Home Notizie Gallipoli
Ultime notizie dal Comune di Gallipoli

Gallipoli – Disponibile in radio e in tutti gli stores digitali, “Libero”, il primo singolo del cantautore SorVè, nome d’arte di Elvezio Reho. Una storia musicale partita a 14 anni in Svizzera, ad Aarau. “Già allora con la mia band divoravo il palco – spiega Reho – e la musica era la mia guida tra tante scorribande”. Dopo Roma, il trasferimento nella Città bella: “A un certo punto il richiamo del mare si è fatto sempre più forte, ed è così che ho deciso di stabilirmi in pianta stabile a Gallipoli. È qui che ho fondato la Banda D’Elvezio, ed è qui che è iniziata la mia collaborazione con quei grandi musicisti e amici che mi hanno permesso di sperimentare nuovi e diversi generi musicali”. Tra loro Aldo Natali, che ha prodotto il primo disco del musicista salentino d’importazione, curandone anche gli arrangiamenti. E Mimì Petrucelli, il quale si è occupato dei testi dei brani, musicati da Reho. Il disco, in uscita dopo l’estate, è una raccolta di singoli che spaziano dal blues al jazz, dal pop al funk fino a toccare anche il rock. Il singolo è invece accompagnato da un videoclip targato Springo Studio (regista Federico Mudoni di Alezio).

 

Lecce – Fino a mercoledì 20 giugno, si svolgerà a Lecce, presso Torre del Parco, la prima edizione di FoodExp – Food Life Experience – progetto di valorizzazione delle esperienze di eccellenza gastronomica, con un occhio attento alla formazione delle nuove leve della cucina italiana come del mondo dell’accoglienza alberghiera. «FoodExp – spiega Luigi Pizzolante, ideatore dell’evento – vuol rappresentare il connubio della tradizione culinaria consolidata che accetta la sfida della sperimentazione ai fornelli, senza mai dimenticare le radici. In questo percorso s’inserisce il ruolo chiave dell’ospitalità attraverso gesti di condivisione e semplice accoglienza, vero fattore di distinzione e qualità».

Sostenuto dalla regione Puglia, convinta della necessità di estendere ancor più l’attrattività dell’offerta turistica esperienziale, FoodExp gode della presenza delle migliori personalità esistenti nei comparti della ristorazione e della ricettività, attraverso masterclass, laboratori, seminari, degustazioni e contest su base regionale riservati ai giovani talenti emergenti pugliesi al di sotto dei 30 anni, presieduti dal critico gastronomico Luigi Cremona e dalla giornalista Lorenza Vitali.

Due gli ambiti di concorso durante i tre giorni di FoodExp : il format Pizza Chef Puglia e  Premio Emergente Chef  che vedranno, fra gli altri, la presenza di Michel Greco della cantina gourmet 14/89 Food Pop di Gallipoli (per la sezione Pizza Chef Puglia) e Mino D’Alò del ristorante ‘Le Macàre’ di Alezio (per la sezione Premio Emergente Chef). Inoltre, per i ragazzi specializzati nel servizio in sala, FoodExp sarà l’occasione di mettere in scena il proprio mestiere sarà il Casting Emergente Sala al quale partecipare semplicemente per autocandidatura.

Matino – «Don Primaldo è stato un combattente che ha lottato fino alla fine facendo la volontà di Dio senza risparmiarsi mai»: con queste parole, il vescovo, mons. Fernando Filograna, racconta don Primaldo Gioffreda scomparso, a 71 anni, dopo una lunga malattia. Il vescovo, che ha celebrato il rito funebre, ha poi aggiunto con voce tremante: «Don Primaldo era sempre ottimista anche durante la nostra ultima telefonata. Non voleva arrendersi ed era fiducioso. Ecco com’è andato incontro alla morte. Per noi è stato un grande dono del Signore». Una folla di fedeli commossi ha gremito i banchi della Chiesa Madre per l’ultimo saluto al parroco che, per 14 anni, ha servito la comunità di Matino. Nel cuore di Don Primaldo anche le comunità di Lido Conchiglie, Collepasso e Alezio, paese  dove ha vissuto per 23 anni.

Il 28 giugno il sacerdote avrebbe celebrato 46 anni di vita sacerdotale. «In questi ultimi anni il Signore gli ha chiesto di vivere l’esperienza della sofferenza – dice Mons. Filograna – non voleva lasciare la vita della comunità, poi quando le forze hanno cominciato a venire meno ha ceduto il testimone a don Andrea mantenendo comunque sempre forte il contatto con i suoi parrocchiani sino alla scorsa domenica quando ha avuto la gioia di chiamare i ragazzi cresimandi».

Infine uno sguardo al “suo gioiello” Prima di lasciare per sempre la città di Matino, il feretro è stato accompagnato presso il Villaggio del Fanciullo, il suo piccolo gioiello (al pari di Casa Betania realizzata ad Alezio), ultimo regalo alla città. Frutto di determinazione e sacrifici, ma anche collaborazione e dedizione da parte di tanti fedeli che non si risparmiava mai di ringraziare e che, a titolo gratuito, si erano dedicati alla realizzazione di una casa per i ragazzi. La gratitudine da parte della comunità è stata espressa attraverso le parole del sindaco, Giorgio Toma, che ha annunciato l’affissione di una targa commemorativa a lui dedicata, proprio all’interno di quel villaggio tanto desiderato, ricordando le stesse parole pronunciate da Don Primaldo durante il discorso tenuto in occasione della messa di saluto, lo scorso ottobre, quando disse “Guai a chi mi distrugge il Villaggio”. “Grazie per quanto ci hai donato servendo la tua Matino” ha concluso il primo cittadino matinese.

“Per la scuola un doppio dolore” Tantissime le frasi di affetto che in questi giorni fedeli e amici hanno voluto dedicare al parroco. Affetto e dolore affidate a parole rese pubbliche tramite Facebook sono quelle di Venceslao Marsano, presidente delegato del Comitato San Giorgio «Porterò con me i tuoi insegnamenti, dirti grazie è poco». Un pensiero accorato anche da parte di Giovanna Marchio, dirigente dell’Istituto comprensivo di Matino: «È stato per anni un nostro docente, ma oltre questo era un punto di riferimento importante – ha detto – si è sempre dedicato ai ragazzi e insieme abbiamo lavorato per contrastare la dispersione scolastica. Per noi è un doppio dolore». Numerosissimi i manifesti di comitati, associazioni, gruppi e famiglie che hanno così testimoniato il loro attaccamento a don Primaldo. La tumulazione del feretro è avvenuta nel cimitero di Sannicola.

Alezio – Ventitré anni da parroco della chiesa dell’Addolorata; poi altri 14 a guidare la parrocchia di San Giorgio a Matino: si vede anche da questi numeri che don Primaldo aveva delle qualità particolari nel legare con le comunità in cui era inviato dai vari vescovi succedutisi in questi anni. E loro, i capi della diocesi di Nardò-Gallipoli ne tenevano evidentemente conto, prolungando ben oltre i nove anni canonici l’incarico del prete di Chiesanuova di Sannicola.

“Col cellulare sempre acceso, pronto a dare un aiuto” A fine giugno avrebbe compiuto 46 anni di sacerdozio da quei primi incarichi a Lido Conchiglie e al seminario di Gallipoli. Da allora e fino a ieri, giorno della sua morte a 71 anni, è stato sempre con le orecchie aperte, “col cellulare acceso fino agli ultimi minuti”, come raccontano i suoi più stretti collaboratori: “Anche se solo per un parola di conforto ed incoraggiamento, lui voleva esserci per chi lo chiamava”.  Rapporti saldi, durevoli, proficui che ciascuno ha nutrito a proprio modo ma tutti tenendoli ben cari e custoditi. Per questo, nonostante che da Alezio mancasse da ormai 14 anni, c’erano tanti aletini oggi ai funerali a Matino, con manifesti, il Gonfalone del Comune e nella rete tante sono state le tristezze, tanti i ricordi di una intera generazione in cui ha avuto anche modo di accompagnare neonati alla cresima e poi al matrimonio.

Il cammino verso la fede ritrovata Ed anche alla fede ritrovata. Questa la testimonianza affidata a piazzasalento, di Anna De Santis: “Avevo più o meno 18 anni quando decisi di andare a confessarmi al “prete nuovo” . Ispirava fiducia e simpatia. Lo incontravo quando passava a trovare i miei nonni. Mio Nonno Sebastiano lo inondava di racconti di guerra e di vita; nonna Saia invece gli teneva sempre da parte la cioccolata della quale era ghiotto… tranne durante la Quaresima, periodo in cui per fioretto vi rinunciava: se devi rinunciare a qualcosa – diceva – deve essere una cosa a cui tieni molto perché il sacrificio aiuta a temprare lo spirito. Quel giorno quindi andai a confessarmi a quel giovane prete che amava la cioccolata. Non eravamo abituati ad uno che ti ascoltava e voleva sapere di te e della tua fede. Mi chiese “ma credi davvero in Dio?” la mia risposta spontanea e sincera fu “non ne sento la necessità”. Mi disse: “vedi, la tua vita adesso è una strada in discesa, quando comincerà la salita sarai tu a cercarlo”… É stata l’ultima volta che mi sono confessata ma mi è bastata per cominciare a cercare Dio. Che possa accoglierti tra le Sue braccia, don Primaldo”.

“Da Parigi grazie per quest’ultima lezione” Sulla sua pagina Facebook ed anche altrove, si sono susseguiti sentimenti di grande considerazione, di dolcezza, di amicizia profonda. Da Parigi ha scritto Isabella Cherillo: “Anche Da Parigi una piccola luce per te… la luce che il tuo sorriso portava ogni volta nel vederti… mi dispiace non averti scritto per un’ultima volta. Ogni volta rimandavo a domani… grazie per questa ultima lezione…non rimandare a domani un pensiero. Sono sicura che in questo momento mi ascolti mentre queste campane suonano e queste lucine illuminano questa chiesa… resterai nel cuore per sempre! Dai un bacio a nonna… “. Maria Grazia scrive: “Non è né spento né lontano, ma vicino a noi, felice e trasformato, senza aver perduto la bontà e la delicatezza del suo santo cuore. Grazie don Primaldo per la tua bontà, per la tua forza, per i tuoi sorrisi e incoraggiamenti, grazie per tutto quello che ci hai insegnato in tutti questi anni, grazie per essermi stato vicino durante la perdita di mio padre, grazie per la forza che mi hai dato per andare avanti giorno per giorno”.

“Il tuo primo funerale per un bimbo, il mio” “Caro don Primaldo, appena sei arrivato a Matino hai dovuto celebrare il funerale di un bambino che dopo due giorni dalla nascita è volato in cielo. Un triste inizio della tua vita sacerdotale nel nostro paese. Quel funerale era del mio piccolo Luca. Ti ho raccontato la mia storia e quando hai collegato che quel bambino era mio figlio, i tuoi occhi si sono riempiti di lacrime e in quel momento ho capito quanto era grande il tuo cuore”, il racconto intimo e doloroso di Sandra Biasco. Questo invece il pensiero per lui di Valentina Longo: “È difficile diventare grande perché man mano tutte le persone che rappresentano la tua fanciullezza vanno via e nel tuo cuore ti senti sempre un po’ più sola… Ci siamo visti l’ultima volta alla messa per papà e mi hai dette le solite tue parole, quelle che arrivano dritte al cuore. Non dimenticherò mai le infinite chiacchierate, gli scherzi, i giochi, le lezioni, i pizzicotti, le mani che mi scrivevo mentre ero accanto a te alla cattedra, durante le lezioni di religione… sei e sarai sempre un dolce ricordo”.

“Esempio di semplicità e maestro di vita” Daniela Russo: Grandissimo esempio di straordinaria semplicità di vero PRETE in salute e nella malattia … scandivi le tue preziosissime parole x farle rimanere indelebili nei nostri cuori”. Damiano Iannotta: Non potrò mai dimenticarmi di te…maestro di vita…di scuola…i pizzicotti ca me tivi sempre e me dicivi ca a capu era tosta… ca su forte… o sei stato anche tu fino all ultimo”. Giovanna Librando e Maurizio Casole: “Don Primaldo, non finirò mai di ringraziarti per tutto ciò che ci hai insegnato”.

Gallipoli – Sciopero di tutti i lavoratori di Progetto Vendita srl, un call center, delle sedi di Maglie, Gallipoli e Brindisi per l’intero turno di lavoro dal 18 giugno e ad oltranza, fino a quando cioè non verranno pagati gli stipendi arretrati; inoltre, immediati chiarimenti per i lavoratori assunti a progetto che “nonostante in possesso di contratti regolarmente sottoscritti con scadenza 30 giugno prossimo, in alcuni casi, non sono messi nelle condizioni di svolgere la propria prestazione lavorativa (è successo a Gallipoli): questa la mossa dei sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil delle province di Lecce e Brindisi. Firmano la lettera Gianni Bramato, Gianfranco Laporta, Tommaso Moscara e Massimo Passabì ed è stata inviata alla società del gruppo Planet Group ed alla dirigente aziendale Mina Missere.

Una tempesta su 450 lavoratori In ballo ci sono 149 posti di lavoro a tempo indeterminato di cui 131 con lettere di licenziamento in arrivo, e 300 addetti “a progetto” che forse dovranno andare a lavorare altrove, se si esclude l’ipotesi peggiore di chiusura delle attività aziendali. I sindacalisti, “nonostante le numerose richieste di chiarimento in merito alle ultime incresciose vicende, denunciano un preoccupante rifiuto dell’azienda al confronto e al dialogo, rilevando di contro, che ha deciso (comunicandolo ai lavoratori con un semplice annuncio in bacheca) di far slittare il pagamento degli stipendi al mese successivo senza motivazione alcuna (quello di aprile che, da accordi doveva essere corrisposto entro il 15 giugno, è slittato al 2 luglio, ndr) senza informare preventivamente le scriventi, peggiorando una situazione già gravemente compromessa”, scrivono nella lettera i rappresentanti dei lavoratori. (foto, dall’alto , delle proteste di Maglie e Gallipoli nei giorni scorsi)

Stipendi non pagati: tensione al massimo “La notizia del mancato pagamento – sostengono Bramato e compagni – ha reso infuocato un clima già teso, con il timore concreto che i bonifici, vista l’assenza totale di garanzie, non arrivino nemmeno in futuro. Sottolineiamo in aggiunta le difficoltà dei lavoratori e delle lavoratrici che senza retribuzioni, in alcuni casi, avrebbero difficoltà anche a sostenere le spese di viaggio per recarsi in azienda.
La situazione è ormai insostenibile e qualsiasi atto di responsabilità, messo in campo in questi
giorni dalle scriventi e dai lavoratori che rappresentiamo, si è rivelato vano a causa di una condotta
aziendale irresponsabile e irrispettosa dei propri dipendenti”.

 

Parabita – Grande attesa a Parabita per l’arrivo delle reliquie di Sant’Antonio di Padova. Molto ricco il programma dell’evento in programma da sabato 30 giugno a martedì 3 luglio. Ad accompagnare le reliquie del Santo nella città delle Veneri saranno alcuni padri provenienti dalla basilica pontificia di Padova, i quali hanno già manifestato la loro disponibilità per i colloqui personali e le confessioni dei fedeli. Il rito di accoglienza è previsto il 30 giugno alle 18, presso il monumento di San Pio, nella piazzetta sita sulla strada per Collepasso. Subito dopo, si snoderà una processione verso la nuova chiesa parrocchiale di Sant’Antonio. Intorno alle 19.30 seguirà la celebrazione della messa da parte del parroco don Albino De Marco (di Casarano) e alle 21.30 una veglia di preghiera. Domenica 1 luglio le celebrazioni della mattina saranno alle 8.30 e alle 11 mentre in serata la celebrazione delle 19.30 sarà presieduta dal vescovo della diocesi di Nardò- Gallipoli, Fernando Filograna. Alle 21, nel salone parrocchiale, spazio alla presentazione del musical “Fra cielo e terra” a cura della compagnia teatrale “Iride” di Parabita.

Il giorno successivo, lunedì 2 luglio, l’attenzione verrà rivolta agli ammalati e agli anziani. Durante la mattinata, il reliquiario della “Sacra Costola” visiterà gli infermi e gli ospiti del Centro di solidarietà “Madonna della Coltura”. L’ultimo appuntamento della giornata è stato fissato alle 21.30, quando i parrocchiani si ritroveranno per dare inizio alla veglia dei Simboli di Sant’Antonio. Martedì 3 luglio alle 11 è poi previsto il saluto comunitario caratterizzato da un momento di preghiera e riflessione. La sera, intorno alle 20, le reliquie raggiungeranno la comunità di Sant’Antonio di Padova di Gallipoli, guidata da don Salvatore Leopizzi. Anche per questa circostanza, si terrà la cerimonia di accoglienza e la celebrazione della messa seguita da una veglia di preghiera. Il commiato avverrà nella prima mattinata di mercoledì 4 luglio.

Taviano – Nei pressi dello svincolo per Taviano tre auto sono state coinvolte questo pomeriggio intorno alle 17. Bilancia meno drammatico di quanto si potesse immaginare, considerato che si è trattato di un scontro quasi frontale con tamponamento: quattro delle sei persone coinvolte, sono state ricoverate negli ospedali di Gallipoli, Copertino e Lecce. Nessuna di esse è in condizioni gravi.

Per ragioni ancora in fase di accertamento da parte del nucleo radiomobile della compagnia dei carabinieri di Casarano, intorno alle 17 una Ferrari modello California che procedeva in direzione di Gallipoli, seguita ad una certa distanza da una Toyota Aygo, è andata ad impattare con una Mercedes che era diretta invece verso Leuca.

Molto probabilmente una delle due auto è andata ad invadere la corsia opposta provocando non solo lo scontro ma anche il successivo tamponamento della Toyota ai danni della Ferrari. I ricoverati per traumi vari sono stati registrati come feriti in codice verde(lieve) e giallo. Il traffico, a cura dell’Anas, è stato dirottato su strade secondarie anche per facilitare le indagini dei carabinieri prima di rimuovere i tre automezzi coinvolti.

.

Gallipoli – Con la piccola tregua di questo pomeriggio, il maltempo lascia un margine per far contare i danni a coloro che ne sono stati colpiti. Allagamenti si segnalano un po’ dappertutto, nelle zone ormai “classiche” anche se di classico il meteo in questo periodo prevede ben altro, di solito appunto. Ecco allora segnalazioni di passanti e residenti della Baia verde di Gallipoli evidenziare le aree dove si creano accumuli ad ogni precipitazione intensa, come al primo imbocco della Statale per entrare nel quartiere. Come da tradizione, sommersa tutta la zona della fine di corso Roma, parte di piazza Moro (il Canneto); paradossalmente ci si trova tra i due mari, eppure manca ancora un efficiente sistema di scarico per le emergenze.

Abitazioni allagate e senza energia elettrica tra Parabita e Alezio; senza luce sono stati i residenti in quelle case sparse per più di cinque ore ieri pomeriggio, poi il servizio emergenza Enel ha riparato i guasti. Allagamenti anche in alcune zone a valle di Casarano. Non si registrano grossi disagi e per vedere gli effetti più pesanti e i danni consistenti bisogna andare nelle campagne, soprattutto tra i vigneti di Alezio e Parabita.

Vigneti feriti, peronospera in agguato Nelle foto di Franca Bassini, una lettrice di Piazzasalento, sono evidenti i segni della grandine che ha rotto foglie e acini. “Su quelle ferite – spiega l’agronomo Saverio Gabellone di Alezio – si corre il fischio che si depositi l’infezione da peronospera. Infatti dopo grandinate del genere, sempre micidiali per il trauma che crea alle piante, sono previsti trattamenti contro quella malattia”. “Per fortuna – aggiunge Giuseppe Coppola, agricoltore e imprenditore agrituristico – la potatura verde non ancora effettuata ha fatto da protezione ai grappoli, limitando in qualche modo i danni”. Da una prima verifica, la grandine avrebbe colpito in una area ristretta di Alezio, zona di vini Doc, lasciando indenni i vigneti di Sannicola.

Galatone – Doppio appuntamento, sabato 16 giugno a Galatone, con il “Salento book festival”. La “festa dei libri” propone alle 20.30 in piazzetta San Demetrio l’incontro con il giornalista Roberto Napoletano, autore del volume “Il cigno nero e il cavaliere bianco” (edizioni La nave di Teseo), con il quale, da direttore Messaggero e del Sole 24 Ore, Napoletano propone un racconto a più voci della grande crisi abbattutasi sull’Italia e sull’Europa. Ad incontrare l’autore sarà Paola Moscardino. A seguire sarà la web-star Francesco Sole a presentare (insieme ad Azzurra De Razza e con la partecipazione musicale di Gianluca Longo), la sua seconda raccolta di poesie dal titolo “#Ti amo” (Mondadori). Il 25enne modenese di nascita e milanese d’adozione, sarà poi domenica 17 giugno alle 21.30 in piazza Aldo Moro a Gallipoli, preceduto dalla presentazione del libro “Sono libera dentro” di Ada Fiore, docente di Storia e filosofia al liceo classico Capece di Maglie. Il libro dell’ex sindaco di Corigliano d’Otranto vede come protagoniste le detenute della casa circondariale di Borgo San Nicola a Lecce.

Luciana Littizzetto al Salento book festival  La rassegna itinerante torna lunedì 18 giugno con la sezione affidata al direttore artistico Luca Bianchini, che condurrà gli eventi da lunedì 18 a domenica 24 giugno. Il primo appuntamento è quello del 18 alle 20.30 in piazza Salandra a Nardò con Luciana Littizzetto ed il suo “La bella addormentata in quel posto”. L’attrice comica riceverà anche il premio Salento book festival 2018.

Gallipoli – Proseguono gli appuntamenti della quinta edizione del festival musicale “Terra tra due mari” a Gallipoli, promosso dalla Pro loco e dal Comune insieme all’associazione “Il Musicante”, che anche quest’anno richiama le tradizioni locali, promuove il territorio la sua cultura. Domenica 17 giugno, in occasione dei solenni festeggiamenti in onore di San Luigi Gonzaga, nella Basilica concattedrale “Sant’Agata” di Gallipoli alle ore 20 si terrà il concerto “O quam suavis” del coro Parsifal, coro di interesse nazionale diretto dal maestro Andrea Crastolla, che eseguirà musiche di Giovanni e Andrea Gabrieli, Claudio Monteverdi, Franz Liszt, e Benjamin Britten. Eseguiranno inoltre letteratura musicale contemporanea di Mauro Zuccante ed Enrico Tricarico.

Domenica 24 giugno invece l’appuntamento sarà in piazza Aldo Moro alle ore 21 con l’evento “La caminante”, dedicato al tango. Si terrà infatti un concerto di tango con la cantante Ana Paula Esteban, direttamente da Buenos Aires, accompagnata da Vincenzo De Nitto alla fisarmonica. Durante il concerto si svolgeranno poi le performance danzate dei ballerini di tango Angela Quaquarella e Mauro Rossi, Stefania Filograna e Giuseppe Marsina. Dopo il concerto la piazza sarà la pista della “milonga” musicalizzata da Tiziana Corti; saranno esposte inoltre delle tele dedicate al tango dell’artista Michela Bidetti.

L’altro appuntamento sarà poi per sabato 14 luglio sempre in piazza Aldo Moro, prestigioso e di notevole grado musicale: protagonista sarà l’orchestra di fiati jonico salentina diretta dal Maestro Ten. Colonnello Leonardo Laserra Ingrosso, direttore della banda musicale della Guardia di Finanza. Per l’occasione del 150esimo anno rossiniano, saranno eseguite musiche di Gioachino Rossini, e poi di Leonard Bernstein, Pëtr Il’ič Čajkovskij ed Enrico Tricarico. L’ingresso al concerto sarà alle ore 21.00, inizio concerto alle 21.30. Info presso la Pro loco di Gallipoli o al 0833 264283 – 334 6784942. Il festival “Terra tra due mari” continuerà per tutta l’estate con altri sette appuntamenti musicali fino al 5 ottobre.

 

Gallipoli – Per una sera, la Città Bella diventa “Casa Milan”. Responsabile del trasloco è il “Milan Club Gallipoli”, organizzatore del “Festival del Milanismo – Premio Gallipoli Rossonera” assieme al network “Radio Rossonera”. La kermesse, ospitata da “Hotel Gallipoli Resort”, si terrà domenica 17, data da cerchiare in rosso (e nero) sul calendario dei tifosi del Diavolo. Più di venti i club che hanno raccolto l’invito del corrispettivo gallipolino, tra cui quelli di Casarano, Collepasso, Galatone, Melissano, Nardò, Parabita, Tricase. Ospiti d’eccezione della serata presentata da Luigi Alemanno e Paola Vella, la leggenda rossonera Daniele Massaro (ora ambasciatore del Milan nel mondo) e l’attuale direttore sportivo Massimiliano Mirabelli.

“Il Festival nasce con l’idea di esaltare il “Milanismo”, inteso come tifo sano, puro e incondizionato – fa sapere il direttivo del club – nonché riconoscere le eccellenze milaniste che si sono distinte per il proprio amore per questi colori.” Dopo l’intervento video di Giuseppe La Scala, vicepresidente dell’associazione “Piccoli Azionisti Milan”, saranno premiati Xavier Jacobelli, direttore di “Tuttosport”, Furio Fedele, giornalista de “Il Corriere dello Sport”, Pasquale Campopiano, community manager A.C. Milan e giornalista autore del libro “#nerosurosso”, Pietro Balzano Prota e Alessandro Jacobone, fondatori di “Radio Rossonera”. Premi ad hoc sono stati commissionati al maestro cartapestaio Roberto Perrone. Nel corso della serata, dall’aperitivo di benvenuto al taglio della torta, previste le esibizioni di Gervasio Provenzano (Niro) e Michele Cortese, ma anche animazione per bambini e una chat WhatsApp per interagire con gli ospiti. I tifosi rimasti senza biglietto potranno seguire l’evento sulle frequenze e sui profili social di “Radio Rossonera”.

M.C.

Gallipoli – Giorno dopo giorno, sembrano precipitare le cose nel call center gestito da Progetto Vendita, gruppo “Planet Group” che comprende le sedi di Gallipoli e Maglie. Stamattina, per il breve periodo non interessato dal maltempo, gli addetti – 149 a tempo indeterminato, di cui 131 con licenziamenti in vista, e 300 “a progetto” – hanno dato vita a due manifestazioni di protesta e di richiesta di attenzione da parte dei rappresentanti istituzionali locali e nazionali. (nelle foto la protesta a Maglie)

La sorpresa a Gallipoli: “Oggi non c’è lavoro” E gli stipendi slittano A Maglie vi è stato un vero e proprio sit in con la partecipazione anche di sindcalisti che stanno seguendo la drammatica vertenza di Cgil, Uil e Cisl del settore. A Gallipoli, oltre alla contestazione di una azienda evanescente, c’è stata un’altra amara sorpresa: tutti gli addetti che lavorano “a progetto” (quindi a temo determinato) si sono sentiti dire che oggi non c’era lavoro per loro. Motivo: la commessa era stata interrotta. In più, con un foglietto affisso all’ingresso, sono stati informati che il pagamento dello stipendio di aprile sarà effettuato il 2 luglio (saltata la data ufficiale del 15 giugno).

“Una barca alla deriva, senza comandanti” “Siamo di fronte ad una situazione mai vista – è il commento preoccupato do Tommaso Moscara (Cgil) – con una nave alla deriva e con i comandanti già scappati”. Ma i sindacati non demordono: “Abbiamo chiesto con i nostri colleghi del nazionale di chiedere un incontro urgente con il committente principale, Mediaset Premium, per cercare di capire almeno da loro come stanno le cose”. Ai lavoratori sono giunti in questi giorni gli interventi di solidarietà e di appoggio dei consiglieri regionali Caroppo (Lega Nord) e Congedo (Fratelli d’Italia). Nei giorni scorsi vi era stato un incontro a Gallipoli con due parlamentari pentastellati che hanno promesso di portare la vertenza sul tavolo del ministro del Lavoro Luigi Di Maio.

Interrogazione parlamentare a Di Maio Su quel tavolo è arrivata oggi una interrogazione parlamentare ufficiale a frima della senatrice salentina Teresa Bellenova, viceministro al Lavoro nel precedente governo e curatrice di numerose vertenze a livello nazionale. La Bellanova chiede un intervento urgente dal parte del Ministero ma soprattutto l’applicazione della clausola sociale a tutela dei lavoratori. “Da quanto si apprende – scrive la parlamentare – le motivazioni addotte in merito ai licenziamenti sarebbero riconducibili alla probabile perdita della commessa Mediaset Premium, con la quale Progetto Vendita sembrerebbe avere un accordo commerciale fino al 30 giugno 2018. Mentre a questo si aggiunge un ulteriore elemento di criticità come la notizia riferita dai lavoratori sul mancato versamento dei contributi da parte dell’azienda nell’ultimo anno”.

“Applicare la clausola sociale: lo strumento a tutela dei lavoratori c’è” In attesa delle verifiche del caso, “è assolutamente prioritario intervenire per scongiurare i licenziamenti annunciati dall’impresa e, se del caso, ricorrere all’applicazione della clausola sociale, come in casi analoghi è già accaduto con il precedente Governo. Non si tratta di inventare nulla, solo di replicare buone prassi che hanno già dimostrato la loro efficacia. Da Sottosegretaria al Lavoro –  conclude Teresa Bellanova – le condizioni di lavoro nei call center sono state una mia assoluta priorità e la norma sulla clausola sociale, approvata nel dicembre 2015, una garanzia senza precedenti per le lavoratrici e i lavoratori, lo dimostra. Lo strumento c’è, bisogna applicarlo”.

 

parcheggi gallipoli

Gallipoli – Le particelle 920, 922, 927, 928 e 929 del foglio 25 non sono state mai comprese nella confisca operata il 27 settembre del 2012; non potevano essere inserite nell’ordinanza del Sindaco del 30 marzo, Venerdì santo, come aree di sua proprietà e le destinava a parcheggi temporanei in vista dell’affollamento di quella zona, tra Baia verde e la strada che collega la litoranea e la Statale.  La sentenza del Tribunale penale ha accolto le ragioni addotte dall’amministratore unico Angelo Marrella, di Casarano, della società Praia del Sud. Il contenzioso era sorto il 4 aprile, all’indomani del’ordinanza sindacale richiamata, pubblicata il 31 marzo ed eseguita il 2 aprile, giorno di Pasquetta.

Aree mai confiscate e non del Comune Per effetto di questa decisione giudiziaria, l’area a disposizione del Comune e già utilizzata in passato per posteggi temporanei durante la stagione estiva, viene di fatto dimezzata. Questo dato, da non sottovalutare data la delicatezza ambientale di quel comparto non a caso protetto da norme speciali di rilevanza europea, ha subito ridato fuoco alle polveri per l’alta tensione che persiste principalmente a causa del cantiere ancora aperto nel tratto che va dal secondo ingresso della Baia verde al canale dei Samari. Il fatto che alcuni tra i più importanti lidi adesso si troverebbero senza più aree a disposizione per i propri utenti automobilisti.

L’attacco di Gallipoli Futura “Da quanto si apprende, le particelle “liberate” dalla illegittima confisca renderanno non più adibili a parcheggio tutto lo spazio antistante gli stabilimenti balneari Zeus, Helios, Banzai… si arriverebbe così a ridosso del Samsara, aggravando così una già di per se gravissima situazione posta in essere da quelli che definiamo “i lavori dell’assurdo” – scrivono i consiglieri comunali di Gallipoli Futura, Flavio Fasano e Giuseppe Cataldi – posti in essere dal Sindaco Minerva senza alcuna preventiva valutazione di compatibilità urbanistica con quelle che erano le reali esigenze di una litoranea come la nostra”. Dopo aver accusato il capo dell’Amministrazione di atteggiamenti “boriosi e tracotanti”, i consiglieri paventano – come peraltro già fatto fin dalla prima mossa della società coinvolta nell’ordinanza del Sindaco – possibili danni erariali a carico del Comune.

“Disagi” e sviluppi Intanto in Comune si sottolinea che, ad oggi, non è arrivata alcuna comunicazione ufficiale da parte del Tribunale. In secondo luogo il Sindaco tende a smorzare gli allarmi sollevati dall’opposizione, secondo cui i disagi in quell’area sono destinati a salire con l’arrivo dell’estate. “Il Comune si è limitato ad agire secondo quanto dicevano le sentenze. Disagi? E perché mai? Ci sono contratti in essere tra società proprietaria e gestori degli stabilimenti balneari per quelle aree”. E non è neanche escluso che lo stesso Comune avvii una nuova istanza riguardante parte delle aree adesso escluse dalla confisca. In mano al Comune restano quindi poco più di 12 ettari.

Lido Conchiglie (Gallipoli – Sannicola) – Lido Conchiglie marina dimenticata? “Per nulla”, fa sapere il sindaco di Gallipoli Stefano Minerva che interviene in merito ai tanti problemi sollevati nei giorni scorsi  da turisti e residenti. «Dopo numerosi sopralluoghi siamo finalmente alla fase operativa: sono  partiti oggi i lavori di messa in sicurezza della zona di Lido  Conchiglie. Lavori necessari sia in termini di sicurezza ma anche dal  punto di vista prettamente estetico: a chi pensa che Lido Conchiglie sia  una marina dimenticata, rispondo con le foto e gli interventi concreti», fa sapere il Primo cittadino in un comunicato. L’Amministrazione di Gallipoli, che ha competenza per il “versante mare” di Lido conchiglie, sta dunque rimettendo in sicurezza gli accessi alla spiaggia libera. Altri sono gli interventi richiesti da residenti e turisti, ad iniziare dalla periodica pulizia dalla alghe sino alla messa in sicurezza dei giochi per i più piccoli, alla manutenzione delle strade, alla segnaletica e alla viabilità stradale. Alcuni di questi interventi sono, però, di competenza del Comune di Sannicola vista l’anomala suddivisione territoriale della marina tra i due Comuni. Nel rinnovare l’impegno della sua Amministrazione nel riqualificare le marine, Minerva punta “anche e soprattutto al senso civico  di chi vi abita”.

Gallipoli –  Inizieranno sabato 16 giugno alle ore 18,30 e dureranno per tutta l’estate gli appuntamenti di “Aperitivi al tramonto” al Cotriero, in  località “Pizzo”: una fitta programmazione di concerti e dj set al tramonto per festeggiare i 20 anni di attività. Si partirà con i dj resident Vito Santamato e Marco Pellico, mentre domenica 17 in consolle si alterneranno Paco Fersini, Luca Perimetro e PapaMassi. Sabato 23 l’ appuntamento sarà invece con il concerto del progetto Alfonsina Swing, che muove i suoi primi passi nel panorama dell’arte di strada leccese, con la chitarra di Marco Papadia e la voce di Sofia Romano. Si tratta della prima band leccese completamente ispirata all’autentica tradizione Jazz dei classici americani.
Domenica 24 spazio invece alle selezioni di Misspia, una delle più famose Dj del sud Italia, con le sue performance dal sapore vintage che spaziano dalla musica italiana e internazionale a 45 giri per delle atmosfere ironiche rievocando passato, presente e futuro, riuniti per un evento unico nel suo genere: Swing, Rock’n’Roll, Rockabilly, Beat.
Sabato 30 giugno infine, ultimo aperitivo del mese con il dj set del musicista e produttore statunitense Mylious Johnson, batterista che spazia tra jazz, hip hop, pop e rock e che collabora con star italiane e internazionali (Pink, Mariah Carey, Bjork, Lorenzo Jovanotti, Tiziano Ferro, Giorgia, Gianna Nannini e tanti altri). Al Cotriero sarà affiancato in consolle da Federico Primiceri e Malavida. 
L’ingresso per tutti gli appuntamenti è libero. Info 3406662833

Sannicola – Appuntamento venerdì 15 giugno, alle ore 20, presso il frantoio ipogeo di via Roma a Sannicola per la mostra finale dei corsi d’arte tenuti dall’associazione Ionia durante l’anno con il patrocinio del Comune. L’evento è organizzato in collaborazione con Pro Loco e Axacultura. «Sempre una bella soddisfazione presentare al pubblico le opere realizzate dagli allievi dei nostri corsi d’arte. Quest’anno – affermano i promotori – ci saranno anche le opere di altre artiste selezionate dall’associazione e avremo due ospiti d’onore: i maestri Franco Ventura e Bruno Sances». La serata prevede i saluti delle autorità e l’intervento dei maestri Mauro Sances, docente del corso di argilla “Dal pensiero alla forma” e Fabio De Donno, docente del corso di pittura “A mano libera”. La serata sarà condotta da Marilena De Stasio, presidente Ionia e coordinata dalla giornalista Maria Cristina Talà. Espongono: Ivana Magnani e Graziana Manno di Matino, Patrizia Stapane di Galatone, Nadia Marra di Gallipoli, Ottavia Fedele di Alezio, Annamaria Zito di Noha, Francesco Bidetti, Annamaria Bongiovanni, Cristina Alessandrelli, Antonella Palumbo, Annamaria Pastore, , Alice De Donno, Sara Valentino, Paola Capoti, Lucia Antonazzo, Chiara Cataldo, Michela Casavecchia, Paola D’Amato, , Federico Valentino, Alessio Scorrano, Samuel Marrocco e il piccolo Carletto (tutti di Sannicola).

Lido Conchiglie (Gallipoli/Sannicola) – C’è il problema delle alghe sull’arenile ma anche quello del decoro della stessa marina nelle segnalazioni dei residenti di Lido Conchiglie. Tra le proteste c’è quella della titolare di un’attività commerciale e di alcuni residenti che hanno scritto a Piazzasalento, con la stagione ormai avviata, per chiedere che chi di competenza si attivi per far rivivere la marina. Il problema dei problemi è, infatti, sempre quello della “suddivisione amministrativa” tra Gallipoli e Sannicola con il primo Comune competente per il mare ed il secondo per l’entroterra. Ma le segnalazioni sono equamente suddivise. «Abbiamo un’attività a ridosso della spiaggia e i clienti si lamentano», fa sapere una signora in riferimento alla spiaggia periodicamente ricolma di alghe ed al canale che sfocia in mare. «La settimana scorsa, dopo numerosi solleciti, son dovuti venire a pulire ma le alghe, quando permangono, emanano un cattivo odore. Per questo i turisti vogliono lasciare gli appartamenti presi in affitto». Tra gli altri disservizi anche i bidoni della spazzatura che mancano, le buche delle strade, la mancanza di segnaletica stradale e di dissuasori per evitare i parcheggi “selvaggi”.

«Ho acquistato casa a Lido Conchiglie – scrive in redazione un altro lettore di Piazzasalento – e la mia abitazione ricade nel comune di Gallipoli, dove pago le tasse. La spiaggia nei pressi del lido dell’aeronautica è invasa dalle alghe, che oltretutto emanano un cattivo odore. Qualcuno è intervenuto per liberare la spiaggia ma invece di portare via le alghe le hanno riversate in mare e, di notte, la mareggiata le ha riportate  indietro». Altri problemi quelli delle discese a mare non segnalate, delle panchine rotte e pericolose  per i pezzi di ferro che fuoriescono e per i giochini”rimasti agli anni ’70”.

Gallipoli – Nell’Università del Salento, in occasione delle elezioni del 22 e 23 maggio c’è stato il rinnovo degli organi di rappresentanza degli studenti. Partito così, con qualche ritardo di tropo nel conteggio di voti e seggi, il rinnovo della rappresentanza studentesca in seno ai vari organismo che durerà due anni. Tra questi anche il Consiglio degli studenti: è formato da 28 rappresentanti, uno eletto per ogni corso di studi e, tra le varie materie su cui ha potere, è parte dell’elettorato attivo per l’elezione del Rettore, ha diritto di voto sull’approvazione del bilancio e rappresenta l’Università del Salento in occasione nelle relazioni con i rappresentanti delle altre università. All’interno del Consiglio viene eletto il presidente e il vicepresidente con elezione a maggioranza assoluta.

Nel Consiglio siedono cinque associazioni universitarie: Link – Coordinamento universitario (13 seggi), Studenti indipendenti – Udu (5 seggi), Focus studenti Lecce (5 seggi), Icaro Unisalento (4 seggi), Swip – Social Work In Progress (1 seggio). “Sono contento della mia elezione nel Consiglio degli Studenti, frutto del lavoro svolto soprattutto dai miei compagni nei due anni che hanno preceduto le elezioni di maggio.” Così commenta la sua elezione Lorenzo D’Amico (Presicce), studende di Sociologia e rappresentante nel CdS per l’Area Sociologica eletto con la lista Studenti indipendenti – Udu. Aggiunge D’Amico: “Adesso siamo pronti a lavorare, ripartendo da questo risultato e continuare a crescere.”

È di Matino, invece, il rappresentante nel CdS per l’Area politologica Riccardo Carlino candidato con la lista Icaro Unisalento, studente di Scienze politiche e già rappresentante degli studenti: “L’impegno profuso negli ultimi due anni – dichiara – ha procurato a me e alla mia associazione un ottimo risultato, concedendoci la possibilità di sedere nel Consiglio degli Studenti. L’obiettivo è quello di non disattendere le aspettative riposte dagli studenti nei nostri confronti.”

Lorenzo Liaci studia Lettere moderne ed è stato eletto nel Consiglio degli studenti con la lista Link – Coordinamento universitario che così commenta la sua elezione: “Una grande soddisfazione personale e per la mia associazione, siamo pronti ad impegnarci per il bene degli studenti e del diritto allo studio”.

Ha collaborato Jacopo Sabato

Galatone – L’ex ministro ai Beni culturali Dario Franceschini è il protagonista di giornata del Salento book festival, la “festa dei libri” promossa nell’ambito dell’ottava edizione del Festival nazionale del libro, manifestazione itinerante tra Gallipoli, Nardò, Corigliano, Galatina e Galatone. “Disadorna e altre storie” (edizioni La nave di Teseo) è il titolo dell’ultimo libro del politico e scrittore nato a Ferrara che verrà presentato stasera, giovedì 14 giugno, alle 20.30 nell’atrio del palazzo Marchesale (in caso di maltempo l’evento si sposta nel teatro comunale). Ad incontrare l’autore sarà Fernando D’Aprile, direttore di Piazzasalento.

Gianluigi Paragone a Nardò L’ottava edizione della manifestazione culturale, “figlia” dell’impegno portato avanti nel corso degli anni dall’associazione  Festival nazionale del libro presieduta da Gianpiero Pisanello (di Tuglie), torna venerdì 15, alle 21.30, in piazza Salandra a Nardò (in caso di maltempo nella sala conferenza del chiostro dei Carmelitani) per l’incontro con Gianluigi Paragone. L’ex conduttore della trasmissione della La7 “La Gabbia”, oggi senatore del Movimento 5 Stelle, insieme a Lara Napoli presenterà il libro “Noi no!” (Piemme) in cui racconta, dal suo punto di vista, il valore della ribellione. prima dell’incontro con Paragone, Annalaura Giannelli (autrice originaria di Parabita) insieme a Luigi Grasso presenterà i libri “Di terra e d’anima”, vincitore del premio Progresso e cultura” Provincia di Bari 2014, e “La figlia del destino”, entrambi pubblicati da Adda editore.

Luca Bianchini incontra Luciana Littizzetto La rassegna, quest’anno affidata alla direzione artistica di Luca Bianchini (conduttore degli eventi programmati dal 18 e il 24 giugno) propone in un mese e mezzo, fino al 22 luglio, oltre 60 appuntamenti con oltre 70 tra autori e artisti: il primo incontro insieme a Bianchini sarà quello con Luciana Littizzetto, lunedì 18 in piazza Salandra a Nardò.

Gallipoli – Trenitalia arriva nelle principali località turistiche e porta i suoi “Freccialink” anche a Gallipoli, Otranto, Torre San Giovanni (Marina di Ugento) e Santa Maria di Leuca. in un primo momento esclusa tra le proteste. La soluzione “treno+bus”, presentata in occasione del nuovo orario estivo della società di trasporti, permetterà dal 10 giugno al 16 settembre di raggiungere Gallipoli, Otranto e Torre San Giovanni. Lo stesso servizio collegherà anche Leuca alla rete ferroviaria a partire dal 30 giugno. L’importante novità, già sperimentata lo scorso anno a Gallipoli, coinvolge in Puglia anche Ostuni, Fasano, Monopoli e Polignano a Mare.

Le corse Per Gallipoli sono previste quattro corse per Lecce, il sabato e la domenica, in connessione con i Frecciargento da e per Roma mentre due sono le corse (sempre il finesettimana) per Torre San Giovanni, Otranto e (dal 30 giugno) Santa Maria di Leuca, sempre in connessione con i Frecciargento da e per Roma.

Le fermate I punti di fermata sono a Lecce in via Don Bosco angolo viale Quarta (nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria) , a Gallipoli di fronte la stazione delle ferrovie Sud-est, a Otranto in via Orte, nelle adiacenze del porto e a a Torre San Giovanni sulla Sp 91 in prossimità della strada che conduce ai villaggi turistici (corso Vittoria). Oltre ad informare che gli autobus sono “moderni e confortevoli”, il sito di Trenitalia informa anche che i bambini fino a quattro anni non ancora compiuti potranno viaggiare gratuitamente. I biglietti potranno essere acquistati sul sito internet di Trenitalia, presso le biglietterie di stazione, le agenzie di viaggio abilitate, i self service o chiamando il Call center. In ogni caso il servizio bus è acquistabile esclusivamente in abbinamento ad un treno in connessione, ovvero non si potrà soltanto partire da Lecce e raggiungere una delle località di mare o viceversa.

Gallipoli – Articolo 1 – Mdp/Leu si riorganizza a Lecce e in provincia. Il coordinatore provinciale, Salvatore Piconese (foto), Sindaco di Uggiano La Chiesa, ha nominato i dirigenti provinciali che si riuniranno per la prima volta lunedì 18 giugno, alle ore 17.30, presso il coordinamento provinciale di Lecce. Del direttivo fanno parte Gabriele Abaterusso, Sindaco di Patù, vice coordinatore; Francesca Torsello, Sindaco di Alessano; Matilde Surano, assessore di Melissano; Dori Mengoli, assessore di Soleto; Anna Inguscio, consigliera comunale di Copertino e consigliera provinciale; Nunzio Dell’Abate, consigliere comunale di Tricase, Silvio Merico, consigliere comunale di Uggiano la Chiesa, Francesco Volpe, che ricoprirà la carica di tesoriere, Alfonso Rampino (Trepuzzi), Stefano Prete (Parabita), Daniela Sindaco (Galatina), Gianni Colucci (Lecce), Irene Strazzeri (Lecce), Mauro Maggio (Squinzano), Eduardo Calò (Zollino), Barbara Sergi(Castrignano del Capo), Barbara Marino (Carmiano), Alessandra Boccardo (Nardò), Pierluigi Melcarne (Gagliano del Capo), Monica Viva (Porto Cesareo), Pierluigi Valentino (Leverano) e Antonella Bentivoglio (Gallipoli).

“Si parte con un nuovo gruppo dirigente che, negli ultimi mesi, ha dimostrato, sul campo, competenza, radicamento e passione politica. Affronteremo con grande determinazione – afferma Piconese, già segretario provinciale del Pd prima della scissione – l’attuale fase politica che con la nascita del governo Lega-M5S sposta sempre più l’asse politico nazionale a destra”. Liberi e uguali “dovrà ricostruire il campo progressista e dovrà contribuire alla nascita di un nuovo partito della sinistra in Italia”. Ma senza trascurare le problematiche locali come “il lavoro, l’occupazione e le vertenze sindacali, la Xylella e l’impoverimento del mondo agricolo, la sanità, le infrastrutture e lo sviluppo economico”.

Gallipoli – Numerose, nelle ultime ore, le operazioni di salvataggio condotte dalla Guardia costiera di Gallipoli e di Otranto. Poco dopo la mezzanotte scorsa, da Porto Badisco, è giunta una segnalazione telefonica relativa ad una persona che, dopo essere uscita in mare con un kayak nel tardo pomeriggio, non aveva ancora fatto rientro a casa. Per quanto sia stato cercato via mare dalle motovedette partite della Guardia costiera partite dal porto di Otranto, il disperso è stato rintracciato da una pattuglia della Polizia, intorno all’una, sulla litoranea che da Otranto conduce a Punta Palascia. L’uomo ha riferito agli agenti di essersi capovolto al largo con la sua canoa e di essere riuscito a guadagnare a nuoto la riva. Sebbene provato dalla disavventura, non ha però inteso ricorrere alle cure dei sanitari.

Altra emergenza a Torre San Giovanni, marina di Ugento, dove due persone a bordo di un natante hanno richiesto soccorso per essersi incagliate in uno scoglio in prossimità dell’imboccatura del porto. In questo caso è partita una motovedetta da Gallipoli mentre dal porticciolo locale è arrivato l’aiuto di uno battello pneumatico. L’operazione di soccorso si è felicemente conclusa intorno alle 2.

Nella mattinata, intorno alle 7, altra richiesta d’aiuto da parte di un natante, con una persona a bordo, in avaria nello specchio d’acqua davanti Gallipoli. L’invio di una unità della Guardia costiera dal porto della città ha poi permesso di rimorchiare rapidamente il diportista verso la banchina.

Gallipoli – Trenta medaglie d’oro, 12 d’argento, 5 di bronzo e primo posto assoluto su sette società partecipanti nella classifica finale: questo è l’ultimo illustre risultato portato a casa dalla “Hiwashita” – Asd ju-jitsu di Gallipoli, diretta dai Maestri Luigi e Antonio Roccadoro, Cosimo Greco, dall’istruttore Franco Roccadoro e dal coach Mattia Greco. Nei giorni scorsi infatti, la Hiwashita ha partecipato con 32 suoi allievi al “Trofeo internazionale dei due mari“ di ju-jitsu, tenutosi in concomitanza con il “Trofeo due mari di karate” presso il palazzetto dello sport “Palamazzola” di Taranto e organizzato dall’Asd “Biolife sport club” con il patrocinio Coni, valido per le categorie di peso e classi di età dai 6 ai 35 anni, con master e fasce di cintura per le specialità “agonistica”, “duo basic”, “duo system”, “fighting sytem” e “ne waza”.

“Dopo la conquista degli ultimi trofei conquistati nel mese si aggiungono altre soddisfazioni – affermano i tecnici – con la conquista di un altro ambito “Trofeo due mari”, che va ad aggiungersi a quelli già vinti consecutivamente nei vari anni. Grazie a tutti i nostri atleti, sia piccoli che grandi, che continuano a mietere successi e darci immense soddisfazioni. I nostri bambini alla loro prima esperienza sono stati poi strepitosi, vincendo tutti gli incontri senza lasciare nulla agli avversari, con grinta e determinazione. Un ringraziamento particolare va al vice presidente Giuseppe Lessone e a tutti i genitori dei nostri atleti per il supporto che ci danno in ogni occasione”. Questi gli atleti gallipolini vincitori delle varie medaglie: Sharon Corina (3 oro); Giorgia Roccadoro (1 oro); Cecilia Cataldi (1 oro); Gaia Scorrano (2 oro e 1 argento); Denise Roccadoro (1 oro); Evelina Roccadoro (1 argento e 1 bronzo); Matteo Greco (1 oro); Francesco Carrozza (1 oro); Angelo Santantonio (1 oro); Michele Greco (1 oro); Antonio Magno (2 oro); Antonio Fiore (2 oro e 1 bronzo); Giorgio Perrone (1 oro e 2 argento); Sergio Calò (1 oro e 2 argento); Davide Cataldi (1 oro); Cosimo Longo (1 oro); Antonio Rizzello (1 oro); Alessandro Barone (1 oro); Antonio Magno (1 oro); Filippo Oltremarini (1 oro); Giulio Borgese (1 oro); Massimo Sarcinella (1 oro); Mattia Greco (2 oro); Vincenzo Greco (1 argento); Marco Sansò (1 argento); Aldo Parlati (1 argento); Federico Muscogiuri (1 argento); Francesco Della Rocca (1 argento); Luigi Roccadoro (1 argento); Mattia Fracasso (1 bronzo); Daniel Polo (1 bronzo) e Francesco Perrone (1 bronzo). Per quanto riguarda la classifica per società, primo posto per Hiwashita con 412 punti; a seguire, Tiger Gim di Taranto con 184 punti e De Bartolomeo sempre di Taranto con 172 punti.

Gallipoli – È finalmente giunto il tanto atteso momento – da parte della società sportiva soprattutto – del confronto tra Amministrazione comunale e Gallipoli Football 1909. L’incontro, avvenuto presso gli uffici comunali di via Pavia, ha avuto come tema principale il rifacimento del manto erboso del “Bianco”, condizione necessaria per ottenere l’omologazione dello stadio dalla Figc Puglia, ma non solo. Il Sindaco Stefano Minerva, accompagnato dal consigliere comunale Caterina Fiore e dall’ingegnere comunale Bolognese, ha piacevolmente sorpreso la delegazione giallorossa composta dai soci Jose Buccarella (foto), Stefano Carrozza e Nico Manta (oltre che dagli ingegneri Biagio Ferilli e Antonio Monaco e Davide Di Girolamo) manifestando la piena volontà di dare il via ai lavori di sostituzione del terreno di gioco sintetico, ma anche di ristrutturazione di tribune e ambienti adiacenti.

“Siamo stati sempre ottimisti – commenta Jose Buccarella, amministratore unico del Gallo -. I tempi dipenderanno ora dalla burocrazia, ma il Sindaco ci ha presentato un piano concreto che prevede la partecipazione al bando del protocollo d’intesa Anci-Ics. L’obbiettivo è consegnare a squadra e città un impianto completamente ristrutturato e agibile. Il rischio di un nulla di fatto c’è ancora ma oggi ci sentiamo più sicuri e possiamo guardare avanti. La società si ritroverà a breve per fare il punto”. Il bando fa capo all’iniziativa “Sport Missione Comune 2018” e si aprirà il 5 luglio. Prevede l’ammissione a contributi per il totale abbattimento degli interessi su mutui per il finanziamento di progetti di impiantistica sportiva stipulati con lo stesso Istituto di credito sportivo.

In una nota sul proprio sito ufficiale, il Gallipoli calcio ha poi ringraziato Sindaco e Amministrazione per la disponibilità e sensibilità dimostrate. (foto Massimo Coribello)

M.C.

Gallipoli – Vasta operazione anticrimine dei carabinieri della provincia di Lecce, nelle aree di Gallipoli, Casarano, Nardò, Maglie e Tricase, con l’utilizzo di 140 uomini, 60 automezzi, due unità cinofile antidroga ed un elicottero. “Crime wall” il nome dell’operazione che ha portato a quattro arresti, 35 denunce a piede libero, 26 segnalazioni in prefettura per assunzione di droga ed al ritiro di 25 patenti di guida. nel totale sono state identificate 630 persone, 318 sono stati i veicoli controllati, 85 le contravvenzioni elevate per violazioni al Codice della strada, 52 le perquisizioni personali e veicolari, 63 i controlli a carico di persone sottoposte a misure di sicurezza e di prevenzione e 32 i controlli di persone sottoposte ad arresti domiciliari.

In 20 segnalati per uso di stupefacente A Gallipoli e dintorni, venti soggetti, tra i quali tre minori, sono stati segnalati alla Prefettura per essere stati trovati in possesso i marijuana. A Nardò il 27enne M.P., già sottoposto a sorveglianza speciale, è stato trovato in compagnia di un pregiudicato. A Cutrofiano, il 40enne P.S. ed il 29enne P.B. (entrambi di Galatone), sono stati sorpresi a bordo di un autocarro Fiat Iveco nel trasportare rifiuti speciali pericolosi (parti di veicoli, filtri dell’olio, pasticche per i freni, apparecchiature elettroniche e materiale ferroso). A Galatone il 27enne P.P. è stato fermato alla guida della propria autovettura in evidente stato di alterazione per aver assunto cocaina, come dimostrato dagli accertamenti sanitari effettuati presso l’ospedale di Galatina.

Passaggio a livello abbattuto A Galatone il53enne di Nardò T.C.C. è stato denunciato perchè, dopo aver attraversato il passaggio a livello su via XX Settembre malgrado il semaforo rosso e le barriere che si abbassavano, ha proseguito la sua marcia forzando le stesse barriere per uscire dall’area ferrata.

In tre rubano un decespugliatore Tre uomini di Cutrofiano (il 51enne C.A.T., il 48enne R.M. ed il 54enne V.C.) sono stati denunciati per il furto di un decespugliatore da un’abitazione rurale in agro di Sogliano Cavour : l’attrezzo, poi restituito al legittimo proprietario, era nella loro auto e i tre non hanno fornito una spiegazione plausibile sul motivo. Per furto aggravato è stato denunciato il 46enne S.R., di Nardò, già sottoposto agli arresti domiciliari per il furto di due cellulari (per un valore complessivo pari a 1.000 euro) dall’interno del Consorzio di bonifica Arneo.

Droga, truffe e furti I militari della Compagnia di Casarano hanno denunciato il 28enne di Taviano W.C. per aver rubato attrezzi agricoli presso un’attività commerciale di Melissano insieme ad un complice, al momento non ancora identificato. Di Napoli è, invece, il 51enne A.R. denunciato per truffa in concorso. L’uomo, dopo aver pubblicato un annuncio di vendita su un sito internet, riuscendo a farsi consegnare 80 euro (con una carta ricaricabile) dalla vittima di Casarano senza consegnare la prevista playstation 4. A Matino è stato denunciato per evasione il 23enne albanese A.M. non trovato nella propria abitazione malgrado fosse agli arresti domiciliari. Stessa sorte, a Ruffano, per il 55enne di Matino L.L.. A Casarano il33enne G.C. è stato denunciato per aver rottamato arbitrariamente la propria autovettura malgrado gli fosse stata riconsegnata in qualità di custode giudiziale. Il 28enne di Ruffano G.L.M., già sottoposto all’obbligo di dimora nel comune di Ruffano e al divieto di allontanarsi dalla propria abitazione dalle 22 alle 6, è stato denunciato per non essere stato rintracciato dai carabinieri nel corso di un controllo. A Casarano il 23enne G.M. è stato denunciato perchè nel bagagliaio della propria autovettura trasportava un bastone telescopico in ferro lungo 42 centimetri. Nove persone, tra Casarano, Acquarica del Capo, Taviano, Matino e Alliste, sono state denunciate perchè fermate alla guida dei propri veicoli in stato di alterazione da alcol o droghe. Per uso di droga sono stati, invece, segnalata alla Prefettura il 37nne A.D. di Matino, trovato con 1,4 grammi di eroina, il 41enne A.S.B. di Felline (0,2 grammi di eroina) e il 28enne M.S. di Casarano (0,2 grammi di marijuana).

Vende il furgone che deve custodire I carabinieri di Maglie hanno denunciato il 23enne di Poggiardo E.B. perchè, invece di custodire l’autocarro Fiat Iveco che gli era stato sequestrato, provvedeva a smontarlo a pezzi per poi rivenderli a terzi. A Serrano, frazione di Carpignano Salentino, è stato deferito in stato di libertà il 71enne A.S. per aver bruciato plastica, materassi e altri rifiuti all’interno di un fondo agricolo di cui aveva la disponibilità. Il 54enne G.D. di Palmariggi è stato denunciato per aver danneggiato la Renault Clio di un 53enne del posto mentre a San Cassiano il 30enne A.M. è stato segnalato in Prefettura per i 5 grammi di marijuana che aveva con se e per il rifiuto di sottoporsi ai controlli sanitari per verificare l’eventuale assunzione di droghe.

Inseguimento a Lido Marini A Lido Marini, il 27enne G.C. di Taurisano si è reso protagonista di un pericolosissimo sorpasso in curva alla guida di un Fiat Fiorino non fermandosi all’alt dei carabinieri. L’uomo è stato inseguito per circa 5 chilometri prima di essere bloccato e identificato.

In due rubano condizionatori da una masseria A Tricase, invece, i carabinieri hanno deferito in stato di libertà il 24enne M.C. (di Miggiano) ed il 44enne T.U. (nato in Svizzera e residente a Tricase) per aver rubato dei condizionatori d’aria (4 split e 5 motori esterni) da una masseria sottoposta a sequestro giudiziario. Una 16enne ed un 20enne  di Salve sono stati, invece, individuati quali responsabili dell’alterazione dei dispositivi anti-taccheggio in un negozio di prodotti cosmetici di Tricase. Il 20enne M.C., nato a Brindisi e residente a Gagliano del Capo, nascondeva, invece, un grammo di marijuana nella scarpa mentre la 26enne M.C., sempre di Gagliano del Capo, era alla guida della propria Fiat Panda malgrado il tasso alcolemico pari a 0,98 grammi per litro: per la donna denuncia e ritiro della patente di guida. Anche il 23enne di Presicce M.E. ha provato, inutilmente, a nascondere addosso della droga ma una pattuglia dei carabinieri lo ha fermato nella marina di Pescoluse trovandolo con 2,57 grammi di marijuana.

 

 

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...