Sei milioni e mezzo e via

by -
0 557

L’ingresso del cimitero di Taurisano

Taurisano. “Libro dei sogni” si chiamava negli anni scorsi il programma delle opere pubbliche proprio perché la realizzazione di alcune non solo sforava i tempi fissati, ma talvolta rimaneva addirittura sulla carta.

Una legislazione più restrittiva e accorta e soprattutto la mancanza di risorse costringe ora i Comuni a programmare opere possibili.  Il libro così risulta limitato nei “capitoli” che hanno però il merito di aderire a quelle che sono le indicazioni legislative che stabiliscono anche i criteri di cui tenere conto in una scala di priorità.

Sono infatti da considerare prioritari  “i lavori di manutenzione, di recupero del patrimonio esistente, di completamento dei lavori già iniziati, i progetti esecutivi approvati, nonché gli interventi per i quali ricorra la possibilità di finanziamento con capitale privato maggioritario”. Criteri che sembrano alla base del  programma annuale e triennale delle opere pubbliche approvato dalla Giunta,

Per l’anno in corso figura la realizzazione di cinque opere. Si inizia con l’ampliamento del  cimitero ritenuto urgente per la mancanza totale di loculi cimiteriali. L’intervento (675mila euro)  è finanziato con fondi di bilancio che provengono dall’accertamento della Tarsu. La seconda opera riguarda la bonifica dei siti contaminati (più di un milione di euro) finanziamento ottenuto dalla Regione Puglia all’interno dell’Area Vasta.

Il terzo (più di tre milioni di euro)  comprende il completamento della fogna nera, il quarto la costruzione della rete idrica negli insediamenti periferici (1 milione di euro) ed infine il quinto punta sul risparmio energetico  con degli interventi ad hoc sull’edificio scolastico “Carducci” di viale delle Rimembranze.

L’importo complessivo delle opere per questo primo anno è  di 6 milioni510mila euro. Per il 2013 sono previste altre opere che vanno nella direzione della tutela della sicurezza dei cittadini:  la costruzione di una rotatoria sulla Taurisano-Casarano; la ristrutturazione dei campetti in contrada Calcavecchi; adeguamenti degli istituti scolastici alle norme di sicurezza, il primo stralcio del progetto per l’assetto idrogeologico del territorio comunale; eliminazione della barriere architettoniche degli edifici pubblici , efficientamento energetico degli istituti scolastici per un finanziamento di 6milioni 570mila euro. Per i 2014 l’opera più importante è certamente il 2° stralcio del progetto per l’assetto idrogeologico del territorio comunale.


Commenta la notizia!