Martino Santacroce di Taviano commissario capo a Limone Piemonte

Commissario Martino Santacroce (2)TAVIANO. Un tavianese ai vertici della Polizia di Limone Piemonte, importante e strategico ufficio della Polizia di Stato in provincia di Cuneo, da cui dipende anche la Polizia di Frontiera dell’aeroporto internazionale di Cuneo Levaldigi. Il neo commissario capo, Martino Santacroce (foto), è di origini salentine essendo nato a Taviano meno di 40 anni fa. L’importante riconoscimento attribuitogli, premia la sua brillante carriera nell’ambito della Polizia di Stato, iniziata dopo il conseguimento della laurea in Giurisprudenza presso l’Università di Lecce con la specializzazione in Scienze della Sicurezza. Ha conseguito, poi, un master di II° livello presso l’Università La Sapienza di Roma. Nella Polizia ha già conseguito una pluriennale esperienza avendo prestato servizio in diversi settori quali il Reparto Mobile, la Sezione Volanti, la Squadra Mobile e la Polizia Stradale.

Gli inizi della sua carriera sono stati alla Mobile di Milano per poi passare, alla fine degli anni ’90, alla Questura di Crotone, prima come coordinatore delle volanti e, in seguito, come responsabile della sezione Reati contro il patrimonio e la pubblica amministrazione. È di questi anni la cattura di un noto e pericoloso latitante appartenente alla  n’drangheta crotonese che gli fruttò una importante onorificenza di encomio. A questa onorificenza si sono aggiunte medaglie d’oro e d’argento al Merito di servizio, oltre all’attestato di pubblica benemerenza e a lodi, elogi e compiacimenti. Ha prestato servizio anche nella Polizia Stradale di Maglie, ricoprendo dal 2005 l’incarico di Dirigente nazionale del sindacato di  “Uil-Polizia”, svolgendo l’attività a Roma presso il Ministero dell’Interno. Non ha mai abbandonato lo studio e l’approfondimento delle materie giuridiche,  realizzando  tre pubblicazioni sui temi del diritto penale, oltre a far parte del comitato di redazione della rivista “Pubblica Sicurezza”.

Commenta la notizia!