La banca si distrae e paga la persona sbagliata

di -
1 578

Taviano. “La mia banca è differente”, recita un noto spot pubblicitario in rotazione sui network nazionali. Le banche sono oggi più che mai al centro dell’attenzione, con opinioni contrastanti tra chi ne difende l’operato e chi invece ne attacca la poca disponibilità ad erogare finanziamenti. Ma a Taviano è accaduto qualcosa di diverso.

Andiamo con ordine. Mesi fa un padre di famiglia si rivolge al Comune chiedendo un sussidio per l’acquisto di materiale didattico. I funzionari ne accettano la richiesta e suggeriscono al soggetto di recarsi presso un esercizio commerciale a ritirare l’occorrente. Successivamente al titolare del negozio giunge un mandato di pagamento da riscuotere presso la filiale di Taviano della Banca Popolare Pugliese, per un importo di qualche decina di euro. Qualche giorno fa il commerciante si è recato allo sportello, ha esibito il mandato e qui ha avuto la spiacevole notizia: la somma era già stata erogata. «Impossibile – ha esclamato il negoziante – il titolare del mandato sono io!». Dopo un’attenta analisi dei fatti i funzionari sono risaliti all’errore: il mandato era stato inviato anche, per conoscenza, al padre di famiglia che, in buona fede, si è recato allo sportello per riscuotere la somma. Dopo un incontro con il direttore della filiale, il commerciante ha avuto rassicurazioni: tra qualche giorno tutto sarà risolto e la banca erogherà anche a lui la somma spettante. Insomma, una vicenda singolare che comunque si è conclusa nella maniera migliore.

Carlo Pasca

Commenta la notizia!