“Leo shoes” 25 operai ex Filanto lasciati a casa

by -
0 1700

Casarano. Ancora un duro colpo alle residue speranze di ripresa del settore calzaturiero. Dallo scorso agosto, infatti, un quarto dei lavoratori dell’azienda “Leo shoes” ritenuti in esubero sono rimasti a casa perdendo il loro posto di lavoro. Il provvedimento riguarda 25 dei circa 100 dipendenti assunti con contratto a tempo determinato appena nel settembre del 2011. Per loro va in archivio non solo un impiego (seppur precario) ma anche la speranza di un posto fisso. La “Leo shoes”, azienda con sede a Milano, aprì a Casarano nel gennaio del 2011 per riassorbire i circa 300 lavoratori espulsi da due aziende del gruppo Filanto, ovvero Tecnosuole e Zodiaco, nell’ambito dell’accordo di ricollocazione sottoscritto presso il ministero del Lavoro. Secondo gli accordi la “Leo shoes” avrebbe dovuto riassorbire 120 lavoratori entro il primo anno (il 2011), 270 entro il 2012 ed altri 305 entro il 2013. Quanto accaduto ad agosto potrebbe influire negativamente sulle prospettive di ulteriore concessione della cassa integrazione straordinaria nell’ambito dei programmi di ricollocazione dei lavoratori del gruppo Filanto e sul riavvio del contratto di programma del Pit 9.

Commenta la notizia!