Matino: ricatto a luci rosse, due condanne per estorsione aggravata

carabinieriMATINO. Si è chiusa con una pena complessiva di cinque anni e nove mesi di reclusione la storia di “ricatti hot” che ha avuto per protagonisti un anziano ed una coppia di Matino. Si tratta dei conviventi A.D.C. (43 anni) e V. Z. (28) finiti sotto inchiesta proprio in seguito alla denuncia del 79enne, suo malgrado protagonista di una vicenda fatta di minacce, intimidazioni, richieste di denaro e video a luci rosse.

I fatti risalgono a quattro anni fa quando l’uomo, tra l’altro parente della coppia condannata, conosce una donna, presentatagli dai due, con la quale intrattiene dei rapporti sessuali. Fin qui nulla di strano, se non fosse che l’incontro viene immortalato in un video utilizzato dai conviventi per ricattare l’uomo. Inizia così il calvario della vittima la quale, dietro minaccia di divulgare le immagini sulle tv locali, cede alle richieste di denaro via via sempre più insistenti. L’umiliazione, per l’uomo, è ben presto diventata insostenibile e proprio su questo ha fatto leva la coppia che, a più riprese, sarebbe riuscita a farsi consegnare circa 40mila euro. I ricatti ebbero termine solo con la denuncia del fatto ai carabinieri della Compagnia di Casarano. Da qui l’indagine, il sequestro della corrispondenza minatoria intercorsa tra la vittima e i suoi persecutori e la condanna. Un ricatto a luci rosse finito male per la coppia che, in sede processuale, ha patteggiato la pena: quattro anni di reclusione per l’uomo 43enne, un anno e nove mesi (con la sospensione) per la compagna. Per entrambi l’accusa è di estorsione aggravata in concorso.

Commenta la notizia!