Home Notizie Matino
Ultime notizie dal Comune di Matino

festa patronale matinoMATINO. È la festa del Santo Patrono, nel 150° del miracolo. Riti religiosi e civili si preparano per tempo, come sempre, per celebrare San Giorgio che ricorre il 23 aprile. Il calendario religioso si ripete negli anni con le tradizionali processioni dell’“intorciata” la sera del 22 aprile e per la “benedizione dei campi” il 24 dopo mezzogiorno. A scandire la preziosità della celebrazione un imponente progetto di luminarie messo a punto dalla ditta De Cagna. “La ricerca della purezza” è il titolo dell’architettura medioevale, dalle linee semplici, che vuole mettere in risalto l’essenzialità come metafora di un ritorno al semplice.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

L'Ultima cena

L’Ultima cena

MATINO. Non una semplice raffigurazione ma un racconto continuativo, senza interruzioni, per vivere il senso profondo della vita di Cristo. È la Passione vivente allestita per le strade e le piazze del centro storico grazie all’impegno dell’associazione “Johannes Paulus II” per la regia di Alfredo Cataldo. Per la perfetta riuscita dell’evento gli organizzatori sono al lavoro già da tempo. L’appuntamento con l’ottava edizione della suggestiva rappresentazione è in programma domenica 9 aprile (il giorno dopo in caso di maltempo), a partire dalle ore 18. Oltre 200 le persone coinvolte tra personaggi, truccatori costumisti, elettricisti, scenografi ed artigiani. A dare un tocco particolarmente realistico, come ogni anno, sono proprio i costumi. All’evento, patrocinato dal Comune di Matino, collaborano le associazioni San Giorgio onlus, Pro Loco “Sant’Ermete”, Anspi “Villaggio del fanciullo” e la parrocchia San Giorgio martire. «La sua realizzazione richiede l’opera attenta e sapiente di una grande quantità di persone che si adoperano, ogni anno, oltre che per la recita, per l’allestimento scenografico e per il supporto tecnico», affermano i promotori che confermano lo slogan “La Passione vivente, un evento importante…Non fartela raccontare, ma vivila!”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Nella foto, Jhonny Toma e, in senso orario, gli ex sindaci Giorgio Primiceri e Mario Romano, e l'attuale sindaco Tiziano Cataldi

Nella foto, Jhonny Toma e, in senso orario, gli ex sindaci Giorgio Primiceri e Mario Romano, e l’attuale sindaco Tiziano Cataldi

MATINO. Quadro ancora non definito, ma tasselli importanti si aggiungono al puzzle che si presenterà ai cittadini in occasione delle prossime elezioni amministrative (si voterà in una data tra il 15 aprile e il 15 giugno). Sarà di certo impossibile ricostituire la maggioranza delle due anime di centrodestra che ebbe vita breve dopo le elezioni del 2012 che videro l’elezione di Tiziano Cataldi. Il gruppo, forzatamente uscito dall’allora maggioranza, ha intenzione di candidarsi autonomamente alla guida del paese. In prima fila Jhonny Toma (ex vicesindaco), Giorgio Primiceri (già sindaco), Leonardo Bianchi, Francesco Barone (ex presidente del Consiglio), Massimo De Marco, Cosimo Romano e Massimiliano Romano (nel 2012 eletto con “Matino la tua città”).

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

guardia di finanzaMATINO.  Ha coinvolto, con gravi irregolarità, anche Matino il recente intervento della Guardia di finanza finalizzato al contrasto del gioco illegale e delle scommesse clandestine. Trentotto i locali controllati (in appena due giorni) dal Comando regionale delle Fiamme gialle, con l’impiego di oltre 100 uomini. I militari della Compagnia di Gallipoli hanno sequestrato una sala con nove computer portatili, una stampante e numerose schede prestampate utilizzate per le scommesse illegali.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Consiglio regionale della PugliaMATINO. Dopo “Nazario Sauro”, “Dante Alighieri” e “M. Montessori” anche la scuola “Raffaele Gentile” si aggiunge alla lista dei lavori di miglioramento degli edifici scolastici. L’istituto, infatti, è destinatario di un finanziamento di 960mila euro nell’ambito del POR Puglia 2014- 2020 per il “Recupero e riqualificazione degli istituti scolastici”. Una volta affidati i lavori, a costo zero per il Comune, si darà il via all’importante opera di ristrutturazione che interesserà l’aspetto strutturale e funzionale: rifacimento degli infissi esterni e dei bagni, acquisto di attrezzature scolastiche, ristrutturazione dei locali adibiti a mensa, adeguamento strutturale sismico, sistemazione dell’impianto elettrico, di riscaldamento, antincendio e di videosorveglianza.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

MATINO. Droga, auto e ciclomotori rubati al centro delle recenti operazioni condotte in città da parte dei carabinieri della Compagnia di Casarano. Sul banco da lavoro di un meccanico (E.S., 40 anni) sono stati trovati quattro motori di automobile, completi di tutto, dei quali l’uomo non ha saputo indicare la provenienza. Nella stessa officina i militari hanno trovato anche alcuni paraurti e portiere di diversi modelli e marche con numeri di identificazione abrasi o per i quali non è stata fornita idonea documentazione attestante la lecita provenienza.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Cosimo Mudoni

Cosimo Mudoni

SIMU SALENTINI. C’è un piccolo angolo di storia e di cultura in via Duca d’Aosta 16 a Matino: testi, citazioni, immagini, poesie della città e dei matinesi che nel tempo hanno lasciato tracce a volte silenziose, a volte no. E c’è l’associazione “Autori Matinesi” che si cura di custodire con orgoglio questo patrimonio culturale arricchendolo attraverso un’importante attività di ricerca e di produzione. Senza sosta dal 2007 (quest’anno ricorre il decennale), i soci lavorano al recupero di materiale nel quale si menziona la città o alcuni concittadini. Tra le ultime attività seguite dal presidente Cosimo Mudoni (foto), da Tonio Ingrosso, Donato Stifani e altri appassionati, la redazione del calendario annuale tematico quest’anno dedicato al censimento di “fontanine”, “caseddhi” o “scritte latine”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

carnevale matino ArcueviMATINO. Sono 17 le edizioni del Carnevale portate in scena a Matino con l’organizzazione dell’Amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione musicale “Arcuevi” (nella foto uno dei loro carri del passato). Anche quest’anno si riaccende l’entusiasmo di chi ama questa festa, di chi vi partecipa per divertimento e di chi, attraverso il gioco e la satira, vuole trasmettere messaggi positivi e d’interesse comune.Particolarmente legata a questa missione è la partecipazione dell’Istituto comprensivo di Matino che negli anni ha associato l’aspetto ludico a quello educativo e didattico coinvolgendo gli alunni nella rappresentazione di temi sociali e di attualità. Quest’anno si parla di “Diritti e doveri nelle fiabe” per la scuola dell’Infanzia e il diritto ad un ambiente pulito, per la scuola Primaria, che sfilerà con il tema “Giù le mani dalla natura”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

antonio de filippo - matinoMATINO. Continuava a gestire il traffico di droga da casa sua malgrado fosse agli arresti domiciliari. Per questo motivi, le porte del carcere di Lecce si sono aperte per Antonio De Filippo, 35enne di Matino costretto ai domiciliari dallo scorso 20 gennaio in seguito alla convalida dell’arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Malgrado ciò, i carabinieri della locale Stazione hanno continuato a notare un’intensa attività di spaccio nell’area del centro storico del paese, da lui controllata. Grazie ad alcuni appostamenti in borghese, i militari hanno potuto verificare come alcuni ragazzi, anche dai comuni vicini, acquistavano droga dall’arrestato con l’intermediazione di un terzo ragazzo, incaricato di volta in volta per la consegna. L’attuale ordinanza di aggravamento della custodia cautelare fa seguito all’elevato pericolo di reiterazione dei delitti ed alla chiara violazione del divieto di comunicazione con persone diverse dai congiunti.   

GALLIPOLI. Sabato notte di controlli per i carabinieri della Compagnia di Gallipoli: due le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza e sotto effetto di sostanze stupefacenti, 11 le denunce per vari reati, 13 i soggetti segnalati alla Prefettura per consumo personale di droghe. Controlli sono stati eseguiti ad “ampio raggio” non solo a Gallipoli ma anche a Nardò ed in altri comuni limitrofi,finalizzati al contrasto del perpetrarsi di reati contro il patrimonio, nonché al fenomeno della guida in stato di ebbrezza e della detenzione, spaccio ed uso di sostanze stupefacenti. All’attività di controllo hanno partecipato anche pattuglie dell’Aliquota radiomobile ed i militari delle Stazioni di Sannicola, Nardò e Gallipoli, per un totale di 11 militari e 5 automezzi. In un’officina di Matino, invece, i carabinieri del Nucleo radiomobile di Casarano hanno ritrovato diverse parti di autovettura di dubbia provenienza, ovvero: quattro motori completi, diversi paraurti e portiere di diversi modelli e marche con numeri di identificazione abrasi o per i quali non veniva fornita idonea documentazione attestante la lecita provenienza. Il materiale è stato sottoposto a sequestro ed il matinese 40enne E.S. è stato denunciato, in stato di libertà, per ricettazione. Sempre a Casarano, i carabinieri hanno denunciato il 26enne M.S. per detenzione ai fini spaccio di sostanza stupefacente. Ad insospettire sono stati i movimenti del giovane nei pressi di un’abitazione del centro, dalla quale entravano e uscivano altri soggetti.  La perquisizione domiciliare ha permesso di scoprire 8 grammi di hashish e sette di marijuana, suddivisi in dosi, nonché un bilancino di precisione, un taglierino e 25 euro in banconote ritenute provento illecito dell’attività di spaccio.

 

Aldo Delle CastelleMATINO. Il ricatto “a luci rosse” finisce male e per l’estorsore la prospettiva è ora quella di quattro anni di carcere. Nel 2011, sotto il “giogo” del 45enne Aldo Delle Castelle (nella foto), appena arrestato, e della convivente 30enne V.Z. (già condannata ad un anno e nove mesi), era finito il 79enne zio dell’uomo al quale proprio la coppia si premurò di presentare una donna quanto mai accondiscendente. Il ricatto scatta quando il rapporto di amicizia tra i due si trasforma in relazione sessuale. L’anziano viene, infatti, ripreso con delle telecamere nascoste nelle sue performance erotiche e poi minacciato dalla coppia che riesce a spillargli all’incirca 40mila euro garantendogli di non divulgare immagini e conversazioni “osè” anche sulle televisioni locali e sui social. Viste le richieste di denaro sempre più incalzanti, il ricattato, stanco per l’umiliazione subita, denuncia tutto ai carabinieri della Compagnia di Casarano.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

La cisterna che permette gli approvigionamenti su via Cattaneo e l'avvocato Maria Greco, legale dei condomini

La cisterna che permette gli approvigionamenti su via Cattaneo e l’avvocato Maria Greco, legale dei condomini

MATINO. «Noi vogliamo pagare, ma solo ciò che ci spetta». Parlano chiaro i condomini residenti negli alloggi popolari di via Cattaneo dove, circa tre settimane fa, l’Acquedotto Pugliese ha disposto il distacco del servizio idrico. «Siamo consapevoli che c’è un debito e vogliamo regolarizzare la situazione, ma non possiamo accollarci anche la spesa di inquilini morosi che magari non abitano più qui. Siamo disposti a pagare a patto che tutti partecipino con la propria quota». La situazione, complicata, è nota: Aqp pretende il giusto pagamento per la fornitura del servizio, oltre 100mila euro, accumulati dal 2010 ad oggi; i condomini chiedono quote non forfettarie, ma ripartite in base ai consumi effettivi; Arca Sud, proprietaria degli immobili, non procederà, però, all’installazione dei contatori singoli senza prima la regolarizzazione dell’assegnazione degli alloggi al fine di arginare il fenomeno dell’abusivismo che di certo arreca danni gravosi, in termini di entrate, all’ente gestore.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Mino De Simone campione d'Europa matinoMATINO. Mino De Simone si è laureato campione europeo di karate Kyokushinkai. L’atleta di Matino, assistito dal suo coach Sempai Antonio De Luca, ha conquistato il primo posto tra i “Master vetarani” ai campionati svoltosi a Hellemmes, in Francia. Suo il ko più veloce in appena 46 secondi. Soddisfazione è stata espressa anche dal maestro Tommaso Schirinzi, presidente dell’Organizzazione italiana karate Kyokushinkai, qualificato come “arbitrato internazionale” agli stessi Europei.

alloggi popolari di via Cattaneo matinoMATINO. Quanto temuto da tempo è purtroppo avvenuto, ovvero il distacco dalla rete idrica per 28 famiglie degli alloggi popolari di via Cattaneo (foto). Il provvedimento di sospensione del servizio da parte di Acquedotto Pugliese ha fatto seguito ad una morosità di circa 110mila euro accumulata tra il 2010 e il 2016, e al mancato accordo su una possibile rateizzazione del debito. Un primo distacco coatto nella fornitura risale, infatti, già al 14 dicembre 2015. Ad aggravare la situazione anche il fatto che non tutte le famiglie di quella palazzina sono insolventi, altre vi abitano da poco tempo, altre ancora non abitano più in loco ed erano per lo più abusive. Il fatto è che, al momento, la struttura è dotata di un contatore unico con allaccio comune il che aggiunge problemi nella gestione dell’intera vicenda. Malgrado l’intervento dell’Ente idrico, alcuni condomini riuscirono a ripristinare il servizio tramite un allaccio abusivo. Risolutivo si sperava potesse essere il tavolo tecnico convocato, da ultimo, lo scorso 15 dicembre dal sindaco Tiziano Cataldi, con l’accordo circa l’installazione di più contatori, il frazionamento delle forniture da parte di Aqp e l’impegno da parte degli insolventi di presentare un piano di ripartizione del debito entro il 14 gennaio 2017, data oltre la quale anche l’allaccio abusivo sarebbe stato rimosso.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

aldo delle castelleMATINO. È finito in carcere, in virtù di una sentenza divenuta ormai definitiva, il 45enne di Matino Aldo Delle Castelle. L’uomo, insieme alla convivente, avrebbe raggirato un anziano prozio riuscendo ad estorcergli circa 40mila con la minaccia della divulgazione di conversazioni e video “piccanti” relativi ad un rapporto “compromettente” con una donna. Il Delle Castelle è stato arrestato ieri dai carabinieri della Stazione di Matino su ordine emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce. Di quattro anni la pena da scontare per estorsione.

 

MATINO. “Bullismo e Ciberbullismo. Il ruolo dei docenti e dei genitori” è il tema del convegno organizzato il 4 febbraio, alle ore 17.30, presso Palazzo Marchesale. Il confronto sull’importante tema è organizzato dall’assessorato alle Politiche sociali del Comune, dal Coordinamento internazionale associazioni per la tutela dei diritti dei minori e dalla Camera minorile di Lecce. «Un argomento estremamente attuale che verrà affrontato attraverso punti di vista diversi» dichiara l’assessore al Politiche sociali, Vittorio Inguscio. Importante il ruolo del “Ciatdm”, da sempre in prima linea per ciò che riguarda le tematiche relative alla tutela dei minori per fare rete a fianco delle Istituzioni. «Parlare di questi temi per informare, aiutare e prevenire è fondamentale – afferma la presidente Aurelia Passaseo – così come è importante dare gli strumenti giusti sia agli operatori del settore scolastico sia ai genitori per contrastare e affrontare in modo adeguato tali problematiche». Tra gli interventi in scaletta anche quello di Giorgio Caputo, psicopedagogista clinico e cultore di criminologia presso l’Università del Salento che spiega: «Nelle scuole il bullismo è sempre esistito, oggi però si tratta di qualcos’altro. Se ieri certe situazioni erano tollerate e affrontate con severità dall’istituzione scolastica e il modello educativo funzionava perché il mondo adulto era compatto nelle reazioni adottate, oggi non è più così.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Tiziano Cataldi e Massimiliano Romano i due da sinistraMATINO. Siederanno nella stessa maggioranza il sindaco Tiziano Cataldi (Forza Italia) e il consigliere comunale Massimiliano Romano (Udc, i due da sinistra nelle foto). Non nel Consiglio comunale ma in quello provinciale, essendo stati entrambi, appena eletti nella lista a sostegno del presidente Gabellone. “Piena soddisfazione” è stata espressa dai due rispettivi gruppi politici, alleati nel sostenere il presidente Gabellone ma su fronti diversi in ambito comunale. A favore di Cataldi si è espresso anche Antonio Costa del coordinamento cittadino di Forza Italia il quale auspica anche una “continuità amministrativa” in vista delle prossime elezioni comunali. Con Gabellone anche Paola Mita e Antonio Tundo di Nardò e Giovanni Tundo di Galatone. All’opposizione, invece, Gabriele Caputo di Casarano e Assunta Titti Cataldi di Gallipoli.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Ammonta ad 8 milioni e mezzo di euro il credito complessivo maturato da Acquedotto Pugliese nei confronti di circa 800 utenze di alloggi dell’Arca Sud. Lo rende noto la stessa società idrica in riferimento alle sempre frequenti “attività di sospensione del servizio” in corso in provincia di Lecce. «Tale azione – si legge in un comunicato ufficiale della società – si è resa necessaria al termine di una lunga serie di atti, procedure, proposte di dilazione, tavoli di concertazione, succedutisi negli anni, tutti con esito negativo, e nonostante la buona volontà dimostrata da questa azienda, in ogni sede, con tutti i soggetti via via coinvolti». Aqp ricorda come nell’ultima riunione del 6 febbraio presso il Comune di Lecce, “a dimostrazione della propria buona volontà e proprio al fine di scongiurare la esecuzione dei provvedimenti di sospensione”, si sia resa disponibile a concedere un piano di dilazione per il saldo del debito maturato, alle medesime condizioni di favore proposte nel 2016, in massimo 48 rate mensili, senza acconto e previo riconoscimento del debito. L’azienda ha, inoltre, esteso tale possibilità, previo versamento delle rate scadute e delle nuove fatture emesse,  anche a quelle gestioni che, pur avendo sottoscritto il piano di dilazione nel 2016, non lo hanno onorato. Altra ipotesi è quella del “frazionamento delle posizioni in più contratti e dell’installazione conseguente di più contatori, previa verifica della fattibilità tecnica, con riconoscimento dell’eventuale debito pregresso, indicazione del piano di riparto del debito e sottoscrizione di un piano di dilazione”. In sostanza, Aqp si difende dall’accusa di operare tagli indiscriminati nell’erogazione ricordando come “l’acqua è un bene comune che impone diritti e doveri”. «Il servizio svolto da Acquedotto Pugliese – conclude la nota – ha un costo e viene svolto senza alcun intervento della fiscalità generale, ma semplicemente grazie al pagamento di un corrispettivo da parte dei titolari dei contratti di somministrazione che, con la correttezza dei loro comportamenti, garantiscono a tutti la fruibilità del bene. Il comportamento omissivo assunto da qualcuno, duole richiamare, è dannoso per Acquedotto Pugliese, che svolge la propria attività grazie al corrispettivo per il servizio reso e soprattutto, irrispettoso nei confronti di quegli utenti che onorano con puntualità le fatture, consentendo, di fatto, il servizio anche a chi non onora i suoi impegni».

 

 

Vito Primiceri

Vito Primiceri

MATINO. Opere da oltre 100mila sono state realizzate nel corso del 2016 grazie al finanziamento della Fondazione Banca popolare pugliese “G. Primiceri”. L’ente, sorto nel 2013, affianca l’istituto di credito nelle attività di sostegno e di ricerca “orientate verso il miglioramento della qualità della vita nei territori in cui opera”. Tre sono state le ricerche dell’Università del Salento finanziate. La prima su “Povertà ed esclusione sociale: i giovani che non studiano e non lavorano”, curata dal Dipartimento di Storia, società e studi dell’uomo; la seconda su “Monitoraggio delle infezioni nosocomiali – Influenza dei cambiamenti climatici sulla salute umana”; la terza a sostegno dell’attività di ricerca del dipartimento di Scienze e tecnologie biologiche e ambientali relativa all’immobilizzazione di (bio)materiali che hanno dimostrato di essere idonei per la terapia fotodinamica del cancro. La Fondazione ha, inoltre, sostenuto la ricostruzione di strutture di ricerca nelle zone terremotate del Lazio e delle Marche, l’acquisto di apparecchiature per la ricerca dei rimedi alla Sclerosi multipla e le iniziative dell’associazione “Cuore amico”. Altri interventi, in corso d’opera, riguardano le attività della Caritas della diocesi di Nardò-Gallipoli e della casa della carità di Lecce in favore di poveri e senza tetto.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

"Il presepe vivente dei bambini" promosso dalle maestre della scuola dell'infanzia "San Giovanni Bosco"

“Il presepe vivente dei bambini” promosso dalle maestre della scuola dell’infanzia “San Giovanni Bosco”

MATINO. È stato “Il presepe vivente dei bambini” la novità e l’evento inaugurale delle festività. L’iniziativa, promossa dalle maestre della scuola dell’infanzia “S. Giovanni Bosco”, è stata allestita all’interno dell’istituto. Dato il successo riscontrato si pensa già ad una prossima edizione, cosa che non accadrà per il presepe vivente “dei grandi”. Anche quest’anno, infatti, manca all’appello la manifestazione che negli anni scorsi ha preso vita nel centro storico. L’associazione “Amici del Presepe” ha comunque voluto lasciare un segno proponendo la Natività nella nuova piazza Primiceri. Protagoniste restano la musica e melodie natalizie con il concerto “Aria di Natale” organizzato dall’associazione “Arco della Pietà” e tenuto dal gruppo bandistico “San Giorgio”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

edda negri mussoliniMATINO. Prosegue il tour nel Salento di Edda Negri Mussolini impegnata nella presentazione del libro “Donna Rachele, mia nonna. La moglie di Benito Mussolini” (Minerva edizioni), scritto insieme ad Emma Moriconi. Il volume presenta risvolti privati e finora inediti della vita di Donna Rachele. Dopo la tappa del 16 dicembre a Matino (auditorium comunale ore 19,30), il 17 sarà la volta di Neviano (sala polifunzionale, ore 18), paese dove l’autrice deporrà una corona tricolore sulla tomba del cavalier Attila Piccolo. Altre date il 18 a Lecce (ore 17.30 Open space Palazzo Carafa), il 19 al Marchesale di Galatone (ore 18), il 20 al Joli Hotel di Gallipoli (ore 18), il 21 presso il centro culturale “Quintino Scozzi” di Melissano (ore 18) ed il 22 a Novoli.   

MATINO. Quest’anno i bambini si vestiranno da grandi e porteranno in scena la rappresentazione più importante del Natale: sarà il “Presepe vivente dei bambini” promosso dalla scuola dell’infanzia “S.Giovanni Bosco” anche teatro dell’evento. Sabato 17 dicembre, dalle ore 17, banchi e cattedre lasceranno il posto alla suggestiva scenografia e all’entrata dei piccoli personaggi del presepe. Un progetto che per la prima volta coinvolge i bambini in prima persona e che s’inserisce all’interno del programma educativo scolastico con una doppia finalità educativa: trasmettere lo spirito del dono e della condivisione insieme valorizzare la memoria storica e le proprie tradizioni. A coordinare l’iniziativa le insegnanti supportate dalla dirigente Giovanna Marchio, con la collaborazione dei genitori e il patrocinio dell’Amministrazione comunale attraverso l’assessore alla Pubblica istruzione, Fabrizio Coluccia, a suggello di una forte sinergia tra scuola, famiglie e Comune. Il palinsesto natalizio dell’Istituto comprensivo di Matino proseguirà con il concerto “InCanto di Natale” (foto d’archivio) in programma per mercoledì 21 dicembre alle ore 20 presso la chiesa del Sacro Cuore (foto).

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

"FUTURO IN GIOCO" L'immobile della zona industriale destinato ad ospitare il Centro aperto polivalente per minori. La struttura sarà al servizio dei Comuni dell'Ambito sociale di Casarano

“FUTURO IN GIOCO” L’immobile della zona industriale destinato
ad ospitare il Centro aperto polivalente
per minori. La struttura sarà al servizio dei Comuni dell’Ambito sociale di Casarano

MATINO. Presentato il bando per l’affidamento della gestione del Centro aperto polivalente per minori denominato “Futuro in gioco”. Un grande passo avanti che riduce le distanze rispetto all’avvio vero e proprio delle attività che daranno vita ad un progetto di notevole rilevanza sociale. “Futuro in gioco” è un’idea di sostegno rivolta ai minori che nasce intorno al 2007 e comincia a prendere forma qual- che anno dopo con la realizzazione della struttura sita presso la zona industriale di Matino per un importo totale di oltre un milione di euro, finanziato per con risorse regionali provenienti dal Fondo nazionale per le politiche sociali e con 20mila euro di soldi comunali. Due saranno i servizi da gestire: centro aperto polivalente per minori e centro socio educativo diurno per minori rivolti ad un numero massimo di 30 ragazzi di età compresa tra i 6 e i 18 anni e residenti nei sette comuni dell’Ambito territoriale sociale di Casarano, costituito anche da Collepasso, Matino, Parabita, Ruffano, Supersano e Taurisano.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Tre officine su quattro completamente sconosciute al fisco: il dato emerge dai controlli eseguiti nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza tra Gallipoli, Nardò, Matino, Racale e Collepasso. Le Fiamme gialle hanno operato con numerosi appostamenti ed incrociando i dati fiscali a loro disposizione. Delle sette officine meccaniche verificate (tra autoriparatori ed elettrauti) , solo quattro sono risultate titolari di regolare Partita Iva.  Nel corso delle operazioni, eseguite all’interno delle autorimesse, sono state individuate attrezzate officine dotate delle necessarie strumentazioni per le riparazioni meccaniche, tutto in maniera completamente abusiva, oltre a varie autovetture pronte per essere riparate o già in fase di consegna al cliente. Le attrezzature rinvenute (tra banconi da lavoro, attrezzi, ponti sollevatori idraulici, compressori, forni per la verniciatura e altro) sono risultate installate senza le prescritte dichiarazioni di conformità e quindi sottoposte a sequestro amministrativo, mentre i responsabili sono stati segnalati alla Camera di Commercio di Lecce, competente per l’applicazione delle relative sanzioni. Ma sono state contestate anche violazioni di carattere penale, in ordine all’illecito smaltimento di rifiuti pericolosi, ed elevate sanzioni amministrative nei confronti dei proprietari delle autovetture i quali sono obbligati ad avvalersi, per la manutenzione e la riparazione, di imprese autorizzate ovvero regolarmente iscritte alla Camera di commercio. Nei confronti dei gestori delle attività abusive seguiranno accertamenti, anche di natura fiscale, per la quantificazione del volume d’affari sottratto al fisco. Il danno arrecato da tali attività illecite è trasversale e spazia dall’evasione fiscale fino alla concorrenza sleale nei confronti degli operatori regolari, passando per il danno ambientale connesso allo smaltimento incontrollato dei rifiuti pericolosi connessi con lo svolgimento di tali attività.  

 

MATINO. È durata meno di un mese la latitanza di Sabino Vitale, 25enne di Matino ritenuto complice nella rapina all’ufficio postale di San Cassiano. Lo scorso 31 ottobre, in due fecero irruzione all’interno dell’ufficio,armati di una pistola e di un coltello, afferrando 4.300 euro in contanti. Nella fuga, il 23enne Giorgio Tarantino venne bloccato da alcuni passanti coraggiosi (uno dei quali rimase pure ferito all’addome), mentre il Vitale riuscì a far perdere le proprie tracce a bordo di una Fiat Punto intestata alla zia dell’arrestato e poi ritrovata a Casarano davanti casa del padre di Tarantino. Le indagini dei carabinieri della Compagnia di Maglie, coordinate dal PM Carmen Ruggiero della procura di Lecce, hanno permesso di ricostruire la dinamica dei fatti portando all’identificazione ed all’arresto anche del 25enne incensurato. Determinanti  sono stati i riconoscimenti da parte dei testimoni, gli intrecci dei tabulati delle utenze telefoniche dei due arrestati ed anche le immagini della videocamera di un distributore di benzina alle porte di San Cassiano che ha ripreso i due complici poco prima della rapina, intenti ad effettuare rifornimento, vestiti esattamente con gli stessi indumenti utilizzati per consumare il reato, così come dettagliatamente descritti dai testimoni. Le indagini hanno pure portato a ritrovare la pistola (del tipo a gas ma priva di tappo rosso), la giacca utilizzata da Tarantino e parte della refurtiva trafugata, a pochi metri una dagli altri nella campagne della zona. La  giacca verde con cappuccio, occultata sotto una pianta di fichi d’india, aveva ancora al suo interno  1.025 euro, parziale provento della rapina. Secondo gli inquirenti, la restante parte della refurtiva è stata portata via dal Vitale a seguito della fuga in auto. I due arrestati sono accusati di rapina aggravata e tentato omicidio.

     

 

Voce al Direttore

by -
Sono trascorsi quattro anni da quando si sono avuti i primi sentori che qualcosa non andava per il verso giusto: gli ulivi erano malati,...