Home Morciano Barbarano del Capo
Notizie e aggiornamenti da Barbarano del Capo, frazione di Morciano di Leuca, provincia di Lecce

Barbarano (Morciano) – Dopo l’inaspettato successo del 26 dicembre, ritorna il 1 e il 6 gennaio dalle ore 17.30 alle ore 21 il presepe vivente di Barbarano del Capo, realizzato dall’intera comunità barbaranese su impulso del giovane parroco don Biagio Orlando. Una rappresentazione artistica itinerante animerà le strade e le case del suggestivo borgo antico a partire da piazza San Lorenzo. «Ho sempre avuto la passione per il presepe – afferma don Biagio, che da pochi mesi si è insediato nella parrocchia di Barbarano del Capo – e volevo condividerla con i miei parrocchiani coinvolgendo attivamente bambini, giovani e meno giovani in un progetto sociale e spirituale volto all’integrazione e alla reale condivisione delle idee e del lavoro». L‘entusiasmo che anima la piccola comunità sembra essere contagioso: «La gente del paese si è dimostrata molto disponibile nel concederci le case – continua – e i ragazzi hanno lavorato molto per sistemarle ed adeguarle alla nostra idea. Volevamo un presepe “povero” che esprimesse, nella sua semplicità essenziale, l’incontro di una comunità che si stringe intorno all’umile mangiatoia di Gesù».

La Natività è stata collocata in un piccolo frantoio ipogeo ai piedi della maestosa Torre Capece, simbolo del potere temporale e dimora di Erode. Intorno le antiche botteghe di artigiani, che svolgono il loro vero mestiere: chi lavora il legno, chi confeziona saponi, chi intesse cesti antichi; le donne ricamano, lavorano al telaio, preparano orecchiette e pittule, mentre ragazze e ragazzi accendono la scena con balli ed esibizioni artistiche.

Commentando il risultato don Biagio dice: «Sono stati due mesi molto intensi e tutto quello che abbiamo fatto è stato possibile solo grazie all’entusiasmo e alla determinazione di tutti i barbaranesi. Ci sono stati molti visitatori e speriamo di essere riusciti a trasmettere il messaggio che ha animato questo progetto cioè l’idea che insieme si può. Prendendo in prestito le prole di Papa Francesco – conclude il parroco – potrei dire che siamo chiamati ad offrire un modello concreto di comunità».

LP

CAPO DI LEUCA – Da Barbarano del Capo a Patù, da Alessano a Poggiardo, anche in autunno il Capo di Leuca si anima di iniziative pensate per valorizzare arte, paesaggi, enogastronomia e tradizioni: sabato 11 e domenica 12 novembre tanti gli appuntamenti cui partecipare gratuitamente (fra escursioni, degustazioni e musica), nell’ambito del progetto regionale “InPuglia365 autunno”, lanciato dall’agenzia Puglia Promozione per migliorare l’attrattività turistica anche in bassa stagione.

Con “Hospitalia – la via dei pellegrini”, l’associazione Archés propone escursioni che partono dal complesso monumentale di Santa Maria del Belvedere (o “Leuca piccola”) a Barbarano del Capo ed esplorano il territorio circostante (Giuliano, Arigliano, San Dana, Macurano e Ruggiano), scoprendo chiese, cripte e vore: sabato 11 il ritrovo è alle ore 15 per una passeggiata a piedi che durerà fino alle 18; mentre domenica 12 (ore 9:30-16) percorso misto in bici e a piedi, con rinfresco e visita all’azienda biologica a km 0 “Leuca piccola”. Prenotazione obbligatoria entro le 14 di sabato al 327/8410214.

Dal complesso monumentale di Leuca piccola partono anche le “esperienze d’autunno” organizzate per la mattinata di sabato 11 da Terra Archeorete del Mediterraneo: ritrovo alle 9:15, con visita alle aziende agricole locali e pranzo-show cooking. Dalle 16, invece, ci si sposta alla chiesa di Sant’Antonio ad Alessano per un laboratorio gastronomico esperienziale. A seguire, degustazione presso Palazzo Romano, a Patù, che sarà aperto con possibilità di visitare la mostra archeologica qui allestita. Ancora, domenica 12 alle 9:15 si parte alla scoperta di Vereto, con ritrovo al santuario di Santa Marina, a Ruggiano. Info e prenotazioni al 347/2535235 e 338/7441468.

Storie, canti e piatti popolari sono gli ingredienti delle iniziative di Liquilab per il week end: sabato 11, alle ore 10:30, ritrovo al Parco Guerrieri di Poggiardo per una camminata meditativa, fra yoga e alimentazione, con l’esperta Daniela Scozzaro. Domenica 12, invece, tappa a Giuliano di Lecce (ritrovo al laboratorio urbano giovanile, presso l’ex scuola materna), che a partire dalle 16 ospita un itinerario alla scoperta della cultura popolare, fra giochi di una volta, assaggi di pittule, la proiezione del documentario “Taglia corto” e i canti di Anna Cinzia Villani. Prenotazione obbligatoria al 348/3467609.

Voce al Direttore

by -
C’era una volta un orco, ovviamente mostruoso come vuole l’antica tradizione romana. Compariva invariabilmente – sarà stato un maleficio – non appena qualcuno accennava...