Le Olimpiadi di Storia passano dal Quinto Ennio di Gallipoli

di -
0 747

Il “Quinto Ennio” ospiterà le fi nali delle Olimpiadi di Storia

Gallipoli. Con le selezioni d’istituto in programma il 17 marzo entrano nel vivo le “Olimpiadi di Storia” le cui finali nazionali si svolgeranno presso il liceo “Quinto Ennio” di Gallipoli diretto dalla professoressa Antonella Manca. L’evento viene organizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’istituto di studi storici “Salvemini” di Torino e dell’Universtità del Salento.

“Italiani: una identità migrante. Il ruolo dell’emigrazione verso l’estero e all’interno nella formazione dell’identità nazionale” è il tema sul quale gli studenti saranno chiamati a confrontarsi dapprima nei singoli istituti, poi (entro il 21 aprile) per la fase regionale alla quale prenderanno parte due studenti da ogni singola scuola. Lo stesso accadrà per la fase nazionale con solo due studenti ammessi per ogni regione.

Le Olimpiadi sono riservate agli allievi del quarto e quinto anno della scuola secondaria superiore con due aree tematiche coincidenti con i periodi storici dell’Ottocento e del Novecento. Gli studenti saranno impegnati in un’unica prova scritta che potrà essere la trattazione di tesi, una composizione a tema o un saggio breve.

Per la cerimonia conclusiva, in programma nell’aula magna del “Quinto Ennio” il 18 maggio, la Presidenza della Repubblica ha conferito una medaglia quale premio di rappresentanza alla manifestazione. A patrocinare l’evento è anche la commissione nazionale per l’Unescu (l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura) “in considerazione dell’alto valore dell’iniziativa volta alla valorizzazione degli studi di storia finalizzati alla formazione di giovani cittadini responsabili e consapevoli della propria identità storico-civica”, come si legge nella motivazione del patrocinio.

Tra le novità di quest’anno anche la prima Olimpiade riservata agli studenti delle classi terze della secondaria di primo grado. Per loro il tema sarà: “Lontano da casa: l’emigrazione italiana tra ottocento e novecento”. Stesse date per le selezioni d’istituto e regionali con la finale in programma il 21 maggio sempre al “Quinto Ennio”. Premi da 500 euro, e diploma, sono previsti per gli studenti vincitori  del quarto e quinto anno, mentre ai ragazzi del terzo anno l’assegno sarà di 200 euro.

Commenta la notizia!