“Gli occhi di mia figlia”: un click e arriva il primato

by -
0 735

Vittoria Coppola, autrice de "Gli occhi di mia figlia"

Taviano. Con il suo secondo libro, dal titolo “Gli occhi di mia figlia”, Vittoria Coppola è diventata un vero e proprio caso letterario. Non capita a tutti di scrivere un libro e dopo appena due mesi dalla pubblicazione vincere il premio “Libro dell’anno” in un concorso-sondaggio sul sito www.tg1.rai.it (581.000 votanti, il 28% dei quali ha espresso il proprio gradimento per il libro di Vittoria, all’incirca 162.000 voti).

Numeri importanti per una ragazza ancora alla seconda pubblicazione, per una medio – piccola casa editrice, la Lupo Editore, supportata dagli amici di sempre, dalla famiglia, dal mondo della rete che sta letteralmente sconvolgendo il modo di comunicare, con blog e social network.

E può accadere anche, grazie alla rete, che i colossi dell’editoria nazionale vengano battuti da un autore esordiente. Ancora stanca «Ho vinto e sono felicissima – è bellissimo, ma sono ancora molto tesa. Non ci credevo proprio». Diecimila voti al giorno, un dato straordinario. «Sì, incredibile. C’è stata molta costanza nei voti. Davvero, non me l’aspettavo», continua.

Ma come è iniziata l’avventura? «Un giorno mi arriva un messaggio su Facebook –  racconta – firmato Bruno Luverà, giornalista del Tg1 che cura la rubrica Billy – il vizio di leggere. Mi chiedeva di inviare una copia in redazione, era incuriosito dal mio libro, avendone sentito parlare in rete. Un mesetto dopo mi ha scritto nuovamente, commentando con parole bellissime il mio lavoro e chiedendomi di partecipare al concorso. Il resto poi lo conoscono tutti»

Sarà certamente una curiosità condivisa da molti lettori quella di conoscere quanto di autobiografico c’è nei romanzi di Vittoria. «No, non c’è niente – risponde –  e poi non sono mai storie ambientate nel Salento, forse perché non mi sento ancora pronta. Stavolta ho scelto Siena e Parigi».

Progetti in corso? «Sto scrivendo un altro romanzo d’amore, ambientato in Veneto. Ma ancora è presto per dire altro…vi terrò aggiornati», conclude.  Presto sentiremo ancora parlare di lei, della ragazza che grazie alla forza di internet è riuscita a ritagliarsi uno spazio importante nel mondo letterario italiano.   

CAP

Commenta la notizia!