“Mbrazzame forte (de finibus terrae)” – Giulio Greco

Mbrazzame,
mbrazzame forte.
Le barche sta tornane
alla marina
e la gente
passeggia calma su’ ‘lla via:
cci spettaculu!,
me sembra na macaria.

Stringime,
stringime forte.
Calandu lu sole…
alla luce nde chiute le porte.

Cuarda amò … ddhri to’ carusi,
moi te la chiesa su’ ssuti.
Manu intra ‘lla manu … tutti prasciati,
nu spicciane cchiu te essere fotografati.
Me ricordane nui…
quanti anni su’ già passati!

Tenime,
tenime forte.
Appena è sera la città…
nu presepiu pare già.

Te ssu’ ‘lla culonna la madonna,
comprensiva e preoccupata,
tutti benatice,
n’addhra fiata;
e an cielu la luna sembra ca tice…
bona furtuna!

Stringime
e vasame forte,
ca crai se torna alla fatica
e cu putimu sta macaria ‘ncora ammirare
n’addhra samana ave passare.

Mbrazzame,
mbrazzame forte.

Commenta la notizia!