Home Notizie

Santa Caterina (Nardò) – Per il secondo anno consecutivo il circolo nautico “La Lampara” di Santa Caterina ha consegnato una borsa di studio, intitolata alla memoria del compianto Sergio Orlando (stimato farmacista ed apprezzato amministratore neretino oltre che giocatore granata, scomparso nel febbraio del 2017 all’età di 64 anni) ad uno studente del liceo classico “Galileo Galilei” di Nardò, in questo caso Andrea D’Agostino (foto).

“Il premio vuole rappresentare – ribadiscono i promotori – un incoraggiamento e un segnale di supporto per il proseguimento degli studi, nonché premiare quei ragazzi che maggiormente si sono contraddistinti con una alta media voti scolastica”.

D’Agostino è stato selezionato tra altri suoi coetanei promossi dal liceo di via XX Settembre con una valutazione di 100/100esimi con lode. Nota di merito anche per Ugo Ammassari, Lorenzo Cesari, Alberto Mazzotta, Sara Metafune e Benedetta Perrone. Ma non solo, c’è grande soddisfazione in seno all’istituto classico diretto da Emilia Fracella anche per la valutazione di 100/100esimi di Francesca Geusa, Claudia Inguscio, Arianna Massanova, Arianna Pergola, Sara Profeta, Francesca Irene Strafella, Federica Tarantino, Diego Tedesco e Francesca Tondo.

La stagione scolastica 2017/18 si è conclusa con tutti i 118 studenti ammessi agli esami promossi, senza neppure una bocciatura. Un motivo di orgoglio per il liceo classico neretino e una fonte di ispirazione per i futuri maturandi, oltre che punto di riferimento per quanti, come La lampara di Santa Caterina, sono alla ricerca di esempi utili da premiare ed indicare sperando in un benefico effetto emulativo.

Casarano – Finanziamenti da oltre due milioni di euro per due immobili storici di Casarano. Per il mercato coperto comunale  sono in arrivo 880mila euro dai fondi Por Puglia concessi per la sua riqualificazione. La storica struttura di via Matino (la sua edificazione risale agli anni ’50) verrà divisa in due parti: se il capannone nord continuerà ad ospitare i box commerciali, quello accanto sarà diverrà un laboratorio culturale per giovani. È stato quest’ultimo, infatti, il punto di forza del progetto appena approvato che prevede la creazione di un centro “per l’aggregazione artistica e culturale”. La ristrutturazione prevede anche la sostituzione del tetto in amianto che da sempre rappresenta un problema proprio nel centro della città.

Lavori per la scuola di piazza San Domenico Altro finanziamento ottenuto da Palazzo di Città in questi giorni è quello da un milione 135mila euro, incluso nel Piano regionale triennale di edilizia scolastica 2018-2020, per l’efficientamento energetico dell’edificio di piazza San Domenico. Il progetto punta all’adeguamento sismico della struttura oltre al miglioramento della tenuta termica anche con l’installazione di nuovi infissi e di impianti adeguati. È anche previsto un sistema di fonti rinnovabili per la produzione di acqua calda sanitaria.

L’assessore Parrotta «Siamo molto soddisfatti di questi due finanziamenti. Con l’intervento sul mercato coperto – fa sapere l’assessore ai lavori pubblici Laura Parrotta – restituiremo alla città un immobile che conserverà la sua vocazione commerciale storica, ma ammodernato e riqualificato, e soprattutto creeremo anche un contenitore culturale quale spazio di aggregazione e di espressione creativa per i giovani, e non solo. Con le risorse destinate all’edilizia scolastica provvederemo a riqualificare  l’immobile dell’istituto comprensivo Polo 3 per dare ai nostri ragazzi un edificio più sicuro, “moderno” e adeguato elle loro esigenze».

Torre Suda (Racale) – Ritorna l’appuntamento con la Passeggiata podistica di Torre Suda, giunta alla sua seconda edizione: dopo il successo dello scorso anno, le associazioni sportive Moving lab e Walking club di AllisteFelline, col patrocinio del Comune di Racale, riproporranno sabato 18 agosto una camminata non competitiva e a passo libero, su un percorso di 5 km.

La partecipazione è gratuita, con iscrizione da effettuarsi in orario di ritrovo, entro le 18,30, presso il Giardino costiero di Torre Suda. Da qui, alle 18,45 si avvierà la camminata per la costa e il lungomare, fiancheggiando campagne caratterizzate dai muretti a secco. Il percorso si concluderà in piazzetta di San Marco, nei pressi della chiesa Stella maris: da qui si godrà della vista del tramonto, tra suoni e sapori.

L’importanza di fare sport: il commento di Federica Marinosci – “Sarà un percorso itinerante tra il mare e la campagna, con l’obiettivo di sensibilizzare le persone alla pratica dell’attività fisica regolare – spiega l’organizzatrice, Federica Marinosci (in foto con il consigliere delegato per Torre Suda Daniele Renna). – Lo faremo tutti insieme: grandi e piccini, anche con i vostri amici a quattro zampe”. E conclude: “Sarà un’occasione per incontrarsi con i tanti appassionati di camminata della provincia. Voi mangiate, che dopo Ferragosto ci pensiamo noi”.

Presicce – Un ospite d’eccezione per i dieci anni dei “Colori dell’olio”. Quest’anno la manifestazione che celebra  l'”oro verde” si “regala” il concerto di Francesco De Gregori che domenica 19 agosto chiuderà la tre-giorni di Presicce. «I bilanci non mi sono mai piaciuti. Di fatto si fa un bilancio solo alla fine di una realtà, ma qui la parola “fine” non credo possa essere scritta ancora. Se proprio devo dare uno sguardo in restrospettiva – afferma il direttore artistico della manifestazione, Anacleto Tamborrini – vedo un meraviglioso percorso di crescita che ha investito l’intera manifestazione. Lo spirito è sempre quello di dare a Presicce la possibilità di essere ammirata da una vetrina del tutto eccezionale: tre giorni di musica e  buon cibo con al centro dell’attenzione il prodotto principe del nostro territorio, che nonostante le evidenti difficoltà rimane l’olio».

Il programma Ricco come sempre il programma musicale (ad ingresso libero in piazza delle Regioni) che, prima del “Principe” (così come Dalla soprannominò De Gregori), prevede venerdì 17 Lu Rusciu Nosciu, Matteo Cazzato, Indiano Salentino, sabato 18 Sperla Rootzie & Tbh, Uchieman e Nesli e domenica 19, per chiudere, De Gregori e a seguire i dj di Radio Venere. I “Colori dell’olio” si conferma, dunque, tra le manifestazioni più attese dell’estate salentina, in grado di richiamare migliaia di presenze. Ma lo staff organizzativo ha già dato ottima prova delle proprie capacità.

Trepidazione per Matteo Cazzato e gli altri Tra gli”ospiti” c’è trepidazione in paese per il concittadino Matteo Cazzato, apprezzato concorrente della scorsa edizione del programma Amici di Maria De Filippi, così come per Nesli e gli altri. «Penso che quest’anno davvero segneremo la storia dell’estate presiccese, e non solo. Come ogni anno – conclude Tamborrini – stiamo prevedendo tutte le misure per la sicurezza degli artisti e degli spettatori che ospiteremo in piazzale delle Regioni, che per l’occasione diventa il salotto della nostra città. Stiamo collaborando, come sempre, con le autorità competenti per predisporre il piano di sicurezza secondo la normativa vigente». L’associazione informa pure che, come ogni anno, è previsto un percorso facilitato per i diversamente abili i quali potranno assistere ai concerti da un punto privilegiato, accompagnati da una sola persona (informazioni al numero 346/5927947).

 

Casarano – Arrivano i voucher sociali per sport e cultura. Con l’iniziativa, l’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Casarano “intende promuovere interventi sociali ed assistenziali che garantiscano aiuti concreti alle persone e alle famiglie che vivono situazioni di svantaggio socio-economiche e culturali”, come afferma l’assessore Daniele Gatto. I contributi economici sono rivolti a ragazzi d’età tra i sei e i 18 anni residenti nel Comune di Casarano, cittadini europei o familiari di cittadini non europei, e ragazzi stranieri con permesso di soggiorno,  appartenenti a nuclei familiari con Isee non superiore a 6.000 euro. I voucher, dai 100 ai 200 euro maggiorati di 50 euro per ogni minore presente nel nucleo familiare oltre al primo, saranno erogati per il tramite della “Welfare Company srl”.

Due progetti da 16mila euro Sono disponibili 8.000 euro per attività sportive riabilitative- educative, presso piscine e palestre convenzionate, per il progetto “Che bello fare sport!” ed altri 8.000 euro per l’acquisto di materiale didattico- culturale nelle cartolerie e librerie convenzionate per il progetto “gemello” “Evviva la cultura…comincia l’avventura!”. Le istanze potranno essere presentate dal 27 agosto al 28 settembre, insieme alla documentazione richiesta, e saranno accolte nel rispetto del progressivo del protocollo di ricezione e soddisfatte fino alla totale concorrenza delle somme disponibili. Per garantire il totale utilizzo delle risorse stanziate l’A.C. ha inoltre disposto che l’eventuale economia che si verifichi in una delle due iniziative potrà essere utilizzata per il pieno soddisfacimento dell’iniziativa maggiormente richiesta.

Otranto – Raffaella Nicolazzo, giovane artista idruntina, si è classificata al primo posto  nel concorso “Note d’estate”. Lo scorso 5 agosto a Matino, la  quindicenne è stata proclamata vincitrice da Nicco Verrienti (direttore artistico della manifestazione originario di Casarano) e dal compositore Roberto Casalino. La competizione, giunta all’undicesima edizione, ha visto la partecipazione di oltre cento artisti selezionati in tutta la Puglia. Per la giovane Raffaella, allieva della maestra Francesca Rinaldi (dirigente della scuola di musica Harmonium di Maglie), si è trattato della prima partecipazione ad un concorso di questo livello. Solo quindici anni ma tanto carisma e un talento fuori dal comune che le ha permesso di raggiungere questo riconoscimento e di partecipare alle selezioni per il prossimo “Sanremo giovani” con un brano scritto dallo stesso Verrienti, già autore di star come Emma, Renga, Annalisa e molte altre.

Le sue giovani speranze «Sono una ragazza che lavora tanto e si impegna molto in quello che fa e la vittoria di questo concorso, in cui hanno partecipato tantissimi bravi artisti,  è servita ad accrescere molto la mia autostima. Spero – afferma Francesca – di poter partecipare il prossimo anno, compiuti sedici anni,  a Sanremo giovani e di poter avere un futuro nella musica ma ho anche tantissime altre passioni e non è da escludere che in futuro intraprenda una carriera completamente diversa».

(di Matteo Monte)

Gallipoli – Vacanze “modello Gallipoli”?  Nell’attesa che la città rifletta sul come (e se) orientare la propria “innata” vocazione turistica, Ferragosto aiuta a riportare alla memoria dei meno giovani quei periodi in cui il suo “modello” veniva riconosciuto da tutti. Negli anni ‘60-’70 non si doveva, di certo, affrontare il turismo di massa: erano le famiglie a venire in vacanza, con la massima concentrazione dal 20 luglio al 20 agosto (con le grandi fabbriche dell’epoca era difficile – ancor più di oggi – parlare di partenze “intelligenti”). Nel centro storico solo un paio di alberghi e qualche affittacamere, ma c’era anche chi poteva permettersi la casa in affitto per l’intera stagione (magari tre mesi).

I pendolari della domenica al mare con il treno Tanti, la maggior parte, erano i pendolari della domenica  che dai paesi vicini raggiungevano Gallipoli in treno, mentre solo qualche privilegiato con la propria auto. Scesi dal treno (con il companatico al seguito), si attraversava il tunnel a pochi metri dalla stazione ferroviaria, che dava sulla spiaggetta delle “Fontanelle” (che a quei tempi aveva le cabine in legno). A un tiro di schioppo da lì c’erano pure le “Cenate te lu Rafè” (Raffaele il nome del gestore), delle particolari palafitte sul mare, dove si poteva trascorrere l’intera giornata al riparo dei raggi del sole. Nel centro storico i camerini erano presenti anche alla spiaggia della “Purità” mentre i più spericolati “conquistavano” il mare scendendo giù per le mura attraverso le cosiddette “patate” (una specie di scala a pioli scavata nelle mura stesse). In barca si poteva raggiungere l’isolotto del “Campo”, o l’isola di Sant’Andrea, ma, per i patiti dello sci nautico (in voga a quel tempo) non mancavano i primi motoscafi con motore fuoribordo. Per i vacanzieri del borgo la scelta era più vasta, dalla scogliera di scirocco, con le tre grotte, “te l’alaca”, “te lu tiaulu” e “de li monici” (delle alghe, del diavolo e dei monaci), e più avanti i primi stabilimenti: il Lido Piccolo e il Lido Grande,  ben noto come “Lido San Giovanni”.

“Trasgressione zero” Vita mondana o trasgressiva prossima allo zero rispetto a quella di oggi, ma non mancava il modo di trascorrere le serate: la passeggiata su corso Roma con i bar dove gustare gelati artigianali o le classiche granite. Oltre al teatro Schipa c’erano anche due cinema all’aperto: l’Arena Italia (dove ora c’è la Banca popolare pugliese) e addosso al castello, “Il Rivellino”. All’inizio del ponte c’era anche il chiosco di Benito dove placare l’arsura con l’acqua di cocco fresca. Ai giovani non mancava di certo l’inventiva, anche perché c’era in gioco la conquista delle ragazze: con poco e niente si organizzava quindi il bagno al chiaro di luna e i falò in spiaggia; l’anguria e qualche volta ci scappava pure la pizza (semplice, ovvero la margherita, o completa con alici e capperi.

Le prime discoteche Con gli anni aprono poi le prime discoteche: “Il Matusa beat club” a Baia Verde e lo “Chalet delle Serre” verso Lido Conchiglie. Le serate dei vip si concentravano, invece, tutte al “Lido San Giovanni” , che se di giorno dava il meglio del comfort in spiaggia, all’imbrunire offriva la “Rotonda” per le serate di gala: erano gli anni d’oro, quelli del commendatore Otello Torsello, che aveva realizzato lo stabilimento balneare in muratura, e del cavaliere Francesco Ravenna, direttore del Lido. Ora al suo posto c’è la figlia Teresa, che ricorda: «Sin da quando avevo 14 anni sono qua. Non è facile mantenere questa struttura con i costi esorbitanti di oggi, ma lo debbo a mio padre soprattutto, e vado avanti». Su quella rotonda son passati tutti i più importanti big della canzone e gli attori più famosi. Solo per citarne alcuni: le sorelle Kessler, Ubaldo Lai, Peppino di Capri, Mina e Fred Bongusto (che a più d’uno piace pensare essersi lasciato ispirare proprio da Gallipoli per la sua famosa “rotonda” sul mare) .

Il fascino del “lido”: oggi come ieri Tanti di quei giovani di allora ricordano gli anni trascorsi al Lido, e tanti ancora ci ritornano ancora oggi, come Letizia Coluccia, insegnante di lettere in pensione che occupa sin da piccola assieme ai fratelli la cabina numero 112. «Le cabine del lido sono  come  i posti alla Scala di Milano che si prenotano di anno in anno». Tito Sanò, ingegnere aerospaziale all’Enea (sua è stata la prima navicella spaziale italiana)  ricorda le battaglie tra coetanei con le palle di sabbia e i bagni alle Cenate,“poi però sono tornato al  lido, che nei primi anni ’50 era gestito proprio dal nonno della moglie “Marilena”. Gigino Maggio, ingegnere capo al Genio civile, 90 anni portati con disinvolta eleganza, pur di non lasciarsi tradire dall’emozione, gira a battuta la domanda del cronista: “fammi pensare –dice- e chi se ne ricorda più di quegli anni?”. Rosario Colonna, già procuratore capo a Lecce, ha cominciato a frequentare Gallipoli da vacanziere, d’estate, e poi ci è venuto ad abitare definitivamente, perché proprio al lido ha conosciuto la donna della sua vita. In tanti, e non solo i vecchi nostalgici, sono pronti a scommettere per un nuovo “modello Gallipoli”  ispirato, pur con gli opportuni aggiustamenti, ai mitici anni ‘60- ‘70.

Galatone – Vigilia di Ferragosto movimentata a Galatone, dove nel pomeriggio di oggi una copiosa caduta di calcinacci in una delle stanze della propria abitazione, ha messo in allarme l’abitante di un appartamento di via Migliaccio, una delle strade che collega le arterie via Aldo Moro e via Savoia: la signora, in casa da sola con il cane, ha prontamente allertato i Vigili del fuoco che – valutata la situazione – hanno messo in sicurezza l’area e disposto l’evacuazione di quattro appartamenti del piccolo complesso di case popolari gestite dall’ente Arca Sud.

Fino a tarda ora si sono svolti interventi necessari soprattutto a puntellare l’edificio (di quattro piani) ad opera di una ditta del luogo, per evitare l’eventuale crollo del solaio e l’incolumità pubblica. I lavori sono stati sollecitati dall’Amministrazione comunale, intervenuta sul posto insieme ai carabinieri della Stazione di Galatone.

“Abbiamo provveduto in maniera tempestiva a mettere in sicurezza l’area – commenta la vicesindaco Daniela Colazzo – e ci siamo assicurati che gli abitanti delle palazzine evacuate, tra cui è presente anche un disabile, avessero un posto dove dormire stanotte, presso i propri parenti. La presenza dei carabinieri – aggiunge la numero due di Palazzo dei Domenicani, che ha seguito le operazioni sul luogo – serve anche ad evitare un’eventuale occupazione di queste case per ora vuote”.

Maglie – Era stato condannato in Ucraina il 73enne di Macerata arrestato ieri dalla Polizia in una struttura ricettiva di Maglie. L’uomo è risultato, infatti, destinatario di un mandato di arresto ai fini estradizionali emesso dalle autorità Ucraine per i reati di appropriazione indebita, riciclaggio, falsificazione di documenti e falso. La sua presenza è venuta fuori nel corso dei controlli amministrativi esperiti sulle strutture ricettive della provincia di Lecce, anche al fine di monitorare il flusso di turisti presenti su tutto il territorio, ad opera degli agenti del Commissariato di Otranto, supportati dalla centrale operativa di Lecce. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato associato presso la Casa circondariale di Lecce.

Alezio – Tradizione rinnovata per la Madonna della Lizza ad Alezio. Il tradizione “fischietto e tamburo” ha scandito l’attesa di martedì 14. In mattinata c’è stato il corteo verso il santuario, accompagnato dalle Star Cheerleader dell’oratorio, il Corteo storico murattiano della Pro loco Alezio e la Fanfara dei bersaglieri. Nel pomeriggio, dopo la messa sul sagrato della Lizza delle 19,30 e la processione, la fiaccolata in largo Fiera e musica con Ennio C. a partire dalle 23,15.

La festa, colorata dalle luci della ditta “Santoro” di Alessano, si riaccende il 15 con la “Fiera della Lizza”, il matinè musicale in piazza Vittorio Emanuele II, in serata i concerti bandistici di “Città di Conversano” e “Città di Francavilla Fontana” e, come da tradizione a notte fonda, il grande spettacolo pirotecnico. La terza serata vedrà in scena l’Orchestra Terra del sole diretta dal Maestro Enrico Tricarico di Gallipoli con “Meraviglioso!”. Saliranno sul palco Michele Cortese, Antonio Ancora, il soprano Lucia Conte, il tenore Vincenzo Sarinelli. Ospite della serata, presentata da Ivan Raganato, sarà il cabarettista di Nardò Andrea Baccassino. Novità dell’edizione 2018 è “Una festa che emoziona”, il contest fotografico per raccontare l’evento attraverso gli scatti da condividere sui propri canali social.

In mostra, nella tre giorni, “Il vento devoto”, con i ventagli d’autore per santi patroni, progetto artistico ideato da Antonio Chiarello presso il Museo della Confraternita a cura di PugliArmonica. In contemporanea si svolgerà anche “Loro di Alezio”, l’esposizione fotografica di Michele Piccinno promossa come ogni anno da Interferenze, sul sagrato della Lizza; tanti clic che interpretano la vita di un paese attraverso chi lo vive o lo ha vissuto. Da visitare dalle 21 alle 24 fino al 16.

Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo) –  Tradizionale festa per l’Assunzione della Madonna per il Ferragosto di Leuca. Martedì 14, alle ore 20, la statua della Vergine viene portata in processione per le vie del paese, accompagnata al suo passaggio da centinaia di fiaccole. Nella stessa giornata messe alle 18.30 nella chiesa di Cristo Re ed alle 21 e a mezzanotte sul santuario, dapprima nel piazzale antistante la basilica e poi all’interno della stessa. Sempre il 14, alle 22 nel piazzale della basilica c’è un concerto di musica popolare con gli “Ionica Aranea”.

La processione in mare L’attesa processione in mare è in programma mercoledì 15 con la statua della Madonna dapprima condotta nella chiesa di Cristo Re per la celebrazione dei Vespri e poi, alle 17, portata in spalla da un cordone di fedeli verso porto di Leuca dove ci sarà l’imbarco su una paranza di pescatori addobbata a festa con fiori e nastri.  La statua della “Vergine” prenderà il largo nel mare seguita da un corteo di centinaia barche, dalle più piccole ai grandi yacht, compresa la banda musicale che animerà la suggestiva processione per mare che si snoderà attraversando le acque di Ciardo e Felloniche fino ad arrivare al piccolo porticciolo di  San Gregorio. All’imbrunire, le barche fanno ritorno a Santa Maria di Leuca per la messa presieduta da monsignor Vito Angiuli, vescovo di Ugento-S. Maria di Leuca. Al rientro della processione, intorno alle 20, ci sarò pure l’apertura straordinaria della cascata monumentale.

I fuochi pirotecnici sul molo Altro appuntamento imperdibile quello dei fuochi pirotecnici della mezzanotte tra il 15 ed il 16 (quest’anno   a cura di Vincenzo Martella di Corsano) che verranno fatti esplodere sul molo foraneo e saranno visibili dal lungomare e da Punta Ristola. Quella dello spettacolo pirotecnico è una tradizione consolidata da anni che, tuttavia, quest’anno ha rischiato di sfumare per mancanza la di fondi. Essenziale è stata la perseveranza e la caparbietà di Assocom Leuca (presieduta da Rizieri Siciliano) che ha finanziato l’evento e si è impegnata nell’organizzazione di quello che, ormai da decenni, è per Leuca il momento più magico dell’anno.

Storia e tradizione A Santa Maria di Leuca vi è la credenza che il 15 agosto, giorno in cui la chiesa celebra l’Assunzione di Maria Vergine al cielo, non si possa fare il bagno al mare per rispetto della Madonna che, ogni anno, decide di “prendere con se” qualcuno che ha trasgredito la regola. La credenza popolare è ancora oggi molto diffusa tra le persone più anziane che ricordano come esista un legame molto forte tra la Vergine Maria e il mare: per questo le popolazioni marinare riconoscono Maria “Stella Maris” (stella del mare) e l’iconografia religiosa spesso ritrae la Vergine sulle acque.

Ugento – Prosegue con un calendario ricco di appuntamenti la programmazione estiva fra Ugento e marine: musica e mercatini sono gli ingredienti che animeranno le serate del 14, 15 e 16 agosto.

A Lido Marini martedì 14, in piazza Tirolo, per i più piccoli c’è lo spettacolo del clown Lacoste, mentre gli adulti possono ascoltare il concerto dei “Work in progress”, cover band dei Nomadi, e fare un giro fra gli stand del mercatino artigianale che sarà allestito in zona anche nella serata successiva. Giovedì 16 spazio poi allo spettacolo di pizzica “Panni de Unu”.

A Torre Mozza, invece, nella serata di Ferragosto c’è la musica popolare dei “Vento del Sud” (alle 22), ospiti della festa della Madonna Assunta. Giovedì 16, dopo Lido Marini arriva anche qui lo spettacolo del clown Lacoste (ore 21, area eventi).

A Ugento, il 16 agosto in piazza San Vincenzo (dalle ore 21) nuovo appuntamento con il “Balletto del Sud” (in foto) del coreografo Fredy Franzutti, nell’ambito del Festival itinerante di musica, teatro e danza da lui stesso diretto.

Lido Conchiglie (Sannicola) – Appuntamento fuori programma questa sera, martedì 14 agosto, a partire dalle ore 21 presso Mesciu Peppe, a Lido Conchiglie: si tratta dell’evento “Mi ritorni in mente”, durante il quale si esibiranno Emanuele Montagna e Ilenia Romano, proponendo musica anni ’70, ’80 e ’90, fino ai nostri giorni.

“Un viaggio tra le più belle canzoni degli ultimi 50 anni, in una serata organizzata a grande richiesta del pubblico” commentano gli organizzatori.

Gallipoli – Il minibus che effettua il servizio urbano in città appiedato dalla Guardia di finanza. È accaduto questa mattina quando agenti delle Fiamme gialle hanno fermato per controlli l’unico automezzo che fornisce il servizio di trasporto urbano per conto di una impresa di Nardò, concessionaria. Con notevole sorpresa i finanzieri hanno dovuto constatare che l’automezzo in circolazione in quel momento era privo di collaudo fin dal 2002 ed inoltre aveva l’assicurazione scaduta da tempo.

Di conseguenza il minibus è stato sequestrato ed i passeggeri fatti scendere. Il servizio urbano – da molti indicato come insufficiente soprattutto nel mesi estivi – è poi ripreso regolarmente con un altro automezzo poco dopo.

Il fatto ha suscitato clamore sui social network. Il consigliere comunale di opposizione Flavio Fasano ne ha dato notizia addossando responsabilità al Comune per omessi controlli sullo svolgimento del servizio pubblico urbano, ricordando tra l’altro polemicamente che il contratto per tale servizio – assegnato dalla Regione – è stato di recente prorogato dall’Amministrazione comunale.

Il caso pare si sia verificato per un guasto improvviso al minibus grigioverde solitamente in servizio in città. Quando l’autista ha riscontrato che il mezzo non si metteva in moto, ne ha preso un altro presente nel deposito di Gallipoli. Quest’ultimo bus, vecchio e di  proprietà comunale, non veniva usato da tempo ed anche per questo aveva la polizza scaduta ed era privo di collaudo.

Torre Mozza (Ugento) – Nel giorno di Ferragosto si rinnova l’appuntamento con la festa della Madonna Assunta nella marina di Ugento.

Diverse le messe in programma durante la giornata, già dalla prima mattina: alle ore 7,30 la funzione verrà celebrata nella chiesa di Pompignano (sulla provinciale che collega Torre Mozza ad Acquarica del Capo), alle 9 nella chiesa di Torre Mozza, alle 10,30 nella chiesa Maria Regina della Pace a Gemini, e alle 20 nuovamente presso la chiesa di Torre Mozza. Dopo quest’ultima funzione, alle 20,45 partirà la processione per le vie della marina e al rientro del corteo sarà celebrato il panegirico in onore della Madonna.

Durante la giornata suoneranno i musicisti della banda “Terra d’Otranto”, e alle 21,30 il cielo s’illumina con lo spettacolo di fuochi d’artificio. In chiusura, alle 22, canti e balli della tradizione popolare salentina con il concerto del gruppo “Vento del Sud”.

Gallipoli – Una pattuglia della Polizia viene travolta da un’autovettura mentre è già ferma sulla Statale per aiutare un’auto in panne. Lo scontro, per fortuna senza gravi conseguenze, si è verificato intorno alle 22 di lunedì 13 agosto sulla corsia nord della strada statale 101, nei pressi di Gallipoli. La pattuglia era intervenuta per prestare soccorso ad un’automobile rimasta ferma per problemi meccanici proprio in curva, segnalando la sua presenza agli altri veicoli in transito e soccorrendo le due occupanti.

La pattuglia trascinata per dieci metri In attesa dell’arrivo del carro attrezzi per la rimozione, però, la stessa volante è arretrata di un centinaio di metri accostandosi sul lato destro della carreggiata al fine di rendersi visibile alle auto che sopraggiungevano: malgrado ciò la pattuglia della Polizia è stata violentemente investita (e spostata di una decina di metri) da una Mercedes  condotta, a velocità sostenuta, da un 45enne originario della provincia di Napoli e residente a Bergamo. Malgrado lo spaventoso contraccolpo subito, i tre agenti hanno prestato soccorso al conducente della Mercedes e gestito la viabilità che, nel frattempo, rischiava di diventare quanto mai critica, in attesa dell’arrivo di un’altra pattuglia del reparto prevenzione di Bari, della Polizia locale e dei Carabinieri. I tre poliziotti sono poi stati accompagnati presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Gallipoli per le cure del caso.

Torrepaduli (Ruffano) – Alle ragazze e ai ragazzi  del progetto “Piccola ronda” è affidato l’incarico di aprire ufficialmente l’edizione 2018 della Festa di San Rocco, il tradizionale evento ferragostano capace di attirare, da sempre, migliaia di visitatori a Torrepaduli (frazione di Ruffano). Si tratta di un progetto della Notte della Taranta e del Comitato Festa San Rocco Torrepaduli  Alle 19.30 in piazza Carmelitani ad anticipare la classica “danza delle spade”, con l’evento “Fuori Festival” saranno  i piccoli danzatori e tamburellisti ai quali sarà poi affidata l’apertura del pre-Concertone di Melpignano, dalle 19 del 25 agosto. Il progetto coinvolge anche gli ospiti della casa-famiglia La Coccinella.

La danza delle spade Sempre mercoledì 15 alle 21 è in programma la solenne processione per le strade della frazione con la cascata pirotecnica sulla facciata del santuario intorno alle 22 (a cura della Pirotecnica napoletana) ed i fuochi pirotecnici alle 23 (a cura delle ditte Cosma Dario e Pirotecnica Napoletana). A seguire, intorno alla mezzanotte e fino all’alba, il tradizionale rito spontaneo di “danza-scherma”. Giovedì 16 agosto, in piazza Carmelitani il concerto bandistico Città di Manduria ed alle 21 in largo San Rocco il concerto dei Tamburellisti di Torrepaduli con l’esposizione del tamburello gigante per le foto di rito.

C’è il “Tambureddhu Folk festival” Conclusione della tre giorni venerdì 17, dalle 21.30 in largo San Rocco (ingresso libero), con la prima edizione del Tambureddhu Folk festival, a cura dell’assessorato alla Cultura del Comune di Ruffano, con I Beddi – musicanti di Sicilia, officina Zoè (con Serena D’Amato), Modena City Ramblers, Paranza dell’Agro e Alla Bua. «Si tratta – fanno sapere i promotori – di un progetto etno-culturale interamente dedicato alla musica popolare ed alle sue contaminazioni”. Nel corso della serata ci sarà anche “Gusto e artigianato in fiera”, “un mercatino in cui si potranno trovare gastronomia di alta qualità, fiumi di birra artigianale e prodotti tipici dell’artigianato locale”.

Tricase Porto – Musica sul mare nella notte di Ferragosto, con strade, piazzette e l’antico veliero Portus Veneris che martedì 14, dalle 21 fino all’alba, ospitano concerti a ingresso gratuito. L’evento – giunto alla sesta edizione – è organizzato dal Comune, con il coordinamento di Menamè Tricase Porto e la direzione artistica di Roberto Esposito.

Il programma – Si parte alle 21 con il concerto dei Beat Generation sul piazzale della Rotonda, per ascoltare grandi successi della musica anni ’60 e ’70. Nelle strade circostanti il piazzale, spazio invece ai ritmi anni ’20 della Be Dixie Street Band e alle esibizioni del mimo Junco. Alle 23,15 la musica continua sul veliero Portus Veneris, con il duo composto da Dionisia Cassiano e Alberto Stefanizzi a introdurre il concerto dei Radiodervish, in programma a mezzanotte. A seguire, alle 2 c’è il concerto per piano e voce di Renzo Rubino. Parallelamente ai concerti sul veliero, al ristorante Bolina suona la Be Dixie Band, e al Menamè ci sono le selezioni di Beirut World Beat. A salutare l’alba, intorno alle 4,30, saranno invece la tromba di Marco Puzzello e il piano di Roberto Esposito.

Servizio navetta gratuito – Per raggiungere l’area dei concerti, dalle ore 22 del 14 agosto alle 5 di mercoledì 15 sarà attivo un servizio navetta gratuito, con partenza e arrivo al liceo Comi. Info al numero 0833.777237.

Casarano – Aggredisce con calci e pugni il padre ed il fratello minore per avere i soldi per la droga e viene arrestato dai carabinieri. Le porte della Casa circondariale di Lecce si sono aperte per il 21enne di Casarano L.D.M., già noto alle forze dell’ordine, fermato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia subito dopo l’aggressione nei confronti dei suoi congiunti. L’arresto è scattato con le accuse di tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Escoriazioni e contusioni guaribili in pochi giorni sono state riportate dai due feriti.

 

Tuglie – Polemica politica a Tuglie tra minoranza e Sindaco in merito alla convocazione dei Consigli comunali e non solo. “Bene Comune” (con Antonio Vincenti, Alessandra Moscatello, Giovanni Petruzzi  e Leonida Marzano) ha chiesto un incontro “urgente” con il Prefetto di Lecce, denunciando una serie di situazioni ritenute “critiche”. L’ultimo riferimento è al Consiglio comunale dello scorso 30 luglio. Gravi le accuse del gruppo di opposizione che parla di “dati falsi” inseriti in Bilancio “per canoni di locazione e aggiornamento Istat insussistenti attesa la mancanza di legittimi contratti di locazione”. «Dopo aver venduto immobili e mobili, aver contratto un nuovo mutuo, la situazione di Bilancio resta critica tanto che per pagare anche solo gli stipendi si continua a dover ricorrere allo strumento dell’anticipo di cassa», si legge in una nota. Oltre alle “irregolarità” nella convocazione dei Consigli e nell’accesso agli atti (”quali quelli legati ai contenziosi dell’Ente”), “Bene Comune” segnala pure una situazione di “conflitto di interesse” nella concessione (”a titolo gratuito”) del campetto di calcetto comunale al marito dell’assessore Solida.

La replica del Sindaco Nel replicare alle accuse, il sindaco Massimo Stamerra critica a sua volta la minoranza per non aver disertato i lavori in Consiglio. «Non è più l’aula consiliare il luogo in cui confrontarsi bensì l’aula giudiziaria  in cui rappresentare ipotetici abusi amministrativi”, afferma Stamerra ricordando gli importanti punti all’ordine del giorno affrontati, dal centro ludico per la prima infanzia, al capitolato per l’affidamento di un front-office bar presso la pista ciclopedonale, al Piano di zona 2018-2020 sino all’approvazione del rendiconto 2017.  Nel merito dei rilievi mossi, Stamerra garantisce la corretta convocazione del Consiglio così come la regolarità nella concessione del campetto di calcetto, “così come fatto per tante altre associazioni di Tuglie”.

Torre Lapillo (Porto Cesareo) – Hanno preso la via del mare non appena sgusciate fuori dalle uova rinvenute casualmente il 27 luglio scorso da alcuni bagnanti, nascoste gelosamente sotto la sabbia: nello Jonio dalla notte scorsa ci sono così altri 14 esemplari di tartarughe Caretta Caretta, una specie protetta ed indice della bontà dell’ambiente marino in cui vivono. Ed altre se ne attendono.

Un improvviso smottamento di sabbia sotto i piedi di alcuni bagnanti: le uova deposte nottetempo erano venute così alla luce e da allora messe sotto stretta sorveglianza in un tratto di spiaggia libera nei pressi dello stabilimento balneare “Baron Beach”, nell’Area marina protetta di Porto Cesareo. La covata di tartarughe marine con oltre un centinaio di uova quasi pronte alla “schiusa”, ha fatto così il suo corso senza alcun danno per gli animali marini.

La nidiata di Caretta Caretta, prima salvata dai professionisti dell’Area Marina Protetta Porto Cesareo e dal dottor Giacomo Marzano biologo ed esperto di tartarughe che collabora proprio con l’Ente cesarino. è stata poi spostata con la delimitazione dell’area interessata, per evitare eventuali danni dai tanti curiosi giunti nella zona spinti dalla curiosità.

Nelle ultime due notti infatti hanno preso la via del mare 14 caretta caretta e c’è attesa per tutte le altre che le seguiranno sulla stessa strada. Uno spettacolo della natura che merita la massima attenzione ed il massimo apprezzamento, inserito in un contesto da continuare a salvaguardare. (foto subacquee di Gianluca Romano)

Nardò – Il Milan Club Nardò si rifà il look. Nelle ultime settimane, dopo la fine del campionato di Serie A e in vista della stagione 2018/19, il nuovo consiglio direttivo guidato dal presidente Pierpaolo Personè ha programmato ed effettuato una serie di lavori di riammodernamento e ristrutturazione della sede di via Cairoli. Gli interventi hanno riguardato una revisione degli spazi, ora più aderenti ad una visione di club al passo coi tempi. Oltre alla pitturazione e alla rivisitazione degli arredi, i lavori hanno riguardato la totale ristrutturazione del salone principale, ora completo di un televisore da 60” ideale per godere appieno delle partite del Milan e non solo.

La novità: l’allestimento di una sala dedicata ai bambini corredata da Playstation e di una zona bar al servizio dei soci, inoltre il direttivo punta ad arricchire il club dalla storia 45ennale con una sezione dedicata alle donne. Ma il grande spettacolo – una vera chicca di originalità e arte – è rappresentato dai disegni dell’artista Lino Prete, componente del direttivo, che ha sfruttato le tre pareti nel salone principale per raffigurare i principali campioni della storia del Milan, lo stadio San Siro e un dipinto dedicata a Silvio Berlusconi e ai successi ottenuti durante la sua era. Una sorta di quinta teatrale all’interno del club.

Lino Prete è stato supportato da Gregory Papadia, Lorenzo Falangone, Egidio Paglialunga, Giulio Caputo, Antonio Raho, Silvano Quaranta e naturalmente dal presidente Pierpaolo Personè. Soddisfazione e orgoglio anche per il presidente onorario Riccardo Quaranta, che si è complimentato con la nuova gestione. I componenti del direttivo – beneficiando anche del contributo spontaneo di sponsor e di alcuni soci – si sono autotassati e hanno eseguito i lavori in completa autonomia.

Il grande appuntamento è per domenica 19 agosto: alle ore 19 l’assemblea coi soci del Milan Club con l’intervento del consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo, alle 20.30 la visione della partita Milan-Genoa (valida come prima giornata del campionato di Serie A), a seguire l’inaugurazione della zona bar e la festa aperta a tutti i curiosi e gli appassionati con musica e divertimento. L’occasione, inoltre, sarà propizia per permettere ai tanti interessati neretini e non di sottoscrivere la tessera del Milan Club Nardò.

Gallipoli – Un arresto e numerose denunce nelle ultime ore a Gallipoli nell’ambito dei controlli delle forze dell’ordine per prevenire e contrastare lo spaccio di stupefacenti. I carabinieri, coadiuvati dal nucleo cinofili di Modugno (con i cani Zilo e One), hanno sorpreso il 19enne del Gambia Lamin Touray nel cedere marijuana ad un 21enne di Massa di Somma (Napoli). Il ragazzo africano arrestato aveva con se 4,5 grammi di hashish, altri 4,5 di marijuana ed una banconota da dieci euro quale presunto provento dello spaccio. L’assuntore è stato segnalato in Prefettura. Altre sei persone (quattro del Gambia, una del Mali ed un foggiano di Orta Nova) sono state denunciate sempre per spaccio o detenzione di droga mentre altri 5 africani sono stati segnalati in Prefettura perchè all’interno della loro tenda, ii un accampamento, sono stati trovati 47,24 grammi di marijuana suddivisa in otto dosi e 456 buste da cellophane per il confezionamento delle dosi.

Ritrovate due auto rubate Nel corso del loro servizio, invece, gli agenti del locale Commissariato hanno identificato 150 persone e controllato 50 veicoli ritrovandone due risultati rubati. Una giovane coppia (serbo lui, romana lei) è stata, infine,  segnalata in Prefettura perchè, in seguito ad una lite per futili motivi scoppiata in una struttura ricettiva, la Polizia ha trovato marijuana e uno spinello.

Torre San Giovanni (Ugento) – Cani in spiaggia sì o no? L’accesso al litorale da parte degli amici a 4 zampe è da tempo oggetto di discordia e a chi si trova nella condizione di partire per le vacanze con il proprio animale domestico sarà capitato di dover fare i conti con la normativa in materia, che prevede sanzioni dai 25 ai 500 euro per chi porta i cani al mare. A riassumere quello che è probabilmente il sentire di molti, riportiamo una mail giunta alla nostra redazione e indirizzata al sindaco di Ugento Massimo Lecci:

Buongiorno caro sindaco di Ugento, 
con la presente esprimo tutto il mio dissenso in merito alla vostra ordinanza che vieta l’ingresso di animali sulle spiagge. 
Il cane, come il gatto ed altri animali d’affezione, sono ritenuti dalla Corte Costituzionale parte integrante della famiglia. Quindi se il sottoscritto, o qualsiasi cittadino, desidererà recarsi in vacanza o anche a fare una semplice passeggiata in riva al mare, ciò non sarà possibile: scandaloso e retrogrado. Lei sa benissimo che gli animali sono esseri viventi senzienti dotati di sensibilità ed accortezze uniche non paragonabili al miglior essere umano. E se non lo sapesse la invito ad informarsi meglio. Le spiagge si sporcano per colpa di altri gravi motivi non legati ai bisogni fisiologici di un tenero ed innocuo cane. E se lei pensa che tale restrizione amministrativa sia motivata da misure di sicurezza, allora sarebbe il caso che studiasse personalmente, o chi per lei, documentazioni e testimonianze autorevoli che determinano la non pericolosità verso le persone. 
Detto questo, se queste poche parole non sono servite a convincerla nell’eliminare l’ignobile divieto, la invito formalmente a contattare le numerose associazioni animaliste che potranno delucidarla al meglio. Sono sempre di più infatti le persone sensibili alla tutela e salvaguardia animale, e la sua amministrazione in questo resta molto indietro, dimostrando scarsa cura ed attenzione nei riguardi di chi si sforza ogni giorno nel diffondere maggiore cultura ed etica. Gli animali hanno bisogno di maggiori tutele, il futuro è a disposizione di tutti gli esseri viventi. 
Resto in attesa, comunicandole quanto segue: né io o altri miei amici, parenti e conoscenti, si recheranno nella vostra località turistica per trascorrere le vacanze o anche semplicemente di passaggio. Finché sarà in vigore l’ordinanza, la nostra pubblicità sarà assolutamente pessima.

Nulla di personale. I miei più sinceri auguri di buon lavoro e buone vacanze.

Roberto Contestabile

La replica del sindaco – Il sindaco Lecci ribatte riportando il tutto alla sfera di competenza, che è regionale e non comunale: “L’ordinanza che vieta l’accesso dei cani in spiaggia è un’ordinanza (la n. 270 del 2017) che arriva dalla Regione Puglia, non dal Comune. Per questo motivo, il Comune di Ugento – come tutti i Comuni rivieraschi – ha l’obbligo di applicarla, senza poter intervenire nel merito”.

Santa Cesarea Terme – Cinque arresti per droga all’interno e nei pressi di una nota discoteca a Santa Cesarea Terme. Al bilancio pre-ferragostano dei carabinieri della compagnia di Maglie c’è da aggiungere anche un soggetto che è riuscito a sfuggire alle manette oltre ad una serie di persone denunciate per uso di stupefacenti ovvero per guida in stato di ebrezza dovuta ad uso di alcol o droghe. In tre era giunti in Salento dalla Sicilia con un furgone Caravan Ford che ha finito per insospettire i carabinieri lungo la strada provinciale 259, proprio nei pressi del locale da ballo. Il 39enne Rosario La Porta e la 34enne Maria Jessica Buzzone, entrambi di Niscemi (Caltanissetta) sono stati trovati in possesso di quattro bustine in cellophane contenenti in totale 500 pasticche di ecstasy, per complessivi 189,4 grammi, oltre a 41 ovuli per il confezionamento delle dosi ed alla somma di 1.130 euro ritenuta il provento dell’attività illecita. Nel corso del controllo, il 38enne A.M, anch’egli di Niscemi, è riuscito a far perdere le proprie tracce pur inseguito dai carabinieri. Solo alla ragazza sono stati concessi i domiciliari in un’abitazione di Santa Cesarea Terme.

Manette per tre giovani baresi All’interno della discoteca in questione, invece, i militari hanno arrestato tre baresi con addosso un ingente e variegato quantitativo di droga: il 22enne Domenico Di Cosimo trovato in possesso di 27 dosi di ketamina, pari a 7,4 grammi, e 17 dosi di mdma (ecstasy) per 5,2 grammi; il 24enne Gianluca D’Ambrosio, in possesso di 16 involucri ed una bustina per complessivi 21,1 grammi di marijuana oltre a 580 euro quale presunto provento dello spaccio; il 23enne Francesco Schino, in possesso di 25 dosi di ketamina ( 7 grammi), una dose di cocaina (0.2 grammi), un pezzo di hashish (3 grammi) e 615 euro.

Droga & alcol Nel corso dello stesso servizio i carabinieri hanno segnalato alle competenti Prefetture nove soggetti (un pluripregiudicato barese di 25 anni, tre di palo del Colle, un altro barese e altri di Matino, Ruffano, Porcia e Ciampino), per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti sequestrando, nel complesso, 3 dosi di mdma, 17,5 grammi di hashish, 3,2 di marijuana e quattro spinelli.per guida sotto l’influenza di droghe, con contestuale ritiro della patente, è stato denunciato il 23enne di Cellammare (Bari) M.S. mentre il34enne di Palmariggi è stato trovato alla guida in satto di ebrezza alcolica.

 

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...