Igor De Benedittis, una laurea al bel sapore del Barocco neretino

da sx - assessore Natalizio - Igor De BenedittisNARDÒ. Ha 28 anni, si è laureato a dicembre scorso in architettura presso l’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti – Pescara, con una  tesi di laurea sul “Barocco delle Chiese di Nardò”: Igor  De Benedittis (nella foto), una grande passione sin da piccolo per l’arte e l’architettura della sua città, ha coronato il suo sogno con una tesi sperimentale che gli ha permesso di studiare  dieci chiese del centro storico, col contributo di studiosi e tecnici come il professore Benedetto Vetere, gli architetti Giovanni De Cupertinis e Giancarlo De Pascalis. Il giovane architetto, nei giorni scorsi, è stato ricevuto a Palazzo Personè dall’assessore alla Cultura Mino Natalizio che ha voluto complimentarsi con lui per il lungo e certosino lavoro svolto: cento tavole e sette capitoli che hanno riprodotto l’apparato urbano di Nardò approfondendo il tema dei “pittaggi” e con un uno sforzo di approfondimento maggiore per piazza Salandra. Il lavoro si è concentrato sul ‘700 e in particolare su  S. Trifone, S. Maria della Purità e S. Giuseppe. «È importante – hanno detto il sindaco Marcello Risi e Natalizio – far emergere quanta voglia di fare, di lavorare, di studiare a vantaggio non solo di sé, ma anche della propria comunità e delle sue espressioni artistiche culturali e  monumentali, ci sia da parte di tanti giovani studenti. Doveroso da parte nostra è raccogliere questo patrimonio di esperienze».

Commenta la notizia!