Musica come terapia: La Municipàl apre a Racale le nuove “Visite d’artista”

Racale – “Visite d’artista 2018” è la rassegna autunnale che, tra il 9 ottobre e il 7 dicembre, animerà la Casa per la vita “Artemide” di Racale. La struttura residenziale opera nell’ambito di persone con problematiche psicosociali impossibilitate a vivere da sole. «Alla terapia farmacologica, che è ovviamente necessaria, è positivo affiancare la “terapia emotiva”, fatta di musica, musicisti, cantanti e, soprattutto, di dialogo: una terapia, dunque, senza effetti collaterali», afferma il sociologo Walter Spennato, ideatore del progetto, nonché coordinatore della struttura. Il primo appuntamento di questo nuovo ciclo di incontri è in programma martedì 9 ottobre alle ore 17: ospite della “Artemide” sarà La Manicipàl, ovvero il duo composto dai fratelli Carmine e Isabella Tundo, sorto nel 2013 e che, sin dagli esordi artistici di un progetto di pop d’autore che raccoglie le canzoni più ironiche e romantiche scritte negli anni precedenti da Carmine, ha l’obiettivo di affrontare temi quotidiani con leggerezza e spensieratezza.

Il calendario «Le nostre “Visite d’artista” sono innanzitutto un incontro tra persone sconosciute che si raccontano e si ascoltano in uno scambio curativo e terapeutico quanto emozionante. Poi – spiega Spennato – gli artisti regalano agli ospiti la loro arte, eseguendo brevi performance che per gli ospiti diventano spettacoli indimenticabili». Al fine di sensibilizzare e coinvolgere chi intende avvicinarsi alle tematiche dell’inclusione sociale e del disagio mentale, è anche possibile prenotarsi per assistere agli incontri telefonando al numero 320/4894076 (l’evento è aperto a 10 persone). I successivi appuntamenti saranno: il 30 ottobre con il violoncellista Redi Hasa; il 15 novembre col pianista e compositore Marco Rollo; il 7 dicembre chiuderà la rassegna la voce di Elisabetta Guido.

Commenta la notizia!