Home Notizie Melissano
Ultime notizie dal Comune di Melissano

by -
0 945

RACALE-MELISSANO. Due arresti nelle ultime ore a Racale e Melissano. Nel primo caso i Carabinieri della locale Stazione hanno colto in flagranza di reato il 36enne Massimo D’Aprile per furto aggravato in abitazione. È stato il proprietario di un’abitazione della marina di Torre Suda a denunciare il furto subito all’interno della propria abitazione dove un ladro, forzando la porta d’ingresso, aveva portato via monili d’oro e d’argento e dalle stanze e addirittura alimenti surgelati dal frigorifero. Le indagini si sono concentrate sulla lancia Y grigia vista girovagare con sospetto nella zona negli ultimi giorni. Il conducente e proprietario dell’auto, già noto alle forze dell’ordine, è stato poi rintracciato a Racale dai carabinieri i quali, in seguito a perquisizione domiciliare, hanno poi recuperato la furtiva restituita al legittimo proprietario. L’arrestato è stato poi posto al regime dei domiciliari presso la propria abitazione.

Altro arresto a Melissano dove il 26enne Simone Barbetta è stato condotto nel carcere di Lecce per aver violato la misura degli arresti domiciliari alla quale già era sottoposto. Il giovane, infatti, per ben due volte negli ultimi giorni è stato sorpreso dai carabinieri presso la sua abitazione in compagnia di una persona non convivente (il 9 agosto) e addirittura fuori dal proprio domicilio (il 12). L’uomo era stato sottoposto agli arresti domiciliari in un procedimento penale per atti persecutori nei confronti della ex convivente. Per lui è scattata l’ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Lecce.

foto di Gianluca Filograna

MELISSANO. Per Melissano “Vinimmagine” rappresenta un appuntamento che da oltre vent’anni è storia della sua Unione Agricola. L’edizione 2017 si è caratterizzata per innovazione e originalità nell’organizzazione e nello svolgimento: l’appuntamento del 13 agosto, infatti, è stato preceduto da un convegno sul tema de “Il ruolo dell’Unione Agricola tra agricoltura, enologia e turismo” ed è stato accompagnato in parallelo da un concorso fotografico. L’incontro, svoltosi il 7 agosto, ha radunato i pensieri e le opinioni di tecnici, politici ed accademici: presenti al dibattito l’agronomo Cristian Casili, il professore di  Marketing del territorio Oronzo Trio, il professore e consulente marketing turistico Luca Caputo, l’operatore turistico Luigi Ricchello e l’enologo Fulvio Rosato. Hanno introdotto l’incontro i saluti del sindaco Alessandro Conte, del presidente dell’Unione Agricola di Melissano Giuseppe Placì, del presidente del collegio sindacale UAM Luigi Francesco Panico e dell’assessore comunale alle attività produttive e al turismo Silvia Fasano. Moderatore, il consigliere comunale Michele Parata.

L’inedito concorso di fotografia si rivolge ad amatori e appassionati, sul tema della vendemmia, del lavoro sui campi e sulle prime fasi di lavorazione delle uve. La partecipazione (gratuita) al concorso può essere effettuata entro il 4 settembre all’indirizzo posta@unioneagricola.it , allegando il modulo d’iscrizione presente sulla pagina facebook dell’UAM. La premiazione avverrà il 16 settembre presso i locali dell’Unione Agricola. Qui, domenica 13, ha avuto luogo la manifestazione vera e propria di Vinimmagine con la consueta degustazione dei vini e dei piatti tipici della tradizione salentina, circondata dalla musica popolare degli “Alla Bua”. Nel corso della serata è stata allestita anche una lotteria, i cui biglietti vincenti sono: n° 598 (1° premio), n° 421 (2° premio), n° 220 (3° premio).

Foto di Alberto Caputo

MELISSANO. Enogastronomia, musica, arte, mostre fotografiche, tradizioni popolari ma anche ricordo e commozione per la prematura scomparsa della piccola Serena Bianco. È calato il sipario sull’undicesima edizione di “Gusti & tradizioni nel centro antico”, l’annuale evento organizzato dall’Amministrazione comunale – coordinato dalla consigliera con delega ad Eventi e Spettacoli, Caterina Carangelo – per promuovere il suo territorio dando luce alle associazioni, ai gruppi di volontariato e alle attività che con l’ente hanno collaborato. Il percorso della sagra del 3 agosto ha toccato le piazze principali del centro storico: piazza San Francesco, in cui erano presenti gli stand di gastronomia; piazza Marconi, sede degli stand espositivi delle cantine Torre Ospina di Racale, Vinoli di Casarano, dell’Azienda agricola Manco di Melissano e del Birrificio Bac di Casarano. In piazza Vecchia, poi, è stata allestita l’area dedicata ai bambini dedicata a Serena, ricordata anche dal palco di piazza Garibaldi con un minuto di silenzio, a cavallo tra i concerti degli Ionica Aranea e dei Mascarimirì. Alla sagra hanno partecipato le seguenti associazioni: Spiriti Liberi group, Dulcis in fundo di Taviano, i rioni Campo di Fiori e Stazione, il Milan Club, gli Amici dello Sport, la Consulta giovanile di Melissano, l’oratorio “Anspi – Gesù Redentore”, l’Azione cattolica, l’Associazione degli Artisti, gli Amici di Don Quintino Sicuro, la locale delegazione della Lilt e Stay’nstreet.

Serana Bianco, il giorno della prima comunione

MELISSANO.Lo scorso 30 luglio una tragica fatalità ha spento per sempre il sorriso di Serena Bianco, la ragazzina di Melissano rimasta soffocata da un boccone finito di traverso. L’assurdità di una simile morte ha subito avuto come risvolto la gara di solidarietà promossa dal gruppo Facebook “Sei di Melissano ieri, oggi e domani”  per aiutare la famiglia Bianco. Oggi è Valentino, il fratello di Bianca, a ringraziare quanti sono stati vicini alla sua famiglia e a ricordare l’importanza della partecipazione ai corsi di primo soccorso.
“A distanza di diversi giorni dalla morte di mia sorella ci tengo a ringraziare quanti si sono uniti alla mia famiglia con la partecipazione al nostro dolore. Grazie ancora perché ci state aiutando in tutti i modi a superare, con la vostra vicinanza, le difficoltà che questa brutta esperienza ci ha lasciato. Un pensiero particolare lo rivolgo a tutto il gruppo Facebook “sei di melissano ieri, oggi e domani per aver avviato l’iniziativa #siifeliceSerena, così come ringrazio i quotidiani per averla sostenuta. L’invito che mi permetto di fare a tutti è quello di frequentare oppure organizzare corsi di primo soccorso, NON PERDETE TEMPO!. Infine, vi chiedo di restare uniti nella solidarietà, verso tutte le famiglie in difficoltà, perché questa tragedia ci ha anche aiutato un po’ tutti a riscoprire il significato del volersi bene è di essere comunità solidale. Grazie a tutti. Valentino.

#SiiFeliceSerena”

MELISSANO. La tragica morte della piccola Serena, rimasta soffocata a causa di un pezzo di carne che le ha ostruito le vie aeree, ha fatto ritornare alla ribalta il discorso sulla necessità di conoscere le manovre per il primo soccorso, al fine di prevenire eventi fatali come quello che ha colpito la famiglia Bianco il 30 luglio scorso. Per questo motivo, l’Asd Moto Club Nitro di Melissano, presieduta da Marco Cosi (foto), organizza per questa sera, 8 agosto, presso il Centro culturale “Quintino Scozzi”, in via Piazza Vecchia, una dimostrazione gratuita teorico-pratica di rianimazione cardiopolmonare (Rcp) e disostruzione delle vie aeree da praticare sia a livello pediatrico, sia sugli adulti.

Interverranno gli esperti Sara Cosi e Carlo Ravasio, istruttori di Irc Comunità, associazione culturale senza fini di lucro che ha lo scopo di promuovere la lotta alla morte cardiaca improvvisa e diffondere la cultura dell’emergenza sanitaria nella società civile attraverso, appunto, programmi d’informazione e formazione alle manovre di primo soccorso. L’incontro avrà inizio alle ore 20.30. Per informazioni, contattare il numero 347-9164436.

MELISSANO. Si chiama “Il ruolo dell’Unione agricola tra agricoltura, enologia e turismo” l’incontro organizzato per questa sera, 7 agosto, a partire dalle ore 19, dall’Unione agricola di Melissano. L’evento è patrocinato dal Comune di Melissano e dalla Provincia di Lecce. Saranno affrontate tematiche inerenti lo sviluppo delle attività imprenditoriali che guardano, con la dovuta attenzione, ai mercati sempre in variazione dell’olio e del vino, coincidenti con le abitudini alimentari dei singoli consumatori. L’Unione agricola, in questo momento, si trova ad affrontare tali problematiche, insieme ad un ammodernamento tecnologico delle attività produttive che necessita di fondi utili allo scopo. “La valorizzazione delle attività produttive che sorreggono l’economia della nostra comunità – dice l’assessore alle Attività produttive e al Turismo del Comune di Melissano, Silvia Fasano – rimane una delle priorità di un’Amministrazione comunale. Quando, poi, si tratta di una realtà come quella dell’Unione Agricola, nella quale si riconosce l’intera comunità melissanese, non solo per il conferimento dei prodotti della terra, ma anche come incentivo e sostegno ai singoli agricoltori, ciò diventa imprescindibile”.

Dopo i saluti del presidente dell’Unione agricola, Giuseppe Placì, del sindaco di Melissano Alessandro Conte, del presidente della Provincia, Antonio Gabellone, e del presidente del Collegio sindacale dell’Unione agricola, Luigi Francesco Panico, interverranno l’assessore regionale al Turismo Loredana Capone; l’agronomo e consigliere regionale Cristian Casili; il professore aggregato di Marketing del Territorio dell’Unisalento, Oronzo Trio; il docente a contratto dell’Unisalento e consulente di marketing turistico, Luca Caputo; l’operatore turistico e consigliere comunale di Melissano, Luigi Ricchello; l’enologo Fulvio Rosato. Le conclusioni sono affidate all’assessore Fasano. Modera l’incontro Michele Parata, consigliere comunale di Melissano.

MELISSANOLe voci talentuose di Francesca Spennato, di Melissano, e di Laura Saranelli, di Corsano, hanno conquistato i giurati del prestigioso concorso canoro nazionale “Note d’estate”, giunto domenica scorsa alla sua 10^ edizione a Matino. La giovane melissanese si è imposta nella categoria “Editi” con il brano “Stone cold”, stregando la giuria presieduta dal vocal coach di “Amici” e direttore dell’orchestra al “Festival di Sanremo”, Enzo Campagnoli, e composta dai produttori discografici Antonio Licchetta e Matteo Tateo, dal maestro Sergio Barone, dai fratelli autori e produttori musicali Nicco e Paolo Verrienti, di Casarano. Il decennale della manifestazione si è svolto in modo differente rispetto ai precedenti: dagli oltre 100 concorrenti presentatisi alle audizioni, ne sono giunti in finale 10 per la categoria “Editi” e otto per gli “Inediti”. Presentatori di serata, Paolo Ruffini e Antonio Cavalli. Le esibizioni canore sono state accompagnate dalla band de “I Bambini latini”. «È stata per me una grande soddisfazione vincere questo concorso – spiega Francesca – perché le audizioni vengono fatte in tutta Italia. Il livello qualitativo dei concorrenti era altissimo, mi gratifica tanto questo primo premio».

Sempre tra gli “interpreti” secondo posto ad Alessia Calabrese di Presicce con il brano “Che sia benedetta” e terzo a Giulia Margiotta di Galatone con “Guardastelle”. Nella categoria “cantautori”, alle spalle di Laura Saranelli, impostasi con il brano “Per dirmi ciao”, secondo posto a Desideria Carroccia di Alezio con “Noi” e terzo per Maurizio Protopapa di Matino con “Come away with me”. Il premio della critica è andato ad Antonio De Icco di Melissano con il brano “Il sole e la luna”, mentre il premio radio Skylab a Frank Meta di Frosinone con “Si va”.    

MELISSANO. A poche ore dall’assurda morte di Serena Bianco, la ragazzina di Melissano soffocata da un boccone andato di traverso, sono in tanti a chiedersi se e come la piccola poteva essere salvata. Una risposta arriva dagli istruttori impegnati nei corsi per diffondere la conoscenza e la pratica delle manovre di disostruzione. « Non è bello affrontare argomenti simili quando è ormai è troppo tardi, è un po’ una sconfitta, ma se informazione significa anche formazione, allora parliamone pure», afferma Luigi Benvenga, docente istruttore “Blsd , Irc/Giec” (sigla che in inglese sta per rianimazione cardiopolmonare). Dopo 40 anni di lavoro da infermiere professionale nel Pronto soccorso del “Sacro Cuore” di Gallipoli, Benvenga collabora da 10 anni come docente istruttore, insieme al cardiologo Giacinto Pettinati (di Casarano) in questo delicato settore di insegnamento, tenendo corsi in scuole, uffici pubblici, commissariati e  caserme. «Può capitare a chiunque di ritrovarsi  all’improvviso in situazioni di emergenza, quando per salvare una vita non c’è nemmeno tempo per attendere l’arrivo dell’ambulanza o del medico: è allora che un cittadino deve essere all’altezza della situazione, intervenendo con delle specifiche ma al tempo stesso semplici  tecniche di rianimazione cardiopolmonare», afferma l’istruttore nel ricordare come la frequenza dei corsi in questione è pure gratuita. Appena due anni fa, a Gallipoli,  un professore salvò da morte certa uno studente del “Quinto Ennio” in arresto cardiaco ricorrendo alle giuste tecniche. Per salvare la vita di accidentalmente ha il respiro ostruito occorre far ricorso alla cosiddetta “Manovra di Heimlich” (dal nome del suo inventore statunitense), una tecnica di primo soccorso che con una particolare compressione sotto il diaframma serve per disostruire le vie aeree dai corpi estranei. Ma l’equipe di Pettinati e Benvenga non è la sola ad operare in questo senso sul territorio. “Non riesco a capacitarmi al pensiero che si possa perdere una bambina come in un soffio. Noi al consultorio non solo assistiamo le ragazze in dolce attesa, ma le prepariamo anche a ciò che le aspetterà subito dopo il parto: anche alle emergenze rianimatorie come la “Manovra di Heimlich” appunto: il corso della durata di una settimana appena è totalmente gratuito: l’ultimo conclusosi appena 10 giorni fa ha visto la partecipazione di 150 persone, e in autunno ripartiamo. Il consultorio è presso il vecchio ospedale: aiutateci ad aiutarvi”, conclude con un sorriso amaro Matilde Scialpi, ostetrica del Consultorio familiare di Gallipoli.

Serana Bianco, il giorno della prima comunione

MELISSANO. “Da qualche parte sopra l’arcobaleno volano gli uccelli blu, e i sogni che hai fatto diverranno davvero realtà”. Le note di “Somewhere over the rainbow” hanno accompagnato l’anima della piccola Serena Bianco verso il Cielo, assieme ai suoi sogni e ai palloncini bianchi lasciati volare in aria, per l’ultimo saluto, dagli amici, dai compagni di scuola e dell’intero Comprensivo di Melissano. La comunità tutta si è stretta in un grande silenzio solidale, interrotto solo dagli applausi commossi che all’ingresso e all’uscita dalla chiesa Madre hanno salutato, nel corso dei funerali di questo pomeriggio, la piccola “figlia di Melissano” scomparsa per una drammatica fatalità ieri mattina. Proprio quel silenzio è l’“atteggiamento migliore nell’attesa della salvezza del Signore”, ha spiegato il parroco don Antonio Perrone durante la sua omelia, cercando parole di conforto per i familiari e gli amici della ragazzina morta soffocata per aver ingoiato male un pezzetto di carne, proprio prima del pranzo della domenica nella sua abitazione.

«Serena ci ha insegnato con gioia e felicità ad impegnarci al massimo in ciò in cui crediamo e desideriamo. Il rispettoso silenzio – ha affermato don Antonio – è la nostra preghiera che la piccola possa rallegrare il paradiso con la sua vivacità e la sua freschezza, là dove il Signore condivide la gioia di essere famiglia». Il cordoglio e la vicinanza del paese verso i genitori Giuseppe e Josè, i fratelli Mario e Valentino e la sorella Anna Maria, hanno trovato concretezza nella gara di solidarietà avviata sui social e nella gigantografia della piccola con i numerosi messaggi e disegni a lei dedicati.

by -
0 1421

Foto Alberto Caputo

MELISSANO. Si terrà giovedì prossimo, 3 agosto, l’annuale appuntamento con “Gusti & Tradizioni nel centro antico”, il percorso itinerante organizzato dall’Amministrazione comunale, con l’ausilio di volontari e di alcune associazioni locali, patrocinato dalla Provincia di Lecce e dalla Regione Puglia. L’evento è un mix di enogastronomia, arte, musica popolare e tradizione. In piazza si esibiranno gli Ionica Aranea e i Mascarimirì, ci sarà la possibilità di gustare del buon cibo da strada, di visitare mostre fotografiche, di pittura e d’artigianato, promosse da artisti locali. In più ci sarà un’area attrezzata per il divertimento dei bambini.

«Alla luce delle nuove disposizioni di legge sulla gestione degli eventi – afferma la consigliera delegata a Eventi e Spettacolo, Caterina Carangelo – non è semplice organizzare una manifestazione, specie per un piccolo Comune come il nostro che dispone di poche risorse. Tuttavia l’Amministrazione ha lavorato sodo per organizzare una serata di festa nel centro antico, confermando un appuntamento estivo ormai decennale, finalizzato a coltivare e custodire la tradizione, a dare risalto alle bellezze della nostra cittadina e a promuovere le risorse presenti sul territorio. Grande merito va a volontari e associazioni che hanno sposato la causa, alle attività commerciali, alle piccole e grandi aziende che ci hanno assicurato un loro contributo economico. Siamo orgogliosi di aver confermato la manifestazione anche per quest’anno e ci auguriamo una grande partecipazione che renderà merito all’impegno profuso».

Serena Bianco, il giorno della prima comunione

MELISSANO. Si svolgeranno domani, lunedì 31 luglio, alle ore 17 presso la chiesa Matrice di Melissano i funerali di Serena Bianco, la ragazzina di appena 10 anni morta soffocata quest’oggi intorno a mezzogiorno. La notizia della scomparsa della piccola ha fatto ben presto il giro del paese e dei social lasciando sgomenti anche quanti non conoscevano Serena e i suoi familiari. La tragedia è avvenuta poco prima dell’ora di pranzo, nell’abitazione di via Piazza Vecchia, quando la ragazzina, probabilmente stimolata dalla fame, ha ingerito male un pezzo di carne che era in cottura per il pranzo domenicale finendone ben presto soffocata. Un dramma inimmaginabile consumatosi sotto gli occhi dei familiari che poco hanno potuto fare considerando il rapidissimo evolversi della situazione. Vani sono risultati i tentativi di soccorso visto che Serena si è spenta in pochi istanti. Tra i primi a intervenire sono stati i sanitari del 118 che hanno potuto solo constatare la morte per arresto cardiocircolatorio causato dal bolo che ha bloccato la trachea. Nessun dubbio sulla natura accidentale di quanto accaduto tanto che i carabinieri della locale Stazione, dopo aver ascoltato il pubblico ministero di turno, hanno provveduto a riconsegnare alla famiglia la salma della piccola. Immediata è scattata la gara di solidarietà per aiutare la famiglia Bianco a sostenere le spese  per i funerali: i genitori hanno altri tre figlie (due maschi ed una femmina) e vivono di lavori saltuari. Il gruppo Facebook “Sei di Melissano ieri, oggi e domani” ha lanciato la raccolta fondi con lo slogan “#siifeliceSerena”: si può contribuire con un bonifico intestato a Valentino Bianco (codice Iban: IT82D0760116000001030722415) ovvero con un versamento sulla carta Postapay n. 4023 6009 2535 3379 intestata a Mauro Bianco (codice fiscale BNCMRA92A15D862F). «Grazie a tutti, concittadini e forestieri, per quanto potrete fare, liberamente, autonomamente, nel segreto della vostra generosità!», fanno sapere i promotori. Tra quanti, in queste ore, piangono al ricordo di Serena anche gli educatori del catechismo che la ragazza frequentava (lo scorso aprile aveva fatto la Prima Comunione): «Ti si spezza il cuore a pensare che in quell’aula ad ottobre al rientro dalle vacanze estive mancherà una fanciulla del catechismo».

Una serra incendiata

Non bastano i fuochi in città che punteggiano certe notti con auto incendiate, segnali inquietanti di cosa cova sotto qualche mucchio di cenere, ma in questo periodo anche roghi in campagna, secondo un calendario che vede le serre “spogliarsi” di teli e teloni di plastica da smaltire. Appunto, appiccando fuoco. Dalle campagne di Nardò-Copertino a quelle di Taviano, Racale, Alliste, Melissano e Ugento, passando per la zona industriale di Casarano ed i campi circostanti, montano le proteste e preoccupati interrogativi: “Soprattutto a tarda serata non si respira per la puzza”, è il coro che si registra da quei paesi. I sospetti maggiori cadono sulle plastiche impiegate in agricoltura. Ma c’è chi azzarda anche altro: “Temo che, nell’occasione, qualcuno approfitti per smaltire anche altri rifiuti…”.
Si moltiplicano perciò appelli e chiamate alle forze dell’ordine ed  agli amministratori locali, affinchè si intensifichino controlli e sopralluoghi. Ad Alliste l’associazione “Band di Babbio Nayale”, notoriamente impegnata a fianco dei piccoli di Oncologia pediatrica del “Vito Fazzi” di Lecce, è andata più in là: esposto denuncia inviato alla Procura della Repubblica di Lecce con oltre trecento firme. “Da oltre due mesi – vi si legge  nella missiva a firma del presidente Giorgio Adamo – nel territorio di Alliste e dei paesi vicini (compresa la zona delle marine) la popolazione avverte esalazioni continue e ripetute, acri e nauseabonde probabilmente originate da fuochi con materiali plastici o simili, concentrate in prevalenza nelle ore notturne”. Per contrastare questi “pericoli per la salute pubblica” Adamo offre la collaborazione dell’associazione, che è presente in numerosi centri della zona.

MELISSANO. Due casi di violenza sulle donne (e non solo a Melissano. Uno, con le caratteristiche delle azioni persecutrici, si trascinava da metà da qualche mese, da quando cioè Simone Barbetta, 26 anni, aveva dovuto interrompere una relazione con una ragazzina che aveva dieci anni meno di lui. Il giovane non l’aveva presa bene ed aveva cominciato a comportarsi in maniera minacciosa e con ripetute molestie anche nei confronti della madre e del suo convivente.  Il 18 giugno Barbetta aveva raggiunto la coppia per strada ed era passato alle vie di fatto colpendo l’uomo col casco da motociclista dopo averlo afferrato per il collo. A seguito di questo episodio il Tribunale di Lecce gli aveva intimato di non frequentare luoghi in cui ci fossero le sue vittime. Dopo altri atteggiamenti minacciosi sfoderati nel frattempo, l’uomo il 22 luglio aveva transitato sotto la casa della ex che segnalava subito ai carabinieri l’accaduto. Da qui un nuovo provvedimento a carico di Barbetta, adesso agli arresto domiciliari. Nelle stesse ore per puro caso ai militi giungeva la telefonata con una richiesta di soccorso di una donna. Giunti sul posto i carabinieri trovavano colei che aveva richiesto aiuto in lacrime accanto ai suoi due figli minori. Si è subito capito che era stata picchiata dal convivente, ancora sul posto, percosse certificate poi per un trauma cranico e numerose echimosi al dorso e alle gambe, con una prognosi di 15 giorni. Il violento, il 29enne Giovanni William Fele. Colto in flagrante, è stato arrestato e condotto in carcere a Lecce.

 

Si conclude la decima speciale edizione del Grest parrocchiale

MELISSANO. Si è conclusa con un finale pirotecnico – e non si fa per dire – la decima speciale edizione del Grest parrocchiale, ispirato quest’anno al cammino Anspi sulla storia della piccola Momo, dal titolo “Prendi Tempo”. E proprio il tema del tempo – in tutte le sue sfaccettature: dall’accoglienza all’ascolto, dall’amicizia al risparmio e al gioco – ha accompagnato, a partire dal 22 giugno scorso, i 180 ragazzi e i 50 animatori in questo percorso estivo, che ieri sera ha vissuto la tradizionale festa finale, con l’allestimento pomeridiano di un vero e proprio lunapark e la successiva rassegna dei lavori e delle presentazioni delle squadre.

Questi i nomi dei gruppi, di cui i ragazzi hanno orgogliosamente indossato la maglietta distintiva e intonato l’inno: i piccolissimi e gialli “Minuti” delle materne, “Le clessidre celesti”, “Le lancette viola”, “La Primavera” arancione, i gialli “Solare”, i “Green time”, “I Bianchi’s time” delle elementari e, infine, i più grandi “Purple summer Grest” viola delle medie, ideatori, registi e scenografi della serata conclusiva. Il “direttore” del Grest è sempre il parroco, don Antonio Perrone, che nel suo intervento ha rimarcato “l’importanza di questa esperienza, in quanto tempo prezioso e fonte di crescita, attraverso il gioco e l’animazione, tanto per i ragazzi quanto per gli animatori”. Anche il presidente dell’associazione, Giancarlo Spennato, ha voluto dire “grazie” a tutti, in particolare agli animatori “che hanno rinunciato al proprio tempo libero per dedicarsi con gioia e dedizione ai bambini”.

Vittorio CarangeloMELISSANO. È stato rintracciato in una campagna di Melissano il 53enne Vittorio Carangelo, sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con l’obbligo di soggiorno per tre anni a Ruffano. Ad arrestarlo, per violazione di tale obbligo, sono stati i carabinieri della Stazione di Melissano nell’ambito di un servizio di pattugliamento del territorio. L’uomo è stato notato in contrada “Dote” e poi tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

MELISSANO. Proprio quarant’anni fa, il 18 luglio 1977, nasceva la Fidas di Melissano, in seguito intitolata a Fernando Rimo, il primo giovane donatore strappato prematuramente all’affetto dei suoi cari. La lunga storia della Fidas melissanese, dunque, vide gli albori nel 1976, quando un gruppo di persone si riunì per chiedere ufficialmente l’apertura di un’emoteca presso il Centro trasfusionale di Gallipoli. Nel 1977, poi, l’Adovos di Taviano chiese al gruppo di aderire alla Fidas. Il promotore dell’iniziativa fu Luigi Margari, già consigliere dell’Adovos tavianese e poi primo presidente della sezione melissanese. Tante sono state le iniziative dedicate alla sensibilizzazione alla donazione del sangue messe in piedi dalla Fidas nel corso di questi quattro decenni e tante altre ne dovranno ancora arrivare.

Il 1° luglio, presso largo Gesù Redentore, la locale sezione, guidata dalla presidente Lucilla Piscopiello, ha organizzato una grande festa (“Danza la vita”) per celebrare al meglio le quaranta candeline. Si sono esibiti ballerine e ballerini del Centro Danza Syplhide che hanno danzato tra giochi d’acqua e di fuoco, facendo il pieno di applausi. Emozionatissima la presidente Piscopiello che ha ringraziato la Sylphide, la Cazacu’s, ditta specializzata negli spettacoli d’acqua e fuoco, Croce rossa italiana, Polizia municipale, Vigili del fuoco, vigilanza antincendio, Commissione pubblico spettacolo, server, tecnici, il sindaco Conte, sponsor e tutti i collaboratori Fidas, “e soprattutto – ha sottolineato – un grazie a tutti i donatori, con tutto il cuore”. La prossima giornata di donazione è fissata per domenica 30 luglio, presso palazzo Santaloja.

melissano studentiMELISSANO. Prosegue l’esperienza di studio all’estero di Ilaria Manco, giovane melissanese, quasi 22enne, che da quattro anni ormai vive in Inghilterra, a Londra, dove studia Fisica all’”Imperial College London”. Di pari passo alla carriera accademica, Ilaria si è resa protagonista – e continua a farlo – di varie attività di volontariato internazionale. Dopo il primo anno londinese, che le ha permesso di migliorare e perfezionare il suo inglese, ha deciso di mettere a disposizione degli altri le sue conoscenze linguistiche: da qui la sua esperienza in Vietnam, nel Sud-Est Asiatico, dove ha fatto da “English teacher” (insegnante di inglese) a un gruppo di ragazzi di Hanoi, aderendo al programma di volontariato dell’associazione “Ubelong”. Assieme alla sua collega Susie McAllister, Ilaria si è unita a “Global Brigades”, la più grande organizzazione studentesca no- profit per l’assistenza sanitaria e lo sviluppo, al fine di intraprendere un viaggio di volontariato in Honduras a settembre, con l’obiettivo di garantire alle comunità accesso a fonti idriche adeguate attraverso lo sviluppo di infrastrutture, trattamento dell’acqua, formazione di leader di comunità ed istruzione. Nel ruolo di volontarie, attraverso le donazioni ricevute e il lavoro a stretto contatto con ingegneri e tecnici del posto, contribuiranno alla realizzazione di un impianto idrico igienico per prevenire malattie trasmesse attraverso l’acqua nelle comunità che hanno un accesso limitato a fonti pulite. «Chiunque dovrebbe cogliere l’opportunità di aiutare laddove ce ne sia bisogno, che sia nella propria comunità o dalla parte opposta del mondo. Portare un po’ delle proprie competenze in Paesi che hanno maggiori difficoltà – spiega Ilaria – e che traggono particolare beneficio dalla cooperazione internazionale, è il modo in cui ho personalmente scelto di aiutare, sperando di avere un impatto positivo e, al contempo, tornarne arricchita». Questo lavoro è una piccola parte di un progetto più ampio che include anche corsi di formazione per gli abitanti del posto e che verrà portato avanti nei prossimi anni.

stefano giuseppe scarcellaMELISSANO. La città di San Francesco e Santa Chiara, Assisi, ha fatto da sfondo suggestivo alla terza edizione del premio letterario “L’Essere Armonia”, fondato e diretto dallo scrittore Luciano Pellegrini, organizzato dall’associazione ALEA. Ambito e partecipato a livello nazionale e internazionale, la commissione giudicatrice ha esaminato ben 676 elaborati provenienti dall’Italia e dall’estero (Bosnia, Canada, Spagna, Svizzera e USA). Tra i 15 finalisti sono stati premiati i vincitori. Con la sua composizione intitolata “Ordine nella vita”, il poeta melissanese Stefano Giuseppe Scarcella ha conseguito una “Menzione d’onore per la Poesia”.

«Sono contento di aver rappresentato nel cuore di Assisi – spiega Scarcella – nella sua piazza centrale, nei locali dell’ex pinacoteca comunale, a due passi dal bellissimo Tempio di Minerva e dalla Torre del Popolo, la mia Melissano, il mio Salento, la mia Puglia. Questa attestazione di merito è un bel risultato. Significa che siamo sulla strada giusta e che  ci stiamo conquistando uno spazio fatto di parole, di bei suoni, di contenuti ed emozioni condivisibili, di uno stile di scrittura singolare che viene apprezzato sempre più». Ora è già al lavoro con nuovi progetti.

comune-melissanoMELISSANO. I debiti conteggiati dai tre commissari al lavoro sul dissesto del Comune ammontano a 13 milioni 350mila euro circa. Il totale dà conto delle richieste dei creditori dell’Ente giunte fino al 9 giugno scorso, ma ci sono in corso vertenze giudiziarie (si veda l’esproprio del laghetto Cellini) che potrebbero far lievitare quella cifra. Di questo e di altro ha reso conto il Sindaco Alessandro Conte in un comizio ad un anno dalla conquista della guida del paese. Il dissesto dichiarato in Consiglio l’11 dicembre scorso, con l’appendice drammatica degli addebiti della Corte dei conti a nove amministratori e due impiegati con responsabilità dirigenziali, ha ovviamente tenuto banco. “Abbiamo obbedito ad un ordine del Prefetto sollecitato dalla Corte dei conti – ha detto Conte in apertura – non potevamo fare diversamente. La pronuncia non era impugnabile”. Ora si è costretti a vendere “ciò che è vendibile del patrimonio comunale”, come ha chiarito il primo cittadino, aggiungendo un particolare. “Tutti i beni comunali vendibili non sono agibili, a partire dal cinema Aurora, per il cui passaggio di proprietà ancora da fare servono 8mila euro. Idem per l’ecocentro il cui passaggio non è stato mai perfezionato”. Circa la rideterminazione della spesa per i dipendenti comunali il Sindaco ha respinto le critiche: Siamo stati attaccati ma il provvedimento è finalizzato alla riduzione della spesa per il personale. Siamo in fase sperimentale, valutiamo eventuali correzioni in corsa”. In questa situazione largo alle iniziative “a costo zero”, come  la biennale su Luigi Corvaglia, la riapertura della biblioteca con quattro ragazzi del servizio civile; il programma Art bonus sul mecenatismo; la sagra Gusti e sapori, la serata di beneficienza per Amatrice; il Consiglio dei ragazzi, le Consulte giovanili e degli anziani. Ma anche la partecipazione al bando per le risorse necessarie a realizzare un centro polivalente per anziani a Palazzo Santaloja e sulla mobilità dolce per piste tra Melissano e Casarano. “Si poteva fare di più e meglio – ha concluso Conte – ma una cosa è certa: noi non spenderemo i soldi che non abbiamo. L’eco dei provvedimenti di sequestro per i vecchi amministratori è un monito per tutti”.

 

 

festa melissano volley 250617 ph alberto caputoMELISSANO. L’Asd Volley Melissano Tonio Manco ha ricevuto gli applausi dei suoi tifosi e l’abbraccio della comunità melissanese nella festa organizzata domenica 25 giugno in piazza San Francesco. Sono stati premiati tutti gli atleti e le atlete che hanno difeso i colori del sodalizio presieduto da Davide Stamerra, nato nemmeno un anno fa. Progetto al quale stava lavorando anche Tonio Manco, grande appassionato di sport e, in particolare di pallavolo, prima della sua improvvisa scomparsa datata 19 agosto 2016. Stagione straordinaria quella della Volley Melissano, conclusasi con la promozione diretta in Prima Divisione della squadra maschile, allenata da coach Luigi Caputo, e con la sconfitta in finale playoff per la squadra femminile, guidata da Luciano Nassisi. Ma, per le ragazze del Melissano, non tutte le speranze promozione sono svanite, in quanto, da quanto sembra, c’è la possibilità di essere ripescate in Prima Divisione. «La società – dichiara il presidente Stamerra – ha l’ambizione di giocare con entrambe le squadre in Prima Divisione, allestendo delle formazioni competitive. Siamo già all’opera per stringere degli accordi con diversi atleti che potrebbero fare al caso nostro. Per quanto riguarda gli allenatori, illustreremo loro i nostri programmi e, se sposeranno il progetto, nulla vieta che possano proseguire il cammino insieme a noi». Sulla festa in piazza del 25, Stamerra commenta così: «E’ stata una bella festa, insieme agli atleti e alla dirigenza abbiamo premiato diverse personalità tra cui Dario Aquila, che è colui che ha portato la pallavolo a Melissano. Ringrazio i ragazzi, i dirigenti, gli allenatori e tutti quelli che ci sono stati vicini e che ci hanno dato una mano, compresa l’Amministrazione comunale di Racale che ci ha concesso di allenarci in una delle loro strutture pubbliche. Chiedo, inoltre, all’Amministrazione di Melissano, di venirci incontro per il prossimo anno, perché, al di là delle due squadre maggiori, abbiamo anche intenzione di lanciare il progetto mini volley per i più piccoli e, magari, di formare altre due categorie, l’under 13 e l’under 16, a seconda del bacino d’utenza. Il nostro obiettivo – conclude Stamerra – è di ricreare la cultura della pallavolo a Melissano e di guardare al futuro in questa prospettiva. Allargando il nostro raggio d’azione e aumentando, di conseguenza, la mole di lavoro, dovremo necessariamente ampliare anche il quadro societario». Intanto si sta preparando il primo “Memorial Tonio Manco e Betty Manco”, che si svolgerà sabato 22 luglio presso la Polisportiva “Cesare Pindinelli” di Melissano. Se di Tonio Manco si è già detto, di Betty Manco (i due non erano parenti) si ricorda la sua grande passione per la pallavolo, che la portò anche a vestire la casacca del Melissano nei primi anni della sua vita, interrottasi, poi, improvvisamente il 6 agosto del 2007, a soli 28 anni.

Andrea MancoUGENTO. Si accendono i riflettori sulla grande boxe, in scena il prossimo 24 giugno a partire dalle ore 20 all’interno del PalaOzan – Tiziano Manni. Anche quest’anno tanta attesa e grandi emozioni per gli appassionati del ring, pronti ad assistere ad uno dei principali eventi sportivi nazionali, il Gran Galà Pugilistico Città di Ugento, giunto alla sua decima edizione. La prestigiosa serata pugilistica è organizzata grazie alla si- nergia tra l’assessorato allo Sport di Ugento, l’ AS: Eventi & Sport , la società pugilistica Beboxe di Copertino e Opi Since 82 di Milano. Occhi puntati su un anniversario da ricordare e un match infuocato che vedrà contendersi il titolo dei pesi medi due pugili pronti a tutto: Andrea Manco (foto) di Melissano, pronto a difendere il titolo con i denti nella sua terra e Domenico Spada, alla ricerca del riscatto e la riappropriazione del titolo.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

MELISSANO. Si è chiuso il 6 giugno in sala consiliare il progetto “Strada amica” promosso dalla primaria “Don Quintino Sicuro” dell’Istituto comprensivo con il supporto del Comune di Melissano e della Polizia Municipale, incentrato sull’educazione stradale e dedicato ai bambini delle seconde classi A, B e C. Nel progetto, un ruolo fondamentale è stato svolto dal Comandante della Polizia Municipale Giovanni Schirinzi che ha tenuto delle lezioni di educazione stradale della durata di dieci ore per ogni classe, teoriche, pratiche, in aula e in strada, con osservazione diretta e con la simulazione di percorsi per valutare il grado d’apprendimento delle regole da parte degli alunni. “Strada amica”, coordinato dall’insegnante referente, maestra Franca Corvaglia, si poneva il raggiungimento dei seguenti obiettivi: presa coscienza della strada come spazio; conoscenza della segnaletica stradale, delle norme generali e dei comportamenti del pedone; uso adeguato del marciapiede; apprendimento delle principali regola di sicurezza stradale.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

corsa melissanoMELISSANO. Domenica 18 giugno, sulle strade di Melissano, si correrà per ricordare le figure di Antonio Napoli e Francesco Brandolino, due giovani, grandi appassionati di sport e anche di podismo, scomparsi prematuramente a causa di due incidenti stradali. Sul tracciato lungo 9,3 km è in programma l’ottavo Trofeo Podistica Unione dei Comuni – Memorial Antonio Napoli e Francesco Brandolino, organizzato dall’Asd Puc Sa- lento e patrocinato dal Comune di Melissano e dalla Provincia di Lecce, che partirà (alle ore 9) ed arriverà in piazza San Francesco. La corsa è valida come sesta prova del circuito “Salento Tour”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Roberto Falconieri2MELISSANO. Sotto sequestro beni e denari per un milione 568.244 euro. Lo ha deciso la Corte dei conti di Bari e riguarda gli amministratori comunali e due dipendenti del periodo 2010-13. A far scattare la misura “conservativa a tutela del credito erariale” è scattata le “evidenti ed accertate responsabilità ascrivibili al comportamento posto in essere dall’Amministrazione comunale” relativo allo sforamento del patto di stabilità in quegli anni. I governanti comunali avrebbero omesso di adottare “autoriduzioni di spesa” e osservare precisi divieti rimasti invece sulla carta. Tale comportamento avrebbe provocato danni all’Erario e da qui il provvedimento che mette sotto chiave in questa fase gli averi del Sindaco del periodo indicato, Roberto Falconieri, quattro assessori, quattro consiglieri, il segretario comunale e il responsabile dei Servizi amministrativi del Comune.

Nella foto di Alberto Caputo un momento della rappresentazione "Rondini", portata in scena dai ragazzi della classe 3C della secondaria di primo grado, lo scorso 27 aprile

Nella foto di Alberto Caputo un momento della rappresentazione “Rondini”, portata in scena dai ragazzi della classe 3C della secondaria di primo grado, lo scorso 27 aprile

MELISSANO. Con la presentazione del 24 aprile nella sala stampa della Provincia di Lecce ha preso il via, ufficialmente, la biennale dedicata alla valorizzazione della figura di Luigi Corvaglia, filosofo, letterato e politico melissanese, di cui nel 2016 ricorreva il 50° anniversario dalla scomparsa. Il progetto del Comune di Melissano è patrocinato dalla stessa Provincia e dall’Università del Salento. «Il nostro auspicio – ha detto il sindaco Alessandro Conte – è di dare avvio a un utile processo di rivalutazione storica del Corvaglia, anche se soltanto dopo un lungo periodo di silenzio, difficilmente comprensibile, ma è anche una sollecitazione perché si ricerchino e si aggiungano nuovi elementi per l’utilizzo di un patrimonio culturale di cui la Città di Melissano si sente custode e rimane garante». Il biennio di studi e approfondimenti andrà da aprile 2017 al 31 marzo 2019. Sarà supportato da due comitati, scientifico e di valutazione, coordinati dal prof. Cosimo Scarcella. Sono stati individuati quattro ambiti di studio: Corvaglia drammaturgo, letterato, politico e filosofo. La riscoperta dell’illustre paesano, ovviamente, non può non passare dal coinvolgimento della scuola.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Voce al Direttore

by -
Da luglio il vostro giornale andrà più in là, per diventare una “piazza” grande - in prospettiva - quanto il Sud Salento. Abbandoniamo perciò...