Il parco Ricchiello di Taviano certamente rinascerà

by -
0 1871

parco Ricchiello a Taviano

TAVIANO. Il Parco Ricchiello, ormai da tempo, versa in condizioni di degrado e di trascuratezza. Ne hanno parlato in una interrogazione, anche i consiglieri comunali di opposizione del gruppo “Città aperta” nell’ultimo Consiglio comunale. «Il degrado del parco Ricchiello –ha detto il capogruppo, Francesco Pellegrino – è sotto gli occhi di tutti. Il muro di cinta mostra segni di cedimento, il pallone tensostatico presenta numerose lacerazioni in più punti, le palme sono ormai distrutte e decapitate. Tutto ciò costituisce un grave disservizio e notevole disagio per i cittadini».

Il parco, voluto dall’on. Lorenzo Ria, negli anni ’80 e posto a due passi dalle scuole, dalla chiesa di San Martino e dal Comune, ha rappresentato, da sempre, il polmone verde della città. Al mattino era frequentato dagli anziani e dagli sportivi, il pomeriggio e la sera dai bambini e dai giovani in cerca di svago o attratti dalle giostre. Oggi, effettivamente, è completamente abbandonato. A nulla è servito cedere la struttura in gestione a privati (durante l’amministrazione di Salvatore D’Argento).

Il sindaco Carlo Portaccio, perciò, ha deciso di riprendere in mano la gestione del parco, per programmarne il recupero e rendere maggiormente fruibile la struttura per i cittadini. «Ecco come rinascerà il parco – sottolinea il consigliere Aldo D’Argento, incaricato dal sindaco di preparare un progetto – iniziando proprio dal muro di cinta, che potrebbe essere abbassato per consentire una maggiore visibilità, o una sua totale demolizione, in modo da offrire una visuale il più possibile libera dall’esterno come deterrente contro lo stazionamento di malintenzionati. Per il pallone tensostatico siamo in attesa di un contributo da parte del Dipartimento per gli affari regionali, il turismo e lo sport. Abbiamo infine previsto la somma nel Bilancio 2014, di 80 mila euro e stiamo impegnando subito, 3500 euro per gli interventi più urgenti».

 

Commenta la notizia!