Quando l’oca diventa caddhuzzu

by -
0 994

te lu Caddhuzzu’, iniziativa editoriale, a cura delle Edizioni Dialettevoli, di Giorgio Manno e Florindo Sabato

Simu Salentini. Riannodare i fili della memoria attraverso un’esperienza creativa e partecipata per conoscere e scoprire la nostra identità.

È questo lo scopo del ‘Lu sciocu te lu Caddhuzzu’, iniziativa editoriale, a cura delle Edizioni Dialettevoli, che rimanda per impianto concettuale e struttura al classico gioco dell’oca, aggiungendo degli elementi didattici, utili a divulgare le informazioni di carattere storico-artistico e culturale della Città bella, come sottolinea nella presentazione Uccio Piro, un baluardo delle tradizioni popolari.

Il progetto è nato dalla volontà di Giorgio Manno e Florindo Sabato, rispettivamente curatori del testo e della parte grafica, due appassionati cultori della tradizione gallipolina: «Intendiamo promuovere “Lu Sciocu” – affermano Manno e Sabato – nei vari plessi scolastici, per coinvolgere i ragazzi in un processo di apprendimento che vada oltre le statiche informazioni contenute sui libri, offrendo loro una possibilità di sentirsi parte viva della nostra Gallipoli. Siamo onorati del patrocinio ricevuto dall’Università popolare di Arezzo, la quale intende collaborare con noi nella realizzazione di una sede in città.

C’è un grande bisogno di salvaguardare il nostro patrimonio culturale dal decadimento della modernità, e riteniamo che questa iniziativa possa servire da sprone per una nuova stagione».

‘Lu Sciocu’,  che ha raccolto anche i consensi di una larga fascia di commercianti che lo hanno sostenuto, sostituisce all’immagine dell’oca il gallo, emblema della città, così come nelle caselle il posto è occupato dai riferimenti ai monumenti, ai palazzi, alle chiese, in un vero ‘invito’ a scendere in strada, incamminandosi nelle viuzze che si susseguono nel centro storico come un ricamo. Il gioco è arricchito da un volume, con testi in italiano e dialetto,  illustrativo ed esplicativo delle bellezze raffigurate.

Francesco Spadafora

Commenta la notizia!