Luca Imperiale

Riceviamo e pubblichiamo questa poesia a firma di Luca Imperiale (di Sannicola). Il tema è una tradizione molto sentita nel Salento e in particolare a Sannicola.

“La fera te Santu Simone”

La fera te Santu Simone è turnata
cu le barracche, vinu, oiu, ulie, taraddri;
e li prodotti te na fiata.
Nu màncane le cunserve,
li liquori, li formaggi;
appena zzacca ridi
ma quandu spiccia chiangi.
To giurni te ottobre
A fiate cauti, a fiate friddi
In cui lu sguariu regna:
ppe li vagnuni e cinca tene sordi.
Lu vecchiu pensionatu,
se ccatta la scapece;
ma puru le catagne, la cupeta,
lu pienu te rrobba face.
Le belle signorine,
se ccattane li pantaloni:
se nde proane trenta pare
prima cu troane quiddri boni.
Li cristiani vecchiareddri,
passane te la chiesa:
devoti, pii o veri Credenti,
faciane na sorpresa:
a Cristu, a Santu Simone;
ma puru a laddri Santi;
ca poi nu ane dire:
“vaniti, be ssattati;
ma cu lu core stati distanti”.
Li vagnuni suntu felici,
ca se perdane nu giurnu te scola;
parane tanti eroi,
ci face friddu mancu li sciela;
secutane le piccinne,
ca caminane pijate ppe manu;
iddri sempre in gruppu,
le cuardane cu lu sguardu stranu;
le vitane alla scola e suntu timidi e mbranati
poi essane a ddra fore e suntu tanti furminati.
Li nonni alli naputi nde tane qualche sordu:
“nà, ccattate li scaiozzi poi fanne nde prou unu,
ca lu sapore sta me riscordu”;
dra cazzu te diabete nde corrompe la ragione,
nde tice: “ci mangi cose tuci, te nde vai a lu Signore”.
Ncete puru lu stend te li mesci:
artigiani di gran talento,
artisti di prodotti tipici del nostro Salento:
maestri impagliatori, cartapesta, ceramica, terracotta;
e tutto ciò che esiste ora, tradizioni di una volta,
arte viva mai morta.
Concorsi e premiazioni,
piatti tipici, preparazioni;
giuria popolare “cucchiara d’oru”,
eccellenze culinarie;
ca sulamente pe lu ndoru!
Visite guidate al frantoio ipogeo,
affascinante storia antica;
di solidarietà, sudore e fatica.
Dio disse: “creo, creo l’uomo che sappia creare”,
nel paese degli ulivi, del vento e del mare.
Scavati nella roccia, poesia millenaria;
di voci di lavoratori che pur sotto
la robusta e primitiva pietra,
respiravano “aria”;
“aria” di dignità, impegno, vocazione;
sul quale imprime il suo sigillo la fiera di San Simone;
riesumando ricordi che non debbon morire;
per far conoscer chi siamo,
per urlare ci siamo;
e non spariti come le care vecchie lire.

Pubblicità

Luca Imperiale

Pubblicità

Commenta la notizia!