«In viaggio con l’eroico Milite ignoto»

by -
0 574

Luigi Mighali ed il treno che ha trasportato il Milite ignoto

Tuglie. «E’ stata un’emozione unico, che porterò sempre con me, vedere gli anziani reduci di guerra rendere omaggio alla Bandiera con addosso le vecchie divise protagoniste di atroci battaglie”.

A parlare è Luigi Mighali, il giovane tugliese che ha preso parte al Viaggio dell’Eroe, l’iniziativa realizzata in collaborazione tra Ministero della Difesa e Ferrovie dello Stato, con il patrocinio della Presidenza della Repubblica, con la quale si è voluto rievocare il trasporto in treno della salma del Milite ignoto da Aquileia, nel Friuli, a Roma, avvenuto nel 1921.

Lo speciale convoglio ha attraversato tutta l’Italia, nell’anno delle celebrazioni del 150° dell’Unità, con tappe in ben 15 città, così come accadde novanta anni fa. Al suo interno tre vetture mostra ed una carrozza cinema dove sono state proiettateimmagini storiche.

«Ho appreso del viaggio tramite una ricerca approfondita sui luoghi e sulle vicende della Prima guerra mondiale e dopo aver organizzato la festa in onore della Madonna del Grappa, lo scorso agosto a Tuglie, ho voluto saperne qualcosa in più. A darmi lumi sulla questione – afferma Mighali – è stato un articolo apparso su un sito veneto. Successivamente ho preso contatti con l’Associazione Nazionale del Fante che ha ideato l’iniziativa».

La partenza il 29 ottobre da Cervignano del Friuli, in provincia di Udine, con arrivo a Roma il 2 Novembre alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napiolitano. Tra le città attraversate Udine, Treviso, Padova, Rovigo, Ferrara, Pistoia, Prato, Arezzo, Chiusi, Orvieto e Orte.

«Ho preso parte in prima persona alla prima e all’ultima tappa del viaggio, ovvero quella da Cervignano a Venezia e l’arrivo a Roma, anche se ho  poi seguito tutte le altre tappe» conclude il giovane.

Giampiero Pisanello

Commenta la notizia!