La seconda volta di Ferraro

Francesco Ferraro SINDACOACQUARICA DEL CAPO. Acquarica del Capo riconferma sindaco Francesco Ferraro. Risultato netto per la sua lista “Cittadini protagonisti” che raccoglie 1369 voti in più rispetto alla lista avversaria “Io ci sono” con Bruno Ricchiuto. Un risultato andato oltre le aspettative per Ferraro che aveva come obiettivo quello di confermare il distacco sulla seconda lista raggiunto alle passate amministrative. Ferraro ha ottenuto 2275 voti (71,51 per cento), mentre Ricchiuto 906 (28,48).

Che sarebbe stata una dura lotta lo si sapeva già dall’inizio, tuttavia la lista di Ricchiuto non ha ceduto e ha continuato con grinta ad andare avanti fino alla fine. «Un risultato storico per Acquarica – commenta il sindaco – la campagna elettorale da parte nostra è stata sempre molto serena, tra la gente senza calunnie o ipocrisia e senza attaccare mai le persone, ma parlando di programmi, di quello che abbiamo fatto e di tutto ciò che vogliamo ancora fare. La gente ci ha dato una fiducia così schiacciante che ci sentiamo obbligati ora a lavorare ancora di più rispetto a come abbiamo fatto fino ad oggi».

La campagna elettorale si è svolta per entrambi i candidati per lo più tra i rioni, con i comizi a diretto contatto con la gente. Non sono mancati gli screzi e le tensioni tra i due gruppi, accuse e risposte al vetriolo. Uno dei momenti più carichi di tensione è stato quando Ricchiuto ha lanciato il guanto della sfida chiedendo un confronto diretto e pubblico con l’avversario. Ferraro non si è presentato, motivando la sua scelta, e al posto suo Ricchiuto ha messo un fantoccio.

Il Consiglio comunale sarà composto da otto candidati della lista vincente e quattro della seconda. Per la prima rientrano: Giacomo Palese, Luca Vincenzo Pepe, Marco Duca, Tatiana Turi, Adamo Verardo, Luigi Ciullo, Anna Serena Fiesole e Davide Luca. Per la seconda invece, Bruno Ricchiuto, Carlo Negro, Valentina Gennaro, Santo Carlo Cassiano. Non rientra in Consiglio Leo Ramirez, assessore al Bilancio nell’uscente amministrazione. Leggi anche “La festa: sorpresa da 350 chili”

Commenta la notizia!