“Mare impetuoso e ribelle” – Manuela Scorrano

Amo guardare il tuo sorriso,
timido e sensuale, appena accennato,
mentre tra le mani ti tengo il viso
e ti accarezzo il cuore con le mie parole.
Ti sei accorto di me
quando sconfitta,avvilita,
non sognavo più…non ci credevo più.
Ti sei accorto di me
quando ero con le spalle al muro
e mani tese in avanti
pronta a difendermi,
a giustificarmi,
arresa alla mia triste vita.
Avrei voluto girarle intorno
per chiederle tante cose
ma se avessi saputo prima
cosa era nascosto dietro l’angolo
forse il mio destino sarebbe stato un altro.
Tu mi hai creata, amore mio,
quel giorno con felicità,
con la stessa ti seguo ancora e
anche se il mio corpo è lontano,
la mente corre sempre dietro a questo filo.
È un pensiero lancinante
che mi procura bene ed affanni
che provo a lenire con la stessa calma
degli abissi sotto un mare
impetuoso e ribelle.

Commenta la notizia!