Home Notizie Gallipoli
Ultime notizie dal Comune di Gallipoli

Gallipoli – Hanno pensato che il forte acquazzone di ieri pomeriggio poteva diventare un ottimo schermo dietro cui realizzare un furto e così hanno agito: hanno sfondato la porta d’ingresso di una farmacia situata su corso Roma ed hanno ripulito la cassa del contante, pare 500 euro circa. Poi si sono dati alla fuga. Pare che il furto sia stato condotto a termine da una coppia di persone, al momento ancora ignote. Si cercano elementi utili alle indagini nelle videocamere presenti nella zona, anche se le immagini sono ovviamente non molto leggibili a causa della scrosciante pioggia.

Pasquale Capraro

GALLIPOLI. Si chiama “Maison Rouge” il nuovo libro dello scrittore gallipolino Pasquale Capraro, presentato nei giorni scorsi presso l’Hotel Caroli-Club Bellavista da Nadia Marra e dal professore Gino Schirosi. Questo è il sesto lavoro di Capraro, 58 anni, nato e vissuto a Gallipoli e attualmente residente a Merate dove svolge la professione di grafico, dopo “Rose del Sud”, “Il bacio della sirena”, “Il tessitore di stelle”, “Garden Village” e “Di fiato d’amore e vento”. “Maison Rouge” narra la storia di Amélie, una ragazza di campagna. Ambientato nella Parigi di fine ottocento, la trama vede protagonista questa fanciulla, che viene portata con l’inganno in un lussuoso bordello (chiamato appunto la “Maison Rouge”) da Madame Claire. “Il romanzo – afferma Capraro – è una fotografia della Parigi di fine Ottocento, come ha affermato anche il professore Gino Schirosi, relatore dell’opera, durante la presentazione. Ma si tratta di un romanzo storico nato dopo un anno di ricerche sui bordelli dell’epoca, leggendo diversi testi sulle “Le case chiuse” della saggista francese Laure Adler. E’ anche un’intricata storia d’amore, ricca di colpi di scena e di riferimenti artistici che si susseguono, dall’impressionismo al simbolismo dei Nabis, passando ai riferimenti storici come l’Accademia Vitti aperta a Parigi nel 1890 da due italiani, Cesare Vitti e Maria Caire”. Prossimamente, annuncia l’autore, uscirà la rivisitazione del suo “Il bacio della sirena”, un thriller sentimentale con una nuova edizione di Aug di Viterbo.

 

Jonica Volley

GALLIPOLI. Sta per prendere vita una nuova stagione che promette di essere carica di soddisfazioni e sorprese per le giovani atlete della Jonica Volley, la società sportiva presieduta da Giorgio Cacciatori, dopo i successi ottenuti lo scorso anno.  Allenate dallo staff tecnico della Jonica, le giovani atlete in questi giorni stanno già riprendendo gli allenamenti nella nuova palestra di Galatone della scuola media di via San Luca e in quella di Gallipoli della scuola elementare di via Giorgione, con vecchi e nuovi iscritti. E’ stata già programmata l’imminente stagione: si giocheranno nuovamente i campionati “Under 14” e “Under 13” a Galatone e a Gallipoli; quest’ultima squadra ancora una volta prenderà parte al campionato provinciale di “Prima Divisione femminile”, guidata dal mister Alberto Romano e da Daniela Vincenti. La squadra sarà ringiovanita e rinnovata, con l’inserimento di alcune freschissime atlete che fino all’anno scorso competevano nei campionati di categoria e che oggi sono invece pronte ad imparare dalle più esperte.  Tanto spazio sarà infine dato anche quest’anno alla categoria del “Minivolley” con la partecipazione a raduni in giro per la provincia. Per entrare a far parte della squadra e far svolgere a bambini e bambine alcuni allenamenti di prova, basterà recarsi nelle palestre di Gallipoli e Galatone dove verranno forniti moduli per l’iscrizione e informazioni.

 

GALLIPOLI. Quattro ore di pulizia intensa dell’Isola di S. Andrea ieri prima della pioggia: protagonisti i volontari, di ogni età e sesso, che hanno partecipato all’edizione annuale di “Puliamo il mondo” di Legambiente. Il “bottino” è stato di trenta bustoni di plastica pieni di rifiuti, boe, bombole di gas, cassette per il pesce.

GALLIPOLI. Ritorna l’idea di utilizzare per fini turistici il tronco ferroviario Gallipoli Porto. È dei giorni scorsi la proposta avanzata dall’associazione Rotaie di Puglia, presieduta da Luigi Mighali (di Tuglie), di inserire la breve linea, che dalla stazione centrale conduce a ridosso del castello, tra le “Ferrovie turistiche” istituite dalla legge numero 128 del 9 agosto scorso. «Si tratta di un’opportunità imperdibile per sfruttare al meglio, anche per le sue ricadue economiche, una fermata che permetterebbe ai turisti di giungere a ridosso del centro storico, sotto le mura, e di alleviare il sempre caotico traffico cittadino in un’ottica di Metropolitana di superficie», afferma Mighali ricordando il successo di tutte le iniziative che hanno “rimesso” in moto il treno storico Salento Express condotto più volte proprio sino al porto di Gallipoli. La proposta, più volte avanzata negli ultimi anni, “cozza” però con il progetto di recupero del lungomare Marconi che prevede proprio il “taglio” di quei 400 metri di linea ferrata.
Il tronco in questione venne aperto al traffico nel 1903 e messo in disuso nel 1997 per lo scarso traffico passeggeri fatto registrare. «Ma all’epoca Gallipoli non aveva il successo di oggi», afferma il presidente di “Rotaie di Puglia” che ha inviato la sua proposta al sindaco Stefano Minerva, al presidente della Regione Emiliano, agli assessori regionali Loredana Capone e Antonio Nunziate, al presidente della Provincia Antonio Gabellone, ai vertici delle Ferrovie Sud-Est ed alla Fondazione Fs. La legge 128/2017 appena approva prevede un elenco di linee ferroviarie dismesse o in disuso da recuperare e trasformare in “ferrovie turistiche” per far circolare su di esse convogli storici o turistici. In Puglia esistono ben quattro linee oggi chiuse che potrebbero essere rivalutate in tal senso, ovvero la San Severo – San Nicandro Garganico (via San Marco in Lamis), la Rocchetta Sant’Antonio – Gioia del Colle (via Spinazzola), la Nasisi – Taranto Arsenale (“Circummarepiccolo”) e, appunto, la Gallipoli – Gallipoli Porto.

GALLIPOLI. Dal comitato civico «Pro Ferrari» un ultimatum alla Regione: 48 ore di tempo prima di dar voce alla protesta contro il declassamento dell’ospedale di Casarano.
«Abbiamo già proclamato lo stato di agitazione e di mobilitazione – dice il presidente del comitato Claudio Casciaro – ora attendiamo fiduciosi un intervento risolutivo da parte della Regione, già nelle prossime ore. Ci aspettiamo che la Regione deliberi a strettissimo giro in merito all’istituzione del polo ospedaliero Casarano-Gallipoli e che la Asl sospenda la procedura di dismissione del punto nascita e del reparto pediatria in attesa della sentenza del Tar, fissata per il prossimo 4 ottobre. Se ciò non dovesse avvenire, programmeremo e metteremo in campo delle azioni di protesta».
Fermamente contrarie alla chiusura del punto nascita e del reparto di pediatria le organizzazioni sindacali. La maggior parte di esse (Cgil Fp, Cisl Fp, Uil Fpl, Fsi, Usae, Fsi e Fials) ha inteso disertare, in segno di protesta, l’incontro convocato dalla Asl per lo scorso 20 settembre, avente ad oggetto proprio la dismissione del punto nascita. A prendere parte alla riunione sono state solo la Cisal Sanità e la Usppi.
Intanto, prende sempre più corpo l’ipotesi di un ricorso al Tar da parte dell’Amministrazione contro la delibera con la quale l’Asl ha disposto la chiusura di ostetricia-ginecologia e di pediatria entro il 30 settembre. Il ricorso andrebbe ad aggiungersi a quello contro il piano di riordino che sarà discusso il prossimo 4 ottobre.

GALLIPOLI. Entrano nel vivo, a Gallipoli, i festeggiamenti in onore dei Santi Cosma e Damiano, a cura dell’associazione “Santi Medici” presieduta da Antonio Maggio. Da lunedì 25 a mercoledì 27 settembre gli addobbi della ditta “Mariano light” abbelliranno le vie Spagna, S. Giovanni, S. Luigi, Muzio, Duomo, De Pace e piazza Imbriani  mentre nell’atrio vescovile ci sarà il mercatino di prodotti tipici dell’artigianato locale. In piazza Duomo, il 25 alle ore 21, è previsto il concerto della violinista Chiara Conte e mercoledì 26, sempre in piazza Duomo, il Gran concerto dell’associazione bandistica “Santa Cecilia – Città di Gallipoli” che, nella mattinata dello stesso giorno, suonerà per le vie della città. Il programma civile si conclude mercoledì 27 con l’esibizione dello spettacolo musicale “Overdose in Blues – Zucchero tribute”.

Il programma religioso prevede, invece, la processione per le vie del centro storico accompagnata dalla Confraternita del Crocifisso e dalla Banda “Santa Cecilia”  il 25, dopo la Messa delle ore 18. Il martedì, giorno della festa, dopo le messe delle 7.30, delle 9 e delle 11, a mezzogiorno ci sarà la supplica ed alle 19 la messa solenne celebrata da mons. Piero De Santis. Mercoledì 27 è il “giorno del ringraziamento” con la messa delle 9 e l’adorazione eucaristica a cura del gruppo “Mamme S. Gianna Beretta Molla” ed alle 19 la messa nella chiesa di S. Luigi in memoria di S.Vincenzo de’ Paoli.

GALLIPOLI. Arrivano fino a Gallipoli e in altre località maggiormente frequentate della provincia i prodotti contraffatti su cui hanno messo le mani i finanzieri, scoprendo un vero e proprio laboratorio di falsificazione di scarpe, borse, portafogli, giubbini, etichette metalliche e adesivi situato in centro a Lecce. Sequestrati oltre 30mila articoli in questo opificio, oggetto di un andirivieni di persone che ne uscivano invariabilmente con bustoni pieni di qualcosa. L’attività era gestita, a quanto pare, da un gruppo di persone di nazionalità senegalese. Il servizio effettuato rientra nell’ambito del programma contro la contraffazione e la sicurezza dei materiali portato avanti dalla Guardia di finanza di tutta la provincia.

GALLIPOLI. Non è stato abolito il divieto di piantare alberi di ulivo al posto di quelli uccisi dalla Xylella fastidiosa, batterio da quarantena. La decisione n. 789 del 2015 resta in piedi, a conclusione della “due giorni” di lavori del Comitato fitosanitario europeo, che si tenuta ieri e oggi a Bruxelles.

Tutti d’accordo a Bruxelles ma non sui rimedi. La deludente notizia viene giustificata col fatto che “non è stato possibile mettere ai voti la proposta di modifica della decisione n. 789/2015 sulla Xylella fastidiosa, atto lungamente atteso e su cui la Regione Puglia da tempo si sta spendendo in ogni sede”, come si legge nella nota della Regione, nonostante che, nel corso della discussione tenutasi a Bruxelles, si sia registrato consenso pressoché unanime da parte di tutte le delegazioni sulle tre modifiche che sono di estremo rilievo per il nostro territorio: autorizzazione al reimpianto dell’ulivo, tutela degli alberi monumentali non infetti nei 100 metri da pianta infetta, liberalizzazione della movimentazione delle tre varietà di vite resistenti alla Xylella (Negroamaro, Primitivo, Cabernet Sauvignon). Le divisioni sono emerse sul “che fare”: l’assenza di soluzioni condivise ha bloccato ogni cosa, senza che si completasse l’analisi di tutti gli articoli del testo e senza quindi poterlo votare.

“Delusione grande, dopo tanto ritardo accumulato. “La delusione è grande – affermano il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore Leo di Gioia – per una notizia che, ancora una volta, priva gli agricoltori e tutto il territorio salentino della possibilità di immaginare un futuro economicamente sostenibile e di restaurare il paesaggio agrario gravemente compromesso dalla Xylella. Questo stop si aggiunge al ritardo accumulato negli scorsi mesi, in cui avevamo già assistito a diversi rinvii pur in presenza di una bozza di decisione utile alla causa del territorio pugliese. Già prima dell’estate, infatti, avevamo denunciato questa situazione che – nei fatti – penalizza esclusivamente il territorio pugliese, poiché negli altri Stati membri il problema non ha questa vastità e portata, anzi in alcuni di essi è del tutto assente. Per questo, già in occasione del primo rinvio avevamo indirizzato al Ministero una nota per segnalare la necessità di giungere con urgenza al voto e di innescare, grazie all’eliminazione del divieto di impianto dell’ulivo in zona infetta, un meccanismo virtuoso di estirpazione delle piante e di riconversione colturale supportata dai finanziamenti del PSR Puglia misure 5.2 e 4.1, che avrebbe comportato anche una riduzione della pressione di inoculo cioè la riduzione del rischio di espansione della malattia”,

Due giorni di Comitato fitosanitario europeo “utili ma non sufficienti”. E’ ritenuto positivo ma non sufficiente dai governanti pugliesi, il fatto che “gli Stati membri abbiano raggiunto il consenso sulle modifiche di interesse per il territorio pugliese, ma ciò non basta: occorre arrivare all’adozione della decisione formale, per poter attuare in concreto queste previsioni”.

Lunedì Regione dal ministro per preparare nuove mosse. “Nel frattempo non staremo con le mani in mano e già da lunedì avvieremo un confronto col Ministero – assicurano Emiliano e Di Gioia – per iniziare a preparare gli atti nazionali che sono necessari per rendere operativo il diritto di impianto di ulivi in zona infetta, affinché esso possa divenire realtà appena la decisione europea entrerà in vigore. Chiederemo inoltre a Roma di far presente alla Commissione europea che qualora le divergenze di vedute tra gli stati membri sui punti contestati della decisione dovessero protrarsi, sarebbe saggio dividere il testo in due parti, portando così al voto in Ottobre gli articoli su cui vi è unanime consenso”.

GALLIPOLI. Malgrado alcuni precedenti “poco edificanti” gli avessero già procurato il divieto di avvicinarsi alla madre ed ai luoghi da lei frequentati, il 39enne Cristian Negro è stato arrestato questa mattina dai carabinieri di Gallipoli. L’uomo, originario della Svizzera, era indagato per i reati di minacce e maltrattamenti in famiglia commessi nei confronti della madre a partire dall’aprile 2016 e già sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare. I carabinieri hanno eseguito un altro ordine di carcerazione emesso nei suoi confronti dal Tribunale di Lecce in aggravamento delle misure alternative non rispettate e condotto presso la casa circondariale di Lecce.

Centro storico di Gallipoli

GALLIPOLI. Gallipoli è fra le cinque località più economiche per farvi le vacanze in luglio e in agosto: è quanto emerge da uno studio in cui sono state esaminate circa 500mila richieste di prenotazione di alloggi per vacanze. Il costo notte nella città jonica è stato di 70 euro, contro gli 80 dell’Isola d’Elba e 82 del Lago di Garda. Più “risparmiose” di Gallipoli definita “capitale del divertimento e della vita notturna”, risultano secondo questo campione Trapani (57) e Riccione (49).

L’indagine è stata condotta dall’agenzia di comparazione di affitti di alloggi per vacanze “Likibu” ed è vasata sulle prenotazioni di italiani ed europei. Il budget per una settimana almeno è stato di 1.078 euro, che scende per gli italiani 943 euro e sale per francesi (1.107), inglesi (1.190) e tedeschi (1.227 euro). Novantadue giorni è il tempo di prenotazione medio; 81 per gli italiani. Destinazioni preferite? L’Italia per il 32% degli italiani, ma la meta preferita dei turisti dell’Ue è invece la Spagna (27%), secondo anche tra le mete degli italiani. Per i prezzi più convenienti comunque l’Italia non la batte nessuno sempre in tema di costo di un tetto per la vacanza. Infine il soggiorno medio degli italiani è di nove notti.

Davide e Gabriela Greco

GALLIPOLI. Sabato 23 settembre, alle ore20 presso il salone polifunzionale San Lazzaro, il coro polifonico “Agregada” dei fratelli Davide e Gabriela Greco si esibirà in “Suggestioni d’opera”. Ricco il repertorio proposto, da “Elisir d’amore” di Gaetano Donizetti, a ”Il Barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini e al “Nabucco” di Giuseppe Verdi. Voci soliste quelle di Davide Greco (tenore), Ludovica Casilli (soprano) e Gabriela Greco (maestro concertatore). Voce recitante e regia Francesco Del Sole.

GALLIPOLI. E’ dedicato ai sapori pugliesi l’appuntamento di domenica 24 con l’iniziativa “99 Borghi – #raccontodiPuglia” promossa da Confcommercio Puglia in collaborazione con Confguide Puglia, Regione Puglia e Pugliapromozione. E tra i 99 borghi protagonisti domenica brilleranno anche Gallipoli, Ugento, Tricase, Supersano, Galatina e – naturalmente – Lecce. Il progetto, giunto alla quarta edizione, ha lo scopo di far riscoprire i borghi di Puglia spesso turisticamente dimenticati ma ricchi di storie e tradizioni, grazie alle guide turistiche abilitate dalla Regione Puglia, organizzate da Confguide – Confcommercio, le quali saranno ambasciatori del territorio, dello stile di vita e dell’immagine turistica del territorio e della comunità. Nelle sue tre edizioni ha coinvolto nel tempo più di 90 comuni della Puglia, con un riscontro di pubblico notevole: più di 5mila prenotazioni online per le visite guidate e quasi 13mila partecipanti in tutto.

La partecipazione all’evento è gratuita e le visite guidate si svolgeranno durante la mattina con inizio alle ore 10. A Gallipoli il punto di ritrovo sarà il piazza Aldo Moro, con visita a: Santuario del Canneto, chiesa di Santa Cristina e Fontana Antica; Cattedrale dedicata a Sant’Agata tra barocco e carparo. Sosta in piazza per scoprire la lavorazione del giunco, arte antica di intreccio per realizzare le nasse, attrezzi da pesca. La visita alla Chiesa della Madonna della Purità permetterà ai fruitori di conoscere le confraternite e i riti della Settimana Santa. Gli appuntamenti negli altri borghi da visitare: Galatina (punto di ritrovo corso Porta Luce, 1);  Supersano (punto di ritrovo piazza Quattro Fontane); Lecce (punto di ritrovo Porta Napoli – piazzetta Angelo Rizzo); Tricase (punto di ritrovo piazza Giuseppe Pisanelli); Ugento: (punto di ritrovo piazza Colosso n. 10).

È possibile seguire l’iniziativa sui social tramite la pagina Facebook e il profilo Instagram “99 borghi”. Per informazioni: www.99borghi.it

GALLIPOLI. Torna come sempre per l’ultima settimana di settembre, l’iniziativa di Legambiente “Puliamo il mondo”, che quest’anno compie 25 anni. In questi giorni e fino a domenica 24 settembre infatti, sono migliaia i volontari che in tutta Puglia, da San Giovanni Rotondo a Gallipoli, si stanno occupando della pulizia di parchi, strade, spazi urbani e aree verdi per liberarli dai rifiuti abbandonati. Quest’anno l’iniziativa è dedicata all’economia circolare, per sottolineare l’importanza di creare il problema dei rifiuti in una possibilità di economia e occupazionale. Queste il calendario di “Puliamo il mondo” in provincia di Lecce: a Porto Cesareo, il circolo Legambiente , dopo la pulizia effettuata lo scorso 16 settembre nelle “spunnulate” sul litorale di Torre Castiglione, organizza per sabato 23, alle ore 18, un convegno dal titolo “Spunnulate: approfondimenti morfologici, speleologici ed ecologici”, presso la torre costiera di Torre Lapillo. A Leverano, il circolo Legambiente “Leverano e della Terra d’Arneo”, in collaborazione con le associazioni “Inakis” e “ASD Salento Orienteering”, partecipa a “Puliamo il Mondo” sabato 23 e domenica 30 settembre. Nella mattinata del 23 si terrà un incontro con gli alunni dei poli didattici “Don Milani” e “Geremia Re”. Il 30, invece, l’appuntamento con i volontari è alle ore 9: si procederà con la pulizia della Villa comunale di Leverano, dell’Area Mercatale e del Tratto Area contrada “Padula Cupa”.

A Salve, i volontari del circolo Legambiente “Giglio delle Dune” ripuliranno dai rifiuti la strada comunale vecchia Presicce-Salve. L’appuntamento è alle ore 9 presso la stazione di Ruggiano. A Nardò, il “Gruppo Speleologico Neretino”, con il patrocinio dell’Assessorato all’Ambiente di Nardò, aderisce alla campagna “Puliamo il Mondo” nell’ambito dell’iniziativa “Puliamo il buio”: domenica 24 settembre i volontari procederanno con la pulizia della vora “Lu Nanni”. A Melendugno, i volontari del circolo Legambiente in collaborazione con la comunità “Narconon”, a partire dalle ore 9, ripuliranno Contrada Sentinella. A Casarano, domenica 24 settembre i volontari del circolo Legambiente “Colibrì”, in collaborazione con i comuni di Casarano e Parabita, e con il gruppo scout di Parabita, a partire dalle ore 9.00, libereranno dai rifiuti la piazzetta Antonio Toma, a Casarano, e le vie S. Tommaso D’Aquino, De Gasperi, Vaglio e Notaio Vinci​, a Parabita. A Gallipoli infine, sempre domenica 24 settembre, i volontari del circolo Legambiente “A. Cederna” di Gallipoli, dalle ore 8,30 alle ore 12, si mobiliteranno per ripulire dai rifiuti l’Isola di S. Andrea, la Zona Speciale di conservazione (ZSC) e il sito di nidificazione “Il Gabbiano corso”. Il ritrovo è presso il molo S. Giorgio.

Gallipoli – “Un incontro con Dante nei castelli e nelle antiche dimore” è il nome dello spettacolo teatrale che si svolgerà al Castello aragonese di Gallipoli sabato 23 settembre alle 19,45. Lo spettacolo, tratto dalla “Divina Commedia” con la regia di Agostino De Angelis, si svolgerà presso l’area esterna delle antiche mura adiacenti il Rivellino. L’evento è promosso dal Comune di Gallipoli e rientra nelle “Giornate europee del Patrimonio 2017” indette dal Ministero dei beni e delle attività culturali. L’organizzazione è a cura di Desirée Arlotta (foto), presidente dall’associazione “ArchéoTheatron” in collaborazione con associazione “Extramoenia”. Lo spettacolo sarà la seconda tappa del Progetto nazionale 2017/2018 sulla “Divina Commedia” dopo Castrocaro Terme.
Protagonista della serata sarà un viaggio immaginario tra Inferno, Purgatorio e Paradiso e andranno in scena, oltre allo stesso Agostino De Angelis (direttore artistico della compagnia teatrale “Scena Muta” di Copertino), anche Ivan Raganato, Cristina Prenner, Fabrizio Rollo, Maria Antonietta Vacca e Mauro Martina. Gli intermezzi musicali saranno a cura della la scuola di danza “Art Mood Ballet” di Gallipoli con le coreografie di Anna Rizzello e Tania Stamerra e con la partecipazione della giovane Giulia Manco. A fare da cornice alla serata a tema saranno alcune opere dell’artista Lorenza Altamore.

GALLIPOLI. Deve scontare 12 anni di carcere per tentato omicidio, rapina aggravata e porto e detenzione di armi da sparo: per questo motivo un leccese, Emanuele Nocco di 42 anni, è stato condotto in prigione a Lecce. Il pregiudicato era agli arresti domiciliari a Gallipoli. È stata la Procura generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Brescia a spiccare l’ordine di arresto notificato all’uomo dai carabinieri di Gallipoli. Il 42enne il 12 gennaio del 2013 aveva fatto irruzione in un negozio di Cortenuova (Bergamo) esplodendo colpi di arma da fuoco verso il titolare.

GALLIPOLI. Si svolgerà sabato 23 settembre a Gallipoli il convegno nazionale dal titolo “Jung e la coincidentia oppositorum tra simbolo e archetipo”. A partire dalle 9, e per l’intera giornata, medici, psicologi e psichiatri si riuniranno nella Galleria dei Due Mari del Castello Angioino per discutere dell’attualità dell’opera junghiana. La giornata di studio è organizzata dall’Associazione culturale junghiana salentina “Kyklos”, fondata dagli psicologi analisti Rosario Puglisi e Loredana Benvenga e dal medico Cassio Scategni, attuale presiedente dell’associazione. «Il convegno – spiegano i promotori – si propone di coniugare la teoria della ricerca junghiana con la prassi clinica e vedrà la partecipazione di illustri relatori». L’appuntamento si colloca sulla scia delle analoghe iniziative promosse allo scopo di diffondere sul territorio salentino il pensiero junghiano. Il convegno nazionale è patrocinato dal Centro Italiano di Psicologia analitica meridionale, dal Comune di Gallipoli, dalla Provincia di Lecce, dall’Ordine degli Psicologi, dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri e dalla Pro Loco di Gallipoli (informazioni al numero 327/8208247 e all’indirizzo email: centrojunghianosalentinokyklos@gmail.com).

GALLIPOLI. “Denuncio ed invito alla denuncia. Molto probabilmente per filiazione da un ormai insopportabile clima antiscientifico, oscurantista e credulone, questa notte a Presicce sono stati distrutti quattro innesti su ulivi nell’ambito di un progetto di ricerca Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche, ndr) finalizzato a rendere le piante resistenti alla Xylella”: la denuncia è del presidente della Commissione regionale bilancio, Fabiano Amati e arriva proprio nelle ore in cui a Bruxelles si decide se concedere il permesso di reimpianto nella zona colpita dal batterio da quarantena. Entro domani infatti il Comitato fitosanitario permanente europeo si pronuncerà in merito, sotto la pressione degli olivicoltori salentini delle loro associazioni e dei parlamentari pugliesi, in prima fila con Raffaele Fitto e Paolo De Castro, e la Regione Puglia col presidente Emiliano e l’assessore Di Gioia.
“Ritengo che tale danneggiamento – prosegue nella sua nota Amati – sia frutto di un piano preordinato perché conosco il movimentismo antiscientifico che ruota intorno all’epidemia Xylella; all’inizio attestato sulla contrarietà alle eradicazioni e alla formazione delle fasce di contenimento ed oggi evolutosi nella contrarietà alle prove di innesto per preservare, a loro dire, le specie autoctone. Senza accorgersi, purtroppo, che così facendo potrebbero al più concorrere alla creazione del nuovo paesaggio lunare pugliese. Esprimo solidarietà al proprietario degli ulivi Giovanni Melcarne (produttore di una Dop del Capo di Leuca, ndr) che ha sporto formale denuncia, e ai ricercatori del Cnr”.
“Qualora venisse ritirato il divieto di impiantare ulivi – ha dichiarato il portavoce del comitato degli olivicoltori salentini, Cosimo Primiceri di Casarano– non ci sarà da festeggiare perché si comincerà soltanto un nuovo lungo percorso”. Il comitato è animato da quanti contestano anche le proprie associazioni di categoria, giudicate poco incisive e determinate in questa battaglia. Il 12 scorso si è tenuta su loro iniziativa una manifestazione di protesta a Lecce.

by -
0 159

GALLIPOLI. Sono terminati i lavori di ristrutturazione dell’ala sud-est (piano terra) del plesso scolastico di via Milano. Dall’atrio, fino ad ora utilizzato come sala riunioni, sono state ora ricavate due aule per scuola materna e un locale refezione, completo di ambiente per il sporzionamento dei pasti. L’obiettivo è quello di garantire un servizio più adeguato e completo per il plesso scolastico.

“Un risultato importante, un lavoro prefissato e portato a termine nei tempi stabiliti”, ha dichiarato il Sindaco Stefano Minerva. “Garantire il servizio e la sicurezza, assicurarsi la fruibilità e l’adeguatezza dei locali in prossimità dell’inizio della scuola vuol dire essere consapevoli del rispetto dei tempistiche e delle necessità delle famiglie. Abbiamo fatto uno sforzo in più, ma questa è per noi la buona politica. Ringrazio chi ha collaborato e chi ha lavorato per garantire operativamente il raggiungimento dell’obiettivo. Da molti anni i genitori interessati reclamavano il servizio di refezione scolastica e un adeguamento della struttura: non vi è soddisfazione più grande che mantenere le promesse.”

“Abbiamo ripristinato la vecchia sezione della scuola materna nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia: locali al pian terreno, fruibili e accessibili”, ha aggiunto il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Cosimo Alemanno. “Questi lavori erano stati promessi mesi fa e come garantito sono stati consegnati in concomitanza dell’apertura dell’anno scolastico. Una promessa fatta e mantenuta pienamente dall’Amministrazione”.

GALLIPOLI. Parte oggi, con primo incontro alle ore 18, il progetto “Lettori animati – s-drammatizziamo i classici” a cura di TaliAnxa Compagnia Teatrale Onlus, presso la biblioteca comunale di via Sant’Angelo. Il laboratorio, realizzato in collaborazione con gli esperti di 29nove, cooperativa attiva su ogni campo artistico, punta sulla lettura espressiva, l’animazione teatrale e il mimo con particolare attenzione al coinvolgimento emotivo e fisico e alle dinamiche relazionali, con l’obiettivo di suscitare la curiosità dei partecipanti nei confronti della letteratura, realizzare percorsi di teatro inclusivo.

Tante le attività che vedranno protagonisti i più giovani, con quattro appuntamenti gratuiti e a cadenza mensile fino al 21 dicembre: lettura espressiva, “caccia al classico”, quiz, giochi interattivi, brainstorming, esplorazione della biblioteca, cruciverba e crucipuzzle dei classici, giochi di parole ispirati a Umberto Eco e costruzione di nuovi racconti con le “Carte dei personaggi”. Dopo l’incontro di questo pomeriggio, i prossimi appuntamenti saranno 26 ottobre, 23 novembre e 21 dicembre, sempre di giovedì e alle 17,30.

“Impersonare diverse emozioni – afferma l’assessore alla Felicità, Silvia Coronese – è uno studio del teatro che fa sì che i giovani possano capire al meglio non solo i propri sentimenti ma anche quelli degli altri. In un mondo in cui si necessita sempre di più di dare spazio ai buoni sentimenti, ora così difficili da trovare – continua – è giusto che anche le Amministrazioni si mettano in gioco con progetti nuovi e tentino di trovare nuove vie per non lasciare i più giovani legati ad uno sterile videogioco che non tralascia alcuna emozione. Ben vengano quindi i progetti che facciano riscoprire la cultura senza trascurare le emozioni del singolo ragazzo in fase di crescita.”

 

by -
0 479

GALLIPOLI. Riprendono gli appuntamenti letterari presso la “Casa degli Artisti” di Giorgio De Cesario e Maria Cristina Maritati, in via Lepanto: il prossimo è per il 23 settembre alle 19, con la presentazione del libro di poesie dialettali “Caddripuli è….” di Luigi Liaci. Il libro, che si compone di 40 odi con traduzione in italiano (per i non vedenti, come fa sapere l’autore) sarà presentato dallo scrittore Cosimo Renna, con intermezzi musicali del poeta e compositore salentino Roberto Vantaggiato. 62 anni appena compiuti e figlio d’arte (suo padre Antonio infatti è stato anch’egli poeta dialettale), a maggio scorso è stato vincitore del primo premio al concorso nazionale di poesia “Filippo Fasanelli”. Nelle sue odi – fa sapere l’autore – “si descrive il degrado fisico e morale in cui è caduta la sua amata città, intervallate da odi scaturite dal sentimento e da quella innata propensione per la goliardia”.

Foto storica della processione dell’Addolorata

Gallipoli – Cambio della guardia, dopo le votazioni del 19 settembre, al vertice dell’ultrasecolare confraternita di “Maria SS. del Monte Carmelo e della Misericordia”, presso la chiesa del Carmine in via De Pace del centro storico. A larghissima maggioranza è stato eletto priore Enzo Della Rocca, che subentra ad Aldo Cavalera, non ricandidabile per questa tornata in quella specifica funzione, essendo stato alla guida della confraternita  per oltre un decennio  e con due mandati consecutivi alle spalle, anche se è stato il più suffragato nella lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione (dove invece non ci sono limiti temporali). Il nuovo cda che durerà in carica sino al 2022 risulta così composto: Enzo Della Rocca priore, Aldo Cavalera primo assistente, Luigi Tricarico secondo assistente, Aldo Pizzileo e Salvatore Cazzella consiglieri. Con oltre 400 iscritti,  un tempo la confraternita annoverava tra i suoi i nobili gallipolini: per tutti, basti citare Bartolo Ravenna, l’autore delle “Memorie istoriche della città di Gallipoli”, che della confraternita fu anche priore. Tra i vari compiti del sodalizio, il più importante è certamente la  celebrazione della “Festa dell’Addolorata” nel venerdì della settimana di passione, tra le più sentite non solo in città. A giorni, dopo la presa d’atto dell’ordinario diocesano mons. Fernando Filograna, ci sarà l’insediamento ufficiale alla presenza del padre spirituale mons. Piero De Santis e dei priori delle altre nove confraternite.

 

GALLIPOLI. Faccia a faccia in Comune tra il sindaco Stefano Minerva, il presidente dell’assise Rosario Solidoro e il consigliere Sandro Quintana per “toccare” da vicino molti dei nervi scoperti che alcuni giorni addietro hanno indotto il capogruppo di Italia Destati (in Consiglio non è ancora stato costituito il gruppo di Area Popolare-Ncd attuale collocazione partitica di Quintana) a presentare le dimissioni dalla carica di presidente della commissione Ambiente. Fibrillazioni e anche scontri verbali con il capogruppo dell’Udc, Caterina Fiore, avevano portato ad innalzare il livello di guardia a Palazzo Balsamo ed a turbare gli equilibri tra i gruppi consiliari. Minerva e Quintana hanno così deciso di mettere le cose in chiaro, ma sul destino della carica nell’ambito della commissione Ambiente, ora sarà il primo cittadino a dover decidere. Quintana alla luce del “chiarimento” sembra già disposto a ritornare sui suoi passi e a ritirare formalmente le dimissioni dopo aver discusso anche di alcune tematiche di rilancio amministrativo su accoglienza turistica,  pulizia, sicurezza e parcheggi.

Dai banchi dell’opposizione il capogruppo di Direzione Italia, Stefania Oltremarini, ha stigmatizzato l’atteggiamento di Quintana invitandolo al rispetto del ruolo istituzionale. “Il consigliere Quintana ha denotato grave leggerezza sia del significato dei termini che utilizza per giustificare i propri metodi,  sia dei valori fondanti l’azione politica” ammonisce la consigliera fittiana, “presentando prima le dimissioni  irrevocabili e successivamente le dimissioni nelle mani del sindaco dimostra una grave carenza semantica ed inaugura una deprecabile ed inusuale prassi istituzionale. Il capogruppo di Italia Destati o forse di Area Popolare-Ncd,  farebbe meglio a confermare le proprie dimissioni dalla presidenza della commissione Ambiente” conclude Stefania Oltremarini, “ed avviare un confronto vero, trasparente e serio in Consiglio e non in riunioni carbonare che hanno solo lo scopo di ottenere un guadagno di popolarità senza troppa fatica, che premia più la sua posizione che il lavoro svolto”.

Gallipoli – A chi lottava tra la vita e la morte nel Settecento veniva riservato, come estremo tentativo, un soffietto rettale on fumo di tabacco. Prima e dopo quel periodo credenze e dicerie mediche non si contano; di alcune si trovano tracce scritte. Ma il tentativo, comprensibilmente umano, di trovare rimedi salvifici (spessissimo rivelatosi invece dannosi) non accenno a diminuire. Adesso in Italia si ‘ in piena bagarre con al centro i vaccini: “Dieci sono troppi”, “sono somministrati troppo presto”, “causano l’autismo”, “hanno gravi effetti collaterali”. Queste ed altre “controindicazioni” non hanno allo stato alcun fondamento scientifico eppure – a differenza di pochissimi decenni fa suscitano un grande interesse e movimenti fieramente convinti delle proprie buone ragioni che prescindono dalle conferme in sede di esiti acclarati.

È la rete a generare una propagazione di tesi a volte troppo disinvolte e ad azzerare i saperi di chi magari ai vaccini, per fare un esempio attuale, al loro studio ed all’impiego che se ne va ha dedicato una vita. Cosa fare per limitare i danni sul piano medico e a diffondere notizie verificate su varie patologie? Se lo sono chiesti alcuni medici del Policlinico di Bari: Vincenzo Montinaro (originario di Alezio), Francesca Cianciotta, Vicenzo Di Leo, Chiara Villani, Silvia Matino, Pasquale Gallo, Marica Giliberti, Vincenza Colucci. La risposta è stata: contrastare la disinformazione digitale con notizie certe e verificate nel campo della nefrologia. “Estrapoliamo notizie scientifiche rilevanti per la Medicina e soprattutto la Nefrologia – spiega il dottor Montinaro – provenienti dagli ultimi studi e li forniamo con un breve commento”. E poi via in rete ciò che fino a poco fa era destinato solo a riviste specializzate. La svolta – in un mondo spesso ingessato da procedure e consuetudini anche non scritte come quello medico – non è da poco ed è basata su di una ricerca del World Economic Forum del 2013, in cui si rileva che “la disinformazione digitale di massa è uno dei principali rischi per la società moderna”.  Medici specialisti in campo allora,  per dare un contributo a selezionare le notizie scientifiche e quelle “cospiratorie”, attinte queste ultime per lo più da mezzi di informazione alternativi cui si rivolgomo quanti sono critici verso i media tradizionali. “La differenza sostanziale tra le due tipologie di notizie – sottolineano i nefrologi del Policlinico – è la possibilità di verificarne il contenuto. Delle notizie cospiratorie (e spessissimo dannose per la salite dei malati) è difficilissimo risalire alle fonti ma propagano terapie fortemente alternative a quelle raccomandate”.  Si veda come esempio l’articolo sui progressi nel trattamento della nefrite lupica del dottor Montinaro, in cui si citano dati (4.222 soggetti esaminati), fonti (laboratori delle università di Sidney e Bari), i 53 studi inclusi nella ricerca.  Come dire, carta canta. Per chi non vuole inseguire le ben più comode ma pericolose “bufale”.

Gallipoli – Ci sarà anche “Zeus Beach”, uno degli antesignani dei  matrinoni in spiaggia, alla “Fiera Salento Sposi”, che si terrà presso il “Grand Hotel Tiziano” a Lecce da venerdì 22 a domenica prossimi. “Questa è la prima edizione di Salento sposi cui stiamo partecipando esponendo i nostri stand – afferma Gaetano Gallo del noto lido gallipolino – mentre abbiamo già partecipato a diverse edizioni della fiera Promessi Sposi a Galatina. Noi abbiamo sempre puntato sui matrimoni in spiaggia dal 2014, ed anche quest’anno sulla nostra spiaggia si sono celebrati cinque matrimoni. Pur non essendo l’unico lido ad offrire questo servizio a Gallipoli, infatti, siamo comunque gli unici ad essere autorizzati dal Comune al rito civile in spiaggia, oltre ovviamente ad occuparci anche del ricevimento di nozze”. Gli orari di apertura di “Fiera Salento Sposi” saranno venerdì dalle 16 alle 20; sabato 23 e domenica 24 settembre dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Ingresso gratuito.

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...