La parola ai candidati: Giuseppe Perruccio, lista n.3

by -
0 624
Giuseppe Perruccio

La prima cosa sulla quale lavorare è far riacquistare alla città e ai gallipolini il senso dell’Appartenenza. Questo deve essere l’impegno primario, attraverso una “palestra quotidiana” capace di dare vita ad una nuova mentalità in chi amministra per la città e per i cittadini.

Dobbiamo recuperare le nostre origini, la radice stessa della nostra identità che discende dalla Grecia quindi da quella polis dalla quale si è generato il significato etimologico del fare politica. Un vero e proprio recupero dell’appartenenza alla città. Ognuno di noi deve cominciare a chiedersi, che cosa posso dare alla mia città e non come posso sfruttarla per me stesso, per il mio interesse individuale, ciò in tutti i settori rappresentati.

Per questo dobbiamo lavorare perché si ponga fine, chiudendo un ciclo che dura da molto tempo, alla condizione fallimentare di una città completamente sbracata, svenduta all’asta, smembrata. Una mercificazione costante e continua, senza regole, che ne deteriora l’immagine e la sua stessa essenza di comunità orgogliosa e laboriosa.

La seconda cosa  discende conseguenzialmente dalla prima ed è quella di far stare bene prima la città e i suoi cittadini attraverso un ridisegnare spazi e luoghi che non per merito nostro, ma per natura, storia e cultura, devono generare la ricchezza diffusa e ben ridistribuita attraverso uno sviluppo programmato e condiviso, fino ad oggi totalmente mancato.

Questi due impegni sono propedeutici al terzo impegno che è quello di una visione d’insieme capace di coltivare il Sogno di una città prima nostra, accogliente ed ospitale generatrice di cultura servizi e infrastrutture adeguate al suo essere Città di mare che unisce e non divide. Una città che sa far vedere il meglio di se che non è solo baraccopoli,  pesce fritto e babilonia, ma sa rigenerarsi dalle sue stesse radici per ridare linfa vitale alle diverse energie, intelligenze, capacità interne ma anche esterne che qui condividono ed investono in questo nostro Sogno. Per realizzare con impegno collegiale tutto ciò che oggi ancora manca.

                                          Giuseppe Perruccio

Commenta la notizia!