I Gal europei insieme per un progetto comune

uliviUGENTO. Che il Salento ami parlare inglese non è più una novità da molto tempo, basti pensare che un’eminente personalità del Regno Unito, l’attrice premio Oscar Helen Mirren, ha scelto una masseria a Tricase per le sue vacanze. Come lei, anche altri suoi connazionali illustri e meno sono rimasti contagiati dalla Salento fever ed è forse anche per questo motivo che Martin Bancroft, presidente dell’Epip (East peak innovation partnership) operante nello Yorkshire, ha accettato di buon grado l’invito del Gruppo azione locale capo di Leuca per passare qualche giorno tra mare e ulivi.

La visita di Bancroft è stata anche occasione per ribadire sempre di più le “larghe intese” tra turismo nord e sud europeo, nell’ambito di una mobilità che non ha e non deve avere confini. Il segreto è sempre e solo la collaborazione, che non deve mai mancare perché tutti possano sempre sentirsi a casa propria.

Ospite a Tricase del presidente del Gal, Rinaldo Rizzo, il rappresentante inglese ha toccato alcuni punti salienti del nostro turismo, si è infatti recato ad Ugento, dove ha visitato la Tenuta Bianco, a Castrignano all’Agriturismo Serine e poi all’albergo diffuso di Specchia. L’intera iniziativa si è svolta nell’ambito del Progetto di cooperazione transnazionale “European country inn – tourism development in rural areas” dedicato a promuovere i prodotti, le offerte turistiche e culturali delle aree rurali d’Europa, territori del buon vivere e della buona enogastronomia.

L’intero progetto si svolge in collaborazione con quindici Gal italiani (di cui sette pugliesi), un Gal rumeno, uno svedese e naturalmente l’Epip presieduto da Martin Bancroft. A ben guardare, si tratta anche di una visita ricambiata: lo scorso giugno, infatti, i rappresentanti dei Gal coinvolti sono stati ospitati a Manchester ad un evento che ha visto la presenza di autorità, turisti e buyers internazionali e durante il quale sono stati tenuti numerosi seminari e convegni riguardanti l’enogastronomia italiana.

Diverse saranno le iniziative che da qui al 2015 si svolgeranno nei paesi partecipanti per costituire una vera e propria rete di flussi turistici e di esperienze condivise e da promuovere insieme nei mercati internazionali.

Commenta la notizia!