione”.

Il lavoro, va ricordato, è costituito da 151 blocchi in pietra leccese; una struttura dalla mole notevole di non facile collocazione; nello stesso maniero la presenza permanente comporterebbe problemi con la sicurezza , poiché rappresenta impedimento alle vie di fuga, e limiterebbe l’utilizzo degli spazi. Lo stesso Pistoletto, che ai tempi della mostra nel Castello gestito da “Orione” di Maglie aveva dichiarato di essere rapito da Gallipoli e che aveva in animo di tornare per inaugurare la nuova collocazione del Terzo Paradiso,  in questi giorni si è detto rammaricato di quanto sta accadendo. Ma la partita non sembra ancora chiusa del tutto. “Il Terzo Paradiso resterà a Gallipoli – è la replica perentoria del Sindaco Stefano Minerva – l’unica idea in piedi al momento però è quella del tetto della Dogana che non piace ai gestori del Castello e attuali titolari di questo “dono”. Nei prossimi giorni – conclude Minerva- sarà convocata la commissione cultura per inoltrare la richiesta alla Capitaneria e velocizzare i tempi”.

Gallipoli – Si è tenuta ieri alle 19, nella chiesa di S.Antonio una messa in suffragio del padre salesiano don Galliano Basso scomparso il mese scorso: nato a Venosa (Potenza) il 28 ottobre 1929, era  arrivato a Gallipoli nel 1955 fresco di ordinazione sacerdotale per poi restarvi 4 anni appena, ma sufficienti per lasciare una vasta impronta della sua persona. Figura certamente carismatica, di don Basso, nonostante i 60 anni e più trascorsi, se ne ricordano ancora a Gallipoli: è bastato infatti un semplice manifesto perché tanti di quei giovani educati alla Scuola salesiana negli anni  a cavallo tra il 1950 e ‘60 si ritrovassero nella chiesa di S. Antonio, che sorge proprio nei luoghi che li aveva visti crescere all’ombra di don Galliano. E se Gallipoli è divisa tra favorevoli e contrari alla dismissione dell’ex edificio dei “Salesiani”, è unanime invece il ricordo più che positivo sull’opera svolta dai Salesiani nei 9 anni, dal 1955 al 1964, di loro presenza a Gallipoli.

Mimino Urso, ex ufficiale di Stato civile di Gallipoli, ricorda con nostalgia, quando allora quindicenne, lui come tanti altri giovani di Gallipoli vecchio, raggiungevano a piedi o in bicicletta il maestoso edificio dei Salesiani, dove c’erano ben sei sacerdoti pronti ad accoglierli: “Era l’unica possibilità di svago – ricorda – e don Basso sapeva come prenderci per il verso giusto, chi a giocare a pallone, chi ad imparare l’uso degli strumenti musicali, chi ad approfondire gli studi classici o scientifici  e chi ad esercitarsi per poi diventare un bravo artigiano. Noi siamo profondamente grati per la formazione che ci è stata data in quegli anni”, conclude. Uno di quegli allievi di allora, oggi è padre salesiano e nemmeno lui è voluto mancare all’appuntamento di ieri: don Giorgio Micaletto ha infatti presieduto la Messa, concelebrata da don Francesco Fiore (Racale) e dall’ex parroco di S. Antonio, don Antonio Pisanello (Sannicola), quest’ultimo distintosi sempre in difesa e del realizzatore dell’opera (il canonico don Sebastiano Natali) e dei padri salesiani. “Siamo qui per ricordare una figura di sacerdote che ha educato un’intera generazione di giovani dal 1955 al 1964 – ha detto don Micaletto e poi rivolto direttamente allo scomparso – noi non ti abbiamo seppellito perché per te ci sarà sempre un posto nel nostro cuore”. Alla fine non è mancata, la consueta foto di gruppo.

 

Sannicola – Appuntamento l’11 e il 12 maggio per i solenni festeggiamenti di San Nicola a Sannicola. Venerdì 11 dopo la messa delle 18.45 c’è la processione solenne dalla chiesa matrice a piazza della Repubblica con la benedizione e il concerto bandistico “Città di Gagliano”, con Anna Ciacca direttore d’orchestra. Sabato 12 al termine delle messe è previsto il tradizionale “bacio della reliquia” e, alle 21.30, lo spettacolo musicale di Vito Mariani “Orchestra all’italiana, tributo a Renzo Arbore”. A mezzanotte meno un quarto fuochi d’artificio. Ad organizzare la festa è la parrocchia di Santa Maria delle Grazie retta da don Massimo Cala.

Gallipoli – Premio Barocco 2018: modalità on. Si è tenuta questa mattina a Lecce presso il Rettorato, la conferenza stampa di presentazione della 49esima edizione del “Premio Barocco”, l’ormai storico evento dei patron Fernando e Andrea Cartenì che ha contribuito per quasi mezzo secolo a portare lustro alla città di Gallipoli e alla Puglia. Organizzato in collaborazione con il Comune di Gallipoli, con il sindaco Stefano Minerva e l’Assessore Emanuele Piccinno, con l’Università del Salento con il sostegno del Magnifico Rettore, il prof. Vincenzo Zara, e con il Castello di Gallipoli con il dott. Luigi Orione Amato di Maglie e l’architetto Raffaela Zizzari di Sannicola, sono stati dunque annunciati anche gli eventi correlati alla serata finale di premiazione, che quest’anno si terrà venerdì 25 maggio.

Il primo appuntamento sarà il convegno dal titolo “Diritto processuale tributario: la riforma della giustizia tributaria” in programma per venerdì 11 maggio alle ore 16 presso l’Aula magna della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Salento, moderato dal giornalista del Corriere del Mezzogiorno Antonio Della Rocca. I relatori saranno il prof. Pier Luigi Portaluri (Ordinario di Diritto amministrativo all’Università del Salento), l’avvocato Maurizio Villani (tributarista, cassazionista, specializzato in diritto tributario e penale tributario), il senatore Luigi Vitali (avvocato e presentatore delle proposte di legge al Senato di Riforma della Giustizia Tributaria e di definizione delle liti fiscali pendenti) ed il prof. Franco Gallo (giurista e già ministro delle Finanze e presidente emerito della Corte costituzionale. A quest’ultimo, in occasione del convegno, sarà poi conferito il “Premio Barocco 2018”.

Il secondo appuntamento in programma sarà invece con “Terra del Sole Award”, il riconoscimento dedicato a chi, grazie alla propria professionalità, ha portato alto il nome della nostra regione nel mondo, che si terrà sabato 19 maggio alle ore 20,30 presso la storica e suggestiva Rotonda di Lido San Giovanni – Francesco Ravenna, presso il Lungomare Galilei di Gallipoli.  “Una collaborazione oramai storica e consolidata-affermano gli organizzatori- grazie alla disponibilità della famiglia Ravenna, titolare della struttura”. L’ultimo appuntamento si terrà infine venerdì 25 maggio alle ore 20 presso il Castello di Gallipoli, con la serata finale di premiazione che sarà presentata per il terzo anno consecutivo dal giornalista del Tg1 Francesco Giorgino, che accoglierà gli ospiti ed i premiati, che riceveranno la Galatea Salentina firmata dal maestro d’arte Egidio Ambrosetti di Anagni. I premiati saranno come sempre personaggi appartenenti al mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo e dell’imprenditoria. Quest’anno riceveranno il premio l’atleta paraolimpica e conduttrice tv  Giusy Versace; il giornalista, conduttore televisivo, autore televisivo e scrittore italiano Roberto Giacobbo; l’attore Ennio Fantastichini; la cantautrice Malika Ayane; l’attrice Stefania Rocca; il comico e showman Angelo Pintus; il linguista, filologo e lessicografo Francesco Sabatini; la cantautrice Levante; il parroco del quartiere “Parco Verde di Caivano” don Maurizio Patriciello; il capo della Comunicazione e del marketing di “Ferrarelle” Michele Pontecorvo; il Capo di stato maggiore dell’Esercito il Generale Salvatore Farina; il docente di Scenografia virtuale all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” Luca Ruzza; ed infine il giornalista, saggista e conduttore televisivo Gianluigi Nuzzi.

Ad accogliere artisti ed ospiti nell’atrio del Castello di Gallipoli ci sarà il patron Fernando Cartenì, che inaugurerà la serata con i vini di Cantine Paolo Leo a cui seguirà la cena a cura di Bon Ton, catering di Villa Vergine, con sottofondo musicale della formazione Maurizio Petrelli & Friends. Non mancano anche quest’anno diverse collaborazioni, come quella con l’agenzia Ideazione creative factory di Laura Stefanelli (di Parabita). Senza dimenticare infine il lavoro svolto dal “Comitato scientifico del Premio Barocco”, con patron Fernando Cartenì affiancato dall’avvocato Pasquale Corleto, dal prof. Vincenzo Zara, dal prof.  Domenico Fazio e dagli avvocati Maurizio Villani, Francesco De Jaco e Pietro Quinto.

 

 

 

 

Sannicola – La campagna elettorale corre veloce a Sannicola dove la maggioranza uscente, con la lista di centrodestra “Sannicola Cambia”, conferma la candidatura dell’uscente Mino Piccione e presenta la squadra che punta a rivincere le amministrative del 10 giugno. Domenica scorsa il Primo cittadino, contornato da fedelissimi, facce nuove e tanti sostenitori, ha risposto alla sfida lanciata dalla civica “Futuro Comune” e dal candidato Paolo Farachi, presentandosi alla cittadinanza nella sala polifunzionale di via Oberdan, con tanto di ospite d’onore, ovvero l’ex sindaco di Gallipoli Flavio Fasano, a dar man forte alla lista civica. Dodici aspiranti al Consiglio comunale tra riconfermati, new entry e nomi noti vicini all’amministrazione: del team che ha accompagnato il lavoro di Piccione si rivedono il vice Graziano Scorrano, la presidente del Consiglio Ilenia Petrachi, l’assessore Giuseppe Monteduro e la consigliera Mery Cataldi.

L’assessore Marzio Molle, presente nelle vesti di presentatore,  dopo aver già annunciato la propria assenza da questa tornata a causa di impegni professionali, ha introdotto i candidati: tra le facce nuove cinque donne (Mariangela Marra, Serena Schirosi, Marta Aloisi, Maria Pia Gioffreda, Valentina Mercuri) e tre uomini (Patrizio Romano, Amedeo Manco e Anselmo De Filippo, ex assessore in Giunte di centrosinistra) per arricchire “la squadra degli amministratori del futuro”, come l’ha definita Piccione, che anche in quest’occasione ha sottolineato i risultati portati a casa negli ultimi cinque anni: «Abbiamo fatto molti interventi, molti di più di tutte le amministrazioni che ci hanno preceduto».

Sannicola – Ennesima puntata del contenzioso in corso da anni tra il Comune di Sannicola e la società Arcobaleno srl: oggetto del contendere, tra ricorsi amministrativi e giudizi civili, la gara d’appalto per la realizzazione della vasca per il collettamento delle acque meteoriche. A suo tempo era stato il Comune ad escludere dal bando, dal valore di circa un milione e 200mila euro, la società di Casarano revocando l’aggiudicazione provvisoria per un’offerta giudicata “anomala” dalla commissione di gara. Già nell’ottobre 2016 il Consiglio di Stato aveva ritenuto illegittima tale esclusione condannando il Comune a risarcire il danno procurato per un importo pari a circa 37mila euro oltre spese per altri 13.300 euro. Davanti all’inerzia di Palazzo di Città, la società è stata costretta a chiedere l'”ottemperanza” della sentenza che le dava ragione e per la seconda volta il Consiglio di Stato le ha dato ragione. «L’offerta della Arcobaleno srl non era anomala, non doveva essere esclusa e doveva restare aggiudicataria dell’appalto in quanto migliore offerta da ogni punto di vista, sia tecnico che economico», fa sapere l’avvocato Giuseppe Mormandi (di Tuglie), legale difensore della società casaranese. In virtù della nuova condanna, i giudici amministrativi hanno nominato il Prefetto di Lecce quale commissario ad acta con il compito di prelevare le somme dal Bilancio ed assegnarle forzosamente alla ditta nel caso in cui il Comune non dovesse eseguire la sentenza.

Sannicola – La lezione di legalità salta ma le polemiche restano. Accade a Sannicola dove è stato “forzatamente” annullato l’incontro nel ricordo di Aldo Moro in occasione della Giornata in memoria delle vittime del terrorismo, programmato nella mattinata di mercoledì 9 marzo presso il centro culturale di via Oberban dall’assessorato alla Cultura e alla Pubblica istruzione e dalla Pro loco di Lido Conchiglie. Gli organizzatori fanno riferimento a “sopraggiunti ed improvvisi motivi personali” e a ” motivi di opportunità” manifestati dai due ospiti, ovvero il Procuratore della Repubblica Cataldo Motta e don Raffaele Bruno dell’associazione Libera. Tali problemi, tra l’altro, sarebbero stati resi noti “a 12 ore dall’evento”. Troppe “coincidenze” per non pensare a “frizioni pre-elettorali” anche alla luce della prevista presenza dell’assessore Marzio Molle (che comunque non è tra i candidati).

La posizione della Pro loco Su quanto accaduto si registra un intervento “chiarificatore” della Pro loco. «L’assessorato, insieme alla nostra Pro Loco, già da marzo scorso tentava di organizzare un’incontro sulla legalità tra gli studenti dell’Istituto comprensivo di Sannicola ed il Procuratore Cataldo Motta, incontro ripetutamente rinviato a causa di importanti impegni istituzionali del dr. Motta comunicati, tramite lettere ed e-mail, all’Istituto scolastico ed al Comune di Sannicola».La data finale del 9 maggio è stata, dunque,  indicata dallo stesso Motta “anche in virtù della  Giornata in memoria delle vittime del terrorismo”. «Menti perverse – conclude la Pro loco – anteponendo gli interessi politici agli interessi dei giovani studenti e della comunità sannicolese, con subdole illazioni e meschini interventi presso gli ospiti e presso l’associazione Libera, hanno fatto si che “per sopraggiunti ed improvvisi motivi personali” e “per motivi di opportunità” i due ospiti, a 12 ore dall’evento, declinassero l’invito rendendo di fatto impossibile l’importante incontro».

Sannicola – Appuntamento a Sannicola giovedì 10 maggio alle ore 20, presso il centro culturale di via Oberdan, per la presentazione del libro “L’anima de tu poarieddhu cu la lingua te li nonni nosci” di Pino Tarantino (foto). Si tratta della prima pubblicazione della raccolta di poesie dell’autore sannicolese che scrive in vernacolo da molti anni e che ha sempre declamato le sue opere durante alcune manifestazioni e pure su facebook. L’evento, patrocinato dal Comune, è organizzato da Pro Loco ed è coordinato da Franco Marrocco, il segretario dell’associazione. Alla serata interverrà Franco Ventura, pittore e poeta, mentre con l’autore dialogherà la giornalista Maria Claudia Minerva. Intratterranno il pubblico le musiche di Francesco Barbaro e le letture di Salvatore Coluccia e Antonietta Manca della compagnia teatrale Gli Armonauti di Gallipoli. Tra gli interventi  anche quelli del sindaco Cosimo Piccione e della presidente Pro Loco Elisabetta Greco.

Sannicola – “A lezione di legalità” nel ricordo di Aldo Moro. Mercoledì 9 maggio, in occasione della Giornata in memoria delle vittime del terrorismo, l’assessorato alla Cultura e alla Pubblica istruzione del Comune di Sannicola e la  Pro loco di Lido Conchiglie organizzano un incontro con gli studenti e ragazzi del locale Istituto Comprensivo. L’incontro, moderato dal componente della locale Pro loco Patrizio Romano e aperto alla cittadinanza, si terrà alle ore 9 presso il centro culturale di via Oberdan, alla presenza del Procuratore della Repubblica Cataldo Motta, di don Raffaele Bruno quale componente dell’associazione Libera e del professor Franco Ventura che dedicherà una sua poesia a Moro. Dell’assessore Marzio Molle e della dirigente scolastica Sabrina Stifanelli i saluti.

Galatone – “Pulito è più bello” e lo sanno anche i bambini: il progetto “Galatonesi a raccolta” sbarca a scuola ed entra direttamente a contatto con gli alunni di prima media del Polo 1. L’iniziativa di un numero sempre crescente di volontari del posto, che da ormai due anni ripuliscono da rifiuti di ogni genere diverse aree soprattutto periferiche della città, è approdato in quattro classi, con altrettanti incontri, dell’Istituto diretto da Adele Polo. «Sono stati illustrati gli interventi e gli obiettivi dell’associazione, con grande partecipazione dei ragazzi, molto reattivi nel riconoscere i vari punti sporchi delle campagne e incuriositi dalle scritte “pulito è + bello” sparse per il paese», afferma la dirigente. Domenica 22 aprile gli attivisti si sono  resi protagonisti dell’ennesimo blitz, stavolta in via delle Serre, una zona di campagna al confine con il comune di Sannicola. Si è trattato solo l’ultima tappa di una serie di interventi che da circa un mese sono anche mappati sulla app della città di Galatone, “La Chiazza”. «Prossimamente – fanno sapere i promotori – i ragazzi saranno coinvolti a mettere le loro mani nella spazzatura abbandonata dai loro conterranei, il modo più efficace per capire quanto sia odiosa quella forma di inciviltà».

Sannicola – Scende in campo a Sannicola la lista di centrosinistra pronta a sfidare alle elezioni del 10 giugno il sindaco uscente Cosimo Piccione. “Futuro Comune” è il nome della lista a sostegno della  candidatura a sindaco di Paolo Farachi, avvocato e attuale segretario del Pd cittadino. Farachi (che cinque anni fa alle primarie sfidò – perdendo – il consigliere provinciale Danilo Scorrano) è il nome sul quale hanno trovato convergenza varie realtà politiche della città che puntano a spodestare l’uscente Mino Piccione, la cui ricandidatura con “Sannicola Cambia” è stata confermata da tempo. Presso la sede di piazza della Repubblica,“Futuro Comune” ha presentato alla cittadinanza non solo il simbolo ma anche nomi e programmi con i quali fra poco più di un mese proverà ad andare al governo del paese.

I nomi di “Futuro Comune” Accanto a Farachi c’è Luigi Colella (nella prima parte dell’attuale amministrazione vicesindaco di Piccione, poi passato tra i banchi dell’opposizione) ma anche lo stesso Danilo Scorrano e l’altro consigliere d’opposizione uscente, Valerio Nocera. Poi Stefano Bidetti, Giusy De Filippo, Alessandro De Matteis, Marilena De Stasio, Elisabetta Fiorito, Giovanni Mosca, Luana Moscatello, Daniela Talà e Piera Tarantino (assente invece Wilma Giustizieri, consigliere di minoranza ed assessore con Giuseppe Nocera). «Sono molto orgoglioso del lavoro svolto da tutti, a partire dai collaboratori che in questi mesi hanno vagliato le varie opportunità e composto questa bella squadra con la quale giocheremo la nostra partita. Negli ultimi cinque anni  – commenta Farachi–  abbiamo registrato un  arretramento del nostro paese sul piano dello sviluppo di lungo respiro. Ci impegneremo per  creare le condizioni perché le nostre potenzialità possano dare impulso a una crescita esponenziale di tutto il tessuto territoriale».

“Sannicola Cambia”  Domenica 6 maggio, invece, per il centrodestra sarà la sala polifunzionale di via Oberdan ad ospitare la presentazione ufficiale dei candidati della lista “Sannicola Cambia” a supporto della candidatura a sindaco di Mino Piccione.

 

Nardò Maglie – Si sono concluse, con sentenze nel primo grado di giudizio, due vicende collegate a società che somministrano cibi e pietanze alle mense scolastiche in alcuni centri della provincia. Nel primo caso sono stati “assolti” i rappresentanti della società galatonese “La Fenice” circa il caso di intossicazioni alimentari registrati nell’ottobre del 2016 nelle scuole primaria e dell’infanzia di Nardò. Il fascicolo contenente le accuse di carattere penale e le risultanze delle indagini è stato cioè archiviato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce. Il magistrato ha scritto che “dalla lettura del fascicolo investigativo non può escludersi che la casa della contaminazione microbica avesse una fonte umana”, vale a dire che “i dipendenti del centro (di cottura, ndr) abbiano contribuito a creare un focolaio microbico”. “Ciò in considerazione che in numerosi operatori fu rilevata la presenza di patogeni trasmissibili attraverso il circuito orofecale”, specifica il magistrato, per il quale tutto ciò non vuol dire che non ci siano state misure di prevenzione. Quantomeno, non vi è la certezza assoluta di una simile grave mancanza. In quel 18 ottobre del 2016 i casi di disturbi gastroenterici furono 169 (almeno quelli segnalati dai genitori).

Condanne invece nel caso della società cooperativa “Risveglio” di Galatone e di un dipendente del Comune di Maglie. Al centro delle indagini e del successivo processo appena conclusosi alimenti sprovvisti dei requisiti pure specificati nel capitolato d’appalto e nei contratti sottoscritti e in vigore nel 2011 – anno di avvio delle ispezioni – tra la ditta fornitrice e numerosi Comuni: oltre a Maglie, Collepasso, Taurisano, Taviano, Presicce, Sannicola, Galatone, Galatina, Gallipoli, Corigliano d’Otranto, Alezio, Parabita. Due ani e tre mesi di reclusione la condanna comminata a Claudio Gatto, 55enne di Galatone, ex rappresentante legale e presidente del consiglio di amministrazione della società; un anno e tre mesi al dirigente del quarto settore del Comune di Maglie, Umberto De Donno, 69enne di Maglie. Frode nelle pubbliche forniture, falso materiale, falso ideologico, abuso d’ufficio i reati contestati. Davanti ai giudici anche il fatto che dall’ Asl, Dipartimento prevenzione, erano state contestate diverse inadempienze alla ditta fornitrice; dal Comune invece risultavano attestazioni secondi cui “il servizio era stato svolto in maniera regolare e con buon esito”.

 

Gallipoli – Quasi trent’anni di attività e migliaia di ragazzi visti correre e formarsi sui suoi campi. L’Asd Montefiore è ormai una istituzione del calcio giovanile salentino. “Abbiamo cominciato nell’87 – racconta Maurizio Marzo, di Gallipoli, presidente dell’associazione – organizzavamo tornei sul campo senza recinzione. Poi nel ’90 c’è stata l’apertura ufficiale del centro sportivo e l’inizio dei corsi di scuola calcio”. Sei categorie di squadre, dai piccoli amici agli allievi: “Attualmente, siamo poco sotto i duecento tesserati – continua Marzo – vengono ad allenarsi da Gallipoli, Alezio, Sannicola, Nardò, ma anche da Acquarica del Capo, Ugento, Melissano, Neviano e Aradeo. Cerchiamo di mettere ognuno nelle condizioni di giocare al proprio livello”.

Un’esperienza così prolungata nel tempo, da costringere l’associazione a confrontarsi anche coi cambiamenti della società: “I ragazzi di oggi – dice sempre Marzo – sono meno smaliziati, più oberati dalla scuola ed interessati al pc. Lo abbiamo capito già da sei, sette anni che l’approccio doveva cambiare. Non cerchiamo più solo allenatori, ma istruttori che abbiano capacità di dialogo e facciano innamorare il bambino del gioco. È un compito delicato”. Sicuramente complicato da genitori insistenti: “I genitori sono la piaga delle scuole calcio – afferma il presidente – ma qui è stata sempre di lieve entità, perché all’atto di iscrizione parliamo chiaro con i genitori: il protagonista è tuo figlio. Negli ultimi anni, qualcuno non ha capito e ha portato via i ragazzi. Gli abbiamo chiesto di fare un gesto di coraggio: dire al figlio che la colpa dell’addio è del genitore. Non sappiamo se l’abbiano fatto”.
Un’attività quella della “Montefiore” che non si fermerà neanche in estate. A metà giugno partirà un torneo per i ragazzi dal 2001 al 2006 che durerà fino a fine luglio. (Nella foto il presidente Marzo tra gli istruttori Gaballo e novembre)

M.C.

Sannicola – Tradizionale appuntamento in contrada Crocefissi lungo la Provinciale Sannicola-Gallipoli per i festeggiamenti de “Crocefissu te lu monte” che si terranno per tutto il giorno domenica 29 aprile a partire dalle 11 con la messa e a proseguire fin a sera con tutta una serie di eventi. Alle 12 l’associazione Archès presenterà il reportage “Il t.a.c. nel p.i.p., storia di uno sviluppo mai decollato” a cura di Melissa Calò e Andrea Cavalera che forniranno ai convenuti anche cenni storici sulla chiesetta. Seguirà il “pic-nic” autogestito caratterizzato dalla jam session cui sono invitati tutti gli artisti a partecipare a partire dalla 15. Alle 16.30 Marco Cavalera, archeologo, e Stefano Calò, esperto di modellazione 3d dei beni culturali e ambienti rupestri, accompagneranno il pubblico alla visita delle grotte rupestri. Alle 18.30 sarà celebrata la messa e a seguire riprenderà il percorso informativo a cura degli archeologi di Archès sugli insediamenti rupestri e il culto del Crocefisso nel Salento a cura di Alessio Stefàno, dottore di beni culturali.

 

San Simone (Sannicola) – Appuntamento alle ore 9 a San Simone domenica 29 aprile per il 15° trofeo “Mauro Fedele” organizzato dall’omonima polisportiva in collaborazione con l’associazione sportiva “G.S. Piconese No Tap” di Melendugno. «Si prevedono circa 150 partecipanti per la categoria “Amatori” – commenta Gianfranco Pisanello, organizzatore tecnico e ciclista di lungo corso – che verranno anche da Bari, Foggia e Taranto e da Sicilia e Calabria». La gara, patrocinata dal Comune, è la seconda prova del Campionato italiano centro sud e fa parte del “Cicloamatour” in 10 tappe e del “Giro dei boschi” in 3 tappe. La corsa partirà da piazza San Biagio, proseguirà per via Alezio, giungerà a Sannicola in piazza della Repubblica, proseguirà per Chiesanuova, via Raimondi, via Sferracavalli, via Grassi, salirà per via Oberdan e via Petrarca per giungere nella parte alta del paese e da viale degli Studenti scenderà per via San Simone. Il percorso sarà ripetuto otto volte per un totale di 80 km. Il segnale per la partenza sarà dato da Silvano Lotti, presidente onorario della scuola di ciclismo tugliese salentina “Vincenzo Nibali”, ciclista che ha collezionato nella sua vita numerosi successi tra cui la vittoria nella prima edizione della “Targa Crocefisso” nel 1951. L’anno scorso la gara è stata vinta da Ciro Greco. «Una gara importante, commenta Fernando Leo, presidente della Polisportiva – di cui andiamo molto orgogliosi e che ogni anno organizziamo con l’organizzazione tecnica di Gianfranco Pisanello assieme all’associazione ciclistica Piconese. Un campionato italiano in 3 tappe di cui l’unica pugliese è proprio nella nostra San Simone».

Sannicola – C’è un pezzo di Salento anche in California grazie alle feste, le sagre, le degustazioni e i corsi di pizzica organizzati dalla sannicolese Alessandra Chimienti. La ragazza, in America per amore e per studiare in un prestigioso college, ha creato il gruppo Facebook “Pugliesi in California”, per cercare di attenuare un po’ la nostalgia di casa. «Mi sono detta che se a San Francisco ci ero arrivata io, partendo dalla piccola Sannicola, di certo c’era altra gente come me proveniente da altre parti della Puglia. Quando ho creato il gruppo eravamo solo in due mentre oggi siamo quasi in 150».

La sagra di casa negli States L’associazione organizza anche la “Sagra te lu paese tou”, quest’anno alla seconda edizione, con i prodotti tipici locali (da “Antico forno” di Chiesanuova, “pasticceria De Mitri” e “L’arte del pane” di Sannicola).  «Si tratta di un grande evento – spiega la ragazza – che si svolge al Golden Gate park di San Francisco in cui ogni partecipante porta un piatto tipico del suo paese di origine. In questo modo, essendo la maggioranza dei partecipanti pugliese, si ha modo di riassaporare i sapori di casa ma anche di farli conoscere per la prima volta a chi pugliese non è». Ma le soddisfazioni per Alessandra sono anche quelle dello studio visto che a maggio si laurea presso il Merrit Collage di Oakland dove è stata pure scelta, grazie agli ottimi risultati conseguiti, come “valedictorian” per tenere il discorso di commiato finale

Sannicola – È di due mesi e 21 giorni la pena detentiva da espiare per il 64enne A.B. di Sannicola. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine e già sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali, si è reso responsabile del reato di truffa, tra il 2009 e il 2011. L’ordine di carcerazione è stato emesso dall’ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Taranto. Al termine delle formalità di prassi in caserma, l’arrestato è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce.

 

 

Gallipoli – Sono venuti a vedere da vicino la redazione di Piazzasalento i ragazzi della scuola primaria di Sannicola. Com’è, come funziona, chi comanda, come si scelgono le notizie da pubblicare, aneddoti curiosi o pericolosi, fino al capitolo-minacce ai giornalisti. Gli studenti delle classi terze e quarte dell’’Istituto comprensivo statale di Alezio, diretto da Sabrina Stifanelli, accompagnati dall’esperta Mariagrazia Aloisi (di Galatone) e dalla tutor Carmen Lorenza Piccione (di Nardò) sono arrivati nel pomeriggio nella sede di via Castromediano accolti dal direttore Fernando D’Aprile e dai redattori Mauro Stefàno e Chiara Pisanello.

Tante le domande formulate dai ragazzi preparati “a dovere” dai docenti nell’ambito del progetto Pon “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” – modulo “Reporter di classe”. Dopo aver già acquisito le nozioni di base del giornalismo, come quella sulle famose “5 W” (chi come dove quando e perchè), i ragazzi hanno fatto sapere di aver già sperimentato “sul campo” la professione andando ad intervistare gli operatori del mercato settimanale del loro paese circa il trasferimento in altra sede. Da “sono tutti d’accordo” a “tutti d’accordo tranne uno” la verità precisa emersa dopo un piccolo approfondimento.

Altre domande sono state poste sulla verifica delle notizie e di chi le fornisce; sui linguaggi usati; sui segreti della professione. Questi i nomi dei ragazzi presenti all’incontro: Giorgia Bolognino, Giosuè Caputo, Mauro Carrisi, Lorenzo Cataldi, Maddalena Ciricugno, Gabriele Fattizzo, Simone Fuso,  Mattia Giaffreda, Gabriele Greco, Gioele Greco, Mariangela Greco, Leonardo Inglese, Achille Ingrosso, Riccardo Manzo, Martina Mazzone, Mirko Mercuri, Genci Meta, Ismaele Mezzi, Jonny Moscatello, Anastasia Pagone, Federica Picciolo, Martina Piccione, Francesco Pisanello, Nora Savito, Diletta Scorrano, Yaxi Su.

Gallipoli Maglie – Sciopero di una intera giornata presso i call center di Gallipoli e Maglie dei lavoratori di “Progetto vendita” della società calabrese “Planet Group”. L’astensione dal lavoro si terrà domani e in aree vicine alle due sedi di terranno assemblee dei dipendenti con i loro rappresentanti sindacali della loro categoria di Cgil, Cisl e Uil: dalle 10 alle 11 a Gallipoli e dalle 12 alle 13 a Maglie. Motivo della vertenza è il ripetersi dello slittamento dei pagamenti degli stipendi, argomento sul quale si era raggiunto un accordo sindacati-azienda lo scorso 3 gennaio. “Ma soltanto un mese c’è stato il rispetto dell’accordo”, scrivono i sindacalisti nella lettera in cui confermano lo sciopero, dopo la proclamazione dello stato di agitazione, e sollecitano un incontro urgente con i vertici aziendali per un esame della situazione complessiva.

“Lo stipendio di marzo ci verrà pagato il 3 di maggio – racconta un dipendente – perché solo il 30 aprile faranno il bonifico; avremmo dovuto percepirlo entro il 15 aprile. E questi ritardi si ripetono spesso purtroppo”. Presso la sede di Gallipoli, ubicata nella zona industriale, i lavoratori interessati sono una ottantina provenienti dalla città e dai paesi vicini come Alezio, Galatone, Nardò, Sannicola. I sindacati reclamano il rispetto dei patti sottoscritti di recente “al di là dell’andamento delle commesse”, provenienti in massima parte da Mediaset premium.

Casarano – Teatro e solidarietà a Casarano con l’appuntamento proposto dal gruppo comunale Aido “D. Cataldo”. “Non ti pago” è la commedia di Eduardo De Filippo proposta al Manzoni dal “Teatro della Busacca” di Francesco Piccolo per sensibilizare sul tema della donazione di organi e tessuti. L’appuntamento è per le ore 20.30 (porta ore 20) di venerdì 20 aprile. Nel corso della serata interverrà il dottor Giancarlo Negro (di Sannicola), coordinatore trapianti dell’ospedale “Ferrari” di Casarano, per informare sull’importante tema della donazione. «Con l’occasione – afferma dall’associazione presieduta da Luca Sabato – siamo compiaciuti del fatto che finalmente anche nel nostro Comune è ormai possibili esprimere la propria volontà alla donazione degli organi in fase di rinnovo della carta di identità». Per informazioni e prenotazioni si può telefonare al numero 320/7605935.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...