L'ua è bbona, alla vigna

di -
0 836

Tempo breve e allegro quello della vendemmia, lungo, “a rate” e impegnativo quello delle olive. Nei primi giorni di  settembre era tutta la famiglia, anche i bambini (la scuola iniziava a ottobre) a partecipare alla raccolta dell’uva e anche ai più piccoli si dava la possibilità di tagliare qualche”grappa” e di riemopire “nu panaru”. Era considerato di buon augurio, auspicio di abbondanza futura. Tutta la fatica per arrivare alla vendemmia veniva annegata in tini stracolmi di grappoli di negramaro e malvasia.

Un fatto era ed è certo, infatti: la vigna vuole lavoro e cura. “Vigna e pputeca su’ comu li piccinni: olene fissu ssistute”  o  “Varca, vigna e ortu, òlene l’ommu mortu” perchè  “Vigna, zzappala o face gramigna”, quindi cure continue. E ci vuole anche tempo per raccogliere i frutti, infatti “Lu vecchiu se chianta la vigna, e llu ggiovane la vindimia“. In conclusione “La campagna, li stai vicinu, te dae pane e tte dae vino; la campagna, li stai luntanu, nu tte dae né ua né cranu”.

Come per gli altri lavori di campagna anche la cura della vigna era ritmata secondo il calendario dei santi. Si inizia con la Madonna dell’Annunziata: “Santa Nunziata, vigna pumpata”; “De la Nunziata, la vigna è mpampanata”; oppure “vigna parata”  e “A lla Nunziata, mmara alla vigna ca nu nè putata”. E siamo al 25 marzo. Poi è necessario fare attenzione alle piogge, difatti “Se chioe de San Bbarnabbà, l’uva janca se ne va; e se chioe de mmane a ssera, se ne va puru la nera”  La festa di S. Barnaba cade l’11 giugno. Il 1 luglio si ricorda S. Ester e per quel giorno “De Santa Esterina, la vigna è china”.  Ad agosto già è tempo di assaggiare la prima uva:”S. Lorenzu: vane a lla vigna e nfilate  am mnezu”  E si arriva così a settembre: “S. Michele, l’ua è comu lu mele”, dolce e pronta per essere tagliata.

In mezzo a questi santi si inserisce S. Maddalena, ma non per ricordare tappe della lavorazione della vigna o della maturazione dell’uva, ma esclusivamente per questione di rima: “De santa Matalena, vai a lla vigna e torni prena”; “Sciu a lla vigna e vvinne prena: era santa Matalena”

Alla vendemmia partecipano tutti, anche i parenti lontani che quando c’era da lavorare erano scomparsi. C’è tutta una serie di modi di dire che sottolineano questo comportamento. “Quannu zappi e quannu puti, nu cumparene niputi; quannu se mmatura l’ua, sciamu, zziu, a lla  vigna tua” oppure (la prima parte rimane identica “quannu è pronta malvasia, sciamu sciamo a dda la zzia”, ancora “quannu rrivi ca vindimi, lli niputi su’ lli primi” ; quannu rria lu vindimmiare, a cci zziu e a cci cumpare”. In conclusione, quindi:  “Quannu zzappi e quannu puti, nu ssi zziu pe’ lli niputi; quannu rria lu vendimiare, zziu zziu te senti chiamare”.

Commenta la notizia!