Isabella Cherillo: la moda e Parigi

by -
0 1758

Isabella Cherillo

Alezio. «Fin da piccola sono stata sempre affascinata dal mondo della moda sognando di essere una stilista. tutto questo mi ha guidato nella scelta dei miei studi: indirizzo tecnico abbigliamento e moda all’Ipsia di Gallipoli e, in seguito, il corso di scienze e tecnologie della moda all’Università di Bari»: ecco a voi una persona, una giovane donna, che ha realizzato il proprio sogno, perseguendolo con  determinazione e coraggio. Parla Isabella Cherillo, aletina doc dalle ali robuste. E racconta: «Durante il mio percorso universitario ho partecipato al progetto Leonardo che mi ha permesso di vivere l’esperienza di uno stage a Parigi ed essere assistente stilista in un atelier parigino, e in seguito l’Erasmus che mi ha aperto le porte per sei mesi all’Università Sorbona di Parigi. Un’esperienza unica e irripetibile che mi ha messo di fronte una realtà molto diversa da quella che io ero abituata nel Sud Italia. Strutture immense stupende e organizzatissime e un miscuglio di culture diverse. Culture diverse e colori di pelle diversi ma tutti amici.  A Parigi ho sviluppato la mia tesi in Retail Marketing che mi ha permesso di approcciarmi ad una casa di moda francese e di osservare le grandi e lussuose boutique parigine. Delle boutique che mi hanno fatto innamorare e sognare».

Dall’immaginazione alla concreta realtà il passo è stato breve, in questo caso. «Ho terminato i miei studi ma Parigi era ancora dentro di me e così ho deciso di ripartire. Sono ritornata questa volta sola e senza il sostegno dell’università.Ho vissuto la dura realtà di trovare un alloggio senza un contratto di lavoro – continua Isabella – e di cercare un lavoro. Ma fortunatamente il primo lavoretto è arrivato veloce in un piccolo negozietto, poi da Zara, poi in una boutique di lusso sugli Champs Elisées e in finale al Printemps Haussmann che mi ha accolta quasi due 2 anni fa. Printemps Haussmann è un grande magazzino di lusso del XIX secolo che si posiziona tra i più bei grandi magazzini del mondo. Io per il momento mi occupo della vendita degli accessori di lusso ad una clientela internazionale, della ricerca della storia delle nuove marche che entrano nel mercato del lusso e della comunicazione alla mia éuipe sui nuovi prodotti moda e concorrenza. J’adore lavorare al Printemps Haussmann perchè mi permettere di essere in contatto con la vera Moda e d’incontrare ogni giorni persone che vengono da tutte le parti del mondo. Soprattutto mi permette di crescere professionalmente».

Sì, perchè i sogni sono talvolta come le ciliegie: uno tira l’altro. Ecco ancora Isabella  dalle idee chiare: «Oggi lotto per essere responsabile di una boutique di lusso e un giorno spero di realizzare il mio sogno più grande che è quello di creare la mia marca, la mia collezione e i miei negozi. Naturalmente tutto Made in Italie o meglio ancora Made in Salento. Questo mi permetterebbe di vivere completamente le bellezze di questo mondo e di vivere più spesso a contatto delle cose  semplici e del calore del sole e delle persone che abitano nel mio bel Salento». Perchè Parigi è Parigi, ma il Salento…

Commenta la notizia!