Cultura e paese, una buona sfida

Da sin. Luigi Montonato, il sindaco Di Seclì, Fioravante Palese

Taurisano. L’ appuntamento periodico “I Venerdì del dibattito”, format di “Presenza taurisanese”, diretto da Luigi Montonato, dopo la pausa estiva, ha ripreso la programmazione nella sala degli incontri dell’associazione culturale “Pietre vive” in corso Umberto. Il tema prescelto “Fare cultura a Taurisano (analisi e prospettive)” è sembrata una vera e propria sfida, per la quale tutti devono ergersi a protagonisti, se collocata nell’attuale congiuntura negativa, non solo finanziaria ma anche in relazione ai programmi e le scelte.

A fare gli onori di casa Luigi Montonato che ha immediatamente sottolineato quanto sia stato difficile, nel tempo, “fare cultura” a Taurisano. E a tal proposito, ha citato ad esempio un fatto emblematico, ha tirato in ballo il filosofo Vanini, per il quale è stato necessario praticamente un secolo (1872 – 1970) per “decidere” la collocazione di una lapide sul muro della casa natale. Da lì in poi, effettivamente, Taurisano è andata migliorando, e, proprio grazie agli studi su Vanini, è diventata meta di studiosi di fama mondiale quali Corsano, Nowisky, Namer, per arrivare ai giorni nostri.

Merito va dato al Comune, che ha investito risorse per pubblicazioni e convegni, ma è mancato il salto definitivo, perché il paese non ha avuto, di riflesso, un ritorno in termini di ricaduta qualitativa. Montonato ha avuto poi parole di apprezzamento per alcune iniziative recenti quali “Arte in terra”, il festival musicale Mendelsshon, i calendari del Comune, giusto per fare qualche esempio.

Ora, però, la situazione, a livello finanziario, è precipitata, basti pensare che il sindaco Di Seclì, appena insediatosi, ha voluto subito informare le associazione e tutti gli organismi che a vario titolo “animano” la scena cittadina, sulla impossibilità del Comune ad elargire qualsiasi tipo di finanziamento a sostegno delle attività poste in essere.

Il sindaco si è soffermato soprattutto su quanto contenuto nelle linee programmatiche proposte dall’attuale Amministrazione: cultura come risorsa per il territorio, valorizzazione del filosofo Vanini, info point per gli studenti in collaborazione con le istituzioni scolastiche.Ha poi aggiunto che è nell’agenda dell’Amministrazione un programma di incontri con le associazioni, per aprire un tavolo di confronto e migliorare il dialogo già intrapreso.

A chiudere gli interventi, Fioravante Palese, presidente del comitato “Arte in Terra”:  «Nonostante le difficoltà, usiamo l’arma della cultura per rialzare il paese. È una sfida difficile che si può vincere».

Commenta la notizia!