Meju nu tristu maritu…

di -
0 919

I proverbi, i detti popolari sono davvero un repertorio di saggezza? Sì, se al termine saggezza non si dà un valore assoluto e se soprattutto lo si mette in relazione con il tempo. E il tempo è quello dei nonni dei nonni dei nonni. L’osservazione dei comportamenti più diffusi, la lentezza con cui avvenivano i cambiamenti, l’accentuazione di una concezione fatalistica contribuivano a far ricavare “verità” assiomatiche che molto spesso si contrapponevano ad altrettante “verità”. Sino ad arrivare al paradosso che la contraddittorietà dei proverbi diventa la garanzia della loro “autenticità”. Proverbi, quindi, per tutte le stagioni, per tutti i gusti, per tutte le età della vita: arguti, consolatori, divertenti, rassegnati. Tutti, comunque, contribuiscono a dare uno spaccato del tempo e delle tradizioni che furono. Così per il matrimonio, che già abbiamo trattato, così per la figura del marito che affrontiamo in questo numero, ricorrendo un po’ alla memoria personale e molto a quella raccolta formidabile di proverbi dovuta alla pazienza certosina di Nicola G. De Donno.

Il marito viene considerato una necessità: “La dota è ccumpita, lu lettu è ffinitu, autru num manca, cca lu maritu”. D’altronde “Mmar’a lla fimmana ca è ssenza maritu, pe cquantu lu maritu cu eggia maru“. E quindi di necessità una serie di proverbi che specificano che è meglio avere marito che…. Ne ricordiamo alcuni: Meju nu tristu maritu, cca restare de zzita parata”; Meju maritu cafone, cca amante barone”; ” Meju  maritu poveru, cca nnamuratu riccu”; “Meju maritu cu nn’occhiu, cca nnamuratu cu ddoi”; “Meju nu fiaccu maritu cca na bbona socra”. Meglio anche il marito dei familiari più stretti, specialmente di quelli che comandano: “Meju nu maritu zoppiceddu, cca nu frate mperatore”; “Meju nu maritu, cca centu boni frati”. Le donne,infatti, in passato erano sottomesse non solo ai genitori, in modo particolare al padre, ma anche ai fratelli, così si spiegano gli ultimi due proverbi. Anche se non scherzavano i parenti del marito: “Li parenti te lu maritu su’ acri comu lu citu”; “Parenti de lu maritu, urpi de cannitu”. Un marito, però, in ogni caso: “Maritu vecchiu, meju cca gnenti”; Meju cca gnenti, nu maritu senza denti” .  Nell’ottica che “Se nu’ ssumji nu’ mparenti”, a bravo marito corrisponde brava moglie: “La bbona mujere face lu bbonu maritu”; “Nu bbonu maritu, nu ttene mai na fiacca mujere” anche perché sotto sotto a guidare la vita familiare è la donna: “Maritu propone e mujere dispone”; “Se sai fare e tte faci amare, lu maritu a ddu oi lu poi purtare” ma è anche vero che “ Lu maritu te minte lu scarpinu e lu scarpune”.

Ma alla fine, comunque vadano le cose, la conclusione è amara:“Mmar’a idda: s’a nzurata; mmar’iddu: se l’à pijata: tutti li fili ca ànnu de fare, tutti mmar’i iddi s’ànnu cchiamare”.

Commenta la notizia!