Grazia Turco sbaraglia tutte: lei la numero uno dell’Handbike italiano

by -
0 588

Matino.  Dalla prima vittoria non si è più fermata, così Grazia Turco, 38 anni di Vernole, e portacolori della Mtb group Matino del presidente Rocco Giaffreda, è giunta alla decima tappa del Giro d’Italia in handbike, tenendosi sempre stretta la Maglia rosa.

Partita da Loreto il 10 aprile scorso, ha sudato chilometri su chilometri classificandosi sempre nelle prime posizioni della classifica. L’ultima sfida, svoltasi lo scorso 28 agosto ad Alba, in provincia di Cuneo, è stata la classica ciliegina sulla torta, per lei che non ha mollato mai e che, grazie all’ennesima vittoria, si è aggiudicata il titolo di campionessa d’Italia nella categoria H3 femminile.

Un risultato forse inaspettato all’inizio, ma desiderato, che via via è diventato sempre più reale e che oggi è davanti agli occhi di tutti. Grazia Turco è stata regina incontrastata in classifica generale. La perfetta conclusione, che ha riscattato quattro mesi di duro lavoro e impegno anche economico, considerando che tutte le dieci tappe si sono svolte fuori regione.  Non solo, il titolo è ancor più meritato per l’atleta vernolese, che ha corso sin dalla prima gara con un telaio pesante il doppio rispetto agli altri. Questo, da quando Grazia, tre anni, fa ha subito il furto della sua handbike, poco prima di una gara a Roma.

Inaspettato il “premio” fuori programma, che ha preceduto la premiazione ufficiale: una nuova sedia a rotelle più agile e leggera, personalizzata e rigorosamente rosa che, due amici e colleghi, Claudia Schuler  della val Venosta e Piero Dainese di Varese, hanno riservato a Grazia, in segno di amicizia.

Orgogliosa la Puglia e il Salento, perché aveva lei come unica partecipante, orgogliosa Vernole, paese d’origine dell’atleta e orgoglioso anche l’Mtb group Matino di cui Grazia veste la maglia. Entusiasta il presidente Rocco Giaffreda di Matino che insieme alla sua squadra ha sempre sostenuto la sua atleta.

«Tutto il team è senza dubbio felice sia della vittoria, sia dei primati che Grazia è riuscita ad ottenere come unica partecipante salentina – ha affermato -, è una persona e un’atleta caparbia che nonostante le sue difficoltà, riesce a raggiungere i suoi obbiettivi».

Presidente ed una rappresentanza del team, non potranno mancare alla cerimonia che Vernole preparerà per la sua concittadina. E la festa  continuerà anche a Matino, infatti, Giaffreda ha intenzione di organizzare i festeggiamenti anche nella sede sociale di Matino, per celebrare, come merita, la neo campionessa d’Italia.                           

MAQ

Commenta la notizia!