Gallipoli – Le volontarie del Tribunale dei diritti del malato di Gallipoli hanno partecipato – insieme a quelli di Cerignola e Bari – allo stress test sulle liste di attesa elaborato dal Ministero della Salute che aveva chiesto a Cittadinanzattiva la collaborazione. Il primo ottobre in tutta Italia e nelle stesse ore sono stati interpellati i centralini delle varie Aziende sanitarie locali (Asl), ponendo loro le stesse domande e raccogliendo i dati riversati poi allo stesso Ministero.

Per il lavoro svolto nello stress test il gruppo di Gallipoli è stato particolarmente apprezzato dal coordinatore nazionale del Tribunale dei diritti del malato, Tonino Aceti. Nel ringraziare per il “prezioso lavoro”, Aceti segnala l’apprezzamento pervenuto dal Ministero della salute “che è rimasto impressionato della nostra capacità di intervento e precisione”. A Gallipoli hanno partecipato Agata Coppola (foto), coordinatrice del Tdm di Gallipoli, Fiorella Di Marco, Luciana Fiorito, Maria Rosaria Fontò, Annarita Fontò, Elisabetta Pietrangeli, Annalucia Ventruto. Il loro contributo servirà a cercare di trovare cause e rimedi che accorcino le attese presso ospedali e centri medici.

Il gruppo di Gallipoli in particolare si è occupato nel corso dello stress test di acquisire dai Centri unici di prenotazione (Cup) i tempi di attesa aziendali delle 58 prestazioni previste dal piano nazionale di controllo delle liste di attesa; verificare col centralino se e come fosse possibile collegarsi col Ministero; effettuare otto chiamate registrate dal call center del Ministero e riportarle in schede; redigere un verbale finale con i risultati del test al coordinatore nazionale del Tdm. Il dottor Aceti il 4 ottobre scorso si è poi incontrato con i funzionari ministeriali; tra l’altro si è stabilito di “dare vita a percorsi collaborativi indirizzati al superamento delle criticità o difformità”.

Pubblicità

Questi i dati emersi infine dal test riguardanti l’Asl di Lecce: visita endocrinologica 175 giorni di attesa; RM pelvi, prostata e vescica 270 giorni; risonanza magnetica all’encefalo 9 mesi ma con l’intervento del Dg; rinnovo del piano terapeutico per malati diabetici 12 mesi;
elettromiografia 360 giorni; esofagogastroduodenoscopia 108 giorni; visita endocrinologica 175 giorni; sigmoidoscopia con endoscopio flessibile 394 giorni.

Da annotare infine che in via sperimentale ed a livello nazionale si è dato vita a livello nazionale al numero telefonico di pubblica utilità 1500 allo scopo di informare ed ascoltare i cittadini.

 

Pubblicità

Commenta la notizia!