Il sole catturato sui tetti

by -
0 677

Il Comune di Matino

Matino. Il ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, premia con un primo posto nella relativa graduatoria, l’Unione jonica salentina nell’ambito del Poin (Programma operativo interregionale) 2007/2013.

I cinque comuni che ne fanno parte, Alliste, Matino, Melissano, Racale, Taviano, hanno ottenuto un finanziamento di circa cinque milioni di euro, che saranno impiegati per investimenti di efficientamento energetico su strutture pubbliche dei cinque Comuni dell’Unione.

Soddisfatti di questo risultato il sindaco Giorgio Primiceri e l’assessore Fabrizio Coluccia, «Per il Comune di Matino – precisa l’assessore Coluccia – l’intervento, finanziato per circa un milione di euro (954mila per l’esattezza),  riguarderà l’edificio scolastico “Nazario Sauro” con l’antistante villa comunale ed il palazzo comunale. Cerchiamo, in questo modo, di rendere più efficienti le nostre strutture realizzando un risparmio sui consumi delle utenze pubbliche ed attuando una governance territoriale orientata alle innovazioni tecnologiche a beneficio della popolazione».

Sullo stesso plesso scolastico sono stati già realizzati altri interventi durante i mesi estivi, tra cui la ristrutturazione  dei bagni al piano primo e la tinteggiatura delle aule poste al piano terra, possono quindi continuare i lavori che Coluccia, in qualità di assessore alla Pubblica istruzione e manutenzione scolastica e l’Amministrazione comunale hanno fatto partire circa due anni fa.

In una precedente occasione fu l’assessore Coluccia a comunicare la possibilità di ricevere ulteriori fondi  «Siamo in attesa degli esiti di un progetto Poin per l’efficientamento energetico di questa scuola che ci consentirebbe di avviare una radicale ristrutturazione» e l’ufficializzazione, avvenuta con decreto ministeriale qualche settimana fa, ha messo tutti di buon umore.

L’assessore alla Pubblica istruzione spiega quali interventi saranno sottoposti all’efficientamento: «Nello specifico interverremo sugli infissi esterni, sull’impianto di riscaldamento, sull’isolamento termico delle pareti con dei sistemi a cappotto e sugli apparecchi illuminanti prevedendo quelli a tecnologia Led. Gli impianti degli edifici saranno poi  monitorati mediante un sistema di controllo integrato che consentirà di misurare i consumi e stimare le emissioni di anidride carbonica».

Un buon risultato che vede come protagonista anche l’Università del Salento, l’Unione jonica salentina per la realizzazione del progetto, si è avvalsa, infatti, del supporto tecnico della società di consulenza Sphera, spin-off (che a dirla in italiano significa derivato) dell’Università del Salento.

Il sindaco di Racale, nonchè presidente dell’Unione, Massimo Barsuto, si ritiene soddisfatto del risultato: «Progetto primo in cinque regioni e ne siamo orgogliosi. E’ frutto di un lavorodi gruppo e ringrazio l’ufficio tecnico dell’Unione curato dall’ingegnere  Gianfranco Manco».

Maria Antonietta Quintana

Commenta la notizia!