Cinque milioni per risparmiare

by -
0 649

Palazzo Santaloja

Melissano. Progettare per risparmiare energia, paga e anche tanto. Ammonta a quasi cinque milioni di euro il finanziamento del ministero dell’Ambiente  nell’ambito del Programma operativo interregionale 2007-2013 per i cinque comuni che fanno parte dell’Unione jonica salentina e cioè Alliste, Matino, Melissano, Racale e Taviano.

Il finanziamento servirà ai Comuni  per rendere efficienti dal punto di vista energetico gli edifici pubblici, cosa che, alla fine, produrrà un notevole risparmio di risorse.

Si sa, che i bilanci comunali sono gravati da enormi spese per le bollette, cosa che in tempi di vacche magre nessun Comune può permettersi.  Una manna dal cielo, allora questi quasi cinque milioni per l’Unione jonico salentina.

Il progetto presentato  quasi un anno fa  con la collaborazione della società Sphera e dell’università del Salento, si è classificato primo nella graduatoria del ministero dell’Ambiente  per l’Italia del sud.  Una bella soddisfazione anche in prospettiva degli interventi davvero importanti che si andranno a fare.

In particolare Alliste potrà godere di un finanziamento di circa 900mila euro con i quali si interverrà sulla biblioteca e il palazzo comunali; sarà migliorata anche l’illuminazione in piazza Terra.

A Melissano toccheranno 725mila euro  che serviranno per il palazzo comunale e il Santaloja. Nel giardino di quest’ultimo si interverrà sull’illuminazione con la sostituzione dei vecchi apparecchi  con nuovi a basso consumo, alta luminosità e durata.

Taviano godrà di una fetta di finanziamento più ampia, 1 milione e 501mila euro per il mercato dei fiori e il palazzo comunale.

A  Matino  (954mila euro) si interverrà sul palazzo comunale e la scuola elementare di via Nazario Sauro: saranno sostituiti gli infissi e sarà realizzato un impianto geotermico per le esigenze di condizionamneto estivo e invernale.

Racale usuifrirà di un finanziamento di 972mila euro che renderanno più efficienti dal punto di vista energetico il palazzo comunale e la scuola primaria di via Mazzini.

Soddisfatti naturalmente i primi cittadini che con il consistente finanziamento possono tirare un sospiro di sollievo e fare degli interventi sugli edifici pubblici che l’attuale endemica mancanza di risorse non avrebbe mai permesso.

Commenta la notizia!