Un giorno d'artisti

di -
0 218

La coppia Briganti - Rainò

Taviano.  Appuntamento in piazza Lombardo Radice, tutti armati di gessetti e soprattutto tante idee cui dare forma. È iniziata così la domenica di 40 ragazzi che domenica 10 giugno hanno colorato le strade del centro della città, riportando in auge i “Giò Madonnari”.

Erano gli anni 70 quando il Centro turistico giovanile lanciava questa iniziativa, trasformando per una mattinata i ragazzi delle scuole in artisti di strada. L’iniziativa ebbe un grande successo e si protrasse per diversi anni, fino alla sua lenta ma inesorabile scomparsa. Fino a quest’anno, quando su impulso dei consiglieri Antonino Manni, delegato al Turismo e Di Mattina, delegata alle Politiche giovanili, l’Amministrazione comunale ha rilanciato i “Giò Madonnari”, con il coinvolgimento del preside della scuola media Fernando Calò. Il tema principale quest’anno era “Turismo e avvicinamento delle culture: tanti amici…tante storie” e i ragazzi hanno avuto una bozza del disegno da realizzare.

Le categorie in corsa erano ben 3, i ragazzi sono stati divisi per età, dai più piccoli ai più grandi, e sono andati a premi i primi tre di ogni categoria. Questo l’ordine di classifica nella fascia dai 5 ai 7 anni: primo posto Daniele Coronese, secondo Marco PorTre taccio, terzo Francesco Rainò. Nella categoria dagli 8 ai 10 anni, invece: primo posto per Gabriele Grimaldi, secondo Matteo Alfarano, terzo Raffaele Nocera. Per il  raggruppamento dei ragazzi compresi tra gli 11 e 13 anni, infine: primo posto per Mattia Arnò, secondo la coppia Briganti – Rainò, terzo posto per Alessio Torsello.

I primi classificati di ogni categoria hanno vinto un libro offerto dalla libreria “Antica Roma; i secondi invece una pizza e bibita al Vico degli Scettici, i terzi invece andranno a vedere un bel film al Cinema Fasano. «Voglio ripristinare questa iniziativa e farlo diventare un appuntamento fisso, vista anche l’ottima partecipazione dei ragazzi» afferma Antonino Manni.      

Carlo Pasca