L’Acquedotto pugliese a Presicce: sanzioni pesanti per le abitazioni prive di allaccio

by -
0 1882

fognaPRESICCE. L’Acquedotto pugliese sta recapitando nelle abitazioni che non risultano allacciate alla fognatura pubblica una lettera per “Verifica degli standard igienico-sanitari della fornitura idrica”. In pratica, la missiva vuole sollecitare, chi ancora dovesse farlo, all’allaccio alla rete idrica, così come prescritto dalla Direttiva europea (91/271/CEE). Atto necessario, perché, come viene spiegato, proprio per la mancanza di un’adeguata copertura “della rete urbana di fognatura nera”, lo Stato italiano è stato deferito alla Corte di giustizia europea.
Nella lettera è spiegato che il mancato allaccio che potrebbe essere fonte di condizioni igieniche precarie, verrà sanzionato e gli immobili che ne sono privi saranno ritenuti inagibili.

«La richiesta è ineccepibile – afferma uno dei tanti destinatari della missiva – ciò che mi lascia perplesso sono le modalità usate dall’ente per la verifica: attraverso una comunicazione telefonica al numero verde al quale risponde una voce guida e le operazioni da seguire non sono nemmeno tanto semplici». Nella lettera è specificato il percorso da fare, le opzioni da scegliere e le informazioni da dare al risponditore automatico (codice cliente, numero contratto idrico e altro). Poi per richiedere l’allaccio ci sono più formule da usare: via web, tramite telefono o con una richiesta in cartaceo da consegnare al Comune o ad un ufficio Aqp.

«Penso alle tante persone anziane che si trovano a dover risolvere la questione da sole – continua – e che potrebbero trovare difficoltosa la segnalazione. Inoltre il tutto deve essere fatto entro trenta giorni dalla ricezione della lettera altrimenti si rischia la sospensione della fornitura idrica e una sanzione. Si può costringere una famiglia in questo momento di crisi a sostenere questa spesa senza proroghe? Non potevano studiare un metodo più semplice per le comunicazioni?».

Ilaria Lia      
                                                       

Commenta la notizia!