La “Casa protetta” ricorda Minerba

by -
0 1105

casa di riposo - Aradeo (3)

ARADEO. Prende forma la “Casa protetta” (foto) in via Fontana, alla periferia sud di Aradeo. Già innalzati i muri della struttura per l’assistenza, il ricovero e la riabilitazione delle persone inabili ed anziane, che è stata finanziata attraverso i fondi Po-Fesr Puglia 2007/2013, per un importo di 1,3 milioni di euro, nell’ambito del Programma stralcio di “Area vasta-Salento 2020”. Tuttavia il denaro assegnato non sarà sufficiente per il completamento definitivo dell’opera, per cui la sistemazione degli spazi esterni, pitturazioni, apparecchiature elettriche, attrezzature antincendio e impianti termici sono, al momento, esclusi da questo lotto di lavori. La costruzione sorge sull’area di proprietà del Comune, lasciata a tale scopo dal compianto dottor Gigino Minerba, già sindaco del paese, una zona di 20mila mq  sui quali si sta edificando una costruzione di circa 1785 mq.

Il progetto, realizzato dall’ingegner Pietro Traldi di Collepasso, punta ad assicurare ai futuri ospiti privacy ed intimità, oltre che a dare loro la possibilità di ricrearsi un ambiente familiare. Nella parte centrale è sistemato il cuore “sociale” della “Casa protetta”, con la zona destinata ai servizi comuni ed alle attività ricreative e culturali.

Lungo le quattro ali sono, invece, articolate le 30 camere degli ospiti. Oltre all’ambulatorio, a due sale per uffici e a quattro per infermieri, c’è anche una sala lettura, una sala ricreazione ed una palestra. L’opera intende  rispondere alle esigenze di una popolazione che annovera un numero sempre maggiore di anziani, molti dei quali non potranno purtroppo avere l’assistenza e l’amore dei familiari e la sua realizzazione dopo tanti anni dalla sua ideazione è motivo di grande soddisfazione per l’intera comunità.

Commenta la notizia!