Mamma, ho preso il piedibus

di -
0 648

Tuglie. Giubottini rifrangenti allacciati al posto delle cinture di sicurezza e pronti a partire per la scuola, scegliendo il percorso più breve.

E’ partito sabato 28 maggio il progetto dell’istituto Comprensivo di Tuglie “A scuola passo dopo passo” che, con il “Piedibus”, ha dato la possibilità a molti piccoli scolari tugliesi di riscoprire il proprio paese e, con esso, le vecchie e salutari abitudini di camminare a piedi.

Il progetto ha voluto anche permettere ai ragazzini di familiarizzare con il percorso più breve che da casa porta a scuola. L’idea è originale: il Piedibus è un autobus che va a piedi, formato da una carovana di bambini che vanno a scuola in gruppo, accompagnati da due adulti, un “autista” davanti ed un “controllore” che chiude la fila. Il Piedibus, come un vero autobus di linea, parte da un capolinea e, seguendo un percorso stabilito, raccoglie i passeggeri alle “fermate” predisposte lungo il cammino, rispettando l’orario prefissato.

Il Piedibus viaggia sia con il sole che con la pioggia e ciascuno indossa un gilet rifrangente. Lungo il percorso i bambini chiacchierano con i loro amici, imparano cose utili sulla sicurezza stradale e si guadagnano un po’ di indipendenza.

A Tuglie, in via sperimentale si sono susseguiti i seguenti percorsi: Linea Arancio (Montegrappa): Partenza dal Parco ore 7.50; Linea Verde (Aragona): Partenza da Larghetto Garzia ore 7.50; Linea Rossa (piazza Garibaldi): Partenza ore 7.55; Linea Blu (piazza Municipio): Partenza ore 8; Linea Gialla (piazzetta Madonna dell’Annunziata): Partenza ore 7.50.

Insieme ad alcuni genitori e ai docenti, ad accompagnare i ragazzi c’erano anche i volontari dell’ Asd podistica: Marcella, Claudia, Gabriella, Sergio, Roberto, Antonio, Enzo, Claudio e Fernando che hanno cercato di istruirli sul miglior comportamento da assumere per strada. Adesso che la scuola è finita e che l’esperimento è andato a buon fine, l’augurio è che alla partenza del nuovo anno scolastico anche il piedibus possa ripartire.

Giuseppe Pisaniello

Commenta la notizia!