Home Notizie

PARABITA – Solenne cerimonia per il 30° anniversario della fondazione dell’Associazione nazionale dei carabinieri di Parabita. Alla messa delle 18,30 di martedì 21 novembre presso la Matrice, celebrata da don Santino Bove Balestra, hanno partecipato i militari in congedo delle sezioni di  Matino e Collepasso. Erano presenti Sergio Sorbino, generale in pensione del corpo d’armata dei carabinieri e consulente della commissione straordinaria del Comune di Parabita,  il presidente della sezione cittadina Pasquale Giaffreda, i comandanti Italo Memmi della stazione di Parabita e Giovanni De Siato di quella di Collepasso, il presidente onorario dell’associazione parabitana Mario Cala e la vigilessa Tiziana Prete della polizia municipale. Don Santino, durante la sua omelia, ha richiamato il valore della fedeltà che qualifica l’agire quotidiano  del carabiniere. Il presidente Giaffreda, al termine della liturgia  oltre  a ringraziare per loro presenza,  i componenti della sezione di Matino dell’Associazione nazionale sottoufficiali d’Italia, ha chiesto all’assemblea di poter fare un minuto di silenzio per ricordare il giovane militare Manuele Braj di Collepasso, vittima della guerra in Afghanistan nel 2012. Subito dopo, al generale Sorbino è stata consegnata una moneta di due euro, raffigurante una pattuglia di carabinieri nella tormenta, coniata nel 2014 in occasione del bicentenario della fondazione dell’Arma. A ricevere un attestato di riconoscimento sono stati invece i soci che nel corso degli ultimi vent’anni hanno rinnovato ininterrottamente la loro tessera all’associazione.

Nardò – Si è insediata lo scorso 22 novembre la nuova Consulta dello Sport del Comune di Nardò. L’assemblea, composta da rappresentanti del Coni, dagli enti di promozione sportiva, dalle associazioni sportive, dai docenti e dagli studenti degli istituti scolastici della città, ha eletto Tony De Paola (presidente dell’associazione “J Nardò Bianconera”) in qualità di presidente ed Egidio Bollino, facente parte dell’ufficio stampa della Pallacanestro Frata Nardò, come suo vice. «La Consultà collaborerà a stretto contatto con tutti gli enti sportivi e l’Amministrazione – dichiara De Paola – per il bene comune. Non esistono discipline migliori rispetto ad altre: tutte sono fondamentali per l’educazione e la formazione degli sportivi. Saremo un organo democratico, un contenitore di idee». Tra i compiti della Consulta quelli di promuovere iniziative e attività sportive a livello agonistico e amatoriale, sostenere l’educazione sportiva nelle scuole, favorire il raccordo fra gruppi sportivi e Istituzioni locali, avanzare proposte in merito alla programmazione degli interventi a favore dell’impiantistica sportiva comunale sulla scorta dei principi di sostenibilità ambientale, funzionalità e gestione degli impianti compatibilmente con le risorse esistenti. «Mi auguro che la Consulta – chiosa il consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo – che ritengo uno strumento cruciale per le scelte dell’Amministrazione, possa proficuamente svolgere il suo lavoro nell’interesse dello sport cittadino e di chi lo pratica quotidianamente».

LECCE – Tradizionale appuntamento questa mattina, a Lecce, con il nono Raduno provinciale dei Consigli comunali dei ragazzi e delle ragazze. Il tradizionale appuntamento, promosso da Provincia e Unicef, si è tenuto nella gremitissima sala consiliare di Palazzo dei Celestini, in occasione del 28° anniversario della firma della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Vi hanno preso parte i sindaci dei ragazzi di oltre 50 Comuni salentini (in totale sono 79 quelli che vi aderiscono), accompagnati dagli amministratori senior. Presenti la vicepresidente della Provincia Paola Mita, il viceprefetto Valeria Pastorelli, il dirigente del Servizio Ambiente della Provincia Rocco Merico, il responsabile del progetto per la Provincia Gianni Podo, il direttore del gruppo “Caroli Hotels” Attilio Caputo e, per l’Unicef, la presidente del Comitato regionale  Giovanna Perrella, la presidente del Comitato provinciale Maria Antonietta Rucco ed il suo predecessore Reno Sacquegna.

Gallipoli era rappresentata dal sindaco baby Flavio Perrone, dall’assessore Silvia Coronese e dalla dirigente del Polo 3 martinella Biondo. Nel corso dell’incontro, numerosi primi cittadini junior hanno ricevuto dalle autorità presenti un riconoscimento per le attività svolte in campo ambientale, creativo e sportivo (Olimpiadi dell’amicizia, M’illumino di meno, Giornata Mondiale della terra, Trofeo Caroli Hotels). I sindaci di alcuni Comuni hanno, inoltre, ricevuto dal presidente dell’Unicef l’ambito riconoscimento di “Città Amica dei Bambini”, conquistato al termine di un lungo percorso di attività sociali e solidali. La manifestazione si è conclusa con un giuramento da parte dei sindaci dei ragazzi che prevede, tra gli altri, l’impegno “a portare avanti la voce delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi che vivono nel nostro territorio affinché vengano rispettati i loro diritti”.

UGENTO. Workshop, percorsi sensoriali e anche un concorso per piccoli cuochi e pasticceri. Tutto per celebrare il prodotto più dolce che c’è. Torna per il terzo anno consecutivo “Un giorno con la Regina”, l’evento dedicato alla promozione dell’apicoltura come ambasciatrice del patrimonio culturale, ambientale e storico salentino. L’iniziativa è promossa dal «Centro di educazione ambientale Posidonia» di Ugento e vedrà impegnati, venerdì 24 e sabato 25 novembre nell’Istituto comprensivo di Casarano, gli alunni delle scuole primarie di Ugento, Casarano, Taurisano, Alliste e Felline, alle prese con tre laboratori didattici all’insegna della creatività e del gusto.

Il primo laboratorio denominato «CerAmica» e curato dalla ceramista Chiara Spiri, porterà alla costruzione, per ogni classe, di un alveare in terracotta, mentre i bambini realizzeranno una piccola ape in argilla da inserire nelle celle dell’alveare stesso. Nel secondo laboratorio, gestito da Cristina Mileti, tanti materiali di uso quotidiano saranno riciclati in maniera creativa e trasformati in piccole opere. Il terzo laboratorio, curato da Daniela Margarito, sarà un momento di gioco e di merenda. Con l’ausilio dell’apicoltore e della nutrizionista, tutti i bambini saranno coinvolti in un lavoro di scoperta sensoriale, di conoscenza del miele e di come l’uomo possa consumarlo al meglio per trarne benefici salutari.

«Nonostante il miele e i suoi derivati abbiano notevoli proprietà benefiche, non è ancora sufficientemente diffusa la consapevolezza circa il loro utilizzo e il consumo sulle nostre tavole», fa sapere Mino Pierri, presidente del Cea Posidonia. «Questa manifestazione è stata pensata per sensibilizzare tutti, grandi e piccoli, addetti ai lavori o semplici consumatori». L’evento, ospitato lo scorso anno tra i Comuni di Salve, Barbarano e Morciano di Leuca, è realizzato in collaborazione con l’Associazione Pasticceri Salentini di Confartigianato Lecce, Coldiretti Lecce, l’ente Santa Cecilia di Casarano e gode del patrocinio della Commissione Agricoltura del Senato, del Ministero delle Politiche Agricole, alimentari e forestali, della Regione Puglia, della Camera di Commercio di Lecce e della Città di Casarano. «Abbiamo accolto con favore la proposta del Cea Posidonia di Ugento», commenta Daniele Gatto, assessore all’Agricoltura del Comune di Casarano, che sostiene l’organizzazione dell’evento e delle iniziative collaterali, «nella consapevolezza che l’apicoltura rivesta un ruolo importante nell’economia agricola del territorio e vada perciò valorizzata. Il coinvolgimento delle generazioni più giovani va in questa direzione».

 

 

 

Elisa Mele

Cursi – “Salento Faber”, l’associazione di Cursi guidata da Elisa Mele,  attiva sul territorio da cinque anni con iniziative in ambito sociale e ambientale, domani mattina varcherà il Canale d’Otranto e raggiungerà l’Albania e il Kosovo.  Si realizza così, per il secondo anno consecutivo, il progetto di solidarietà “Nota il Mondo” che allarga lo sguardo al di là del Salento e guarda al disagio e alle necessità di bambini meno fortunati.  Per tre giorni una delegazione di medici si sposterà in Albania e  presterà visite mediche gratuite ai bambini. Non solo: la delegazione formata dal cardiologo Gabriele De Masi De Luca, l’infermiere Gabriele Sperti, l’odontoiatra Federica Portaluri, il professore di religione Filippo Gervasi e dalla presidente della “Salento Faber” Elisa Mele, consegnerà ai bambini albanesi giocattoli e beni di prima necessità donati da numerose famiglie salentine. La prima tappa (tutta la giornata di venerdì 24) sarà  Rreshen, la seconda (sabato 25) Pristina; domenica 26 il ritorno in Puglia.  Numerosi i sostenitori del progetto tra cui: Fratres e Fit Walking di Carpignano, Aisla Lecce, Pro loco Surbo, sezione Marina Militare San Vito Taranto, hotel Ghalà di Galatone. Il progetto “Nota il Mondo” è condiviso da molti sostenitori e potrebbe essere potenziato a breve  da un sostegno davvero prestigioso:  la “Salento Faber” qualche tempo fa aveva scritto una lettera al Capo di Stato maggiore della Marina militare per chiedere una nave per portare aiuti in Albania.Ora è arrivata la risposta e sembra che la richiesta venga considerata con interesse. Forse una nave “usualmente da guerra” potrebbe diventare veicolo di solidarietà e di condivisione.

 

Nardò – Dopo il servizio di Senologia inaugurato poco tempo fa, eccone un altro dedicato alla salute delle donne. Nel Presidio territoriale di assistenza (Pta) del Distretto sociosanitario nell’ex ospedale di Nardò, da questo novembre è attivo il servizio di Isteroscopia ambulatoriale diagnostica ed operativa. È possibile accedere all’ambulatorio nelle giornate di lunedì, martedì e mercoledì mattina. Per le utenti è disponibile anche un piccolo libretto informativo. «Potenziamo ulteriormente – dice il direttore del Distretto, il neretino Oronzo Borgia – l’offerta sanitaria nei confronti dell’utenza femminile, che dal mese scorso può contare sul rinnovato Centro di Senologia, dove effettuiamo screening per le pazienti tra i 50-69 anni e senologia clinica per rispondere alle richieste delle donne di tutte le età». Anche per l’Isteroscopia sono a disposizione strumenti adeguati, tecniche avanzate e personale con competenze specifiche. L’attività, in particolare, è curata dalla specialista dottoressa Maria Antonietta Rizzo: «L’Isteroscopia diagnostica – spiega – è un’indagine endoscopica ginecologica (dal vocabolo greco che significa guardare in utero) mini-invasiva che permette di visualizzare accuratamente la cavità uterina ed il canale cervicale con strumenti miniaturizzati, fornendo una diagnosi delle patologie uterine sia in età fertile che in età menopausale». Tale esame ginecologico di secondo livello, che consente di diagnosticare (isteroscopia diagnostica) e curare (isteroscopia operativa) diverse condizioni patologiche, viene eseguito dopo una indicazione ecografica e/o sintomatologica.

 

Gallipoli – Domani, giovedì 23 novembre, quarto casting a cura della neonata cooperativa salentina “Costruzioni Teatrali Poieofolà, pronta ad accendere i riflettori sulla tragedia greca. I primi due sono stati “riservati” ad aspiranti salentini; il terzo e questo hanno un carattere nazionale (con tanto di fine settimana in città). S’intitola “Il tempio delle fole” la rassegna, della durata di un mese, che “Poieofolà” porterà in scena dall’1 maggio al 3 giugno 2018 proprio nella cittadina ionica. Sofocle è l’autore a cui si è scelto di dedicare questa prima edizione, in particolare stringendo l’obiettivo su due delle sue più significative opere, Edipo Re e Antigone. La “costruzione” delle due rappresentazioni teatrali è già cominciata. Domani dalle 10 alle 22, il Joli Park Hotel di Gallipoli, in via Lecce, ospiterà le audizioni “su parte”. La ricerca è rivolta ad attori con una formazione teatrale per diversi ruoli, dai 18 anni ai 65 anni. Come si ricorderà, Poieofolà” (nome che deriva appunto dal greco antico del verbo costruire, comporre favole) è la recente realtà nata dall’attività ventennale compagnia di spettacolo “Ragazzi di via Malinconico” di Gallipoli. Quattro i giovani professionisti salentini scesi in campo con questa nuova sfida per se stessi e per il territorio, puntando a promuoversi in tutta Italia: Luana Greco, Roberto Treglia, Alberto Greco, Riccardo Abbate. “Il lavoro del team si presenta alternativo e anticonvenzionale – dicono i promotori – punta sull’educazione dei giovani sostenendo un teatro propedeutico che sensibilizzi oltremodo i fruitori dei format”. Entrambe le celebri tragedie verranno attualizzate mantenendo la classicità con l’inserimento della recitazione in metrica puramente greca, in distici elegiaci e trimetri giambici. La chiave di lettura sarà inconsueta e l’allestimento risponderà alle regole di un visionario direttore artistico come Treglia.

CASARANO – Indagini sono in corso a Casarano per risalire alle cause del rogo notturno  consumatosi nella notte tra lunedì 20 e martedì 21 novembre in via Da Vinci. Le fiamme, intorno alle 4.30, hanno avvolto una Citroen C3 immatricolata nel 2004 di proprietà di una donna 58enne. Sul posto sono intervenuti i carabinieri ed i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli, i quali sono riusciti ad arginare le fiamme evitando il coinvolgimento di altri veicoli vicini. La strada, particolarmente stretta, è in pieno centro, a ridosso di corso XX Settembre. Da una prima ispezione sul posto non è stato possibile ricavare indizi utili per qualificare come doloso l’episodio. Qualcosa in più potrà sapersi dalle immagini degli impianti di videosorveglianza della zona. Di certo si tratta dell’ennesima auto consumata dalla fiamme in città.

GALLIPOLI. C’è ancora tempo fino al 31 dicembre per partecipare al bando pubblico per la selezione di 10 persone per il “Corso base di cucina per soggetti svantaggiati”, indetto e finanziato dalla Commissione pari opportunità del Comune di Gallipoli con la delibera n. 376 del 12 ottobre scorso. «Durante la riunione di lunedì pomeriggio – afferma la dott.ssa Filomena Marisa Micale, presidente della Commissione pari opportunità – abbiamo capito che forse i quindici giorni stabiliti in precedenza erano veramente pochi per presentare la domanda, vista anche la poca affluenza dei partecipanti, ed abbiamo deciso di prolungare i termini di scadenza richiedendo anche requisiti di età meno restrittivi».

L’iniziativa è destinata a disoccupati, residenti, di età compresa tra i 20 e i 55 anni (non più tra 30 e i 50 anni come nelle precedenti indicazioni) che si trovano in una situazione di disagio economico e sociale. Obiettivo del corso è fornire ai partecipanti la conoscenza degli elementi base e delle tecniche di cucina, per rilasciare poi un attestato di partecipazione di fine corso da spendere per la ricerca di future opportunità lavorative nell’ambito dei servizi di ristorazione. Il corso si svolgerà tra gennaio e febbraio 2018, per una durata totale di 8 lezioni, con incontri che si terranno due volte a settimana nelle ore pomeridiane (dalle 15.30 alle 19 e probabilmente nelle giornate di mercoledì e venerdì) presso la “Casa della Carità San Francesco d’Assisi”, Via Muzio Carlo n. 8. Il modulo di domanda è reperibile sul sito del Comune di Gallipoli. Info al 320/6291141 oppure inviare una e-mail all’indirizzo mail: cpo.comunedigallipoli@gmail.com

by -
0 48

Nardò – Consulenza gratuita per i rapporti con “Arca Sud Salento” (ex Iacp) e Acquedotto pugliese. Il servizio sarà erogato, secondo la decisione della Giunta comunale guidata da Giuseppe Mellone di pochi giorni fa, attraverso un apposito sportello per gli utenti.

Le ragioni della scelta della Giunta. A gestire il servizio, al costo di 5mila euro per un anno, sarà ancora l’avvocato Felice Lecciso di Trepuzzi, che già dal 2016 svolge attività di consulenza professionale per conto del Comune (300 euro mensili di rimborso spese) e per problematiche relative agli edifici condominiali di proprietà di “Arca Sud Salento”. L’incarico confermato con un aumento di spesa per il Comune ha suscitato perplessità in diversi ambienti e non solo per il nome del professionista, noto come aderente all’estrema destra salentina: Lecciso è stato infatti candidato consigliere comunale nella lista di CasaPound alle scorse elezioni amministrative a Lecce e, sempre con CasaPound, nel 2013 era stato candidato alla Camera dei Deputati; aveva poi tentato la scalata alla Regione nel 2015 con “Noi con Salvini”. Tramite lo Sportello pensato da Palazzo Personè, per il quale non è stata ancora definita l’ubicazione, i cittadini potranno anche avvalersi, nei casi previsti, del patrocinio legale del professionista. “L’Amministrazione comunale – si legge nella  delibera della Giunta – nel corso del corrente anno ha avuto modo di confrontarsi con le necessità abitative dei suoi cittadini sempre crescenti a fronte di alloggi popolari il cui numero non è sufficiente a soddisfare le richieste. Confronti per i quali il professionista incaricato ha dimostrato ampie capacità tecniche idonee a risolvere molteplici problematiche evitando, quindi, contenziosi certamente antieconomici per l’Amministrazione comunale”. “Arca Sud Salento” a Nardò conta ben 520 alloggi.

Dubbi e sospetti dell’opposizione consiliare. Sulla matrice politica ma anche sulla provata vicinanza del dottor Lecciso al Sindaco sin dalla campagna elettorale e di una sua crescente influenza nel quartiere polare della “167” in cui sarebbe anche amministratore di diversi condomini, puntano il dito i cinque consiglieri della minoranza: Lorenzo Siciliano, Daniele Piccione (entrambi Pd), Roberto My (Art. 1), Carlo Falangone (La Puglia in più) e Giancarlo Marinaci (indipendente). Intanto i cinque sostengono che non sarebbe noto “dove come e quando si sia interessato” delle citate problematiche nel corso del 2016″. Vengono richiamate ovviamente le provenienze politiche del professionista trepuzzino ed un comizio fatto insieme a Mellone proprio nella zona 167 durante le elezioni comunali, lo stesso popoloso quartiere in cui opererà per un altro anno. “L’affidamento dell’incarico era stato dapprima approvato, poi revocato per ‘presupposti di fatto errati’ (non specificando quali siano gli stessi) e nuovamente approvato”, rivelano dall’opposizione che poi sottolinea che “presso il Comune di Nardò esiste già l’Area funzionale IV che si occupa degli alloggi popolari e delle consequenziali problematiche ad essi collegate”. Infine la forte preoccupazione causata dal fatto che  “a gestire quasi tutto ciò che ruota attorno agli alloggi popolari sarà un personaggio politicizzato, vicino fin dalla campagna elettorale a Mellone e i suoi e stranamente divenuto, tra l’altro, amministratore di diversi condomini nella zona 167”.

CASARANO – Un’abitazione completamente abusiva in corso di realizzazione è stata sequestrata in località “Caselle” a Casarano. L’area in questione, di particolare pregio naturalistico, è prossima alla strada provinciale per Maglie ed è prossima ai territori di Supersano e Collepasso. I sigilli sono stati apposti ad un fabbricato ancora allo stato rustico, e privo di copertura, pari a 104,5 metri quadrati. La struttura, realizzata con mattoni in calcestruzzo e tramezzi interni, risulta di quattro vani e un corridoio, con muri già eretti per un’altezza di 2,75 metri. In fase di costruzione vi erano anche altri tre vani, anch’essi privi di copertura. Lunedì 20 novembre, intorno alle ore 11, l’intervento  sul posto dei carabinieri della Forestale di Gallipoli insieme a personale dell’Ufficio tecnico comunale. Tre i soggetti denunciati (di 19, 23 e 24 anni) in qualità di comproprietari del terreno e committenti dei lavori. Il reato ascrivibile è quello di “realizzazione di opere edilizie in area sottoposta a vincolo paesaggistico in assenza di permesso di costruire o altro titolo abilitativo”.

 

 

 Lecce –   #Pressphobia – la parola scelta per il 2° Forum delle Giornaliste del Mediterraneo, iniziato oggi Bari – è la sintesi della paura della informazione, ma anche delle persone che fanno informazione, tanto da diventare bersaglio da colpite duramente.

C’è anche la #Pressphobia, la paura dell’informazione. Lo hanno raccontato nella prima giornata del Forum promosso da “Giulia giornaliste” Petra Caruana Dongli e Caroline Muscat, raccontando la storia di Daphne Caruana Galizia, la giornalista uccisa il 16 ottobre scorso a Malta in un attentato  mirato a bloccare le scomode inchieste che stava conducendo sulla corruzione nei piani alti. La sua è una storia di giornalismo investigativo che la ha costretta a subire quell’escalation di violenza che con i social,  ha raccontato Caroline Muscat, passa per gli hate speech, la distruzione della reputazione, l’attacco sessista –  Daphne era insultata come “strega” – per poi arrivare alle minacce, agli attacchi all’abitazione o al luogo di lavoro e  terminare nell’esercizio della violenza sulla presona , fino all’omicidio. Un episodio che ha sconvolto l’immagine di Malta come paradiso del benessere e che la rilancia come luogo di corruzione e traffici illeciti che non devono essere scoperti.

Quando costa resistere, da giornalista e da donna. La resistenza in nome del diritto superiore ad essere informati e ad informare è però troppo spesso fatta di solitudine. Solitudine sotto scorta, come quella di Marilena Natale, nella sua non interrotta battaglia per “svelenire”, in tutti i sensi, la sua “terra dei fuochi”. Aggressioni, intimidazioni, querele temerarie: tutti strumenti vissuti sulla propria pelle anche da Ester Castano e Fabiana Pacella di Leverano, e in cui la lotta più grande è quella con la solitudine, con l’isolamento, il discredito sulla propria attività di cronisti. Esempi di numerosi altri casi che coinvolgono giornalisti in Italia (al 52° posto per la libertà di informazione), come a Malta, in Tunisia, in Kosovo, in Turchia e via proseguendo. Per questo il messaggio lanciato in questa giornata è la necessità di costruire una scorta mediatica: l’appoggio della società civile, dei colleghi giornalisti, delle organizzazioni   per contrastare un meccanismo che da subdolo diventa violento di tacitamento della libera informazione. E il supporto anche dall’esterno, importante, ha ribadito Caroline Muscat, per non far spegnere i riflettori sulla vicenda.

Chi sostiene il Forum di “Giulia giornaliste”. Il Forum è organizzato da Giulia giornaliste su un’idea di Marilù Mastrogiovanni di Casarano grazie al contributo di: Corecom della Regione Puglia, Consigliera di parità della Regione Puglia, Fnsi (Federazione nazionale stampa italiana), UsigRai (sindacato giornalisti Rai), Idea Dinamica coop di giornalisti e con il Patrocinio della presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, Accademia della Crusca, Articolo 21, Ossigeno per l’Informazione, Università degli Studi di Bari, Archivio di Genere presso Uniba, Università del Salento, Lim (Laboratorio Interdisciplinare del Mediterraneo), Centro Studi Osservatorio Donna presso UniSalento, Associazione Una buona storia per Lecce, Comune di Lecce, Creis (centro di ricerca europeo per l’innovazione sostenibile) .

Il programma della seconda giornata a Lecce. Domani seconda giornata a Lecce, Open space di piazza S. Oronzo alle ore 9,30. Introduce Marilù Mastrogiovanni (Giulia giornaliste); intervento di Marina Cosi (originaria di Castrignano del Capo) presidente nazionale “Giulia giornaliste”, Rossella Matarrese, coordinatrice di Giulia giornalista Puglia. Oltre ai saluti istituzionali, si parlerà anche di Daphne, Malta e l’Unione Europea; di di giornalismo embedded o non embedded; di raccontare l’Europa dai confini dell’Europa., di Kossovo e Turchia, di censura e giornalismo di guerra ai tempi dei social media. Chiude i lavori Carlotta Sami, portavoce Unhcr, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati nel Sud-Europa.

 

ARADEO – Cordoglio ad Aradeo per la scomparsa di Cosimo De Simone, padre del parroco della Chiesa Madre don Giuseppe. Sindaco, amministrazione comunale, circoli, associazioni civili e religiose, confraternite, gruppi di preghiera e tanti cittadini hanno voluto far sentire la loro vicinanza ed il loro affetto al sacerdote che guida la parrocchia con discrezione e preparazione e che gode la stima dell’intero paese. In molti raggiungeranno Nardò da Aradeo per prendere parte al rito funebre che si tiene questo pomeriggio nella cattedrale di Nardò, città di residenza della famiglia De Simone.

by -
0 160

Nardò – Sant’Elpidio, Pescara, Campli e Cerignola: quattro sconfitte consecutive che condizionano classifica e morale in casa Frata Nardò. Il patron Carlo Durante prova ad analizzare i motivi che hanno causato tale rendimento tutt’altro che esaltante: «La società non si sente responsabile – puntualizza subito il primo tifoso granata – non vediamo cuore, grinta e senso di appartenenza da parte dei giocatori, caratteristiche che da sempre ci hanno contraddistinto. I nostri tifosi, che ci seguono ovunque e non smetterò mai di elogiare, non meritano prestazioni di questo livello». Con l’arrivo del mercato dicembrino qualcosa potrebbe cambiare: «Ci stiamo guardando attorno – confida Durante – per quanto riguarda i “lunghi”, che avranno un mese a disposizione per riscattarsi e convincere staff e società. Noi vogliamo restare in Serie B, e non solo: crediamo che il nostro roster sia sufficientemente attrezzato per guadagnare una tranquilla permanenza e ambire ai playoff. Del resto, ec

cezion fatta per la capolista San Severo, nessuna squadra ci ha realmente messo sotto». Oltre che dal mercato, una mano potrà arrivare dal “Pala Andrea Pasca”: «Ci auguriamo presto di tornare nel nostro tensostatico – aggiunge il patron della Frata Nardò – la distanza da casa ci penalizza. Io personalmente e il presidente Ivan Marra ci stiamo mettendo del nostro, in aggiunta a quanto stanziato dal Comune. Tuttavia, spiace constatare come ogni giorno – conclude Durante – spuntino fuori dei problemi che rallentano i lavori».

SANNICOLA – Serie di appuntamenti al Frantoio ipogeo di Sannicola,  il sabato dalle 17 alle 19, dal 25 novembre fino al 16 dicembre, per il corso di cucito creativo natalizio. L’iniziativa, insieme all’artigiana creativa Cinzia Cardinale, è organizzata dalla Proloco Lido Conchiglie Sannicola in collaborazione con l’associazione Open Your Mind (partner Axa Cultura Lecce). «Si tratta di un laboratorio, uno spazio aperto a quanti vogliano cimentarsi nella realizzazione di oggetti da conservare, regalare o solo per il gusto di imparare tecniche nuove e dare sfogo alla creatività che ognuno di noi ha», commentano gli organizzatori (per partecipare è necessario prenotarsi ai numeri 380/7953637; 349/7774344; 329/4696833).

NEVIANO – La testata giornalistica nevianese “Giovanissimi del Salento” propone un concorso sul tema del contrasto al fenomeno del bullismo. “Sportivamente. A scuola di amicizia e solidarietà” è il titolo della prima edizione dell’iniziativa rivolta alle classi della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Neviano e Seclì, diretto da Ornella Castellano. Il tema dell’edizione è la lotta al bullismo e al cyber-bullismo attraverso lo sport. Ogni alunno può partecipare al concorso anche in forma collettiva proponendo un video o un progetto grafico, rigorosamente originale. I lavori dovranno pervenire all’indirizzo emailmichelegiannotta@tiscali.it, con allegata la domanda di partecipazione, entro il 31 gennaio 2018. I migliori elaborati  delle due categorie verranno pubblicati sul sito giornalistico www.giovanissimidelsalento.com e sul canale YouTube “Giovanissimi del Salento Channel”.

by -
0 62

MAGLIE – Il Ct Maglie riscrive la storia del tennis pugliese e raggiunge i playoff scudetto del campionato di Serie A1 maschile. Le sfide della semifinale di andata sono in programma domenica 26 novembre, a partire dalle 10, contro l’Aniene Roma sui campi in terra rossa del circolo di via Madonna di Leuca (per i biglietti informazioni al numero 0836/427474): il 3 dicembre il ritorno nella Capitale. Un traguardo tagliato domenica scorsa con il “dolce pareggio” per 3-3 ottenuto contro i senesi del Tc Sinalunga. Il prestigioso accesso agli spareggi per il titolo è figlio di quattro vittorie e due pareggi sulle sei gare disputate, che hanno consentito ai magliesi di chiudere il girone da imbattuti e da primi in classifica. «Quello che è successo quest’anno è davvero un evento straordinario e storico per l’intera Puglia tennistica. L’acceso ai playoff – commenta con orgoglio Antonio Baglivo, direttore sportivo del Circolo Tennis Maglie – è frutto di una programmazione oculata con la cura del settore giovanile che ha visto la crescita di tanti giovani validi come Giorgio Portaluri, Francesco Garzelli, Gabriele Frisullo, Pierpaolo Puzzovio, Alessandro Moretti e Marco Baglivo. Mai una squadra pugliese aveva raggiunto le semifinali dei playoff scudetto e siamo davvero orgogliosi di poter rappresentare la Puglia tra le prime quattro squadre che si contenderanno lo scudetto».

CASARANO – Intende fornire una sorta di “bussola” per districarsi nel labirinto di leggi e di norme che regolano la vita di tutti i giorni, tra diritto ed economia, l’incontro formativo in programma a Casarano giovedì 23 novembre, alle ore 16.30, presso la sede di via Ruffano del Liceo economico sociale. L’iniziativa è organizzata dall’Istituto d’istruzione superiore “Rita Levi Montalcini”, diretto da Monia Casarano, con l’Università del Salento e Libera. Sul tema “La formazione giuridico-economica del cittadino” sono previsti vari e qualificati interventi, moderati dal Stefano Pennetta, docente di Diritto ed economia del “Montalcini”. I saluti iniziali sono della dirigente Casarano, del direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale del Miur Anna Cammalleri, il direttore dell’Ambito territoriale di Lecce Vincenzo Nicolì, l’assessore regionale alla Formazione Sebastiano Leo, il sindaco Gianni Stefàno ed il presidente della Provincia Antonio Gabellone. Gli interventi sono di Enrico Mauro, docente di Diritto amministrativo dell’Università del Salento, Nicolò Giangrande, dottorando di ricerca in economia dell’Università del Salento, Francesco Capezza e Libera Francioso, rispettivamente responsabile e animatrice del presidio Libera di Casarano. «L’incontro sarà anche l’occasione per conoscere la nuova realtà e le potenzialità del Liceo economico sociale che offre la formazione opportuna per muoversi con competenza nel mondo contemporaneo”, affermano i promotori.

CASARANO – Le novità normative introdotte dal Codice del terzo settore al centro dell’incontro organizzato a Casarano dal “Csv Salento”. “La riforma del terzo settore” è il titolo del seminario che si tiene mercoledì 22 novembre, alle ore 17,30, presso la sede di viale Stazione dell’Ambito territoriale sociale (ex tribunale). Dopo il saluto del sindaco Gianni Stefàno è prevista l’introduzione del presidente del Centro servizi volontariato Salento Luigi Russo e poi la relazione del responsabile dell’area formazione del Csv Luca Dell’Anna cui seguirà il dibattito.

«Il Codice del terzo settore –  spiegano i promotori dell’iniziativa – rappresenta un importante momento di riordino e revisione organica della disciplina vigente in materia. Il Csv Salento organizza una serie di seminari formativi sul tema, in tutti i Comuni dove è presente con una sede, al fine di analizzare e approfondire, insieme ai volontari del territorio, le principali novità introdotte dalla nuova normativa».

Gallipoli – A metà della prossima settimana tornerà a riunirsi il Consiglio comunale gallipolino. E per la seconda volta vi farà ingresso Flavio Fasano, contendete di Stefano Minerva per la poltrona di Sindaco poi sospeso con decreto prefettizio per una vicenda giudiziaria, adesso comunque risolta (. Un ritorno insomma. “Ma io non me ne sono mai andato”, ribatte l’interessato che stamattina ha informato di aver ricevuto il provvedimento di reintegro nell’assise cittadina a firma del viceprefetto Gentilucci. Da dove riparte l’azione del consigliere Fasano? “Spero di trovare un clima diverso, che ci sia meno arroganza e meno chiusura perchè le emergenze sono sempre lì, dopo 17 mesi dal voto”. E le enumera, partendo dal cantiere sulla litoranea sud “con i lavori iniziati a metà ottobre e adesso da un po’ di tempo di nuovo sospesi, col crescente rischio di forti disagi la prossima estate e anche prima”. Poi il problema della nettezza urbana “dove l’appalto prevede un organico con 25 unità in meno”; il piano parcheggi, a cominciare da quello del porto, In agenda ovviamente anche il centro storico: “Non è possibile che esista solo per 20-30 giorni di caos e dopo sia un mortorio”. Come segno di novità, però, vorrebbe vedere finalmente assegnata una stanza per svolgere attività amministrativa con l’altro consigliere, Giuseppe Cataldi: “Ce l’hanno indicata a Palazzo Balsamo, come richiesto, ma solo sulla carta”. “Sono comunque disponibile, ci dicano le loro intenzioni e vediamo se possiamo risolvere qualcuna delle tante questioni che stanno lì dove le abbiamo lasciate”, la conclusione.

Presicce – La discussione sul Piano urbanistico generale intercomunale fa breccia nei cittadini di Presicce e Acquarica del Capo che, dopo un’intervista su questo giornale on line dall’architetto Salvatore Mininanni, si sono costituiti in comitato e hanno iniziato una  discussione sugli spazi, potenzialità e criticità riguardanti i due paesi. Questa è probabilmente la prima reazione della società civile al percorso che ormai sta procedendo verso un obiettivo del tutto nuovo da queste parti e che aveva visto finora sul palco rappresentanti istituzionali, esperti e tecnici. “Dopo una serie di incontri tra noi e grazie all’informazione fornita da Piazzasalento sull’argomento,   abbiamo deciso di creare un’occasione di confronto – ha affermato Andrea Negro, tra i promotori -. Ci preme saper quale sia lo stato delle cose e capire che direzione si vuole dare al territorio”. La sala conferenze di Presicce ieri sera perciò era piena di gente attenta, per la gioia dell’architetto Mininanni, che aveva sempre lamentato lo scarso interesse della popolazione verso i lavori, specialmente del workshop “Re-forming Salento”, svoltosi dal 18 al 23 settembre, durante il quale diversi professionisti, provenienti da varie parti del mondo, hanno studiato il territorio per ripensarlo e valorizzarlo.. “La partecipazione è strategica – ha esordito Mininanni – ogni persona che ha qualcosa da dire è per noi una proposta utile”. Poi, con l’aiuto di slide, ha esposto i lavori e le discussioni sostenute dal gruppo di lavoro finalizzate alla redazione del Pug.

“Presicce e Acquarica sono “aree interne”, ovvero a basso sviluppo – ha continuato- ma hanno grandi risorse territoriali, scarsamente utilizzate; la popolazione sta invecchiando e i giovani vanno via. Il piano deve scoprire le risorse, attrarre investimenti e cercare di far rivivere i centri”. Poi è stata la volta dei componenti del comitato che hanno iniziato ad esporre i diversi problemi sulla mobilità: le piste ciclabili e le due principali barriere che dividono i centri abitati dal resto del territorio, ovvero la linea ferroviaria a nord e la Statale 274 a sud. Oltre due ore di discussione non sono bastate per esaurire dubbi e curiosità. Ora però la voglia di affrontarli non manca; l’architetto urbanista ha dato piena disponibilità per altri incontri. Fusione o no, questa discussione sul Pug può essere comunque una buona occasione di crescita.

 

 

by -
0 306

SOGLIANO CAVOUR – Un garage trasformato in deposito di droga e per il 61enne di Sogliano Cavour Lorenzo Frassanito sono scattate le manette. Lunedì 20 novembre, intorno alle 10, sono stati i carabinieri del Nucleo operativo a notare l’arrivo di un tossicodipendente a bordo di un’auto presso il locale dove il 61enne arrestato conservava e confezionava le dosi. La perquisizione condotta all’interno ha permesso di sequestrare due bustine da 21,4 e da 1,8 grammi di eroina “brown sugar” (del tipo solido” insieme ad un involucro da 0,4 grammi di hashish, un bilancino elettronico di precisione e materiale idoneo per il confezionamento delle dosi. Al piano superiore dello stesso locale è stata ritrovata, e sequestrata preventivamente, anche una pistola a gas (marca Umarex), regolarmente detenuta, con all’interno due pallini in piombo. Nessun addebito è stato mosso al presunto assuntore di droga. Frassanito, in quanto coinvolto nell’operazione “Contatto” (tra i 47 soggetti coinvolti il 5 settembre scorso anche un ex assessore di Sogliano Cavour), era già sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Dopo l’arresto in flagranza è stato condotto presso il carcere di Lecce.

Nardò – “Visti i risultati, era doveroso venire incontro alla richiesta del’associazione che gestisce il museo, che attira tanti visitatori e suscita molto interesse tra i turisti”: questo il commento dell’assessore alla Cultura Mino Natalizio che ha relazionato in Giunta circa l’esigenza di nuovi spazi avanzata da ultimo nel giugno scorso a firma del presidente dell’associazione Amici Museo di Porta falsa, Riccardo Quaranta. Alla base vi è un protocollo d’intesa dell’aprile 2015 per la gestione del giacimento culturale da parte del’associazione che lo ha creato e che ha donato di recente circa 500 altri attrezzi e oggetti che aspettano solo di essere messi in bella mostra (attualmente sono depositati nell’ex Istituto agrario cittadino). La soluzione è stata agevolata anche dal trasferimento di alcuni uffici comunali da Palazzo Personé al nuovo Palazzo di città, nell’ex tribunale di via Falcone e Borsellino. Il locale individuato – già Ufficio tributi – e che sarà passato alle cure dell’associazione si trova a pianoterra del Castello Acquaviva d’Aragona ed è facilmente collegabile con il Museo esistente. Nelle cinque sezioni in cui si articola il Museo contadino si stima siano passati nello scorso anno circa diecimila visitatori.

PARABITA – Per il quarto anno consecutivo, la chiesa del Crocifisso ha ospitato – a Parabita – la festa musicale in onore di Santa Cecilia. La serata di lunedì 20 novembre ha avuto inizio con la celebrazione della messa  presieduta da don Emanuele Pasanisi. L’evento è  stato arricchito dalla presenza delle pianiste Valeria Vetruccio e Lucia Esposito mentre a coordinare i lavori,  il presidente Luigi Leopizzi dall’associazione “Poliphonica Nova” in collaborazione con la confraternita di San Luigi Gonzaga. Alla manifestazione, hanno preso parte  gli allievi del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, i quali sono andati in scena con diverse esibizioni al pianoforte e al violino. A comporre  un quartetto d’archi, invece, gli studenti del liceo musicale “E. Giannelli” di Casarano. Il coro “Regina Coeli” tratto dalla “Cavalleria rustica” di Pietro Mascagni, eseguito dalla “Poliphonica Nova”, ha suscitato un grande interesse tra i presenti  mentre ad esordire con “Il pastore svizzero” di Pietro Morlacchi è stato il gruppo bandistico della parrocchia di Sant’Antonio, diretto da Giorgio Marzano. Emozionante l’esibizione al violoncello, della parabitana Flavia Leopizzi, componente della prestigiosa orchestra nazionale “Giuseppe Sinopoli”. L’evento, ha  dato spazio anche alle “maestranze locali” con il prof. Enrico Tricarico al pianoforte  e a due referenti dell’associazione “Tarantula” di Collepasso, con Daniele Vigna alla chitarra e Rocco Nigro alla fisarmonica.

Nardò – La compagnia “Calandra” in scena al teatro comunale di Nardò: il Comune dice sì. È dello scorso 17 novembre la delibera con cui Palazzo Personè ha finanziato gli spettacoli della compagnia di Tuglie nata nel 1991 che negli anni ha saputo spaziare dal teatro classico ai drammi moderni, passando per rivisitazioni sperimentali e testi originali. Una scelta, quella di ospitare sul palcoscenico neretino la “Calandra”, sposata dall’assessore alla Cultura Ettore Tollemeto, alla sua prima stagione teatrale da assessore della Giunta Mellone. Fino allo scorso agosto Tollemeto ricopriva infatti l’incarico di presidente del Consiglio comunale. Questo il calendario degli spettacoli: “Quattro di cuori” (andato in scena il 16 novembre), “Il Tartufo” (12 gennaio 2018), “Orlando Furioso” (9 febbraio 2018), “Dr. Jekill e Mr. Hyde” (20 aprile 2018). Il costo del biglietto al pubblico è di 5 euro. Complessivamente il finanziamento per la rassegna ammonta a 2.729 euro, di cui 1.500 euro per il cachet degli artisti e 1.200 per servizi tecnici e stampa di materiale pubblicitario. “Le iniziative programmate – si legge nella delibera – costituiscono anche occasioni di aggregazione e di incontro e attrarranno sicuramente cittadini, turisti e visitatori favorendone l’arricchimento culturale”.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...