Home Notizie Salve

Tricase – Verbali e denunce a pioggia da parte dei carabinieri della Compagnia di Tricase impegnati nell’operazione “Estate sicura”. In particolare sono state elavate 48 contravvenzioni e ritirate tre patente nell’arco di una sola giornata. Per detenzione ai fini di spaccio è stato denunciato il 46enne di Miggiano V.D.P. sorpreso nel cedere ad un 49enne suo compaesano (a sua volta segnalato come assuntore) una dose con due grammi di eroina. Dal controllo di un’autovettura, invece, sono spuntati due involucri pari a 0,50 grammi di marijuana: il 21enne G.C. ed il 20enne A.Z., entrambi residenti a Albignasego (Pordenone), avevano nella loro abitazione salentina anche altri 13,40 grammi dello stesso stupefacente oltre a 5,27 grammi di hashish. Ad essere denunciato per guida in stato di ebrezza è stato il 46enne di Acquarica del Capo G.R. mentre due minori, un 17enne di Scorrano ed una 16enne di Corsano, sono stati trovati in possesso, rispettivemante, di un grammo e di 0,72 grammi di marijuana. Entrambi sono stati segnalati in Prefettura per detenzione di stupefacente per uso personale così come il 54enne trovato in possesso di 14 grammi di marijuana mentre poasseggiava.

Nella marina di Porto Vecchio di Salve, il 40enne titolare di un residence è stato denunciato per occupazione abusiva di demanio e detenzione e porto di materiale contudente in seguito ai controlli che hanno permesso ai carabinieri di scovare, lungo il litorale ionico, sette ombrelloni e 14 lettini collocati abusivamente sulle dune. La perquisizione personale ha poi permesso di trovare anche una noccoliera in ferro.

Nel complesso, i carabinieri della Compagnia di Tricase hanno identificato 121 persone e controllato 85 veicoli. Le multe per mancato uso delle cinture di sicurezza sono state 33 e 11 quelle per l’uso del telefonino alla guida.

 

Torre Lapillo (Porto Cesareo) – Si potrebbero chiamare i “furbetti della spiaggia”, ovvero coloro che “opzionano” il posto sull’arenile lasciandovi, anche dalla notte precedente, sedie sdraio e ombrelloni. Contro tale scorretta abitudine, spesso causa di litigi sulle affollate spiagge d’agosto, i carabinieri e la guardia costiera hanno condotto, a Torre Lapillo, l’operazione “ombrellone selvaggio” denunciando tre avventori ritenuti responsabili della violazione delle norme del Codice della navigazione in merito all’occupazione abusiva di spazi demaniali. Nel corso della nottata, i tre avevano posizionato nella spiaggia libera, proprio allo scopo di “riservarsi” dei posti, nel totale sette ombrelloni e 13 sdraio. Ad essere stati denunciati sono stati un 50enne di Mugnano (Napoli), un 64enne di Modugno (Bari) ed un 75enne residente a Torino (ma nato a Salice Salentino). Nel corso del loro intervento, i militari hanno sequestrato anche altri 40 ombrelloni posizionati da ignoti fruitori della stessa spiaggia: è molto probabile che, nel corso della mattinata, visto l’andazzo, i rispettivi proprietari abbiano preferito desistere dai loro abusi. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni nelle varie località di mare salentine, in molte delle quali viene segnalato lo stesso fenomeno.

In precedenti sopralluoghi e ispezioni gli agenti della Capitaneria di porto di Gallipoli hanno scovato “gestori” senza ovviamente alcuna autorizzazione ma in grado di far fruttare per sé pezzi di spiagge libere, quindi non oggetto di alcuna concessione demaniale, impiantandovi ombrelloni ed offrendo lettini e sedie agli ignari bagnanti in cambio di denaro. I casi più recenti e ricorrenti rimandano alle spiagge di Gallipoli, Porto Cesareo e Salve.

Salve – «Mi auguro che il fatto in questione sia solo il gesto di un idiota e non un atto intimidatorio nei confronti del ruolo che rivesto e dell’Amministrazione che guido»: con questa parole il sindaco di Salve, Francesco Villanova (foto), ha commentato il ritrovamento, sull’uscio della propria abitazione, di alcuni resti (interiora) di pollame. L’episodio è stato subito denunciato ai carabinieri della locale Stazione e segnalato alla Procura della Repubblica. Ad accorgersi dell’accaduto è stato un familiare del Sindaco. «Ringrazio le cittadine ed i cittadini per le manifestazioni di solidarietà e vicinanza che mi stanno giungendo in queste ore. In ogni caso – afferma il Primo cittadino -continueremo a lavorare in maniera indefessa e senza timore per garantire a Salve un futuro di progresso e legalità». Villanova è stato eletto (con il 53.5% delle preferenze) alla guida del paese  lo scorso giugno alla guida della lista civica “Con noi per Salve”.

Gallipoli – La mala Movida perde colpi: nel luglio appena trascorso i delitti sono stati 194; nello stesso mese di un anno fa erano stati quasi il doppio, ben 324. Lo rende noto l’Arma dei carabinieri col suo rapporto periodico reso noto oggi e relativo ala metà della stagione estiva. Questi dati di fatto rispondono a quanti, allarmati da slogan sensazionalistici e pericoli ingigantiti, hanno inscenato proprio nei giorni scorsi a Baia verde, una manifestazione di protesta contro il “dilagare della criminalità”. La percezione dei fatti è una cosa, i dati di fatto un’altra.

In una nota i carabinieri rilevano che in provincia di Lecce sono arrivati in aggiunta a quelli già operativi, altri 120 militi, di cui 35 solo per la città di Gallipoli e il suo territorio. Proprio la notte scorsa i carabinieri sono stati chiamati ad intervenire in una discoteca della Baia verde dove un 32enne di un paese della provincia di Caserta, in evidente stato di ubriachezza, ha riferito di essere stato aggredito da quattro persone non identificate. L’uomo è stato portato al Pronto soccorso dell’ospedale di Gallipoli; lì gli sono stati riscontrate lievi contusioni. Il fatto è avvenuto intorno alle 4,40 della scorsa notte.

Gli ultimi interventi L’altro ieri invece i carabinieri hanno denunciato all’autorità giudiziaria due giovani provenienti dal Gambia per detenzione di sostanze stupefacenti (cocaina e marijuana) a fini di spaccio, uno di 20 e l’altro di 26 anni. E’ intervenuta l’unità cinofila. Un uomo di Salve, nato a Tricase, V. C. di 43 anni, con la sua Mercedes A è finito fuori strada a Galatone. Ai successivi controlli, il guidatore è risultato in stato di alterazione per l’uso di stupefacenti.

Infine G.D.D. di 25 anni di Nardò, è stato sottoposto a normali controlli da parte dei carabinieri; nella sua auto è stata rinvenuta una mazza da baseball per cui è stato denunciato per detenzione di arma impropria.

 

Maglie – L’attesa è palpabile nei turisti che già si aggirano curiosi di sera nelle strade che dall’1 al 5 agosto ospiteranno gli stand della 19ma edizione del Mercatino del gusto, nelle indicazioni luminose già sistemate per facilitare l’orientamento dei visitatori che come gli anni scorsi si prevedono numerosissimi, nell’aumentato traffico che attanaglia il centro storico. Perché il Mercatino del gusto non è una sagra e non bisogna nemmeno lasciarsi ingannare dal diminuitivo “mercatino”,  perché di piccolo non ha niente, né in qualità né in quantità dei prodotti esposti e di tutto quello che vi gira intorno. Tra l’altro è anche più che maggiorenne: siamo alla XIX edizione, preparata  quest’anno da tre incontri, a San Cataldo, Porto Cesareo e Torre Pali (Salve) che hanno anticipato alcuni temi aumentando l’attesa dell’evento.

Il tema del baratto caratterizza l’edizione odierna: «Ogni anno – dice Salvatore Santese, presidente dell’associazione Mercatino del Gusto – cerchiamo di mettere in cantiere delle idee nuove anche sulla base delle esperienze del passato. Quest’anno le novità riguardano il baratto,

baratto delle idee, delle esperienze. Ci saranno delle ibridazioni anche con altre regioni per la prima volta, che quindi tenderanno a sottolineare le nostre peculiarità pugliesi e  quelle degli altri». Concetto rafforzato da  Giacomo Mojoli, co-ideatore del Mercatino: «Sempre di più abbiamo bisogno di scambiare relazioni, dì contaminarle, di renderle comuni in questo settore dell’accoglienza e del turismo in modo tale da essere fortemente competitivi su scala internazionale, mettere in comune le tante esperienze positive che gli operatori hanno maturato in questi anni». All’interno della manifestazione tanti appuntamenti: “Dalle classiche Cene in villa alle novità, come gli Show Cooking – Siamo la pasta che facciamo, con quattro grandi cuochi pugliesi che interpreteranno la pasta sia fresca che secca. Spazio anche ai laboratori Gusto lab e alla musica tradizionale salentina con Gusto Folk e alla musica jazz”, dice  Michele Bruno, ideatore del Mercatino del Gusto.

Taglio del nastro il 1° agosto Toccherà al presidente dell’associazione Mercatino del Gusto, Salvatore Santese, insieme a Giacomo Mojoli e alle autorità aprire ufficialmente  la diciannovesima edizione con la cerimonia di consegna del Premio Mercatino del Gusto (sesta edizione) in piazza Aldo Moro, omaggio all’impegno, alla creatività, all’originalità, alla capacità  di chi, attraverso il suo lavoro,  contribuisce alla diffusione dell’identità culturale della Puglia. La cerimonia  sarà  presentata dall’attore Antonio Stornaiolo. Ai vincitori andrà “la goccia”,  realizzata da Mariano Light, azienda leader nel settore delle luminarie. Subito dopo i visitatori potranno perdersi per le numerose “strade”.

Vie nuove per cinque giorni  Faranno presto i visitatori a impadronirsi dei nuovi nomi delle strade: Via dell’Olio Extra Vergine di Oliva, Piazza del Vino,  Via della Pizza, Piazza della Birra artigianale, Via della Gastronomia, Via del Benessere, Via dei Dolci, Piazzetta del Gelato, L’Angolo del Caffè, in via Roma i Presìdi e le Comunità del Cibo pugliesi, carne alla brace nello spazio Il Fornello, cibo di strada  nel cortile di Palazzo De Marco e Piazza Frantoio Ipogeo, cene in villa ogni sera nei giardini di Villa Tamborino. Tanti appuntamenti che procureranno ai visitatori  solo l’imbarazzo della scelta: in collaborazione con Apulia Film Commission,  il 4 agosto sarà ospite Rocco Papaleo, regista e attore che terrà un talk show alle 22.30, al Liceo Capece; attenzione per le Masserie didattiche  e per i più piccoli con Mercatino Junior,  a cura di Salento Faber; ogni sera con Gusto Folk spazio dedicato alla danza e alla musica popolare salentina curato dall’associazione Tarantarte; Baratto letterario con Giusy Santomanco  che ospita Fabio Mollica, Luisa Ruggio e Dino Cassone; spazio anche per  il corso Dall’orto alla tavola con Roberto Aloisio; buona musica con l’associazione Jazz club Maglie il 5 agosto con l’anteprima del  Salento Jazz Festival.

Occasione per conoscere la città  I prodotti pugliesi incontrano la città, o meglio tanti ospiti, provenienti da tutta Italia, imparano a conoscere Maglie. Lo mette in evidenza Loredana Capone,  assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, «Questo dei luoghi e del cibo è un pendant che dobbiamo utilizzare al massimo. Credo che il Mercatino del gusto proprio questo faccia, far attraversare le vie di una cittadina bellissima come Maglie attraverso una incantevole presentazione di vari prodotti e vari piatti e farlo anche all’interno di costruzioni che sono bellissime. Ora cosa può ricevere il turista o il cittadino che viene all’interno di un percorso di questo tipo? Riceve la sensazione di trovare un luogo magico – conclude l’assessore – dove la buona cucina si abbina la bellezza e incontra anche la presentazione dei prodotti. Non è una sagra, non è un festival, non è semplicemente la presentazione di piatti. È la comunità che si presenta e diventa più accogliente. Ed è la comunità la vera risorsa della nostra regione, il punto di forza che attrae e fa rimanere e tornare i turisti».

 

 

 

 

 

 

 

 

Gallipoli – Basate su leggi del 2017 (le numero 48 e 97), le ordinanze del ministero dell’Interno per la “prevenzione e contrasto dell’abusivismo commerciale e della contraffazione – Spiagge sicure”, hanno portato ad alcuni Comuni salentini – sui 54 “a maggiore vocazione turistica” finanziati in tutta Italia per 2 milioni e mezzo – i fondi da impegnare per la legalità, per un tetto massimo di 50mila euro. Nelle ordinanze del ministro Salvini vengono riconosciuti ” i passi avanti compiuti” ed anche l’impossibilità di perseguire l’obiettivo “in via ordinaria”. Ne hanno beneficato in provincia di Lecce Otranto (capofila) e Melendugno, Ugento e Salve, Gallipoli con Nardò e Porto Cesareo (gli ultimi due in un primo momento rimasti fuori).

Ieri mattina in Prefettura si è dato il via all’operazione che mira ad aumentare i vigili urbani e comunque i controlli – senza ovviamente alcuna discriminazione tra ambulanti abusivi nostrani e forestieri – nei tratti di litorale di competenza dei progetti presentati ed accolti. Criterio di base è il tetto minimo di mezzo milione di presenze nell’anno. La graduatoria è stata fatta in base ai numeri delle presenze registrato nell’immediato passato: 1 milione 200mila presenze tra Otranto (800mila) e Melendugno (400mila); alla città dei Martiri andranno 26mila euro per pagare gli straordinari cui saranno chiamati i vigili; al Comune di Melendugno i restanti 24mila euro per tre nuovi vigili e per retribuire gli straordinari per 300 ore. Ugento (800mila presenze) e Salve (200mila) si punta ad un pool di controllori da dedicare solamente alla lotta all’abusivismo fino a metà settembre; Salve assumerà quattro vigili urbani.

Gallipoli vuole assumere agenti ma non ne trova Analoghe infine le misure cui pensano i componenti del trio Gallipoli (900mila presenze), Porto Cesareo (400mila) e Nardò (150mila). A Gallipoli si punterà ad assumere in primo battuta vigili a tempo prelevandoli da altre graduatorie (Comune di Lecce) e a rimpinguare il fondo per gli straordinari con i 20mila euro ottenuti. Il dato critico è che il Comune non è riuscito intanto neanche ad assumere i sette vigili in più già programmati (solo due si sono presentati), tra lo scoramento degli amministratori. Nel progetto si metteva nel mirino, avendo personale in più, anche lo spaccio di droga, flagello di un tratto ben identificato del litorale sud. A Porto Cesareo è pronta la deliberazione per rinforzare l’organico dei vigili.

Mellone: “Non sarà una caccia all’africano” “Il nostro lungo litorale e il prezioso e vasto entroterra – commenta il Sindaco Giuseppe Mellone – richiedono uno sforzo enorme che grava sul comando di Polizia municipale, tanto che, fin dall’inizio del mandato, abbiamo aumentato la dotazione di agenti stagionali. Con questa iniziativa (15mila euro a disposizione come per Porto Cesareo, ndr) garantiremo ancora più sicurezza portando da otto a 14 la dotazione di agenti stagionali nel mese di agosto e rispondendo anche alle esigenze degli operatori, che lamentano fenomeni di abusivismo commerciale lungo la costa. Una iniziativa – sottolinea il Sindaco – che non può essere banalizzata, come ha fatto certa stampa, che ha parlato di lotta a venditori di perline. Per noi non sarà una “caccia all’africano” ma un sacrosanto intervento di rispetto delle regole”.

Morciano di Leuca – Il cerchio come unione che racchiude al suo interno e tiene unita la comunità di Morciano di Leuca, i suoi desideri, le sue aspirazioni, la terra rossa, l’onda azzurra del mare: sono i simboli di Terra de sule, la cooperativa di comunità di Morciano di Leuca, presieduta da Francesco Ottobre (foto) che questa sera alle 20,30 sul lungomare di Torre Vado presenta un evento particolare. Le allieve dell’Istituto Don Tonino Bello di Tricase, provenienti dai paesi di Miggiano, Specchia, Montesano, Alessano, Tricase, Corsano, Gagliano del Capo, Presicce, Acquarica, Salve, Morciano di Leuca, torneranno infatti a sfilare indossando i capi che le hanno viste protagoniste in prima serata in piazza Pisanelli di Tricase il 29 giugno scorso.

Questa è la terza stagione che riusciamo, con tanti sacrifici, ad organizzare. Ogni anno cerchiamo di correggere alcuni errori e di migliorare nella selezione delle serate e nell’organizzazione dei vari eventi. Diventa così ogni anno più impegnativo in quanto non si vogliono disattendere le aspettative dei nostri compaesani né tanto meno dei numerosi turisti”, afferma Nadia Stefanelli (foto), del direttivo della cooperativa e organizzatrice dell’evento. “Torre Vado può vantare un calendario ricco ed eterogeneo di eventi (per la precisione più di 50…) La nostra forza – continua Nadia Stefanelli – è sicuramente quella di avere la comunità di Morciano al nostro fianco: sono numerose le donazioni dei piccoli commercianti di Morciano e Torre Vado che ogni anno aiutano con una, piccola o grande quota di partecipazione alla spesa, la realizzazione di un programma qualitativamente sempre migliore”..

La cooperativa Terra de Sule fa tutto il resto: seleziona i gruppi e cerca di assicurare la migliore riuscita possibile. Ogni serata un componente del direttivo è presente e vigila su tutto. A garanzia della comunità.

 

I.D.

Salve – La festa patronale di San Nicola Magno si colora di musica ed esibizioni di artisti di strada: questo il programma della serata di mercoledì 25 luglio, dove alle 21,30 (in piazza Concordia) ci sarà il concerto “Girodibanda”, con l’ensamble di musicisti diretti da Cesare Dell’Anna (al centro in foto).

Parata musicale itinerante – Più che un concerto, un vero e proprio show, cui prendono parte anche giocolieri e artisti di strada, per una parata musicale itinerante che mescola marce sinfoniche classiche del repertorio bandistico e brani inediti. Trenta i musicisti che compongono questo “Girodibanda”, nato dalla fusione tra una banda pugliese e il gruppo degli Opa Cupa, impegnato da vent’anni in un lavoro di commistione fra la tradizione musicale delle bande da giro e le fanfare dei Balcani.

Musica e attualità – Il concerto sarà l’occasione per presentare il nuovo album dell’ensamble, intitolato “Guerra”: un disco che parla di lavoro nero, lavoro sommerso, lavoro nelle fabbriche, contro la violenza che continua quotidianamente a mietere vittime. In “Guerra” si registra inoltre la partecipazione di alcune fra le voci più belle della tradizione salentina, fra cui Enzo Petrachi, Claudio Cavallo, Irene Lungo, Rachele Andrioli (di Salve), Maria Mazzotta, Pino Ingrosso, Puccia e Talla.

 

Tricase – “Pulito è bello. Vergognati sporcaccione”: la campagna ideata e lanciata da Confindustria Lecce e che ha preso vita grazie all’adesione gratuita di alcune aziende che si occupano di igiene ambientale da domani, mette nel mirino il territorio dell’Aro 8, cioè l’Ambito ottimale che comprende i Comuni di Tricase, Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Morciano di Leuca, Patù, Salve, Tiggiano.  Protagoniste di questa ripulitura di strade e stradine con i margini pieni di rifiuti di ogni tipo sono le società, in associazione temporanea d’imprese, della Gial Plast di Taviano e della Bianco Igiene Ambientale di Nardò. Si comincia da domani, 25 luglio mentre a Lecce e nell’Aro 1 la raccolta straordinaria è cominciata a giugno a cura della società Monteco, legale rappresentante Mario Montinaro.

L’impegno volontario di due aziende del settore “L’Ati Gial Plast srl e Bianco Igiene Ambientale srl, da sempre impegnata nel Servizio di Igiene urbana – afferma Stefano Lacatena, delegato per entrambe le aziende – crede fortemente che la tutela ambientale passi per l’impegno di tutte le parti coinvolte, dal cittadino all’azienda e alle Amministrazioni comunali. Convinta che la raccolta differenziata dei rifiuti sia la strada giusta da percorrere per perseguire lo sviluppo sostenibile di cui il Paese ha bisogno – sottolinea Lacatena – ha deciso di abbracciare a pieno il progetto ‘Pulito è bello! Vergognati sporcaccione’ e si impegnerà per tutta l’estate ad avviare azioni di pulizia e raccolta rifiuti abbandonati nelle strade provinciali e statali dell’Aro Lecce 8. Promuovere la cultura del riciclo – conclude l’imprenditore tavianese – significa promuovere stili di vita rispettosi dell’ambiente, la base da cui partire per un pianeta più pulito. Una città più pulita, grazie a comportamenti quotidiani sostenibili: è questo l’obiettivo che si pone la nostra Ati”.

“La campagna, denominata ‘Pulito è bello. Vergognati sporcaccione’ – afferma il presidente di Confindustria Lecce, Giancarlo Negro – si pone l’obiettivo di sensibilizzare alla maggiore cura del nostro meraviglioso territorio, richiamando l’attenzione di cittadini, operatori, imprese, turisti verso la responsabilità che ciascuno deve avere nei confronti dell’ambiente, patrimonio di tutti. Soprattutto durante la stagione estiva, in cui si vive maggiormente a contatto con la natura e con l’incremento dei visitatori, il Salento deve presentarsi al meglio e regalare a chi lo vive un’immagine straordinaria, pulita, empatica, da conservare, portare con sé e raccontare all’esterno”.

La conferma dell’importanza del’obiettivo scelto da Confindustria e dalle società del settore aderenti, lo porta l’imprenditrice turistica Stefania Mandurino: “Sono molto contenta come imprenditrice che si occupa da anni di promozione turistica e come cittadina dell’iniziativa che vede pubblico e privato insieme per arginare un fenomeno che deturpa il nostro territorio. Il primo motivo di reclamo  – rileva Stefania  Mandurino – di ospiti e turisti che trascorrono le loro vacanze in Salento attiene alla pulizia delle strade e alla presenza di innumerevoli discariche a cielo aperto. I rifiuti abbandonati sulle strade o nelle campagne costituiscono un elemento di disturbo soprattutto per quelle nuove forme di turismo che si stanno diffondendo anche da noi e che prevedono passeggiate, itinerari di trekking, percorsi in bicicletta alla scoperta della natura, o tra le masserie e le cantine”.

Nel corso della campagna è stato lanciato infine l’hashtag #VergognatiSporcaccione che vuole essere una occasione di coinvolgimento e responsabilità di tutti verso l’ambiente, in particolare i cittadini che possono, attraverso le reti sociali denunciare eventuali situazioni di abbandono indiscriminato di rifiuti o di segnalare episodi di comportamenti lesivi dell’ambiente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gallipoli – Un altro lido abusivo, in zona riservata invece a spiaggia libera, è stato individuato e sanzionato lungo la costa delle marine di Salve dagli uomini della Guardia costiera della Capitaneria di porto di Gallipoli. Una persona non autorizzata aveva piantato i pali per sostenere gli ombrelloni ed alcuni lettini e sedie in un’area di circa 50 metri quadri. L’operatore illegittimo è stato denunciato all’autorità giudiziaria con contemporanea sequestro dei materiali e degli attrezzi  illecitamente posizionati sulla spiaggia che è così tornata libera Fino a quando? Sono numerose le reiterazioni di queste attività illegali in quella ed in altre zone.

Sempre in questo fine settimana sono stati controllati cinque stabilimenti balneari tra Gallipoli e Porto Cesareo; due di questi sono stati multati per non aver rispettato i cinque metri di bagnasciuga da mantenere liberi per il passaggio libero dei bagnanti; per carenze nelle dotazioni di sicurezza sono state sanzionate tre attività di noleggio di arredi da spiaggia.

Nel bilancio finale degli agenti ci sono contestate 25 infrazioni “per aver ancorato o navigato a motore nella fascia di mare riservata alla balneazione o nelle zone interdette da ordinanze della Capitaneria di porto di Gallipoli per rischio crolli delle falesie, nonché a carico di unità che effettuavano il trasporto passeggeri con a bordo un numero di persone superiore a quello consentito dalle certificazioni di sicurezza.

Nell’Area marina protetta di Porto Cesareo, infine, sono state sanzionate diverse moto d’acqua
“per aver navigato all’interno del sito protetto in violazione alla disciplina di settore”.

Pescoluse (Salve) – Bagnanti in difficoltà per il rapido peggioramento delle condizioni del mare. Nel corso della mattinata la Guardia costiera è intervenuta in località Pescoluse (marina di Salve) per recuperare una persona in serie difficoltà ad una certa distanza dalla riva. L’intervento si è reso necessario dopo che due assistenti bagnini avevano già soccorso, con l’ausilio di una moto d’acqua, altri sei bagnanti in difficoltà nel rientro a riva.  In seguito a questa operazione, uno degli assistenti intervenuti ha immediatamente allertato il numero di emergenza 1530 della Sala operativa della Guardia costiera di Gallipoli segnalando la possibile presenza in mare di un’altra persona. Così è poi stato perché la motovedetta uscita dal porto di Leuca è riuscita, di li a poco, a recuperare il bagnante che era in serie difficoltà trasportandolo a riva dove gli sono stati prestati i soccorsi da parte del personale della Croce Rossa e del 118.

Salve – Giunge a conclusione la III edizione della rassegna ArteMare, con un ultimo appuntamento in programma sabato 21 luglio (ore 20,30) in piazza della Repubblica: protagonista sarà il pianista e compositore brasiliano Marcelo Cesena (in foto), sul palco per il concerto “Che cos’è l’uomo, perché te ne curi?”, che propone al pubblico inediti e una carrellata dalla musica classica ai successi di Ennio Morricone. Ingresso gratuito.
L’evento gode del partenariato dell’associazione nazionale di promozione sociale Santa Caterina da Siena, e del patrocinio del Comune di Salve. La rassegna ArteMare è sostenuta da Ascla, Csl Puglia e Cestis.

Suonare nelle periferie – Già vincitore del Brazilian International Press Award e ospite della manifestazione Piano City Milano, Cesena ha al suo attivo numerosi concerti fra Stati Uniti, Europa e Sud America. Sulla scelta di suonare in un piccolo centro come Salve, l’artista dichiara: “Tradizionalmente ogni musicista aspira alle grandi platee. Non c’è nulla di sbagliato in questa scelta. Il rischio, però, è che ci si potrebbe fermare solo a questo, dimenticandosi che tutti hanno bisogno della bellezza della musica, che l’arte è per tutti. Anche per luoghi convenzionalmente non da concerto. Non esistono periferie, ma luoghi d’incontro per la musica”.

Gallipoli – Salve – Continua l’ormai quotidiana azione della Guardia costiera per la verifica della regolare occupazione di spiaggia pubblica da parte di lidi e noleggiatori. Gli ultimi interventi nei comuni di Gallipoli e Salve. Nel primo caso, in località Padula Bianca (litorale nord) i militari hanno accertato l’occupazione di circa 560 metri quadrati in più rispetto a quelli dati in concessione demaniale al titolare di una struttura balneare, oltre alla realizzazione non autorizzata di una struttura in legno adibita a deposito e al posizionamento di casse musicali e pali di illuminazione su supporti posizionati direttamente sulla spiaggia. Nella marina di Salve, invece, la Guardia costiera di Leuca ha sequestrato gli ombrelloni e le sdraio che un noleggiatore aveva già posizionato su 50 metri quadrati di spiaggia libera.

Lido Marini (Ugento/Salve) – Il “corridoio” sulla spiaggia libera non si farà. I villeggianti di Lido Marini ottengono quel che volevano, visto che l’Amministrazione comunale di Ugento ha ritirato il previsto bando per la realizzazione di un corridoio di lancio “per attività sportive e ricreative idrosciatorie e noleggio natanti”, ma vedono ora in bilico il rapporto con gli amministratori locali. Almeno per quel che riguarda uno dei due versanti della marina divisa tra Ugento e Salve. A segnalare le difficoltà di comunicazione è il presidente della locale Pro loco, Antonio Nuzzo. «Da quando siamo scesi in campo per difendere un pezzo di spiaggia pubblica, il Sindaco di Ugento non risponde più alle chiamate e alle sollecitazioni e questo – afferma Nuzzo – non può che acuire i disagi della località, che si trova, ancora una volta abbandonata a se stessa».

Ugento/Salve: collaborazione svanita Prima dell’inizio della stagione turistica, infatti, i sindaci di Salve (Francesco Villanova) e di Ugento (Massimo Lecci) si erano trovati pronti a collaborare e a dare finalmente il giusto riguardo a Lido Marini. Ora, però, le promesse e i progetti messi su carta sembrano svaniti. «Non abbiamo ancora avuto modo di incontrare il neoeletto sindaco di Salve, mentre con il sindaco di Ugento è diventato impossibile comunicare. In più ci ritroviamo con un direttivo estremamente depotenziato, ci mancano le risorse umane. I commercianti, visto il clima di incertezza non si sbilanciano ed è davvero difficile, se non impossibile, portare avanti una stagione in queste condizioni». A causare la rottura dei rapporti con il Comune di Ugento pare sia stata proprio la protesta dei residenti (con tanto di raccolta firme e petizione online) contro il bando per il “corridoio” sulla spiaggia (tra i lidi dell’hotel Ravezzo e di “Zona Franca”), a quanto pare non presente nel Piano coste realizzato lo scorso anno proprio in collaborazione con la Pro loco, ma approvato dal Consiglio comunale a ridosso della stagione estiva. «Dal giorno in cui abbiamo iniziato ad opporci, l’Amministrazione comunale ha tagliato i contatti con noi. In seguito – continua Nuzzo – abbiamo inviato delle comunicazioni ufficiali per avere informazioni e convocare un incontro risolutivo per discutere, ma non abbiamo avuta risposta». Rimangono, inoltre, solo su carta tutti gli altri interventi pianificati per risolvere alcuni dei problemi segnalati da residenti e villeggianti, tra i quali sicurezza e fogna nera.

A settembre gli “Stati generali” Del clima di incertezza ne risentono anche le serate programmate (questa’anno appena tre da Ugento contro le otto dello scorso anno). «Stiamo ancora pagando i debiti delle precedenti gestioni e non vogliamo aggiungere altre serate se prima non si riesce a trovare l’adeguata copertura finanziaria», conclude il presidente della Pro loco sottolineando l’aiuto economico, del tutto disinteressato, offerto da alcuni turisti. Intanto è ancora aperta la campagna di tesseramento mentre per gli inizi di settembre è stata convocata l’assemblea degli “Stati generali di Lido Marini”: che sia la volta buona per “fare sistema”?

Gallipoli – Ad annunciarlo sulla sua pagina Facebook domenica 15 luglio è il governatore Michele Emiliano: la Regione Puglia ha acquistato e distribuito 200 sedie “Job” con cui i disabili potranno accedere alle spiagge. Si tratta appunto di sedie da mare per disabili, costruite con materiali resistenti all’acqua marina, che permettono l’accesso alla spiaggia e la balneazione a persone con disabilità.

Il nome “Job” proviene dal simpatico acronimo campano “Jamme ‘o bagno”. «Il tramonto su alcune spiagge pugliesi sarà più libero – ha scritto Emiliano – e i disabili potranno accedere alle spiagge libere gestite dalle amministrazioni locali. Il numero di sedie Job distribuite ad ogni Comune – conclude il governatore – è proporzionato alla lunghezza delle coste di ciascun Comune costiero». La notizia non arriva in una data a caso ma proprio nel giorno in cui a Roma e altre città italiane si celebra il “Disability Pride”, un’iniziativa nata per portare tra la gente i temi riguardanti il mondo della disabilità.

Di seguito i Comuni della provincia di Lecce beneficiari e, tra parentesi, il numero di sedie assegnate: Lecce (4), Trepuzzi (2), Squinzano (3), Vernole (2), Melendugno (4), Otranto (7), Santa Cesarea Terme (3), Castro (2), Diso (1), Andrano (1), Tricase (2), Tiggiano (1), Corsano (1), Alessano (1), Gagliano del Capo (3), Castrignano del Capo (2), Patù (1), Morciano di Leuca (1), Salve (2), Ugento (3), Alliste (1), Racale (1), Taviano (1), Gallipoli (6), Galatone (1), Nardò (6), Porto Cesareo (5).

 

Pescoluse (Salve) – Stabilimenti balneari al setaccio, da parte della Guardia costiera, per la verifica del rispetto delle normative sulla sicurezza. Ben 18 sono le sanzioni amministrative elevate nelle ultime ore nei confronti di concessionari di stabilimenti e noleggiatori di attrezzature balneari lungo il basso litorale ionico, soprattutto in località Pescoluse (Comune di Salve). In particolare, i militari della Guardia costiera di Gallipoli ed i colleghi dell’Ufficio locale marittimo di Leuca, hanno riscontrato l’assenza del servizio di salvamento, ormai obbligatorio da due anni anche per chi effettua l’attività di noleggio. In altri casi sono stati riscontrate carenza nelle dotazioni di sicurezza.

Falesie e divieti Ad oltre mille euro ammonta, inoltre, il totale delle sanzioni elevate a diversi natanti da diporto per il mancato rispetto delle distanze di sicurezza previste nelle zone interdette alla navigazione per il rischio di crollo delle falesie (così come previsto da diverse ordinanze della Capitaneria di porto di Gallipoli).

A Torre San Giovanni (Marina di Ugento), infine, un pescatore sportivo è stato multato per aver raccolto oltre 400 ricci di mare a fronte dei soli 50 consentiti. Quanto raccolto è stato rigettato in mare (perchè ancora vitale) mentre l’attrezzatura di pesca è stata sequestrata.

 

Felline (Alliste) – Si chiama Movimento Pro Felline, presidente Giuliano Ciriolo, ed è una giovanissima associazione culturale, nata un anno fa, quella che ha dato vita, al suo interno, ad una compagnia teatrale: La Compagnia dei Castellani. Il gruppo teatrale è composto da 13 attori in parte di Felline e in parte di Alliste: Rodolfo Maroccia (regista), Tebaldo Verardi, Micaletto Elena, Giustizieri Gabriella, Deodato Pierri, Stefano Martina, Lorella Belvedere, Sara Congedi, Maria Celeste Spennato, Emanuele Lucrezio, Luca Manco, Karen Casto, Ludovico Stamerra.

“L’associazione Pro Felline nasce con una doppia finalità: politica e culturale. Sotto il primo aspetto, ha come obiettivo la tutela e la  valorizzazione del centro storico di Felline, mentre dal punto di vista culturale lavoriamo, oltre che attraverso La compagnia dei Castellani, anche con la valorizzazione della cultura del territorio, organizzazione di convegni, di mostre fotografiche, visite guidate”, dichiara il presidente di Pro Felline, Giuliano Ciriolo.

La compagnia intanto sarà in scena stasera, a Salve, alle ore 21 con la commedia in vernacolo “Eutanasia, la morte bella” presso il teatro Li Trappiti, Ingresso gratuito.

I.D.

Salve – Controlli a tappeto da parte della Guardia costiera lungo il litorale ionico per contrastare il fenomeno dell’occupazione abusiva delle spiagge. Sin dalle prime luci dell’alba, i militari di Gallipoli e di Santa Maria di Leuca sono intervenuti nelle marine del Comune di Salve (nel cui territorio ricadono Pescoluse, Torre Pali, Posto Vecchio e Lido Marini) sequestrando 60 ombrelloni e 110 lettini che i titolari di due attività di noleggio avevano già posizionato abusivamente sulla spiaggia libera. Quanti sono autorizzati al noleggio dei suddetti arredi, infatti, non sono autorizzar ad occupare preventivamente gli spazi liberi del demanio marittimo.  L’operazione ha permesso di restituire alla pubblica fruibilità circa 800 metri quadrati di spiaggia. Nel corso della medesima attività, la Guardia costiera ha pure appurato alcune violazioni delle norma sulla sicurezza balneare, elevando tre verbali amministrativi per complessivi tremila euro per l’assenza dell’assistente bagnanti e per la mancanza delle attrezzature idonee ad assicurare il servizio di salvataggio.

Salve – Questa estate a Salve i compiti delle vacanze si svolgono in compagnia, grazie al nuovo servizio offerto dalla Biblioteca comunale, in collaborazione con il Comune. Presso il centro culturale Palazzo Carida Ramirez dal 2 luglio scorso è partito il nuovo servizio gratuito “Sos compiti per le vacanze” che sarà attivo fino al 3 settembre dalle ore 17 alle 20. Il servizio si rivolge ai bambini da 6 a 11 anni, che potranno trovare in biblioteca una consulenza per le loro ricerche, nonchè ogni materiale necessario per lo studio: dizionari, enciclopedie, testi e accesso gratuito a internet.

“Al primo incontro di lunedì scorso hanno partecipato otto ragazzi, di cui tre non residenti e in Salento per vacanza. Siamo contenti del risultato. Questo servizio, insieme agli altri offerti dalla biblioteca, ci consente di essere ciò che effettivamente desideriamo: un supporto di crescita culturale per la comunità, in sintonia con suole e associazioni, attraverso anche la contaminazione di vari linguaggi”: così si esprime Elisa Cantone (foto), addetta al servizio biblioteca per conto della società cooperativa Imago. Nel presentare con entusiasmo il nuovo servizio, Elisa Cantone rinnova l’invito alla comunità a frequentare la biblioteca, ricordando che questa è principalmente luogo di incontro in cui ci si confronta e si favoriscono nuove idee nel rispetto di quelle degli altri, un laboratorio di crescita.

Gli altri servizi Per rispondere a questa necessità la biblioteca è presente con diversi servizi innovativi come “Le buone notizie del Giovedì in Biblioteca”, libera riunione di lettura e approfondimento intorno all’ “impresa del bene”, imprese sociali e cooperative, casi di eccellenza italiani, storie di successo del Terzo settore, un’occasione per restare aggiornati o prendere spunti interessanti sulle “buone notizie” italiane; cineforum tematici, laboratori didattici, attività di supporto per aspiranti scrittori, e molti altri servizi in incubazione e pronti a partire per il prossimo autunno.

Soddisfatta di tutto questo Lucia, madre di Francesco e Andrea (12 e 9 anni), che frequentano assiduamente la biblioteca, che sottolinea “la validità dei servizi offerti e l’insostituibilità di Elisa”. La madre ha parole di apprezzamento nei confronti di tutte le iniziative di cui si fa promotrice la biblioteca e definisce l’ultima iniziativa “Sos compiti per le vacanze” come “molto apprezzata e un sostegno grande per i nostri figli”.

I. D.

Cutrofiano – Dopo una stagione trionfale valsa la storica promozione in Serie A2 femminile di volley, il Cuore di Mamma Cutrofiano è protagonista anche in sede di mercato. La squadra di coach Antonio Carrattù ha messo a segno una serie di colpi che stanno facendo sognare la piazza, in vista della prossima stagione nella pallavolo che conta.

Il roster è stato rinforzato con gli arrivi di Elisa Manzano (centrale), Alice Barbagallo (libero), Merete Lutz (opposto), Maria Sofia Negro (alzatrice, foto) e Serena Moneta (laterale). Si tratta di profili di primissimo livello che potrebbero davvero far compiere il salto di qualità alla compagine salentina. Un mix di qualità e giovinezza in cui si mescoleranno le doti di Maria Sofia Negro, diciottenne originaria di Salve, pronta a dare il personale contributo alla causa cutrofianese. E il telefono del direttore sportivo e team manager Francesco Melegari, continua squillare.

La rosa non è ancora stata completata e la dirigenza continua a lavorare sotto traccia per mettere a disposizione di Antonio Carrattù un organico competitivo per la nuova categoria. Agli acquisti mirati si è aggiunta la riconferma fondamentale di Francesca Saveriano, alzatrice classe ‘93 reduce da un’annata da protagonista assoluta con la maglia del Cuore di Mamma.

Formalizzata nei giorni scorsi l’iscrizione al prossimo campionato, le Pantere continuano a prepararsi alla nuova stagione d’esordio nella seconda serie pallavolistica italiana che vedrà per la prima volta sotto rete un club della provincia di Lecce.

Salve – Brusco inizio giornata stamattina per gli operatori che sul litorale del Comune di Salve si occupano di noleggiare gli ombrelloni e i lettini ai bagnanti. La Capitaneria di porto di Gallipoli, dopo aver constatato che l’attività di noleggio veniva svolta in modo irregolare in quanto in assenza del servizio di salvataggio previsto come essenziale dalla legge, ha dovuto agire bloccando le attività di balneazione. All’origine del disagio un precedente accaduto due giorni fa e dovuto al fatto che i noleggiatori cominciassero ad assegnare i lettini e gli ombrelloni prima che il servizio di salvataggio, affidato alla Protezione civile “La Torre”, fosse attivo, cioè alle ore 9.

Probabilmente in seguito a un tentativo di ridefinizione degli accordi tra l’Amministrazione comunale e l’associazione La Torre, si è giunti alla revoca dell’atto col quale veniva conferito incarico alla stessa. Con delibera del 4 luglio il Comune ha proceduto al ritiro dell’incarico conferito.  Di conseguenza stamattina sono stati “riconsegnati” i natanti strumentali al servizio che sono stati depositati all’entrata del Comune di Salve (foto) e rimosse le torrette di salvataggio dal demanio. Ulteriore conseguenza: gli operatori che avevano noleggiato lettini ed ombrelloni sono nuovamente stati multati poichè irregolari.

Di disappunto le reazioni dei bagnanti. “Stamattina è stato il caos – racconta un uomo originario di Salve, residente al Nnord e tornato qui in ferie – alcuni avevano montato gli ombrelloni e poi li hanno smontati e restituito i soldi ai clienti, per paura di un secondo verbale. Altri hanno rischiato e si sono beccati il secondo verbale da 1000 euro in tre giorni”.

La Protezione civile “La Torre”  forniva il servizio di salvataggio da più di 20 anni. Ora il timore principale è che questo disservizio che si è venuto a creare, se non risolto a breve, incida sul mantenimento del privilegio della bandiera blu, di cui dal 2009 il litorale salvese si fregia.

 

Pescoluse (Salve) – Stagione estiva ormai nel vivo ma stabilimenti balneari “impreparati”. Sei noleggiatori di attrezzature balneari sono stati, infatti, sanzionati a Marina di Pescoluse dalla Guardia costiera per non aver predisposto le postazioni di salvataggio e di assistenza ai bagnanti secondo quanto previsto dalla nuova ordinanza balneare vigente nel Circondario marittimo di Gallipoli. Le attività di controllo sono state condotte nell’ambito dell’operazione “Mare sicuro 2018” dai militari della Guardia costiera di Gallipoli e dal personale dell’ufficio locale marittimo di Santa Maria di Leuca.  A ciascun noleggiatore è stato elevato un verbale da 1.032 euro e ciascuno è stato, altresì, diffidato al fine di assicurare le previste misure di sicurezza. Quella delle postazioni sopraelevate rappresenta una delle maggiori novità introdotte dall’ordinanza di sicurezza balneare n. 37 del 2018 che ha la finalità di assicurare all’assistente addetto al salvamento una maggiore visibilità dello specchio di mare frequentato dai bagnanti e, di conseguenza, una maggiore rapidità di intervento in caso di pericolo.

Pescoluse (Salve) – Straordinaria scoperta di alcuni bambini ieri che, mentre giocavano sulla spiaggia di Pescoluse, si sono imbattuti in una consistente covata di uova di tartarughe. Dapprima la nidiata di Caretta Caretta, specie a rischio estinzione, è stata scambiata dai piccoli bagnanti per un mucchio odi palline con le quali hanno pure giocato per qualche minuto.

Appena i loro genitori hanno visto da vicino cosa stava accadendo, è apparsa loro subito chiara la situazione ed è partita la segnalazione alla Capitaneria di Porto di Gallipoli. La nidiata si trova ad una quindicina di metri dalla battigia e a ridosso di una duna. La zona è stata recintata quindi e il tutto posto sotto la responsabilità del Centro recupero tartarughe marine del Museo di storia naturale di Calimera.

Pescoluse, località che gode della Bandiera blu di Legambiente, non è nuova ad essere spiaggia prescelta da parte delle tartarughe marine per deporvi le uova. Questa specie, dichiarata protetta dal 1994, già nel 2013 aveva registrato una deposizione di uova di Caretta Caretta. Il 12 giugno scorso un’altra nidiata è stata scoperta sulla spiaggia di Torre Chianca. La schiusa delle uova è prevista per metà agosto. Resta solo da sperare che le uova superino le difficoltà legate alla presenza dei predatori, delle mareggiate, della balneazione in generale. (foto Ansa)

I.D.

Torre Pali (Marina di Salve) – Fa tappa a Torre Pali il terzo “workshop” che anticipa il Mercatino del gusto di Maglie. Dopo San Cataldo e Porto Cesareo, sabato 30 giugno “Aspettando il mercatino del Gusto” propone “uno scambio di saperi e conoscenze” per promuovere l’evento magliese, in programma dall’1 al 5 agosto. A Torre Pali, dalle 18 presso Lido Gold, al centro dell’incontro ci sarà il dibattito sulle tipicità della gastronomia, e dei vini pugliesi, con l’approfondimento del “pane e olio” e della “cumma”, un prodotto nato dalla tradizione contadina del Salento, ottenuto dalla semola rimacinata con materie prime naturali e di altissima qualità, senza l’utilizzo di emulsionanti o conservanti, farcita con diversi ingredienti. Non mancheranno vini e birra artigianale. Al workshop parteciperanno l’assessore regionale Loredana Capone, l’ideatore del Mercatino del Gusto Michele Bruno, il giornalista ed etnogastronomo Pino De Luca, e Valentina Attanasio che coordina l’evento  Ad accogliere gli ospiti, nell’incontro moderato da Leda Cesari, sarà Enrico Chirivì del Lido Gold.

 

 

Salve – Set salentino per “Bugiardi”, l’ultima pellicola di Volfango De Biasi, regista e sceneggiatore romano. E’ terminato lo scorso sabato il ciclo di riprese effettuate sulla spiaggia di Pescoluse, marina di Salve, “buen retiro” del regista di “Iago” e “Natale col boss”. Tanti gli attori sul set allestito presso il lido Agri-beach Eden Salento, e a Galatina, dove la troupe si è data appuntamento domenica sera per una pausa dalle riprese, con il concerto di Cesare Dell’Anna e Girodibanda in piazza San Pietro a fare da sfondo. Presenti a Pescoluse Massimo Ghini, Alessandra Mastronardi, Antonello Fassari, Paolo Ruffini, Diana Del Bufalo, Herbert Ballerina, Paolo Calabresi, che si sono concessi ai selfie di fan e curiosi (foto dai canali social di Eden e Volfango De Biasi). Completano il cast di stelle della commedia italiana Giampaolo Morelli e Carla Signoris. Ora la troupe si è spostata a Galatone, dove le riprese continuano in un b&b in campagna.

La pellicola, prodotta da Picomedia, è finanziata da Apulia Film Commission e sarà distribuita da Medusa Film. La sceneggiatura è tratta dal lungometraggio di Philippe Lacheau “Alibi.com”, uscito nel 2017 in Francia, e racconta le disavventure di un’azienda che crea ogni genere di alibi utile per coprire menzogne e infedeltà dei propri clienti.

 

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...