Il calcio balilla siamo noi

by -
0 1480

Casarano. I campioni d’Italia del calcio balilla parlano salentino e risiedono proprio qui nel Basso Salento.

Agli ultimi Tricolori assoluti di qualche mese fa hanno trionfato con la conquista del titolo Fernando Caicco, 33 anni di Racale, perito tecnico informatico e Gianmarco Toma, 35 anni di Casarano, commerciante.

I due talenti del biliardino sono entrati nella categoria dei Master (la massima della federazione italiana), dopo gli inizi negli Amatori e la trafila negli Agonisti, grazie alla vittoria a Saint Vincent del titolo del campionato italiano assoluto Uomini 2010.

Fernando Caicco

Nella prossima stagione i due giocheranno in serie A: Caicco a Reggio Calabria e Toma nella squadra di Roma.
Ma come funziona questo sport? Per partecipare alla massima serie i club hanno a disposizione un budget virtuale come nel più comune “fantacalcio”. Si può spendere sino ad un ingaggio di 20mila euro per la costruzione del team, che dovrà presentarsi in otto (sette uomini più una donna).

Il gruppo si sceglie tra Master (quota 4000 euro ciascuno), Agonisti (1500 euro ognuno) e Amatori (500 euro per elemento). Si parla di cifre virtuali e che servono solo per una sorta di fair-play finanziario. I giocatori impegnati negli appuntamenti ufficiali ricevono solo il rimborso-spese, oltre ad una diaria intorno ai 100 euro da parte del proprio club.

Gianmarco Toma

«Il calcio balilla è animato da tanta passione, con bandiere di club e motivazioni. C’è poco peso e spazio per il denaro, ma tanta amicizia – commenta Caicco, responsabile regionale della Feder-calcio balilla italiana presieduta da Massimo Ragona dal 2000 e vicepresidente dell’International Table Soccer Federation dal 2002 – nella prossima stagione esordiremo in serie A con club diversi, ma con Gianmarco Toma ci ritroveremo per i campionati italiani assoluti di Saint Vincent».

Il Salento si presenta come un vero laboratorio-scuola per questo sport. A livello federale conta 500 tesserati ed è la guida al movimento pugliese (circa 1000 tesserati in totale). «I più bravi giocatori salentini si ritrovano a Casarano a disputare allenamenti importanti al Bar Solaris – racconta Toma – a livello italiano esprimiamo un bel gioco, anche se a livello mondiale non conta l’esteticità ma la praticità e la concretezza». A conferma, i due salentini sono entrati nello speciale album ufficiale del calcio balilla italiano.

Pasquale Marzotta

Commenta la notizia!