Marittima di Diso – Nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 settembre, i volontari della Bottega Equo-Solidale saranno attivi nella campagna “Un pasto al giorno. La dignità riparte da qui”, iniziativa promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII di don Oreste Benzi.

Sabato 22 alle ore 19,30, e domenica 23 alle 8,45, alle 11 e alle 19,30, in concomitanza con la fine della messa nella parrocchia di San Vitale, i volontari saranno in piazza principe Umberto per ricevere le donazioni di chi vorrà contribuire ad assicurare un pasto al giorno a bambini malnutriti e persone senza fissa dimora e con disabilità, nelle mense di strada. Ai donatori verrà distribuito il secondo volume di #iosprecozero, un opuscolo con indicazioni “per provare insieme a non sprecare più nulla, dal cibo alla vita”, imparando invece a riciclare.

“Finché gli ultimi non saranno i primi mi trovate qui”: questo lo slogan presente sulle magliette che i volontari indosseranno, slogan che riprende una frase cara a don Oreste Benzi. L’iniziativa trae spunto dalla prima missione in Zambia della Comunità Giovanni XXIII nel 1985: lì, don Oreste toccò con mano la situazione dei bambini malnutriti, la disperazione delle loro madri, l’ingiustizia della fame che colpiva i più poveri, e giurò che si sarebbe impegnato a trovare i fondi per dar loro almeno un pasto quotidiano. Nacque così l’iniziativa che oggi cerca di garantire sette milioni e mezzo di pasti all’anno. I volontari della Bottega equo solidale hanno quindi fatto proprio l’impegno di don Oreste: «È la prima volta che ci impegniamo in quest’obiettivo perfettamente in linea con i fini della nostra associazione – dice Francesco Casciaro (in foto), responsabile esecutivo della Bottega. – Pensiamo che anche quest’iniziativa, come quelle realizzate in passato, incontrerà la sensibilità non solo di Marittima ma anche dei paesi vicini».

Pubblicità

Ulteriori info via mail all’indirizzo esmarittima@libero.it o sul sito della Bottega Equo-Solidale.

Pubblicità

Commenta la notizia!