Multe da investire: il Comune di Galatone deve gestire 200mila euro d’incasso

agostino terragno - comandante Pm galatone   (1)GALATONE. Che fine fanno gli introiti delle multe galatee? Una delle ultime delibere di Giunta svela la quadruplice destinazione degli incassi. Secondo a quanto stabilito dall’esecutivo cittadino, l’introito totale dell’anno in corso ammonterebbe a circa 200mila euro; da questa somma, tuttavia, sono subito sottratti 40mila euro da destinare alla ditta “Park Signal s.r.l” (la società che gestisce le strisce blu in città) per la remunerazione dell’attività degli ausiliari del traffico. Dei 160mila euro restanti, solo la metà – così dispone la legge – può essere adoperata per vari interventi.

Ad attribuire al Comune tutti i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni accertate dalla Polizia locale è l’articolo 208 del Codice della strada, il quale permette agli enti comunali di reinvestire al massimo il 50% di quanto incassato.

Il Governo della città ha, allora, inteso destinare 20mila euro degli introiti delle multe ad interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica stradale comunale; altri 20mila euro, invece, andranno al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche mediante l’acquisto di automezzi e attrezzature della Polizia municipale; mentre i 40mila euro restanti verranno impiegati per migliorare la sicurezza stradale, garantire la manutenzione delle strade di proprietà del Comune e pianificare interventi per la sicurezza stradale degli utenti più deboli, in primis bambini, anziani, disabili e ciclisti.

Commenta la notizia!