Media di Felline, forse non più una scuola fantasma

La scuola in via Edificio scolastico

La scuola in via Edificio scolastico

FELLINE. La scuola media di Felline è a rischio sopravvivenza. Pochi iscritti, e non è riconosciuta nemmeno come succursale dall’Ufficio scolastico regionale. Ma ora sembra esserci una possibilità per l’istituto fantasma di via Palermo, che l’Amministrazione comunale intende sfruttare appieno.
È arrivato nei giorni scorsi, infatti, il sì della Giunta regionale ai criteri del piano 2015-2017 per interventi di edilizia scolastica: ristrutturazioni, messa in sicurezza, adeguamento sismico, ma anche costruzione di nuovi edifici. Si prevede che alla Puglia spettino circa 50 milioni di euro. L’assessore al Diritto allo studio, Alba Sasso, ha fatto sapere che, a breve, sarà pubblicato un avviso regionale rivolto a Comuni e Province, che dovranno far pervenire tempestivamente le proprie richieste per accedere ai finanziamenti.

Il sindaco Antonio Ermenegildo Renna si dice pronto ad approfittare di tale opportunità: «Ho proposto io stesso un incontro a Felline alla fine del mese scorso, proprio in previsione della pubblicazione di questo bando regionale, con lo scopo di studiare la situazione insieme alla cittadinanza. Da sempre, infatti, miriamo ad una progettazione partecipata. Ora, l’intenzione è quella di presentare un solo progetto che abbracci e risolva i problemi della scuola elementare, in via Edificio scolastico, e della scuola media». E conclude: «Si punta alla creazione di un unico plesso in via Palermo, anche perché lì è presente un terreno di proprietà comunale che si presterebbe alla realizzazione di spazi ricreativi per gli studenti. Gli stessi genitori degli allievi ci hanno fatto presente tale esigenza».

Ora non resta che riaggiornarsi e stabilire la via più opportuna da seguire. L’assessore Sasso ha sottolineato che avranno la precedenza in graduatoria gli interventi immediatamente cantierabili o con un livello avanzato di progettazione.
L’Amministrazione comunale e i cittadini di Alliste e Felline sono pronti.

"Si può dare di più" è il tormentone della sua vita. Se solo Morandi, Tozzi e Ruggeri potessero tornare indietro nel tempo, ne verrebbe fuori un bel quartetto! Autocritica, perfezionista, scrupolosa, incontentabile, e chi più ne ha (di sinonimi) più ne metta. Tra un "mea culpa" e l'altro, si è laureata in Lettere a Lecce, nel 2008, e dal 2011 collabora con Piazzasalento.

Commenta la notizia!