Il “fattore rock” spinge i Verseta

by -
0 796

Davide Donadei, Livio Nassisi, Luigi Negro, Michele Pizzolante e Alfredo Marasco: i Verseta

Sannicola. Grande performance dei salentini Verseta al Festival Show di Castelfranco Veneto. E per Mara Maionchi, loro sì che hanno l’X-Factor.

Un cast d’eccezione e la splendida piazza Giorgione di Castelfranco Veneto gremita da oltre cinquantamila persone sono stati la meravigliosa scenografia di un successo annunciato. Quello dei Verseta, rock band salentina che sta riscuotendo una popolarità ed un consenso sempre crescenti.

Ultimo, solo in ordine cronologico, quello dello scorso 1° luglio nella cittadina trevigiana in occasione del tour del Festival Show, l’importante kermesse figlia del Festivalbar di Vittorio Salvetti, che ha lanciato band del calibro dei Sonhora e dei Modà.

Il progetto Verseta nasce diversi anni fa dall’incontro umano e professionale di Luigi Negro, di Sannicola, cantante e leader della band, e Davide Donadei, tastierista di Parabita e si completa poi con il talento di Livio Nassisi, di Matino, al basso, Michele Pizzolante, di Gagliano del Capo, alla batteria e Alfredo Marasco, di Alessano, alle chitarre, in un connubio di gusti e sonorità in bilico tra il sound pop-rock anglosassone e la tradizione cantautoriale italiana.

La loro musica è un viaggio sonoro ed emotivo all’interno del vissuto di ciascuno. I loro testi parlano d’amore, di sogni, di coraggio. In una parola sola, di vita.

Per inseguire il loro sogno artistico hanno lavorato sodo, conquistando pian piano ogni traguardo raggiunto, cominciando con una fitta attività live nei club e nelle piazze, fino ad arrivare a partecipare a concorsi importanti come Sanremo Rock al People of Art di Modena in cui sono stati finalisti, Tour Music Fest di Roma e il Music Village Academy di Catanzaro, dove vengono segnalati per due anni di seguito tra i migliori progetti di tutte le edizioni.

Un grande successo l’hanno riscosso in questi giorni anche sul palco del Festival Show, che in un riuscito mix tra passato e futuro, ospita volti storici della musica italiana ed un concorso collaterale per talenti emergenti.

Tra le migliaia di giovani che si erano presentati alle selezioni solo in 12 sono stati ammessi alle tappe che condurranno alla finale del 6 Settembre nell’arena di Verona trasmessa da Rai Due. A scegliere i Verseta è stata una giuria di qualità composta, tra gli altri, da Mara Maionchi, Stefano D’Orazio, Adriano Pennino, Albero Salerno, Michele Pecora e Franco Zanetti. La Maionchi, schietta come sempre, non ha risparmiato elogi e complimenti ai nostri salentini, che a detta sua “faranno molta strada”.

Il loro brano, “L’attitudine perduta”, tra i più richiesti dalle radio ufficiali della manifestazione, è stato applauditissimo dagli oltre 50mila spettatori accorsi a Castelfranco, dove insieme a loro si sono esibiti artisti del calibro dei Matia Bazar, gli Stadio, Donatella Rettore e Marco Carta.

Per sostenerli nel concorso, dove è in palio la realizzazione di un cd, si può partecipare al televoto chiamando il numero 899030305 e digitando il numero 15. Per ascoltare i loro brani e seguire le ultime novità invece, basta cercare la loro pagina su Facebook o su My Space.

Daniela Palma

Commenta la notizia!