Home Notizie Alezio
Ultime notizie da Alezio

by -
0 252

ALEZIO. Roster rinnovato, nuova maglia e ripartenza al grido di “Post fata resurgo” per l’Asd Basket Alezio, pronta ad una nuova stagione nel campionato di Promozione. Stampata sulle nuove divise ufficiali di gara, la locuzione latina (letteralmente “dopo la morte mi rialzo”) riprodotta nello stemma del Comune di Alezio, sarà il motto adottato dalla società guidata da Fabrizio Gabellone, per trovare la carica giusta e affrontare i match e gli allenamenti. Un elemento che caratterizza la nuova avventura del basket aletino: lo scorso anno i “ragazzi” della prima squadra hanno centrato l’obiettivo della permanenza nella categoria, sfiorando i play off; il gruppo under 18 è riuscito a raggiungere la finale provinciale, persa di pochi punti; grandi soddisfazioni anche dagli under 14, i quali, partendo da zero e con pochi mesi di allenamento alle spalle, sono riusciti a raggiungere una semifinale provinciale. “Il nostro obiettivo per questa stagione è arrivare a giocare i playoff. Vogliamo disputare un campionato di vertice, cercando di lottare con le migliori, per contenderci le prime posizioni della classifica e poter dire la nostra” dichiara il presidente Fabrizio Gabellone.

Tante le novità annunciate, a partire dal roster giovane: dei 14 uomini a disposizione di coach Maurizio Mazzarella otto sono gli under 21 e sei gli over. Dopo l’annuncio della new entry Davide Ferilli di Casarano, il quale giocherà a fianco del fratello Riccardo, la società si è garantita le prestazioni di Cristian Previderio (classe 1998), Andrea Simonetto (1997) ed Andrea Dell’Anna (1997), in prestito dalla Pallacanestro “Andrea Pasca” di Nardò, quest’anno impegnata in serie B. A completare la compagine aletina, al lavoro dal 1° settembre nella preparazione atletica affidata a Federico Perrella, ci sono Davide De Santis, Simone Sergi, Davide Picciolo, Gianluigi Perrone, Luca Marino, Antonio Picciolo, Piervincenzo Solidoro, Fabrizio Gabellone, Giampaolo De Paolo.  “Siamo al lavoro da 3 settimane – afferma il coach Mazzarella – e sono più che fiducioso che la squadra che abbiamo approntato sia in grado di lottare per le posizioni di vertice. Ho visto in queste prime fasi di allenamento una grande determinazione in tutti i ragazzi e tanta voglia di far bene. Se continueremo a lavorare duro sono sicuro che i risultati non mancheranno.” All’interno dello staff tecnico quest’anno anche il ruolo di Direttore generale, ricoperto da Tommaso Tomaiuolo, appassionato di basket ed esperto in marketing e comunicazione.

Società al lavoro per far “divertire” anche i più piccoli: dopo l’Open day (rivolto ai nati dal 2002 e successivi) di sabato 9 settembre presso il Palazzetto dello sport di Alezio, proseguono le iscrizioni ai corsi di Mini Basket, Under 14 ed Under 16 (Info: 349.4131709).
Sabato 23 settembre la squadra dei “grandi” affronterà l’Asd Basket Calimera, compagine che milita nel campionato regionale di serie D, per una prima amichevole pre-campionato al palazzetto dello Sport di Alezio alle ore ore 19,30.

 

ALEZIO. Si è messa in viaggio la chiocciola di Slow Food. Ci ha messo sei anni, pur senza lesinare sulle tracce del suo arrivo con diverse menzioni speciali. Ma con l’autunno è giunta finalmente da “Le Macàre”. Così, l’arrivo della nuova stagione, con il suo “cambio di guardaroba” nella cucina del ristorante aletino, porta anche ad un traguardo importante, il riconoscimento massimo di Slow Food: la Chiocciola, simbolo che incorona i luoghi che meglio interpretano – con ambiente, cucina, accoglienza – la filosofia e lo spirito dell’associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, in armonia con territori e tradizioni locali.

«Un traguardo bellissimo», commenta la “macàra” Daniela Montinaro, chef titolare del ristorante che sarà presente in “Osterie d’Italia 2018, il sussidiario del mangiarbene all’italiano” in libreria dal 20 settembre. «Siamo affini all’idea e alla filosofia del “buono, pulito e giusto” della Fondazione – continua – e abbiamo lavorato sempre con l’obiettivo di fare bene. Per questo motivo utilizziamo nella nostra cucina diversi Presidi Slow Food». Una filosofia abbracciata anche dagli ospiti, e da quei turisti che non sono mai veramente solo “di passaggio”: «soprattutto chi si affida alla guida e ha scelto il Salento come “buen retiro”, torna e consiglia anche ai suoi amici di venirci a trovare». Una conferma, quindi, rafforzata dall’idea che la proposta culinaria non cambierà: «Una grande soddisfazione a livello personale è riuscire a mantenere costante il livello della nostra cucina. Con il valore aggiunto per cui all’interno vige un regime di “autarchia”: «ci piace coccolare i nostri ospiti con i prodotti fatti da noi, a partire dal pane, assieme all’olio il nostro speciale “benvenuto”. Un elemento che è un po’ anche la nostra forza, perché credo sia importante crearsi un’identità propria e perseverare».

Qui la chiocciolina, custode del gusto di ogni territorio, non ha bisogno di magia e filtri d’amore ma – come da tradizione “macàra” – anche di fave e cicorie. Purchè sia la stagione giusta, però. «L’ingrediente perfetto è il rispetto dei ritmi naturali. Aver cura della materia prima e del territorio, salvaguardare la stagionalità dei prodotti. Assieme al rispetto verso l’ospite, perché la cucina è un fatto etico. E’ molto importante per noi avere a cuore il benessere di chi viene a trovarci».

La guida, giunta alla 28esima edizione, quest’anno raccoglie 1616 indirizzi di locali con storie e caratteristiche diverse ma accomunati dalla passione per il cibo e la convivialità. La presentazione della nuova edizione e la premiazione dei ristoranti selezionati avverrà lunedì 25 settembre presso il Parco delle Sorgenti di Ferrarelle a Riardo (CE). Ma la chiocciola ad Alezio è anche in buona compagnia: tra i premiati dalla Guida “Slow Wine” 2018 ci sono anche i vini di “Rosa del Golfo”. Tre i riconoscimenti: “Bottiglia”, per l’ottima qualità di tutte le bottiglie presentate in degustazione, “Grande vino” al “Quarantale” 2013, “Vino Quotidiano” al “Rosa del Golfo” 2016. Soddisfazione dalla cantina aletina: «Quando ho letto la mail di Slow Wine era tarda sera e, dopo una giornata vendemmiale davvero problematica e ricca di imprevisti, è stata una grande emozione, tanto che mi sono commosso!» ha commentato il titolare Damiano Calò. «La notizia ha trasformato una giornata difficile nel mestiere più bello! Siamo orgogliosi di questo riconoscimento».

 

GALLIPOLI. Da quattro addetti a 51; da un ufficio ricavato in un piccolo appartamento a Milano ad un immobile di tremila metri quadri; da clienti solo italiani a rapporti sparsi in tutto il mondo: non è un miracolo, semmai un “miracolo italiano” col marchio della gente del Sud, quella che sa avere un’idea, sa realizzarla con determinazione e non smette mai di pensare alto e di crescere insieme alla propria azienda. “Indra srl” compie 30 anni tondi oggi e l’anno prossimo, giusto per festeggiare, porterà le sue valvole speciali (da strumentazione e da processo, in termini tecnici) nelle fiere in Oman, Egitto e Singapore, dopo essere stati in quelle in Europa, Texas, Iran, Malesia, Emirati arabi. L’anno che verrà sarà anche quello del completamento della gamma produttiva, di nuovi investimenti. L’ultimo fatturato ufficiale è stato di 14 milioni, grazie ad una rete globale di clienti e distributori locali.

L’artefice di tutto ciò – che sta bene attento a sottolineare l’importanza per l’”impresa” di tutto lo staff aziendale: ingegneria, settore qualità, uffici, officina… – è l’aletino Renato Imbriani, 65 anni e sguardo lungo. Da rivenditore di brand esteri a costruttore di valvole – piccoli capolavori di acciaio di grandissima precisione ed affidabilità – rigorosamente e completamente “made in Italy”. Ne è orgoglioso Imbriani, anche del livello di qualità certificata secondo rigorosi parametri ed arrivata a certificati Iso 9001 (produttore), 14001 e 18001 (sicurezza e ambiente). Soddisfazione maggiormente giustificata se pensa al primo ufficietto in via Pietro da Cemmo a Milano; poi il passo successivo a Magenta, un altro appartamento con box trasformato in officina; fino alla sede attuale di via Novara, sempre a Magenta. I suoi “pacchetti” di prodotti sono impiegati oggi nell’industria chimica, petrolchimica, nelle piattaforme off shore, nel settore dell’energia navale e come compenti di elevata affidabilità in impianti e macchinari di altissimo valore e contenuto tecnologico.

Ma l’imprenditore non si è dimenticato della sua terra d’origine, lasciata poco più che ventenne, destinazione Londra. Ad Alezio e dintorni Imbriani ha deciso di investire nel turismo, recuperando una storica e nobile residenza. Questa è una pagina in gran parte ancora da scrivere. Ma Renato Imbriani – che fa del mettersi in gioco uno stile di vita – di sicuro finirà di scrivere, bene, anche questa.

Alliste –  Cambia la dirigente (dopo 21 anni è passata a Melissano) che ha portato la scuola a livelli tali da costituire un riconosciuto polo di formazione, ma la “Calvino” resta alla testa di 37 istituti scolastici dell’Ambito 20, Lecce 4. E dà il via ai  45 corsi di formazione per oltre tremila docenti di una delle circoscrizioni territoriali più grandi del Salento che va da Gallipoli e Casarano fino a Gagliano e Tricase, passando per Racale, Taviano, Matino, Ugento, Parabita, Alezio, Taurisano, Ruffano, Supersano, Presicce, Acquarica del Capo, Corsano, Miggiano, Alessano, Salve.

Ed è stata confermata proprio l’ex dirigente di Alliste, Filomena Giannelli (di Parabita) come responsabile di istituti di ogni ordine e grado, dagli Istituti comprensivi ai Licei ai Tecnici e Professionali e al Cpa. A sostenere la sua candidatura, poi accettata all’unanimità,  è stata Maria Grazia Galante, attuale reggente del Comprensivo allistino. La dirigente ha fatta proprio la missione della “Scuola Polo” ed ha espresso grande apprezzamento per il lavoro svolto dalla dirigente Giannelli che, ancor prima che nascesse l’Ambito  coordinava la rete Centro Salento, con un intenso lavoro “per la crescita umana e relazionale dei dirigenti e per l’impulso dato allo sviluppo di tematiche legate alla formazione, all’orientamento e all’autonomia”

“La rete così come si è sviluppata negli anni non ha mai assunto una dimensione verticistica – dice la dirigente Giannelli – ­ ma orizzontale e democratica in modo da assicurare a tutti la medesima importanza e visibilità. La stessa filosofia ha portato nella gestione della rete di ambito e di formazione promuovendo la valorizzazione delle competenze di ognuno a prescindere dall’Istituto di rete”.

I corsi partiranno nei prossimi giorni e si svolgeranno per lo più ad Alliste, Casarano, Matino, Ugento Melissano, Gallipoli, Tricase e Gagliano del Capo e riguarderanno autonomia organizzativa e didattica, didattica per competenze , innovazione metodologica e competenze di base, competenze digitali e nuovi ambienti, competenze di lingue straniere, inclusione disabilità, coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile e globale, alternanza scuola e lavoro, valutazione e miglioramento.   Gli esperti provengono dal mondo accademico e dal mondo della sanità,  mentre la selezione dei tutor è avvenuta all’interno delle 37 scuole dell’Ambito 20.

Un recente incidente sulla SP 361 Parabita – Alezio

PARABITA. Ancora sangue sulla provinciale killer, la 361 che collega Parabita – Alezio. Un violento impatto tra moto e auto è costato la vita ad un centauro 46 enne di Matino, Pantaleo Sassonio e alla moglie Anna Scarpa, originaria di Alezio. I due viaggiavano a bordo di una Yamaha in direzione Parabita. L’incidente mortale è avvenuto all’altezza della rotatoria di Contrada Paradiso, nei pressi del monumento dedicato alla Madonna della Coltura.

Salva

foto di Massimo Coribello

ALEZIO. La voglia di imparare non manca, assieme alla determinazione. Così Gioele De Matteis, attaccante 17enne, si avvicina sempre di più al suo sogno. Figura anche il suo nome negli ultimi acquisti del Gallipoli Football 1909, che con lui continua a guardare al futuro. In forza nella Virtus Alezio fino alla scorsa stagione, Gioele si è messo in luce con la formazione juniores e con la prima squadra, collezionando ben 37 reti. Numeri che non sono passati inosservati, sia alla società giallorossa che – prima di tutti – al mister aletino Sergio De Pascali, soddisfatto delle prestazioni del ragazzo e del suo passaggio nel “calcio dei grandi”. “Siamo sicuri che questo sarà un punto di partenza”, fanno sapere dalla dirigenza aletina, spronando Gioele ad essere “determinato ma al tempo stesso umile”. «Ho iniziato ad allenarmi con la nuova squadra dal 25 luglio», afferma Gioele. «Dopo i primi periodi di prova, mi sono trovato subito bene con la squadra, e i compagni più grandi mi hanno insegnato tanto. Il mio sogno? Raggiungere il calcio professionistico».

Dopo il primo test amichevole ad agosto contro la formazione di Promozione Deghi Calcio, e il match che ha visto la squadra di Alberto Villa sfidarsi con l’A.C. Salento Football Leverano, entrambe gare segnate anche da una rete di De Matteis, i giallorossi hanno archiviato la prima uscita stagionale contro l’Otranto, lo scorso 3 settembre, e domenica 10 alle 15,30 presso lo stadio “Bianco” affronteranno la prima partita di Campionato contro l’Atletico Aradeo.

 

In attesa delle escursioni nel gallipolino di fine settembre, tornano a Lecce le passeggiate in bicicletta con Salento Bici Tour per il progetto “#Aocchichiusi”, rivolto a persone con bisogni speciali e sponsorizzato da PugliaPromozione. Dopo le uscite del 26 e del 27 agosto, questa volta l’appuntamento è per sabato 2 e domenica 3 settembre, sempre nel capoluogo. «L’iniziativa – affermano i promotori – apre una nuova frontiera per il turismo pugliese dando ai non vedenti la possibilità di andare sulle due ruote in tandem o tre ruote in risciò per godere delle bellezze turistiche». Per l’occasione, i partecipanti potranno “toccare con mano”, ad esempio, i profili dei palazzi, delle piazze e del barocco leccese grazie a delle stampe in rilievo. Un’altra particolarità del progetto è che a essere coinvolti non saranno solo i non vedenti, ma anche i ‘normodotati’, cioè tutti i turisti o i cittadini di Lecce.  Se i non vedenti andranno in risciò gli altri potranno seguire con le biciclette: arrivati però nei punti di interesse tutti i partecipanti verranno bendati e “guarderanno” la realtà con un’altra prospettiva. 

«L’idea di proporre il turismo in bicicletta e in risciò per i non vedenti – afferma Carlo Cascione, responsabile di Salento Bici Tour – nasce anche dal fatto che la bicicletta e i risciò consentono un’esperienza del mondo che coinvolge tutti i sensi». Al progetto partecipano anche Sonia Ligorio di Veloservice e anche Woytek Krawiec, un ragazzo polacco che è in Italia grazie a un progetto di “Erasmus per giovani imprenditori” rivolto al turismo per non vedenti. A fine settembre si utilizzeranno i tandem per le escursioni nei paesi dell’entroterra Gallipolino (Tuglie, Alezio, Aradeo, Seclì, Neviano) all’interno del Sac Salento di mare e di pietre, con dei veri e propri percorsi ciclo-turistici tra i vari paesi.

by -
0 427

ALEZIO. Palloni, barche, stelle e anche un semaforo: la devozione non manca di certo, ma è la creatività a regalare delle sorprendenti chicche tutte da ammirare. Ora la fantasia degli aletini sarà premiata grazie alla sesta edizione del concorso “Luci d’autore” nell’ambito della Serata Alixias di lunedì 21 agosto in piazza Vittorio Emanuele II, promossa dalla Pro loco Alezio. Il premio, realizzato in collaborazione con il Gruppo famiglie, Centro studi Medeur e con il patrocinio del Comune di Alezio, passa in rassegna i lampioncini votivi che nei giorni di festa hanno illuminato le strade del paese in onore della Madonna dell’Assunta. La serata, condotta dal giornalista Rai Antonio Gnoni, prevede la partecipazione della conduttrice televisiva Maria Teresa Ruta, gli interventi dello storico Aldo D’antico. Incursioni nel teatro con gli attori Alessandra Merico ed Enzo Casertano, e nella musica con Jean Michel Byron il Paese dei balocchi.

La tradizione delle lampade votive avrebbe origine verso la fine dell’800. La fantasia popolare, nella scelta delle forme realizzate, ha prediletto la stella, sinonimo mariano, e la barca. Quest’ultima forma rievocherebbe i fatti del 1723, come testimoniano i documenti dell’archivio della Confraternita, anno in cui arrivò su un bastimento nel porto di Gallipoli la statua della Madonna della Lizza.

by -
0 242

ALEZIO. Può essere visitata sino a domenica 20 agosto la mostra di Luigi Quida presso il museo Messapico di via Kennedy ad Alezio.“La visualizzazione del silenzio” è il titolo della personale, promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune aletino, inaugurata lo scorso 12 agosto.Il maestro Quida, pittore “post-impressionista” è presente in prestigiosi cataloghi d’arte contemporanea. Molto apprezzate le sue opere che immergono il visitatore in una dimensione onirica e nostalgica.

ALEZIO. Ospiti doc, sul filo dei ricordi, presso l’agriturismo Santa Chiara di Alezio. La presenza dello storico chitarrista dei Pooh, Dodi Battaglia, cui è stata consegnata una targa al merito da parte della direzione, ha fatto ritornare alla mente del titolare Tonino Cataldi, i “ruggenti” anni ’70 (“o giù di lì”) quando lui con i “Killers Group” si esibiva nelle sere d’estate al Lido Universo presso i Laghi Alimini di Otranto. «Proprio in uno di quei pomeriggi assolati, tra coinvolgenti atmosfere battistiane e semplici accordi di chitarra incontrammo il nostro mentore musicale Antonio Luperto – afferma Cataldi – il quale ci propose l’ascolto del brano  “Tanta voglia di lei” dei Pooh, ancora fresco di vinile, che noi facemmo subito nostro con l’aiuto della vocalist Liliana e con un arrangiamento particolare. Fu subito un successo enorme, anche sia sul versante adriatico che alle Quattro Colonne di Santa Maria al bagno».

Facile emozionarsi, dunque, nell’incontrare Dodi Battaglia il quale, messo al corrente del “ricorso storico”, si è detto compiaciuto per aver contribuito al successo di quel “complesso” composto dallo stesso Cataldi, Renato Imbriani (imprenditore ed editore di Piazzasalento), Fernando D’Aprile (direttore della stessa testata), Ezio Magagnino e Fernando Selvaggio.

«Da parte nostra – conclude Cataldi – un pizzico di nostalgia per la musica vera e l’atmosfera di quegli anni, nei quali i “Killers Group” si sono ritagliati un piccolo e significativo spazio».

Altro nome importante tra gli ospiti della struttura quello del giornalista televisivo Toni Capuozzo, premiato ad Alezio nel corso del recente “Premio Antonio Maglio”.

ALEZIO. Maglietta bianca e palloncini tenuti stretti alle mani, si sono dati appuntamento così gli amici di Samuele Piro, a un anno esatto dal tragico incidente che l’ha visto protagonista. E’ iniziata così la festa della Madonna della Lizza ad Alezio, sentita, partecipata e quest’anno nel segno del ricordo. Il lungo corteo che, come da tradizione, il 14 agosto dà inzio ai festeggiamenti, quest’anno aveva un protagonista in più: ad occuparlo c’era un grande striscione con il viso del ragazzo, a capeggiare un gruppo di giovani volti suoi amici. Poi i palloncini, arrivati davanti al Santuario, con il ricordo del presidente del Comitato festa patronale Santa Maria della Lizza Maurizio Dimo, hanno preso il volo tra gli applausi. Prima di perdere la vita nella notte tra il 14 e il 15 agosto nel luna park allestito in occasione della festa, il ragazzo si preparava a vivere le celebrazioni in onore della patrona, prendendo parte alla processione della vigilia.

Salva

Salva

Luigi Quida

ALEZIO. “La visualizzazione del silenzio” è la mostra di Luigi Quida che viene inaugurata sabato 12 agosto, alle ore 20, presso il museo Messapico di via Kennedy ad Alezio. Intervengono il vice sindaco Paola De Mitri, il direttore del gruppo “Caroli Hotels” Attilio Caputo ed il direttore di Piazzasalento Fernando D’Aprile. Il maestro Quida, aletino d’adozione nato a Galatina, è presente in prestigiosi annuari e cataloghi d’arte contemporanea. Pittore “post-impressionista”, immerge le sue opere in una dimensione onirica e nostalgica. Tanti i riconoscimenti ottenuti nella sua carriera, dal titolo di Cavaliere al merito della Repubblica italiana ad Accademico d’Europa e Araldo gentilizio e gran collare del marzocco di Firenze. La mostra aletina, promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune, chiuderà i battenti il 20 agosto.

 

 

Un recente incidente sulla SP 361 Parabita – Alezio

PARABITA-ALEZIO. Messa in sicurezza degli accessi e maggiori controlli sulla velocità sono i primi provvedimenti da adottare per la Strada provinciale n. 361 Parabita – Alezio. Questo quanto emerso dall’incontro svoltosi dalla Commissione straordinaria di Parabita con il dirigente responsabile del settore “strade” della Provincia di Lecce, l’ingegner Dario Orsini. Tra le richieste avanzate anche quella di poter utilizzare le risorse accantonate con le multe dell’autovelox per interventi di messa in sicurezza della stessa strada, troppo spesso teatro di incidenti, anche mortali. Tra le varie soluzioni tecniche allo studio anche la verifica della regolarità degli accessi e soprattutto dei distributori di benzina presenti in quel tratto. Tra l’altro, il comando di Polizia locale, in accordo con la Provincia, verificherà la possibile installazione di apparecchiature elettroniche per limitare la velocità delle auto. A breve è in programma un altro incontro per valutare tutte le ipotesi avanzate.

Davide Ferilli al Basket Alezio

ALEZIO. Le ambizioni sotto canestro del Basket Alezio sono certificate dal tesseramento di Davide Ferilli di Casarano. L’ala piccola si è accasata alla società presieduta da Fabrizio Gabellone per recitare un ruolo da protagonista nel campionato di Promozione. Dopo i play off sfiorati l’anno scorso, la squadra guidata da coach Mazzarella si è garantita le prestazioni del forte casaranese che ha militato tra le file della Lupa Lecce in Serie D nella passata stagione. Ferilli giocherà al fianco del fratello Riccardo per formare una coppia intrisa di esperienza, pronta a spostare gli equilibri del prossimo torneo. “Sono contento di vestire la maglia del Basket Alezio e abbiamo tutte le carte in regola per disputare un campionato di primo piano – spiega il classe ’91 -. L’anno scorso ho contribuito al salto di categoria della Lupa Lecce. Da adesso proverò a ripetermi con questa casacca insieme a un bel gruppo di ragazzi motivati”. Anche il presidente Gabellone ha manifestato il proprio entusiasmo per l’approdo di Ferilli al Basket Alezio: “Un giocatore dello spessore di Davide è un lusso in Promozione. Siamo ancora in attesa di formalizzare l’arrivo di altri tasselli importanti per completare il roster, ma per il momento ci godiamo questo rinforzo”.

Antonio Maglio

ALEZIO. Da Gianni Brera ad Antonio Maglio: un’altra serata salentina a parlare di uomini, storie e terre e del filo del buon giornalismo che cerca di tenerli insieme. Nel tempo della rivoluzione elettronica che informatizza ma forse non informa, che mette insieme i “contatti” ma rischia di disgregare gli uomini.

“Le notizie – dice Toni Capuozzo – grande inviato del TG5 sulle mille frontiere del mondo – non puoi delocalizzarle nei Paesi dell’Est, non puoi confezionarle in capannoni di terre lontane. Devi cercarle con curiosità e fatica, usando un buon paio di scarpe e poi scriverle con cura, con attenzione, con rispetto. Le notizie non sono prodotti da supermercato, sono il frutto di un mestiere bello e difficile. Il giornalista è e deve restare l’artigiano dell’informazione”.

Lo diceva anche un altro grande di questa terra, don Tonino Bello, quando invitata a preferire “il gusto dello scavo alla tentazione della superficialità”. Gli ha fatto eco “don” Giacinto Urso, austero patriarca del Premio Maglio, ricordando che “Tonino” al quale Il Comune, per volontà del sindaco Vincenzo Romano, ha voluto intitolare il largo antistante il Museo Messapico, aveva tra le sue molte virtù anche la “carità della parola”.

E sì, perché la rivoluzione digitale ha sequestrato quasi tutte le fondamentali domande alle quali deve rispondere un cronista: chi, cosa, come, quando e dove. Ne è rimasta una: il perché. Il buon giornalismo sarà salvato, potrà essere salvato, dal perché cioè dalla capacità di soddisfare i tanti e inquietanti interrogativi di questo tempo impetuosamente nuovo.

Lo aveva capito Tonino Maglio, giramondo con il Salento nel cuore. Ricordarlo, farne memoria non è operazione del passato, ma averlo come compagno di strada anche nella Puglia e nel Sud di oggi. Con i suoi problemi e le sue virtù. Un Mezzogiorno che vuole uscire dalla cultura del lamento – come hanno riaffermato i direttori De Tomaso e Scamardella – e che vuole vedere riconosciuti anche nel giornalismo i diritti e la dignità di chi svolge la professione con competenza e rigore, come hanno ricordato il segretario della FNSI, Raffaele Lorusso e il presidente del CNOG Nicola Marini.

Una serata salentina, condotta e voluta con tenacia da Adelmo Gaetani che di Antonio Maglio fu collega ed amico, che ha ricordato che il giornalismo e passione per l‘uomo e l’informazione un diritto, in un sistema dei media che tende a proporla come merce.

Salva

Antonio Maglio

ALEZIO. Si avvia a conclusione il conto alla rovescia per la cerimonia finale del “Premio Maglio”, sabato 5 agosto alle ore 20,30, sul piazzale del Museo Messapico, in via Kennedy. Vincitrice della sesta edizione Giorgia Salicandro, autrice dell’inchiesta “I nostri ragazzi nel Mondo”, riconoscimento alla carriera invece all’inviato del TG5 Tony Capuozzo. Durante la serata saranno premiati anche Giuseppe De Tomaso per i 130 anni di vita de “La Gazzetta del Mezzogiorno” da lui diretta, l’archeologa Lory Larva e al cineoperatore Alessandro Romano per i loro servizi trasmessi nel programma di Telerama “Terre del Salento”.

L’evento è promosso dall’ “Associazione Antonio Maglio” e dal Comune di Alezio, con il patrocinio della Regione Puglia, Provincia di Lecce, Città di Lecce, Università del Salento, Ordine dei Giornalisti e Federazione Nazionale della Stampa. La cerimonia, presentata dal giornalista Marcello Favale, sarà aperta dai saluti del presidente dell’associazione Maglio, Giacinto Urso e dal sindaco di Alezio Vincenzo Romano. Parteciperanno il presidente dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, Nicola Marini, il segretario generale della Federazione della Stampa (Fnsi), Raffaele Lorusso, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, il presidente dell’Ordine dei giornalisti di Puglia Valentino Losito e il presidente  di Assostampa Puglia, Bepi Martellotta, il prefetto Carlo Schilardi.

 

ALEZIO. Una serata per riflettere sulla questione “sicurezza sul lavoro” e ricordare le vittime innocenti di un sistema insicuro e precario. “Rocco e i suoi fratelli” è l’evento promosso da Interferenze, in programma questa sera, a partire dalle 21 sulla scalinata della Lizza, per rendere omaggio a Rocco Marzo, operaio originario di Alezio che il 6 dicembre 2007 perse la vita assieme ad altri sette colleghi nel rogo dell’acciaieria ThyssenKrupp di Torino. A dieci anni da questa terribile tragedia, l’associazione culturale aletina discute del diritto alla sicurezza sui luoghi di lavoro, partendo dalla vicenda della ThyssenKrupp e dai risvolti giudiziari che ne sono scaturiti, insieme a Roberto Tanisi, presidente della Corte d’Appello di Lecce e ad Antonio Corvaglia, presidente della associazione Anmil (Associazione nazionale lavoratori mutilati e invalidi del lavoro). Dopo i saluti dell’assessore alla Cultura Walter De Santis e del presidente di Interferenze Riccardo Botto, la serata sarà introdotta dal monologo “Con quella valigia in mano” di e con Salvatore Magno.

ALEZIO. Altro prestigioso riconoscimento tributato all’oncologa pediatrica Assunta “Titti” Tornesello di Alezio. Questa volta il plauso per l’attività medico-scientifica svolta le è venuto dall’associazione nazionale Fidapa, animata da donne che operano nei vari campi professionali, delle arti e dell’imprenditoria. Il “Premio nazionale Eccellenze Fidapa BPW Italy” per la sezione Professioni è stato assegnato dopo una difficile selezione appunto alla dottoressa Tornesello . La commissione nazionale ha dovuto decidere alla fine tra sette curriculum relativi a nominativi di aree tematiche diverse, tutte nell’ambito del Distretto Sud Est. La scelta finale per il Premio nazionale Eccellenze è caduta quindi sulla socia della sezione di Gallipoli, medico  specialista in Pediatria, Ematologia ed Oncologia pediatrica, Neonatologia e Patologia neonatale. Ricercatrice dal 1995 presso l’Università Cattolica di Roma,  la dottoressa Tornesello è Responsabile dell’Unità operativa di Oncologia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce che in pratica è nato e cresciuto intorno a lei, che ha lavorato in precedenza per lunghi anni nel “Bambin Gesù” di Roma. Docente di Oncologia ed Ematologia pediatrica presso la Scuola di specializzazione Università cattolica di Roma e l’Università di Chieti, è autrice di numerosissime pubblicazioni scientifiche e comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali. In quanto coordinatrice dei progetti scientifici dell’associazione di genitori “Per un sorriso in più” di Lecce, si presta ad iniziative sociali e di promozione per colmare con raccolta di fondi e contributi (si veda l’iniziativa annuale con la “Band di Babbo Natale” di Alliste) i bisogni strutturali e di personale del reparto. Anche per questo le vengono riconosciute unanimemente “profonde doti umane”. La premiazione avverrà nella città di Roma il 23 settembre nell’ambito dell’assemblea nazionale Fidapa; intanto la premiata può raccogliere gli auguri più caldi da parte della presidente  distrettuale Fiammetta Perrone, degli altri dirigenti dell’associazione,  delle presidenti di sezioni e delle socie del Distretto Sud Est.

Antonio Maglio

ALEZIO. Mondo del giornalismo protagonista della cerimonia finale del “Premio Maglio”, sabato 5 agosto alle ore 20,30, sul piazzale del Museo Messapico, in via Kennedy. Ai nomi della vincitrice della sesta edizione Giorgia Salicandro, autrice dell’inchiesta “I nostri ragazzi nel Mondo”, un racconto approfondito della nuova emigrazione giovanile del Mezzogiorno d’Italia, e a quello dell’inviato del TG5 Tony Capuozzo, al quale andrà un riconoscimento alla carriera, si aggiungono quelli di altri premiati.

Un riconoscimento speciale è stato assegnato a Giuseppe De Tomaso per i 130 anni di vita de “La Gazzetta del Mezzogiorno” da lui diretta. Nel corso della premiazione De Tomaso si confronterà con il direttore del “Nuovo Quotidiano di Puglia” Claudio Scamardella, sul ruolo dei giornali territoriali come indispensabile strumento di crescita civile e sociale del Mezzogiorno e della Puglia. Targa di merito all’archeologa Lory Larva e al cineoperatore Alessandro Romano per i loro servizi finalizzati alla riscoperta della civiltà messapica e del patrimonio archeologico, trasmessi nel programma di Telerama “Terre del Salento”.

L’iniziativa, promossa dall’ “Associazione Antonio Maglio” e dal Comune di Alezio, gode del patrocinio della Regione Puglia, Provincia di Lecce, Città di Lecce, Università del Salento, Ordine dei Giornalisti e Federazione Nazionale della Stampa, con la collaborazione di Quarta Caffè, Coldiretti, Consorzio Olio Dop di Terra d’Otranto, Cantine Rosa del Golfo e Cliocom (Internet Service Provider).

La cerimonia, presentata dal giornalista Marcello Favale, sarà aperta dai saluti del presidente dell’associazione Maglio, Giacinto Urso e dal sindaco di Alezio Vincenzo Romano, e conclusa dal presidente onorario della stessa associazione, prefetto Carlo Schilardi. Parteciperanno il presidente dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, Nicola Marini, e del segretario generale della Federazione della Stampa (Fnsi), Raffaele Lorusso, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, il presidente dell’Ordine dei giornalisti di Puglia Valentino Losito e il presidente  di Assostampa Puglia, Bepi Martellotta.

Il presidente e il direttore di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno e Giuseppe Brillante, e il presidente del Consorzio Olio Dop di Terra d’Otranto, Giovanni Melcarne, consegneranno ai premiati un campionario degli olii extravergini prodotti da Aziende salentine che quotidianamente testimoniano lo straordinario impegno in difesa di un ineguagliabile patrimonio ambientale e storico, prima che economico, come gli uliveti pericolosamente assediati dalla Xylella.

ALEZIO. Un territorio da ascoltare con attenzione e raccontare, nei suoi cambiamenti e nel suo rapporto con le tradizioni. E’ quello protagonista dei “cunti” narrati strada facendo dal Gruppo Escursionista “Trekking Natura Cultura”, promotore della “Camminata sul filo della memoria” il prossimo 9 agosto ad Alezio. La speciale passeggiata “paesologica” ripercorre il solco lasciato dalla storia locale fatta di campagne, piante, animali e tradizioni, e la fa rivivere nella narrazione attraverso parole ed immagini.

Dopo il momento delle iscrizioni a partire dalle ore 19 presso il parco don Tonino Bello, tutti in cammino alle 20 alla volta di Casino Doxi Stracca, seguendo un percorso che si sviluppa tra le strade del paese e sentieri di campagna, e che immergerà strada facendo in un’atmosfera magica e d’altri tempi con i racconti di storia, i “cunti”. Gusto e musica accoglieranno i partecipanti, tra piatti tipici, pizzica salentina nell’ampio cortile, piante officinali e bellezze architettoniche da ammirare. Al temine si farà ritorno al parco di via Mariana Albina, dove verrà inaugurata l’esposizione fotografica su “come eravamo e come siamo”: in mostra la natura com’era e com’è, con foto del passato e di oggi per osservare i cambiamenti del territorio nel tempo e le immagini video dell’attività del gruppo. La serata proseguirà con la musica di “Bowland” a “El Barrio Verde”.

ALEZIO. Si arricchisce di nuovi momenti di condivisione, spiritualità e memoria collettiva la festa in onore della Madonna della Lizza, dal 14 al 16 agosto ad Alezio. Quest’anno il percorso che conduce alla tre-giorni di festeggiamenti è segnato dal “pellegrinaggio” che raggiunge i diversi rioni del paese: a partire dal 28 luglio e fino al 3 agosto le famiglie accoglieranno la statua della Madonna e condivideranno un momento di riflessione tra racconti e ricordi. Una festa velata dal ricordo della tragedia che lo scorso anno ha scosso la comunità per la scomparsa del giovane Samuele Piro, proprio nella notte tra il 14 e 15 agosto. “Sono stati momenti difficili e tristi – afferma il presidente del Comitato festa Maurizio Dimo – superati soltanto dalla Vostra comprensione ma soprattutto dal legame verso questa terra e dalla devozione che ci unisce tutti alla Vergine Maria”.

Accanto al programma religioso, che prevede dal 5 al 13 agosto la novena, si rinnova l’appuntamento con il tradizionale fischietto e tamburo per le strade di Alezio, ad accompagnare verso la festa, che si aprirà ufficialmente alle 10,30 del 14 con il corteo verso il santuario, accompagnato dalle Star Cheerleader dell’oratorio e la Banda di Squinzano. Nel pomeriggio, dopo la santa messa sul sagrato della Lizza alle ore 19,30, a partire dalle ore 20,30 la processione, con al termine l'”Eccezionale fiaccolata” in largo Fiera e lo spettacolo dell’orchestra di fiati e percussioni “Loky’s blues band” dalle 22,30.
La festa, colorata dalle luci della ditta “Santoro” di Alessano, si riaccende il 15, con lo sparo della salva alle 7 del mattino, la “Fiera della Lizza”, il matinè musicale in piazza Vittorio Emanuele II. In serata i concerti bandistici di “Città di Conversano” e “Città di Squinzano” e, come da tradizione a notte fonda –  il grande spettacolo pirotecnico. Il terzo giorno di festeggiamenti porterà sul palco il trasformista e comico Dario Ballantini e la sua Move’n Go band, direttamente da Striscia la notizia, con uno spettacolo ricco di musica, trasformismo e gag.
Largo fiera quest’anno torna a brillare per il quarto giorno consecutivo in occasione della 17° edizione della Sagra della pittula di giovedì 17. Previsti giochi e divertimento con Animazione Salentina alle 20 e il concerto dei “Tammurria” alle 21,30. Lo spettacolo continua sabato 26 agosto con la serata di solidarietà “Grazie a te Maria”, promossa da Comune di Alezio, Provincia di Lecce, Comitato festa, con la partecipazione della compagnia veronese “T’ho trovato vocal group”, che porterà in scena “Sì-New Day”. I proventi della serata saranno devoluti alla Caritas parrocchiale per la realizzazione di un appartamento di prima accoglienza. Lizza chiama Lizziceddha, ecco allora il ritorno della tradizionale festa che il 27 agosto porterà per le strade del paese la processione alle ore 20, con fiaccolata della Pirotecnica napoletana Matino e il concerto bandistico a cura della Cittadella dei ragazzi di Nardò, diretta dal maestro Giovanni Greco.

Il presidente della sezione aletina Claudio Stanca tra
i campioni regionali Cosimo Cataldi e Corinne Louise Duvillard

ALEZIOContinua ad arricchirsi il medagliere del Tiro a segno di Alezio. A conclusione del circuito regionale federale che da febbraio ha fatto tappa nelle sezioni di Candela, Bari, Foggia e Brindisi (tappa finale il 18 giugno), la sezione aletina ha portato a casa eccellenti risultati e due titoli di campione regionale nel tiro con armi ad aria compressa. Eletti campioni regionali Corinne Marie Louise Duvillard (di Sannicola), per la pistola categoria Master donne, e Cosimo Cataldi (di Collepasso), per la carabina categoria Master uomini. Nell’albo d’oro si inseriscono il secondo posto di Michael Antonaci nella carabina allievi, Mariapina De Santis nella carabina donne, Luana Lezzi nella carabina giovanissimi in appoggio; il terzo posto per Giada Giannachi nella pistola ragazzi e Ambra Giannachi nella pistola giovanissimi. «Orgoglioso dei risultati ottenuti dai nostri atleti, i quali – afferma il presidente Claudio Stanca – si sono avvicinati al nostro sport per pura passione e hanno dimostrato grande interesse nell’apprendere le tecniche fondamentali, seguendo gli allenamenti con concentrazione e spirito di sacrificio». Dopo i successi, le attività della sede aletina non si fermano: all’appuntamento con il campionato italiano in programma a settembre seguirà dall’1 al 5 agosto l’evento “Porte aperte al poligono”, con prove gratuite di tiro a segno con carabina e pistola ad aria compressa.

by -
0 683

ALEZIO. Tornano col naso all’insù i trekkers aletini, di nuovo in marcia il prossimo 12 agosto con “Trekking sotto le stelle”, la speciale camminata serale per Alezio, dal Borgo alla campagna. L’evento del Gruppo Trekking Alezio è realizzato in collaborazione dell’associazione culturale Interferenze, dell’oratorio Anspi S. Maria della Lizza e dell’Associazione SalentoXenia e gode del Patrocinio del Comune di Alezio. Sarà possibile iscriversi alla camminata dalle ore 20.15 alle ore 20.50 in Largo Fiera, luogo dal quale alle 21 i partecipanti partiranno alla volta della sede del Gta, presso la Necropoli Messapica. Dopo la passeggiata nella campagna aletina spazio ad una festa pizzicata tra amici, tra buon cibo e la musica del gruppo musicale Pizzica te focu. Il ricavato dell’iniziativa contribuirà al restauro della tela raffigurante “La Madonna del Buon Consiglio”, che nel maggio scorso ha fatto il suo ritorno nel suo antico splendore nel Santuario della Madonna della Lizza. Per info su evento e nuove iniziative: www.gruppotrekkingalezio.net

by -
0 637

ALEZIO. Scaldano i motori soci e amici del Vespa Club Alezio – Salento, pronti a spegnere le prime dieci candeline il prossimo 6 agosto, in occasione dell’appuntamento annuale che raduna vespisti provenienti da tutta l’Italia. Una giornata ricca di attività che promette di non deludere le aspettative di un pubblico che negli anni è cresciuto sempre di più: obiettivo – confermano gli organizzatori – sarà quello di sfondare il record dei 295 iscritti all’evento del 2015. I presupposti per una grande festa ci sono tutti.

Il programma della giornata prevede l’apertura delle iscrizioni alle 15,30 nei pressi del Bar Glamour in via Parabita. Il raduno di quest’anno segna poi il ritorno di Ciccio White, l’ospite internazionale che in una precedente edizione aveva entusiasmato con le sue acrobazie in moto. Le sue esibizioni sono previste alle 16,30, alle 20 (prove libere) e alle 21. Alle 17,30 partirà il giro turistico Alezio-Parabita con sosta ristoro per tutti i partecipanti, che faranno ritorno per le 19, con il momento delle premiazioni. Alle 20,30 raduno in notturna di Vespa e Lambretta e alle 22 concerto musicale dei “9 in condotta” e musica popolare salentina con i “Ritmo Binario”. Durante il raduno previsto mercatino-mostra scambio, e gadget per tutti i partecipanti.

Fermento nel club aletino e grande entusiasmo per i tanti traguardi raggiunti in questi dieci anni: “Voglio ringraziare ogni singolo socio – commenta il presidente Antonio Magagnino – per la passione e il sostegno dimostrati verso le nostre iniziative. Nel giugno 2008, il desiderio di tre amici vespisti ha portato il nostro gruppo a diventare il secondo club in Puglia con ben 170 soci. E siamo sicuri che la nostra famiglia su due ruote crescerà ancora”.

ALEZIO. Poesia, storia e solidarietà sotto le stelle chiudono il luglio aletino. Con un tris di eventi culturali il calendario estivo promosso dall’Amministrazione comunale si prepara ad accogliere un mese impegnativo e di festa per la comunità aletina, in vista delle celebrazioni in onore della Madonna della Lizza, festeggiata dal 14 al 16 agosto. Il 29 luglio la Delegazione aletina della Lilt propone “Poiesis sotto le stelle”, il concorso di poesia giunto ormai alle sua terza edizione che racchiude musica, versi, sapori e teatro sempre sul filo della solidarietà. L’evento, che vedrà la partecipazione della Vintage band e della Compagnia teatrale Talianxa, avrà inizio alle 21 presso il parco Don Tonino Bello. Rievocazione storica, fede, emozioni e cultura per l’immancabile appuntamento con la Serata Murattiana promossa dalla Pro loco. Il corteo storico partirà il 30 luglio da piazza Vittorio Emanuele II e si conclude con l’arrivo sulla scalinata di Villa dell’Assunta. Luglio si conclude con “Una sera alla Lizza”, evento realizzato dall’amministrazione comunale che si terrà dalle ore 21,30 nei pressi del Santuario. La serata è un racconto a più voci del più importante monumento aletino con i suoi affreschi e i suoi tesori.

Voce al Direttore

by -
Da luglio il vostro giornale andrà più in là, per diventare una “piazza” grande - in prospettiva - quanto il Sud Salento. Abbandoniamo perciò...