Interessi d’Olanda

by -
0 1364
Da sinistra Francesco De Lorenzis, Donato Metallo, Jan Van Der Werff (foto Luigi De Virgilis)

Da sinistra Francesco De Lorenzis, Donato Metallo, Jan Van Der Werff (foto Luigi De Virgilis)

Racale. Dopo aver ospitato, nel mese di luglio, il primo atto ufficiale che porterà al riconoscimento del marchio Dop per la “Sieglinde” di Galatina, Racale si conferma centro logistico di primaria importanza per il settore delle patate. La sera del 26 settembre la cittadina ha ospitato un’importante tavola rotonda a tema, frutto della partnership sottoscritta tra l’azienda agricola De Lorenzis di Racale e la multinazionale olandese Meijer.

L’”Agricola De Lorenzis s.r.l.” nacque nel 2003 sulla scia di una lunga tradizione familiare accumulata nel campo della lavorazione delle olive e della produzione dell’olio. Il fulcro dell’attività, a conduzione familiare, ruota attorno a Severino De Lorenzis e ai suoi tre figli Antonio, Francesco e Gennaro.

La Meijer, rappresentata dal direttore commerciale Jan Van Der Werff e dal direttore tecnico Paul Volleman, ha presentato al folto pubblico accorso nei locali dell’azienda, in via Fiumi Marina, le tre varietà di patata che saranno commercializzate sul nostro territorio. Si tratta di tre tipologie da tavola (“Fresh”), dai nomi tipicamente nostrani: “Musica”, “Orchestra” e “Soprano”.

«Sarà un prodotto nuovo, curato e mirato a far nascere un nuovo mercato», hanno specificato i due esperti olandesi.

L’incontro, al quale hanno partecipato diverse decine di agricoltori del comprensorio, e non solo, è stato introdotto dal sindaco di Racale Donato Metallo e da Francesco De Lorenzis in rappresentanza dell’azienda di famiglia, con la collaborazione di Agnese Palese e Bruno Simonetti in veste d’interpreti.Assenti, per impegni sopravvenuti, il consigliere comunale Lorenzo Ria e l’eurodeputato Sergio Silvestris.

Il 17 luglio scorso nella sala S. Sebastiano si è tenuta la “riunione di pubblico accertamento” primo atto ufficiale  che apre le porte al marchio tanto atteso  e per cui da decenni è impegnato un settore sensibile e attento del mondo agricolo. Il percorso era iniziato negli anni Settanta quando da più parti si incominciò a reclamare un marchio a difesa della patata di qualità. Gli incontri come quello tenutosi nei giorni scorsi a Racale danno forza al progetto.

Commenta la notizia!