Home Nardò Sant'Isidoro
Notizie da Sant'Isidoro, frazione di Nardò

Località Sant’Isidoro di Nardò

Nardò – Non trova pace il nuovo assetto urbanistico della costa, disciplinato da ultimo dal Piano comunale delle coste varato pochi mesi fa. S’intrecciano casi precedenti ed attuali tra scelte dell’Amministrazione, aspiranti concessionari che litigano e giudici amministrativi di continuo chiamati in ballo. E’ di questi giorni la notizia che una società che aveva vinto la gara anche per comparazione con il concorrente, è stata esclusa proprio per l’intervento di una sentenza del Tribunale amministrativo regionale di Lecce cui si era rivolto il secondo classificato. La prima società, che peraltro non ha presentato istanza al Consiglio di Stato lasciando che la sentenza diventasse definitiva, è “La Nave”; la ricorrente è la “Oasi srl”. Il nodo del contendere una concessione di demanio marittimo a Sant’Isidoro, lotto 10, per realizzare uno stabilimento balneare. La revoca con determina è datata 15 novembre ed è a firma del dirigente comunale che segue queste materie. La sentenza del Tar non è stata appellata neanche dal Comune, pure chiamato in causa. I giudici hanno ritenuto errato tra l’altro che il Comune abbia preso in esame la domanda di concessione de “La Nave” del giugno 2015 per una parte del lotto indicato come ampliamento di una concessione già esistente del 2008, trascurando il fatto che l'”Oasi” ne aveva già prodotta una per l’intero lotto 10 nel febbraio dello stesso anno. Errata anche la decisione di mettere in comparazione le due domande aventi oggetti diversi (una ampliamento, l’altra nuova concessione).

Intanto ecco un altro ricorso. I giudici del Tar sono stati intanto richiamati in causa da un altro esposto firmato da una decina di residenti nel tratto che va dalle Quattro colonne di S. Maria al Bagno a Santa Caterina. Motivo: pur contando una trentina di km di litorale, in appena due km sono stati concentrati – dal pino coste citato . ben 16 lidi, con assai probabile aumento dei  problemi di traffico e di quiete. In questo caso è l’intero Piano ad essere impugnato. I ricorrenti infatti “data la particolare rilevanza della costa e dei siti interessati” ritengono, col loro legale avv. Daniele Montinaro, che lo strumento di programmazione urbanistica andava sottoposta a Vas, Valutazione ambientale strategica. Il riferimento è alla Palude del Capitano, Portoselvaggio, Torre Uluzzo, Grotte di capelvenere.

 

Nardò – «Abbiamo fatto l’impossibile, per quest’anno non siamo riusciti ma per il prossimo non dovremmo avere problemi». Con questa premessa-promessa, il consigliere comunale di maggioranza Giuseppe Verardi risponde via Facebook a una cittadina che nei giorni scorsi ha sollevato il problema dell’assenza, nel litorale di Sant’Isidoro, di pedane e accessi in spiaggia per disabili. Verardi, la cui attenzione per la marina di Sant’Isidoro è nota avendo anche la delega ai rapporti con i cittadini lì residenti, ha tranquillizzato tutti: «Posso capire bene il disagio – ha scritto il consigliere di “Giovani in Azione”, che di recente ha aderito a “Movimento Regione Salento” – e quindi sono il primo a voler fortemente queste pedane. Saranno interventi importanti che riguarderanno la spiaggia di Sant’Isidoro, la spiaggetta San Nicola e Lido dell’Ancora. Ne occorre uno anche a Torre Squillace e mi sono già attivato, anche se lì siamo ancora all’anno zero. È un bel progetto – ha concluso – e i fondi già ci sono». L’estate 2018 dovrebbe quindi portare all’abbattimento dell’ennesima barriera architettonica.

Sant’Isidoro – Tutto pronto per il “1° Triathlon Terra d’Arneo” di Sant’Isidoro. Saranno 158 gli atleti che prenderanno parte alla gara “sprint” (750 metri di nuoto, 20 km di bici e 5 km di corsa), 40 coloro che si disimpegneranno nella più accessibile “supersprint”. La Polizia municipale, per il prossimo 15 ottobre, ha sviluppato un piano di temporanea sospensione del traffico nelle vie interessate dal percorso: dalle ore 9 alle 14 niente automobili in via Leuca, strada Brusca e via Cucchiara per il passaggio delle bici; via Ugento, via Valle d’Itria, via Trani, via Sorrento, via Terracina, via Lavinio saranno invece alcuni dei tratti sospesi al traffico per consentire agli atleti una corsa in sicurezza. L’evento è organizzato dal Comitato Regionale Fitri in collaborazione con Gianni Casaluce dell’associazione Verdesalis, e con presidente e vice della “J Nardò Bianconera”, Tony De Paola e Tiziano De Pirro.

 

SANT’ISIDORO (NARDÒ). Un manufatto abusivo, realizzato in blocchi di tufo e con copertura in eternit, è stato sequestrato dalla Guardia costiera di Gallipoli a S. Isidoro, località marina di Nardò. I sigilli sono scattati nel corso di alcuni controlli di polizia marittima. Il manufatto, privo di qualsivoglia titolo autorizzativo e di circa dieci metri quadrati, sorge in zona demaniale all’interno dell’Area marina protetta di Proto Cesareo. Da una prima ricognizione sembrerebbe essere utilizzato come deposito di attrezzature e  materiale vario.

SANT’ISIDORO. Era uscito di casa per una battuta di pesca subacquea, da navigato pescatore, ma qualcosa doveva essere andato sorto se i familiari fino a sera tardi non lo avevano visto rincasare. L’allarme alla Capitaneria di porto è partito dai familiari dell’uomo, un anziano, e sono subito scattate le ricerche che hanno portato al ritrovamento, nel tratto di mare tra S. Isidoro e Torre Inserraglio. Di un corpo incastrato con le gambe in una fessura della scogliera.  Gli agenti delle due motovedette impegnate nell’operazione hanno subito chiamato il “118”; giunti sul posto, i sanitari intorno alle 8,45 di oggi non hanno potuto far altro che constatare la morte di A. N., originario di Nardò ma residente da tempo a Fiorano Modenese. L’uomo aveva indosso la muta, pinne e maschera e probabilmente inseguendo una preda era finito per imprigionarsi senza scampo in un passaggio rivelatosi troppo stretto.

 

NARDÒ. Agosto rovente in quel di Nardò, nonostante le già alte temperature meteo: dopo il “sì” del progetto di lottizzazione della Sarparea a Sant’Isidoro da parte della Giunta comunale arriva – come c’era da attendersi – la pioggia di reazioni sul provvedimento. Non si fa attendere la nota con cui il comitato “Salviamo la Sarparea” commenta la decisione dell’esecutivo di Mellone, annunciando di dare battaglia sul piano legale: “Si mostra un chiaro disinteresse – scrivono gli attivisti coordinati da Stefania Ronzino – verso la palese e incontrovertibile presenza di un uliveto secolare protetto dalla Costituzione e dalle leggi statali e nazionali. Il Comitato annuncia il ricorso in ogni sede contro questa scellerata decisione che tradisce la vocazione del territorio”.
Di tutt’altro tono l’intervento della “Oasi Sarparea”, la società inglese che costruirà il resort tra gli ulivi, che per bocca dell’amministratrice unica Alison Deighton si dice soddisfatta: “La giornata di oggi rappresenta per noi un momento di particolare orgoglio, che manifestiamo nel consegnare finalmente un’idea funzionale alla comunità di Nardò. Ci preoccuperemo – scrive la Deighton – di approfondire il legame con il territorio, come dimostrato dalla volontà di creare un parco monumentale con tre ettari di ulivi secolari. Un vero e proprio dono per la comunità, col progetto che punterà a destagionalizzare il turismo salentino”.
L’opposizione consiliare annuncia dal canto suo la richiesta di un Consiglio monotematico sulla faccenda e rimarca le “contraddizioni” tra i diversi comportamenti di Mellone: “Nel 2014 la posizione di Pippi Mellone, all’epoca consigliere comunale di opposizione, era un netto no alla realizzazione di una struttura che non avrebbe portato ricchezza al territorio, sosteneva, richiamando anche il parere negativo unanime della Consulta per l’ambiente. Oggi dribblando l’assise comunale dà il via libera a questa follia senza precedenti”, scrive il consigliere Lorenzo Siciliano (Pd). Gli fa eco Lucio Tarricone, del centro studi “Salento Nuovo”: “Chiediamo noi oggi a Mellone chi ci guadagna, come facevano allora lui e De Tuglie dall’opposizione agli amministratori di allora. Ovviamente ci aspettiamo per coerenza le dimissioni dell’assessore”. Per Tarricone “la Sarparea con i suoi ulivi millenari non è solo un luogo incantato, è l’essenza stessa della nostra storia, della nostra cultura, del nostro essere persone”.

NARDÒ. A Sant’Isidoro si può fare e si farà il il complesso residenziale progettato dalla società inglese “Oasi Sarparea srl”. Oggi la Giunta comunale presieduta dal Sindaco Giuseppe Mellone ha approvato la lottizzazione spiegandone i motivi in una deliberazione di 17 pagine. Per gli amministratori neretini – alcuni dei quali fortemente contrari al progetto – ritengono che gli obiettivi del piano sono adesso idonei, riguardando “la salvaguardia degli ulivi monumentali presenti nel comparto;  la valorizzazione e tutela del paesaggio e in particolare dell’uliveto; la realizzazione delle strutture con la massima riduzione di impatto ambientale”.
Come si ricorderà, il tragitto di questo insediamento per turisti di fascia alta è cominciato nel 2009 ed ha attraversato varie vicissitudini tra Comune e Regione, con il cambio di alcune normative in corso. La zona ha una destinazione urbanistica di tipo C5 (zone residenziali di espansione); il  comparto che misura 21 ettari e mezzo, era stato già interessato in una sua parte da una precedente lottizzazione, quella della società “Soviva”, in corso di realizzazione per oltre 200 villette. Il nuovo piano redatto dalla “Oasi Sarparea” ha ottenuto nel 2015 il parere favorevole della Soprintendenza e nel 2016 il parere paesaggistico di compatibilità rispetto al Piano paesaggistico territoriale regionale da parte della Giunta regionale, oltre a contenere gli adeguamenti necessari alle prescrizioni nell’ambito della procedura di Valutazione ambientale strategica.
“Le composizione edilizie che appaiono oggi nel piano di lottizzazione  – si spiega in una nota dell’ufficio stampa comunale – sono naturalmente mere esemplificazioni delle opere e non sono vincolanti. Anche perché il Comune di Nardò ha previsto una serie di prescrizioni alla società proponente che dovranno necessariamente essere rispettate nel successivo progetto esecutivo delle opere e quindi nella prospettiva del permesso a costruire. Tra queste, il fatto che qualsiasi intervento debba essere preceduto da rilievi georeferenziati del perimetro dell’ulivo monumentale, delle alberature monumentali isolate e dei manufatti che testimoniano l’antica attività rurale. Ciò al fine di verificare eventuali interferenze tra le infrastrutture e gli alberi di ulivo, il cui espianto o spostamento, se necessario, dovrà in ogni caso essere autorizzato secondo la normativa vigente. Peraltro, lo schema edilizio del piano ha un andamento variabile in funzione proprio della presenza degli ulivi”.
Per Mellone “il piano non è quello originario ed ha accolto in toto le osservazioni anche del mondo ambientalista”. “La questione degli ulivi è un falso problema – aggiunge il Sindaco – perché la presenza degli ulivi è il cuore stesso della filosofia costruttiva del complesso residenziale. I primi a non voler mettere mano agli ulivi sono proprio quelli di Oasi Sarparea”.  Infine Melone rileva che l’investimento che a società ci accinge a fare ammonta a 60 milioni di euro.

Il pesce è di incerta provenienza e scattano i sigilli in due ristoranti di Sant’Isidoro. Con l’aumento del flusso turistico aumentano anche i controlli lungo la filiera della pesca da parte della Guardia costiera. In questo caso, il Nucleo ispettivo di Gallipoli ha constatato la mancanza della corretta documentazione su otto vasetti di polpa di riccio, due chilogrammi di cozze, 250 ricci di mare oltre ad un kg di tonno in tranci, 2,5 kg di tranci di pesce spada e due kg di filetto di salmone. Per tali irregolarità sono stati elevati verbali per complessivi 3.000 euro. Altre operazioni hanno permesso alle motovedette della Polizia marittima di elevare un verbale da 3.098 euro a carico di un soggetto sorpreso “indebitamente” al comando di un motopeschereccio dove sono state riscontrate “gravi deficienze” sia nella composizione dell’equipaggio sia nella sicurezza a causa di un motore privo dei dovuti controlli. Una tartaruga della specie “caretta caretta” recuperata dopo essere stata ferita da un amo da pesca è stata, infine, consegnata all’osservatorio faunistico di Calimera per le cure necessarie.

Marco Pisacane

NARDÒ. Sant’Isidoro si appresta a vivere un’intera giornata all’insegna della pesca sportiva. Per il prossimo 30 luglio, la Proloco Torre S. Isidoro, con la collaborazione tecnica della Over Fishing Salento, ha in programma una gara di bolentino aperta a tutti con un massimo di tre concorrenti per equipaggio. Ogni partecipante potrà utilizzare una sola canna o lenza a mano armata con massimo tre ami, l’area della competizione sarà delimitata da boe a tre miglia dalla costa. Il raduno dei concorrenti è previsto per le ore 6, un’ora più tardi l’inizio della gara sino alle 12. Dopo la consegna del pescato, alle 13.15 le operazioni di pesatura ed esposizione classifiche presso la Proloco S. Isidoro. In serata, dalle ore 20 in poi, spettacolo musicale con Cordella Band e pizzica, e la cerimonia di premiazione (trofeo ai primi tre equipaggi e al concorrente che avrà catturato la preda più pesante). «I partecipanti saranno liberi di muoversi a piacimento – spiega il presidente della Over Fishing Salento, Marco Pisacane (foto) – anche pescando a scarroccio (pratica diffusa su fondi sabbiosi). Cerchiamo di rafforzare il sentimento di libertà presente in ognuno di noi». Per iscrizioni inviare una mail a overfishingsalento@gmail.com entro il 28 luglio. In caso di avverse condizioni meteo, la gara sarà rinviata al 5 agosto. Gli ufficiali di gara saranno Marcello De Monte, Paolo Gaballo e Andrea Romeo. Immancabile sfondo solidale in favore dell’associazione Cuore Amico.

turisti nardoNARDÒ. Se la stagione turistica fosse una gara di Formula 1, si potrebbe dire che esercenti e operatori delle marine di Nardò stanno scaldando i motori per farsi trovare ben preparati per il periodo più intenso e impegnativo. Quello che vivono per il momento Santa Maria al Bagno, Santa Caterina e Sant’Isidoro sembrerebbe un giugno a ritmi alterni e piuttosto blandi. Che però dal tramonto in poi comincia a riempire locali e bar: «Come ogni anno questo è un periodo in cui non passa ancora tantissima gente – dice Jacopo, di Galatone, da anni attivo nel bar di famiglia all’interno dell’area pedonale di Santa Maria – soprattutto nelle ore calde. In questi giorni si va al mare e quindi persino il sabato e la domenica nel pomeriggio si lavora meno rispetto ai mesi precedenti.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Giuseppe Verardi

Giuseppe Verardi

NARDÒ. Barriere architettoniche, viabilità, arredo urbano: sant’Isidoro punta a risolvere i problemi annosi con cui ogni anno in estate fanno i conti residenti, commercianti e turisti. Il parcheggio gratuito per trecento auto individuato su un’area di proprietà comunale è uno dei tasselli che contribuiranno a cambiare il volto della marina neretina: «La zona è adiacente a via Giusti ed intercetterà il flusso veicolare – spiega il consigliere delegato alla pesca e alla valorizzazione delle risorse del mare, Giuseppe Verardi (foto) – prima che questo congestioni la litoranea e il centro abitato».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

NARDÒ. Opere abusive a servizio di un noto bar di Sant’Isidoro e scatta il sequestro da parte della Guardia costiera. I militari dell’ufficio marittimo di Porto Cesareo, insieme al personale dell’Ufficio tecnico del Comune di Nardò, hanno accertato, anche grazie al confronto ortofografico effettuato tramite il sistema informatico del Demanio, come un locale si fosse “allargato” in assenza di qualsivoglia titolo autorizzativo. L’abuso è ancor più grave perché ricadente nell’ambito di un’Area marina protetta di “Zona A” e in zona sottoposta a tutela idrogeologica. Il sequestro preventivo ha colpito un locale di circa 66 metri quadrati, due strutture ombreggianti di circa 15 mq e una recinzione in muratura. Il titolare dell’esercizio commerciale è stato deferito all’autorità giudiziaria.

ulivoNARDÒ. Puntuale, a pochissimi giorni dalla presentazione del nuovo piano sull’insediamento turistico a Sant’Isidoro, venerdì scorso ha fatto quadrato intorno agli ulivi monumentali della Sarparea il comitato di cittadini e associazioni che si oppongono alla lottizzazione dell’area e alla costruzione del resort. Tanti i comitati e le associazioni, neretine e dei centri limitrofi, e i cittadini (un centinaio i presenti all’atto costitutivo) che hanno aderito al comitato “Salviamo la Sarparea”, coordinato da Stefania Ronzino. Oltre alle sigle ambientaliste di lungo corso o più giovani , e alle associazioni culturali che hanno sposato la causa, presente anche qualche esponente politico: il consigliere regionale Cristian Casili (M5S) si è messo a disposizione della “causa”; dal Pd si uniscono al comitato i consiglieri comunali Lorenzo Siciliano e Daniele Piccione. Lo stesso fa la sezione leccese di Sinistra Italiana.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

sarpareaNARDÒ. Se in precedenza c’è stato un difetto di comunicazione che ha prodotto anche  una “informazione parziale”, stavolta si previene quel rischio fornendo tutti i particolari sul piano attuativo dentro al quale prenderà forma il “Sarparea resort & spa” nella marina di Sant’Isidoro. O quantomeno si cerca di evitarli, perché già in conferenza stampa non sono mancati accenti decisamente contrari anche al nuovo piano rimodulato fino a trovare il consenso della Regione e della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio. Non poteva essere diversamente, anche perché – tra sentenze del Tar, cambi normativi interventi dal 2009 in poi, interventi anche ministeriali – la società “Oasi Sarparea” ha recepito nel suo prodotto tecnico finale, a firma dello studio dell’architetto Francesco Pellegrino di Lecce, scomparso proprio pochi giorni fa, anche il Piano paesaggistico territoriale regionale. “Nel corso di questi anni ho potuto conoscere ed apprezzare non solo un validissimo professionista – ha detto la signora Elison Deighton, amministratore delegato della “Oasi Sarparea” ricordando l’arch. Pellegrino – ma anche una persona ferma e volitiva. La sua morte è una perdita per tutti ma dobbiamo andare avanti. Possiamo sempre contare sui suoi validi collaboratori, come l’architetto Mariella Giordano, che lo ha affiancato nel lavoro. Insieme a loro abbiamo dato vitaall’evoluzione del progetto. Un bel progetto”. Gli investitori inglesi – l’altro socio è Ian R. Taylor, presidente ed amministratore della multinazionale “Vitol”, operante per lo più nel settore energetico – hanno coinvolto anche un paesaggista di rilievo internazionale, Andreas Kipar. Molti i suoi progetti realizzati e le partecipazioni a concorsi, tra cui si segnalano le opere di grande impatto paesaggistico quali l’insediamento produttivo della Fassa spa tra le colline del Monferrato, la valorizzazione del paesaggio di Langa, i nuovi uffici della Diesel a Breganze, sulle colline vicentine. Sarà un insediamento turistico, in un’area a ciò deputata, di alta qualità, in un uliveto per molti anni trascurato. “Già oggi si raccolgono 2mila quintali di olive – ha rilevato la signora Deighton – e puntiamo ad un prodotto riconosciuto biologico”. Su questa strada si procederà per tutto il resto, anche per rinforzare l’ida che “non si tratta di un vilalggio turistico chiuso”. Ma cos’è tutto il resto? La risposta alle mire imprenditoriali è stata data dalla Regione nell’agosto scorso con il “via libera” ad un insieme di interventi ridimensionati rispetto a quelli originari: le unità immobiliari da 61 sono diventate trenta; la volumetria possibile da 160mila metri cubi originari a 95; restano 19 gli ettari interessati di cui quattro riservati ad un parco pubblico in un bosco di ulivi, e i 70 miioni d’investimento. L’assessore regionale al Territorio, Anna Maria Curcuruto, aveva sottolineato: «Si tratta di un progetto sostanzialmente diverso, con meno volumetrie e una accurata rilevazione delle alberature; è un progetto di maggiore qualità sia nel contesto complessivo che nei singoli fabbricati». Di questo, della Valutazione ambientale strategica, dei vari passaggi tecnico legali fin nei particolari hanno parlato larchitetto Giordano, lavvocato Valeria Pellegrino. Ora toccherà alla Giunta comunale di Nardò pronunciarsi e dare così corso alla fase esecutiva, col posizionamento preciso delle villette, il rispetto totale degli ulivi a partire da quelli secolari: Non toccheremo un albero meno . Ha detto il Sindaco Giuseppe Mellone, che dallopposizione si era schierata nettamente contro questo insediamento: Sono venuto per ascoltare e quindi ritengo prematuro ogni commento. Il piano è stato depositato in Comune giovedì pomeriggio e non abbiamo avuto il tempo di vederlo; toccherà allingegnere D’Alessandro, chje ha le competenze necessarie, valutare questo importante progetto. Ma le reazioni non si sono fatte attendere, alcune hanno anzi preceduto la presentazione del piano. Il progetto di villaggio turistico allinterno delluliveto ultra secolare sembra essere una devastante speculazione edilizia funzionale soltanto alla società proponente, attacca Rino Giuri,. Coordinatore del Pd con i consiglieri Danile Piccione, Lorenzo Siciliano. Oggi attendiamo alla prova dei fatti – si legge inoltre nella nota a loro firma – gli attuali amministratori, specialmente quelli che fino a qualche tempo fa minacciavano fuoco e fiamme contro il progetto e che, una volta al potere, sono rimasti in grazioso e ossequioso silenzio. Il consigliere regionale Cristian Casili (M5S) ha scritto:  “Naturalmente la proprietà e chi ne fa gli interessi, a mio avviso, tende a minimizzare gli impatti di un simile intervento sia da un punto di vista occupazionale che ambientale e paesaggistico. A questo punto si rende necessario calendarizzare a stretto giro un intervento in Consiglio regionale e in V Commissione al fine di verificare la validità dei pareri Vas a suo tempo rilasciati, L’assessore regionale al Territorio, Anna Maria Curcuruto deve darci risposte chiare e che entrino nel merito dell’iter autorizzativo e della compatibilità del progetto con lo stato dei luoghi. Ho l’impressione che si sia tirato l’acceleratore pericolosamente”. Nella sala della conferenza infine e fuori Danilo Scorrano (Sinistra italiana, ex consigliere provinciale) e Matteo Vallone (laureato in beni culturali) hanno messo laccento sullulteriore consumo di territorio di cui in Salento si abusa: meglio sarebbe stato, a loro parere, recuperare e riqualificare lesistente senza aumentare la pressione antropica.

NARDÒ. Finivano direttamente in mare le acque reflue di un noto ristorante a Sant’Isidoro. Ad accertare l’abuso sono stati i militari della Guardia costiera di Gallipoli intervenuti nella marina neretina insieme al personale tecnico del Comune di Nardò. L’impianto posto sotto sequestro, con tre pozzetti e due fosse biologiche in cemento, è risultato privo di permesso di costruire e realizzato in area demaniale marittima e in zona sottoposta a vincolo paesaggistico. Il titolare dell’esercizio commerciale è stato deferito all’autorità giudiziaria.

 

IN EVIDENZA. Chi le sceglie ogni estate, chi non lesina critiche, chi le ammira solo in cartolina: Santa Caterina e Sant’Isidoro di Nardò, così vicine e così diverse, due facce di una stessa medaglia, comunque sempre affollate. Alessandro e Anna hanno seguito il consiglio dei loro amici salentini, percorrendo oltre mille chilometri per raggiungere Santa Caterina da Pavia. Lui, “voce nota” per le imitazioni in radio e tv, si dice “entusiasta della scelta perché è un punto d’appoggio superlativo”. «La confusione è l’unico fattore limitante – nota – ma il mare di Santa Caterina e gli scenari di Portoselvaggio sono mozzafiato. Per noi, qui è il top del Salento». Il tragitto di Francesca (32enne avvocato) per raggiungere la marina neretina è decisamente più comodo: dalla vicina Lecce si sposta da 15 anni a Santa Caterina: «Ho un dolce ricordo di tutte le stagioni estive vissute qui. Tuttavia, negli ultimi anni ho notato un calo di turisti, a parer mio legato all’assenza di eventi forti e di attività commerciali di richiamo, fatta eccezione per un paio. Più che veri turisti, è una meta per le vacanze delle famiglie del posto». In effetti Santa Caterina gode di alta considerazione nella fascia più “chic” nord salentina, al contrario di Sant’Isidoro, talvolta trascurata dai ne- retini e “preda” della limitrofa Copertino. Marco ha 51 anni e da 25 lavora in un’industria metallurgica di Duisburg: «Ogni estate Sant’Isidoro è tappa fissa – spiega in un italiano con forte cadenza tedesca – per un legame affettivo, in quanto qui conobbi mia moglie. Sarò sincero: la forza di Sant’Isidoro, a mio giudizio, è proprio la trascuratezza che gli riservano i neretini. L’atmosfera anacronistica che lo caratterizza rende unico questo tratto costiero». Se da un lato non mancano le bellezze paesaggistiche, dall’altro abbondano le problematiche, come spiega la neretina Maria: «Ho una casa qui che da sei anni ho deciso di destinare all’affitto. Non dispongo della rete fognaria e nella mia zona non si rileva alcun segnale telefonico: pare di essere fuori dal mondo. Poi – conclude – il traffico non regolamentato che si crea sul lungomare alla lunga è snervante e trovare parcheggio è una missione impossibile». Meglio andare altrove.

Un modello di compostiera per "digerire" gli umidi

Un modello di compostiera per “digerire” gli umidi

NARDÒ. Basta un ortale o un piccolo giardino e arriva il composter con annesso sconto sulla cartella esattoriale da 30 euro. C’è tempo fino al 30 giugno per fare domanda al Comune, attivarsi per una migliore e conveniente differenziata e portare a casa un risparmio. Il Comune, pur nel frastuono della campagna elettorale tuttora in corso, ha diffuso un comunicato che è però passato per lo più inosservato fra i cittadini. Mettere da parte, in un contenitore apposito (il composter appunto, un bidoncino un po’ più capiente con un particolare sistema di areazione) gli scarti delle verdure, della frutta, di sostanze umide biodegradabili comporta una riduzione notevole dei rifiuti da smaltire e alla fine anche un fertilizzante da riutilizzare in campagna o in giardino, tagliando nel contempo i costi della raccolta, del trasporto e del conferimento di quei materiali ai centri di compostaggio.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Amp Porto Cesareo. Lavori di riqualificazione a Sant'IsidoroNardò. Terminati i lavori di riqualificazione e una migliore fruizione del litorale costiero Marineria di Sant’Isidoro. L’intervento si è reso possibile grazie al prezioso supporto dell’Ente Area marina protetta di Porto Cesareo – in cui ricade il tratto di costa interessato – e ad una stretta sinergia con il settore Urbanistica, ambiente e demanio del Comune di Nardò. La realizzazione di due pedane di accesso alla spiaggia sita nella marineria, intervento ecocompatibile ed a basso impatto ambientale, consentirà ai diversamente abili di accedere in sicurezza all’arenile. Soddisfazione è stata espressa dal consigliere dell’Area marina protetta Giovanni Portorico:“Migliorare i servizi per la libera balneazione ed accesso alla costa attraverso interventi ecocompatibili sono tra le principali azioni dell’AMP Porto Cesareo che trovano ampio supporto anche nel recentemente approvato Piano Comunale delle Coste di Nardò”, ha affermato. Sui lavori è intervenuto anche il presidente Amp Remì Calasso: “Un nuovo apprezzabile intervento, facente parte di un più complesso piano di riqualificazione ambientale, avviato negli ultimi anni nella riserva marina, che vede chilometri di preziosa costa sabbiosa adeguatamente attrezzati per garantirne una corretta fruizione”.

49377_sant_isidoro_nardoNardò. «Per effetto di queste decisioni, viene sbloccato l’iter per il rilascio di tre concessioni lungo il litorale: infatti, senza attendere la conclusione dei bandi, gli uffici dovranno solo istruire il progetto presentato da due società che non hanno avuto domande concorrenti. Per l’altro sito, dovranno valutare poche domande concorrenti. Le sentenze rivestono particolare importanza, in quanto sono le prime emesse sulla nuova legge regionale in materia di demanio marittimo, tutela ed uso della costa»: questo il commento, più che soddisfatto, dell’avvocato Paolo Gaballo, da tempo impegnato in una lotta all’ultima carta bollata con il Comune. Al centro della contesa interpretativa il rilascio di concessioni per realizzare stabilimenti balneari lungo la costa neretina. I giudici amministrativi di Lecce hanno sciolto ogni dubbio: le procedure denominate “rende noto” sono equiparabili ad un vero e proprio bando, essendo comunque di evidenza pubblica.

Tirano un sospiro di sollievo (un augurio di buon anno niente male) due società (“Kaikko” e “Oasi” di Nardò e Copertino) e un imprenditore copertinese. I tratti di costa ricadano in località S. Isidoro (due) e Santa Maria al Bagno. Per uno di questi siti, la procedura del “rende noto” ha visto arrivare in Comune tre istanze concorrenti che adesso spetterà agli uffici comunali vagliare per definire quella che maggiormente risponde alle esigenze pubbliche e private.

49377_sant_isidoro_nardoNardò. Nel corso di una solenne cerimonia a Venezia nei giorni scorsi presso la Fondazione Giorgio Cini, l’Area marina protetta Porto Cesareo si è aggiudicato un prestigioso riconoscimento internazionale: il premio “H D’oro” conferito dalla Fondazione Hruby al progetto di videosorveglianza realizzato nell’Amp dalla ditta Selcom, per conto del Consorzio di gestione Amp Porto Cesareo con i fondi Pon Sicurezza 2007-2013. La  Fondazione Hruby, si pone come obiettivo la protezione e la salvaguardia del patrimonio culturale italiano e si premiano realizzazioni selezionate da una giuria presieduta da Enzo Hruby.

Presentato nel giugno scorso a Masseria Torre Nova di Nardò, il progetto assegna alle antiche torri costiere il compito di tornare ad essere delle vedette di legalità, di salvaguardia dell’ambiente. Sono comprese nel progetto da un milione e mezzo di euro del Ministero dell’Interno le torri Sant’Isidoro (foto), Inserraglio, Squillace di Nardò; Cesarea, Chianca e Lapillo di Porto Cesareo. Il sistema di video sorveglianza è ubicato presso la sede del consorzio dell’Area marina protetta.

AUTOSPURGO A SANTA CATERINANardò. Parte della rete fognaria nelle marine e nelle località di villeggiatura è stata realizzata ma vaste aree rimangono ancora da completare. È questo un aspetto cruciale, forse determinante, del protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso 30 settembre tra Regione Puglia, Autorità idrica pugliese, Comune di Nardò e Acquedotto pugliese e che tanto sta facendo discutere.
Un passaggio di tale protocollo prevede “la realizzazione delle reti fognarie nelle aree degli insediamenti delle aree marine neretine di Sant’Isidoro, Torre Squillace, Santa Caterina e Santa Maria al Bagno già servite da rete idrica”. Questo dunque lo “scambio”: Nardò accoglie la condotta e in cambio ottiene la rete fognaria. Attualmente, va ricordato, gli scarichi finiscono direttamente a riva a Torre Inserraglio, in un’area in cui insiste un divieto di balneazione.

Tra le marine che dovrebbero ricevere tale servizio Santa Maria al Bagno è la più popolosa, sia d’estate che d’inverno: ad oggi il suo allaccio alla rete fognaria si interrompe nei pressi dell’Hotel Riviera, storica struttura ricettiva (rilevata due anni fa da una società che gestisce diversi alberghi in Puglia) all’interno della quale da qualche settimana sono cominciati i lavori di ristrutturazione. C’è un altro dettaglio di non poco conto utile a fotografare l’attuale situazione: in altre marine e località di villeggiatura l’unico palliativo è rappresentato dai pozzi neri, che con cadenza periodica necessitano di interventi di spurgo.
Purtroppo però non sempre ci si rivolge alle varie aziende di servizi ecologici, che una volta intervenute conferiscono poi i rifiuti derivanti da tali pulizie in impianti autorizzati e convenzionati. Il rischio: pur di non affrontare costi e ricorrere troppo spesso ai servizi di autospurgo, “meglio” pozzi neri “sfondati” e liquami in falda, di nascosto.

by -
0 1060

francesco-de-giorgi-basso

Nardò. Nuovo appuntamento dell’Aperitivo Letterario a cura dell’associazione VeleRacconto, presso il Lido Dell’Ancora di Sant’Isidoro (via della Torre). Mercoledì 26 Agosto alle ore 19, Lucia Cordella presenterà “I bassisti muoiono giovani”, il nuovo romanzo di Francesco De Giorgi, pubblicato da Musicaos Editore.
Il libro narra la storia di un gruppo di ragazzi che decide di riunirsi, diversi anni dopo lo scioglimento della loro piccola band, per registrare i propri brani, spinti da Giorgio Mestrelli, uno dei critici musicali più influenti della rete e bassista del gruppo. Dovranno però fare i conti con un diverso contesto sociale che li metterà nuovamente alla prova.

L’autore Francesco De Giorgi, nato a Casarano nel 1984, dopo “Tu prepara il filtro” (Besa Editrice, 2011), e “Una buona stella” (Lupo Editore, 2013), torna con un racconto al ritmo di musica, centrato sulle passioni e sull’importanza dei propri desideri.
Previsto durante la serata un reading di brani del romanzo, nel quale l’autore sarà accompagnato, alla chitarra elettrica, da Pierluigi Congedi.

Di Lorenzo (capellino bianco) illustra gli interventiNardò. Sant’Isidoro adesso è un posto migliore. È passato un anno da quando l’associazione “Eden” si è armata di rastrello, buona volontà e spirito di sensibilizzazione e ha cominciato a dare una sistemata alle aiuole e alle aree sporche della marina neretina. Pochi giorni fa sono stati il sindaco Risi e il consigliere Daniele Piccione (foto) a far visita al sodalizio a 12 mesi dall’affidamento di alcune aree verdi. «Si sta rivelando una bella operazione – afferma Sandro Di Lorenzo, il presidente del sodalizio – sia cittadini che turisti si dimostrano soddisfatti dei risultati raggiunti. Tutti danno un contributo e l’esperimento sta funzionando. Pensavamo anche ad un’iniziativa in piazza per promuovere l’operato». Ma “Eden” ha un’altra battaglia in corso: quella contro le barriere architettoniche. L’associazione è in contatto con l’Area marina protetta, per richiedere l’autorizzazione ad abbatterle e permettere l’accesso ai disabili. Poi ci sarà tempo anche per le panchine e le piante frangivento da posizionare sulla litoranea e il ripascimento artificiale della spiaggia, contro i fenomeni di erosione.

LIDO DI SANTA MARIA AL BAGNO

Sopra Fabio De Monte e il suo staff,   sotto da sinistra Giovanna Murciano con Uccio De Santis;  Emiliano Di Gesù

Sopra Fabio De Monte e il suo staff, sotto da sinistra Giovanna Murciano con Uccio De Santis; Emiliano Di Gesù

Nardò. Chi vuole con sé il cane punterà le Quattro Colonne. Chi preferisce il parcheggio custodito vada a Sant’Isidoro. Poi c’è chi gestisce per la prima volta il lido di Santa Maria al Bagno e chi a Santa Caterina riparte dopo che una mareggiata invernale gli ha spazzato via la struttura. È il litorale neretino, oltre trenta chilometri di costa dai confini con Porto Cesareo fino alla località galatonese “La Reggia”, visto dai gestori degli stabilimenti balneari.
A Sant’Isidoro il lido “Oasi” di Giovanna Murciano offre ombrelloni, lettini, pedalò, cabine e docce ma anche terrazza coperta e parcheggio custodito. Molti eventi in corso: lezioni di ballo, cabaret, musical, concerti gospel, rock e dj a San Lorenzo e Ferragosto. Proseguendo in direzione Portoselvaggio, a Serra Cicora si trova il “Litos”, con i suoi mille metri quadrati in legno di lettini, bar, ombrelloni, doccia, diving, ristorazione a km zero, aperitivi al tramonto e parcheggi gratuiti. Da tre settimane è attivo anche il “Beija Flor” di Santa Caterina, tra pranzi a base di gamberi gallipolini e serate al chiaro di luna. «Abbiamo aperto soltanto il 12 luglio – racconta il titolare Fabio De Monte – per via della mareggiata che il 30 gennaio scorso ci ha distrutto il lido. La situazione meteo è migliore di un anno fa ma non possiamo fare confronti. Per noi il bilancio è più che positivo per il solo fatto di essere tenacemente ripartiti». Sempre a Santa Caterina, presso la spiaggetta è presente il lido gestito da Giuseppa Miglietta, con bar e possibilità di noleggiare lettini, ombrelloni, cabine e pedalò. Niente primi piatti per chi si trattiene a pranzo ma panini caldi. «A luglio – raccontano i gestori – weekend a parte abbiamo avuto pochi turisti, quasi tutti italiani, dato in linea con il 2014. La novità più importante, introdotta l’anno scorso – concludono – è l’apertura serale del nostro bar». A Santa Maria al Bagno ad accogliere i bagnanti ci pensa il lido “Bagno Maria” di Emiliano Di Gesù. «Siamo qui dal 6 giugno. La struttura l’ho rilevata quest’anno – spiega – e perciò non posso fare paragoni con il passato. Finora registriamo comunque buone presenze di italiani, in particolare settentrionali. E qualche inglese, ogni tanto. Per il pomeriggio e la sera – conclude – organizziamo aperitivi e musica di notte con alcuni dj». Alle Quattro Colonne Vanessa Muci gestisce “Il Trullo”. «È stato per noi un ottimo luglio – dichiara – poiché oltre ai clienti storici sono venuti a trovarci tanti nuovi amici». Ma qui, oltre a frise, insalate e bar aperto fino a notte, la lieta novella è un’altra: «Da noi sono ammessi i cani», sottolinea, unica tra gli intervistati.

ANNA DE GIORGIO (SANT'ISIDORO) copiaNardò. Scaldano i motori le Pro loco delle marine e non solo e organizzano eventi e manifestazioni (alcuni già definiti, altri in via di definizione) per la stagione principe che vede i 30 chilometri di costa neritina affollati di villeggianti.
Tra le tre “sorelle” Santa Caterina, Santa Maria al Bagno e Sant’Isidoro è quest’ultima ad aver già reso pubblico, nel corso di un incontro tenutosi lo scorso 10 luglio presso la sede di via Marsala, un calendario di eventi. Si è partiti il 14 luglio con la rassegna cinematografica “Cinemare”. Il sodalizio presieduto da Anna De Giorgio (prima foto da sopra) ha infatti organizzato delle proiezioni che si terranno nel piazzale della Pro loco tutti i martedì di luglio e agosto. Tra i film in programmazione le commedie “I soliti idioti” (28 luglio), “Anche se è amore non si vede” (4 agosto), “Ci facciamo sempre riconoscere” (11 agosto), “Così è la vita” (18 agosto), “La peggior settimana della mia vita” (25 agosto). Immancabili i classici campionati di bocce, che si disputeranno sia a luglio (8, 15, 22 e 29) che ad agosto (5, 12, 19 e 26).

Si gioca a burraco, invece sempre a Sant’Isidoro, il 16, 23 e 30 luglio e il 5, 13, 20 e 27 agosto. L’11 luglio è stato dedicato ad un simposio d’arte con l’esposizione di pittori salentini “Paesaggi e colori della nostra terra” mentre il 12 c’è stata la mostra cinofila in collaborazione con l’Enpa di Copertino. Per cibo e musica locali bisogna attendere il 18 e 19 luglio, quando durante la “Sagra ti li cozze alla riticula” si esibiranno i gruppi di pizzica “Scattacore” e “Ritmo binario”. Ancora una sagra l’8 e 9 agosto con la “Festa di li cannolicchi cu li cozze”.  La solidarietà trova spazio il 18 luglio e il 7 agosto (donazione del sangue) e l’11 agosto (gara di pesca e cena solidale). Altri eventi: sfilata di moto e bici d’epoca (26 luglio) e mercatino di scambi realizzato con l’associazione neretina “Amici insieme”, la commedia teatrale “Caviale e lenticchie” il 18 agosto e il maxischermo per seguire “La notte della Taranta” il 22 agosto.

Non ancora del tutto definiti  i programmi delle altre Pro loco “di mare”, Santa Maria al Bagno e Santa Caterina. Un “ritardo” forse dovuto al fatto che si tratta di località che d’estate ospitano comunque numerosi eventi anche al di fuori del circuito delle Pro loco (al contrario di quanto accade a Sant’Isidoro). Vi è da aggiungere poi che la nuova sede del sodalizio di Santa Caterina ha avuto un imprevisto: l’immobile è stato posto sotto sequestro alcuni giorni fa a causa di presunte irregolarità. «Stiamo preparando – spiega Daniela Dell’Anna (foto in mezzo), presidente della Pro Loco “Santa Maria al Bagno” – dei tornei di burraco e anche quest’anno collaboreremo con gli organizzatori della “Sagra dell’Anguria”, evento giunto alla seconda edizione che si terrà ad agosto nel piazzale dell’area mercato di Santa Maria». La Pro loco di Santa Caterina infine, presieduta da Antonio Inguscio (foto sotto), al momento ha in programma la seconda edizione del premio di poesia “Afrodite”, in omaggio al letterato salentino Mario Marti, docente emerito dell’Università del Salento di cui fu tra i fondatori, scomparso il 4 febbraio di quest’anno. “Le iscrizioni – si legge nel bando del premio – scadono il 31 luglio. Dopodiché una giuria di accademici locali valuterà gli elaborati. I primi tre classificati saranno premiati in una cerimonia che si terrà il 20 agosto nella piazza di Santa Caterina”. La prima edizione dell’”Afrodite”, organizzato in collaborazione con il Comune, ha riscosso un notevole successo. Tra i premi, tra cui alcuni in denaro, certamente uno dei più ambiti sarà vedere alcuni versi incisi sul pavimento del lungomare della marina.
Infine anche la Pro loco di Boncore all’interno, è al lavoro per mettere in campo una iniziativa: la Sagra della pizzica e pizzarieddhi. Dice il presidente Antonio Parente: «Ce l’abbiamo in programma anche se al momento non tutti i problemi sono stati risolti. Siamo una piccolissima realtà, andiamo avanti solo con i tesseramenti».

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...